top of page

Le sette si sono diffuse a Vigo attraverso Internet

I gruppi religiosi coercitivi hanno ceduto il passo per l’indottrinamento a Telegram o a forum di idee estremiste

Le sette sono ancora oggi molto attive a Vigo (Vigo è un comune di 296.000 abitanti della Spagna nord-occidentale, situata nella provincia di Pontevedra, di cui è il comune più popoloso, nella comunità autonoma della Galizia) e con grande vigore. La pandemia ha costretto ad abbandonare l’idea di una postazione fissa per entrare nella rete internet, luogo soprattutto frequentato da giovani. L’anno 2022 è stato considerato dagli esperti come l’anno delle attività settarie e Vigo non ha fatto eccezione, nonostante la loro presenza fisica sia stata offuscata per essere più attiva su Internet.

I cambiamenti si sono accentuati nel 2022, con la presenza di molte più sette e con un significato più “diffuso”, secondo l’esperto Luis Santamaría. Teologo ed ex sacerdote, è stato uno dei fondatori della Rete Iberoamericana per lo Studio delle Sette (RIES) a Zamora, sua città natale. “Ci siamo trascinati dietro un problema dalla pandemia, perché dopo il confinamento hanno accelerato le loro capacità di reclutamento in un momento in cui la società è diventata più chiusa su Internet e ha sofferto molta incertezza, e ora c’è una setta per ogni personalità“, dice Santamaria.

La grande offerta di informazioni e stimoli su Internet ha causato alla società “una difficoltà nel discernere tra il bene e il male, tra ciò che è vero e ciò che non lo è“, con molte notizie ma “pochissima formazione“. Un mondo che cambia dove i gruppi settari “hanno capito che hanno bisogno di evolversi, sfruttando al meglio le loro opportunità con un’immagine e mostrando sempre un volto amico”. Detto questo, Santamaría sottolinea la necessità di stare all’erta perché “esse hanno affinato molto bene la loro propaganda, e c’è una setta per ogni personalità, senza la necessità di subire un brutto momento della vita“.

Il passare del tempo ha cambiato le sette, prima di natura religiosa, esse si sono poi trasformate in spirituali.

Juantxo Domínguez, direttore della Rete per la prevenzione del settarismo e della debolezza, ha indicato che molti stanno mutando e ora sono “a Vigo e ovunque attraverso i telefoni cellulari“. Il pericolo di queste attività è quello per esempio di vendere consigli sanitari senza bisogno di farmaci, “è un problema, perché non hanno una formazione accademica in questo campo“. Molte sette popolari promuovono insegnamenti sulle criptovalute, dove ingannano la società con la promessa di arricchirsi senza sforzo. “L’appartenenza a una comunità così chiusa, in si crede di essere al di sopra del bene e del male, fa sì che la vittima si isoli dai propri cari mentre viene esercitata su di lei un’azione coercitiva“. Domínguez ha affermato che “la Polizia è già attiva in tutte le città“, con un indirizzo web dov’è possibile segnalare azioni coercitive.

José Miguel Cuevas, psicologo sociale e autore del libro “Le sette: come funzionano, come sono i loro leader, effetti distruttivi e come combatterle” ha offerto consigli su come combattere la coercizione attraverso la manipolazione, un problema su cui “dobbiamo concentrarci come qualcosa di realistico, e non mediatico“. Egli concorda con Santamaría sul fatto che “chiunque può cadere in una setta; siamo tutti capaci ed è necessario comprendere quella sensazione di vulnerabilità”.

Per combatterli, i familiari colpiti dalla cattura di una persona cara “non possono perdere i contatti, per quanto minimi, perché in questo modo è possibile indurre dei dubbi in quella persona“. Un buon modo è offrire alternative alle verità assolute: “Se ti vede dubitare delle sue argomentazioni, è possibile anche creare qualche dubbio in lui. Bisogna sempre mostrare un atteggiamento flessibile e comprensivo, non trattarlo come uno stupido”.


“Le sette non sono contemplate in ambito giudiziario”

Uno dei casi più pubblicizzati avvenuto nella zona di Vigo è stato l’arresto di Miguel Rosendo nel 2014, fondatore dell’Ordine e del Mandato di San Miguel Arcángel. Sebbene non sia mai stato condannato per aver fondato un’associazione coercitiva o un crimine coercitivo, è stato condannato a nove anni di carcere per continui abusi sessuali con prelazione e penetrazione.

Gli atteggiamenti e le consuetudini che applicava ai suoi seguaci, alcuni minorenni, erano, secondo l’avvocato delle vittime Ana Reguera, “una chiara manipolazione coercitiva“, nonostante la Corte abbia stabilito che “l’uso di tecniche di indottrinamento basate su persuasione coercitiva incentrata sulla rottura totale o parziale della personalità dei suoi membri da parte dell’imputato“, cosa che all’epoca lasciava perplesso l’avvocato: “Le analisi della Guardia Civile indicavano che vi era stata manipolazione delle piccole vittime da parte di Miguel Rosendo, ma questo non è stato preso in considerazione“.

Questa condanna, passata da 66 anni a nove che finirono per essergli assegnati “fu un duro colpo per le vittime in termini psicologici, perché solo una di loro poteva provare l’abuso sessuale“. La durezza del caso ha costretto molti “a dimenticare tutto, anche se è chiaramente impossibile. Me compreso, perché è stato un caso molto doloroso“.

Il problema che Ana Reguera ha incontrato in materia giudiziaria è che “le sette non sono considerate tali in questo settore, e non potrebbe essere giudicato per questo motivo”, anche se ha cercato di trovare un’alternativa in modo che la sua presunta manipolazione non cadesse nel vuoto orecchie: “Ho provato ad accusarlo del reato di coercizione, lesioni e integrità morale, che è qualcosa di simile e condivide atteggiamenti come quelli di una setta, ma non è stato accettato”.

Per Reguera, la sentenza “era un’interpretazione errata” in quanto vi erano “prove sufficienti per poterla giudicare come coercizione, ma la questione settaria non è contemplata“. La Procura, dal canto suo, ha valutato la costituzione di un’associazione coatta.


Articolo originale: https://www.atlantico.net/articulo/vigo/sectas-extienden-vigo-traves-internet/20230205022829966228.html?fbclid=IwAR2VCBZagmqnkyckjq4kEiBSD8fuXgfkAZReC_oja_BI9VGFTCTV4AZZjI0

——————————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e che si specifichi la fonte

Comments


bottom of page