top of page

Sette psicoterapiche: un'analisi etica

Sommario:

È stata analizzata un'ampia letteratura scientifica su gruppi caratterizzati come sette psicoterapeutiche. Le pratiche riportate da questi gruppi sono state esaminate per quanto riguarda la riservatezza e privacy, la doppia relazione, il consenso informato, autonomia e dipendenza, competenza e limitazioni del terapeuta, pratiche finanziarie, formazione professionale, separazione e chiusura del rapporto terapeutico. Le violazioni degli standard di condotta etica segnalate dagli osservatori in genere vanno ben oltre le violazioni degli standard etici comunemente discusse. Sembrano creare una nuova gestalt di pratica e convinzione che si oppone direttamente alle previste protezioni della privacy e dell’autonomia che costituiscono la base dei codici etici nelle professioni della salute mentale. Vengono suggeriti i potenziali benefici di ulteriori analisi di questo tipo.


--------------------------------------------------


Gli ultimi anni hanno portato una crescente attenzione sulle questioni di condotta etica tra i professionisti della salute mentale. La maggior parte della letteratura risultante si è concentrata sulla definizione e sul chiarimento degli standard di consenso e sui problemi salienti in psicoterapia, come le questioni del contatto sessuale tra terapeuta e cliente. Tuttavia, è stata prestata poca attenzione sistematica alle situazioni più estreme in cui la psicoterapia diventa un pretesto per gravi intrusioni nella vita dei clienti e le violazioni degli standard etici comuni sono estese e persistenti.


Questa indagine offre un'analisi della condotta associata a gruppi che sono stati vagamente caratterizzati come sette psicoterapeutiche. Riassume le pratiche che sono state documentate in una letteratura sparsa e le colloca nel quadro degli standard etici e delle linee guida generalmente accettate nelle professioni della salute mentale. Ciò è stato fatto nella speranza che possa fornire una base per analizzare le pratiche di tali gruppi e stimolare indagini più sistematiche. Vengono raccolte e valutate le descrizioni di aspetti specifici della condotta in gruppi etichettati come sette psicoterapeutiche. Questa analisi non classifica alcun gruppo, ma offre una definizione di primo livello dei criteri che potrebbero essere utilizzati per definire lo status dei gruppi sotto esame. L'enfasi scelta per questo studio è stata una prima definizione dei tipi di condotta e della misura in cui sembrano contravvenire agli standard prevalenti della pratica etica nella consulenza e nella psicoterapia.


Cos'è una setta psicoterapica?


Il concetto di setta è stato associato dai media pubblici a gruppi religiosi devianti e strettamente uniti. Le loro pratiche sono state analizzate in termini di tecniche di riforma del pensiero esercitate dai cinesi (Lifton, 1961; Singer & Ofshe, 1990), di alterazione fisica del sistema nervoso centrale (Clark, 1979), dello sviluppo di una "sindrome indottrinata" (Barnes, 1978; Rambo, 1982; West & Singer, 1982), gli effetti del carisma (Newman, 1983), l'attaccamento al leader (Deutsch, 1980), un processo di socializzazione (Long & Hadden, 1983), dinamiche di gruppo e formazione del gruppo, fantasie (Halperin, 1982) e controllo mentale (Hassan, 1988).

Un'ideologia spirituale è comunemente vista come una potente forza vincolante per i partecipanti. Si dice che le sette utilizzino metodi potenti e ingannevoli per portare i convertiti sotto il loro controllo, rendendoli servi compiacenti, privandoli di un giudizio indipendente, separandoli dalla famiglia e dagli amici e sfruttandoli finanziariamente e in altro modo. Queste pratiche mettono in discussione il rispetto dell’autonomia individuale che è un valore fondamentale nella cultura occidentale e, come tale, è una pietra di paragone dei codici etici in tutte le professioni.


La prima analisi di un gruppo definito "culto psicoterapeutico" è stata fornita da Bainbridge (1978). In Satan's Power: A Deviant Psychotherapy Cult, egli ha raccontato l'evoluzione di un gruppo che ha iniziato fornendo servizi di salute mentale a basso costo e si è trasformato nel corso di 12 anni in un movimento religioso marginale.

Temerlin e Temerlin (1982, 1986) hanno fornito la prima analisi critica delle pratiche di diversi gruppi. La loro sintesi di pratiche ed etiche caratteristiche era basata sul lavoro clinico con ex membri di cinque diversi gruppi che descrivevano come sette di psicoterapia.

Hochman (1984) ha delineato la teoria, le pratiche e le vittime di un gruppo in California che ha definito un "culto terapeutico".

Ayella (1985) scrisse una tesi di dottorato analizzando le pratiche dello stesso gruppo e confrontandole con altri gruppi che lei identificò come sette di psicoterapia.


Le caratteristiche essenziali di questi gruppi sono state descritte in vari modi.

Appel ha scritto che "le sette terapeutiche inquadrano la salvezza che offrono in termini psicologici, come liberazione o cura personale" (1983, p. 19). I Temerlin riassunsero le loro analisi nel modo seguente:


"Questi culti erano una perversione iatrogena della terapia perché i problemi caratteriali portati dai pazienti in terapia non venivano risolti, ma venivano sostituiti nella coscienza da un'accettazione "credente" delle teorie dei loro terapeuti, da una devozione disinteressata al benessere dei loro terapeuti, da una depressione non riconosciuta. e atteggiamenti paranoici verso i professionisti non credenti". (Temerlin & Temerlin, 1982, p. 132)


Sulla base delle descrizioni disponibili, le caratteristiche centrali dei gruppi le cui pratiche sono qui esaminate possono essere definite almeno in modo minimo. Esse includono

(a) l'uso del linguaggio e dei concetti della psicoterapia per offrire aiuto;

(b) un'enfasi predominante sul lavoro in gruppo;

(c) l'apparenza e l'affermazione di una leadership professionale competente;

(d) l'elevazione di un leader allo status carismatico e l'idealizzazione da parte dei membri;

(e) l'abnegazione da parte dei membri a nome del leader e del gruppo;

(f) lo sviluppo di una forte identità di gruppo che li separi da altre associazioni, gruppi e professionisti; e

(g) lo sviluppo di forti pressioni per la conformità e la sottomissione alle norme e alle pratiche del gruppo.



Metodo


Gli studi esistenti sui gruppi descritti dai loro osservatori come sette psicoterapeutiche variano dalle analisi etnografiche ai resoconti giornalistici. La loro mancanza di un quadro comune di analisi limita i confronti e le generalizzazioni.

Per questo studio, abbiamo utilizzato otto categorie di condotta nella pratica della salute mentale che sono citate nei codici etici o derivano da essi (American Psychological Association, 1989; Association for Specialists in Group Work, 1983; Corey, Corey, & Callahan, 1988; KeithSpiegel & Koocher, 1985). Queste categorie includono riservatezza, duplice relazione, consenso informato, competenza professionale, dipendenza e autonomia, pratiche finanziarie, sviluppo professionale e separazione/cessazione. In ciascuna di queste categorie gli standard di comportamento accettati vengono prima confrontati con le deviazioni frequentemente citate nella letteratura sulla terapia individuale e di gruppo; vengono poi identificate e brevemente discusse le pratiche riportate in letteratura sui gruppi descritti come sette in psicoterapia.


Le prove sulla condotta di questi gruppi in ciascuna area esaminata sono state tratte dalle informazioni disponibili in pubblicazioni sia popolari che professionali su tre gruppi estinti che sono stati etichettati come sette psicoterapeutiche. Si tratta di Synanon, Centro per la Terapia dei Sentimenti e per l'Analisi delle Compulsioni.

Inoltre è stato analizzato materiale scritto su un altro gruppo attualmente operante.

Sono state utilizzate le analisi post-hoc di seconda mano di cinque gruppi fornite da Temerlin e Temerlin (1982, 1986). Ulteriori prove sono state tratte da osservazioni e interviste condotte dal primo autore con membri di un altro gruppo (Boland, 1989). Le prove e i confronti tra le categorie di comportamento vengono quindi descritti succintamente.



Analisi per categoria


Riservatezza


Mantenere la riservatezza delle informazioni fornite ai clienti e salvaguardare la privacy dei clienti sono standard di condotta fondamentali nelle professioni di aiuto (APA, 1989; ASGW, 1983; Associazione nazionale degli assistenti sociali, 1990). Entrambi sono supportati da sanzioni sociali e tutele legali.

Nelle terapie di gruppo sorgono problemi particolari legati alla definizione e al mantenimento della riservatezza (Kottler, 1982; Lakin, 1986; Roberts, 1982).

Le violazioni comuni includono la divulgazione di informazioni riservate a soggetti esterni da parte di terapisti e membri del gruppo, discussioni di informazioni riservate tra membri del gruppo esterni al gruppo, divulgazione non autorizzata di informazioni sui clienti ad altri operatori e professionisti dei servizi sociali e "fughe" di informazioni riservate da sessioni terapeutiche individuali. alle sedute di terapia di gruppo.


Sorgono questioni correlate ma distinte riguardo alla portata della divulgazione personale incoraggiata o richiesta nella terapia individuale e di gruppo. Nella terapia di gruppo i rischi di imbarazzo, rifiuto e vulnerabilità a gravi pressioni sono molto maggiori, sebbene possano esistere anche nella psicoterapia individuale. Un’enfasi eccessiva sull’apertura può aumentare questa vulnerabilità.

Ci si aspetta che i terapeuti, in particolare quelli che lavorano con i gruppi, mantengano un equilibrio tra l'incoraggiare la rivelazione di sé del cliente e la protezione contro le pressioni o le tendenze a impegnarsi in un'eccessiva rivelazione di segreti personali (Lakin, 1986).


Le prove disponibili indicano che i gruppi etichettati come sette psicoterapeutiche violano queste linee guida in modo sistematico e pervasivo. Gli osservatori riferiscono che i leader e i membri del gruppo discutono abitualmente le informazioni personali raccolte nelle sessioni terapeutiche sia di gruppo che individuali tra loro e con persone non coinvolte (Boland, 1989). Si dice che queste rivelazioni includano spesso informazioni sulla vita personale del leader e su quella dei membri (Ofshe, 1976; Temerlin & Temerlin, 1982). Questa libertà è stata descritta da Ayella (1985) come attraente, ma è stata anche descritta come fonte di sorveglianza (Conason & McGarrahan, 1986) e base per minacce di ricatto contro un membro alienato (Black, 1975).


Le dinamiche di gruppo vengono utilizzate per garantire che il privato sia reso pubblico (Ayella, 1985). Il leader e gli altri membri del gruppo si aspettano una totale "apertura" o accesso a tutti gli aspetti della vita dei clienti, e talvolta anche a quella dei leader (Boland, 1989; Ofshe, 1976; Temerlin & Temerlin, 1986). Questa apertura porta poi a sforzi per esercitare ampie aree di controllo sugli atteggiamenti e sul comportamento dei membri. Un comportamento non conforme è spesso visto come resistenza o come un segno di difetti caratteriali (Ayella, 1985; Ofshe, 1976; Temerlin & Temerlin, 1982). Questi comportamenti sono quindi obiettivi della "terapia", con l'obiettivo che il membro rinunci alla devianza identificata e aderisca alle norme del gruppo (Ofshe, 1976).



Doppie relazioni


I codici etici nelle professioni della salute mentale impongono di evitare rapporti commerciali, professionali, sociali o sessuali con i clienti (APA, 1989; ASGW, 1983). I clienti devono essere protetti dal fatto che altri aspetti della loro vita vengano influenzati dalla conoscenza privata acquisita da un terapeuta o da un gruppo terapeutico. I terapisti devono evitare tali condizioni in modo da non sviluppare interessi personali che comprometterebbero il loro impegno per il benessere terapeutico dei loro clienti.


Nell'evitare relazioni duali dannose tra i clienti della terapia di gruppo sorgono più complicazioni di quanto sia caratteristico tra i clienti della terapia individuale. I contatti esterni tra i membri del gruppo che forniscono supporto emotivo e pratico possono essere molto utili. Possono anche portare a coalizioni, sottogruppi e storie d'amore che confondono la privacy e l'enfasi centrale del coinvolgimento terapeutico (Lakin, 1986). I terapisti a volte hanno clienti sia in terapia individuale che in terapia di gruppo allo stesso tempo, sollevando dubbi su quali informazioni divulgate in ciascun contesto verranno utilizzate nell'altro.


Nei gruppi studiati, invece, le relazioni a più dimensioni non solo sono tollerate ma sanzionate e perseguite. Il gruppo è visto come una nuova famiglia, che provvede a tutti i bisogni sociali e personali dei clienti (Boland, 1989; Hart, 1972; Singer, 1979; Span, 1988; Temerlin & Temerlin, 1986). Questo coinvolgimento intensificato viene spesso perpetuato assicurando che, quando i clienti finiscono la terapia o si "diplomano", vengano promossi a posizioni di staff o terapista all'interno del gruppo (Conason & McGarrahan, 1986; Hassan, 1988; Mithers, 1988). In alcuni gruppi, i terapisti e il personale non sono esclusi dall'obbligo di continuare a ricevere la terapia (Ayella, 1985; Boland, 1989; Conason & McGarrahan, 1986; Hennican, 1988).


In questi ambienti, i terapeuti assumono numerosi ruoli nella vita dei loro clienti, tra cui datore di lavoro, socio in affari, consulente finanziario, leader spirituale e amante (Temerlin & Temerlin, 1982, 1986). In particolare, il coinvolgimento sessuale del terapeuta con i clienti può creare una dinamica incestuosa in cui il cliente sente il bisogno di proteggere il terapeuta dall'esposizione o dal controllo (Pope & Bouhoutsos, 1986; Schoener, Milgrom, Gonsiorek, Luepler, & Conroe, 1990; Temerlin e Temerlin, 1986). Ciò intensifica l'inversione di ruolo in cui il terapeuta ora dipende dal cliente per soddisfare i bisogni personali.


In questi gruppi, i clienti sono tipicamente incoraggiati ad assumere una nuova identità (Ayella, 1985; Hochman, 1984; Temerlin & Temerlin, 1982). Ayella (1985) descrive l'enfasi posta in un gruppo sull'espressione aperta dei sentimenti che divenne faticosa e distrusse le relazioni esterne dei membri. Ciò porta comunemente a ciò che Bainbridge (1978) descrisse come una transizione verso una "cultura del narcisismo" e una concomitante alienazione dalle relazioni precedenti. Questo collasso della rete sociale del cliente e delle relazioni esterne è facilitato indirettamente dall'intensità delle nuove relazioni e dai nuovi standard che i clienti sono incoraggiati a imporre a se stessi e a tutte le loro relazioni.


Altri autori hanno scritto dei modi in cui i clienti di questi gruppi sono incoraggiati a porre fine ad altre relazioni (Boland, 1989; Conason & McGarrahan, 1986; Hochman, 1984; Ofshe, 1976). Diversi osservatori hanno segnalato l'imposizione di periodi di tempo in cui ai clienti è stato impedito di comunicare con l'esterno (Ayella, 1985; Hochman, 1984; Mithers, 1988; Temerlin & Temerlin, 1986). Questo è diverso dall'incoraggiamento terapeutico a porre fine alle relazioni disfunzionali perché l'unico criterio utilizzato per determinare chi è o non è accettabile è se sono o meno membri del gruppo. Questa qualità di intrappolamento nelle relazioni all'interno del gruppo porta facilmente all'isolamento sociale, che potenzia lo sviluppo di relazioni interne caratterizzate come "incesto psicologico" (Temerlin & Temerlin, 1986) e "pensiero di gruppo" (Janis, 1982).



Consenso informato


Ci si aspetta ora che i terapisti forniscano ai potenziali clienti informazioni accurate sugli obiettivi, i contenuti, le procedure e i rischi della terapia in modo che possano decidere liberamente se farsi coinvolgere (APA, 1989; ASGW, 1983; NASW, 1990). Le barriere che possono compromettere la chiarezza e la libertà di questo giudizio includono l’urgenza che i clienti normalmente avvertono nel fare qualcosa per risolvere i loro problemi (Lakin, 1986) e la prevalenza del gergo psicoterapeutico che i clienti non capiscono (Temerlin & Temerlin, 1986). I terapisti di gruppo negligenti o non etici possono violare questo standard non riuscendo a fornire informazioni adeguate e opportunità imparziali ai clienti di porre domande e valutare le loro alternative. Possono continuare la violazione trattando il consenso iniziale al coinvolgimento come consenso a tutti gli eventi e le attività future del gruppo e facendo pressioni sui membri affinché partecipino a questi indipendentemente dalle loro riserve (Corey, Corey, Callahan e Russell, 1982).


Nei gruppi qui studiati queste violazioni sono spesso portate all'estremo. I clienti sono attirati da false pubblicità che offrono trattamenti a basso costo o cure rapide (Ayella, 1985; Bainbridge, 1978; Boland, 1989; Mithers, 1988). I clienti utilizzano i contatti sociali per reclutare nuovi membri nel gruppo (Hochman, 1984; Ofshe, 1976). Gli obiettivi di avere nuovi membri impegnati nel "lavoro" della terapia intensiva a lungo termine e persino nel coinvolgimento permanente sono nascosti (Ayella, 1985; Boland, 1989; Hochman, 1984; Ofshe, 1976). I rischi e le responsabilità della partecipazione non vengono affatto discussi. La pressione del gruppo viene utilizzata con crescente immediatezza per superare qualsiasi riluttanza a sottomettersi al processo terapeutico, alla sua ideologia e agli standard di condotta del gruppo (Hochman, 1984). In alcuni casi sono state segnalate minacce di ritorsioni o violenza fisica ai membri che minacciavano di abbandonare (Anson, 1978; Mithers, 1988; Ofshe, 1976; Span, 1988).



Competenza


I professionisti della salute mentale sono responsabili, secondo i loro codici etici, di essere consapevoli dei limiti della loro competenza individuale e delle tecniche terapeutiche che impiegano (APA, 1989; ASGW, 1983; NASW, 1990). Le violazioni comuni di questi presupposti implicano l’accettazione di clienti per i quali non si è preparati, l’utilizzo di tecniche in cui non si è esperti e il non riconoscere la misura in cui alcuni clienti trarranno beneficio da un particolare approccio mentre altri no.

Nel discutere la formazione dei gruppi, Yalom (1985) riconosce la realtà che la difficoltà di trovare un numero sufficiente di partecipanti spesso prevale sulle considerazioni sull’adeguatezza dell’adattamento. Le misure di salvaguardia intese a limitare il danno potenziale ai clienti in tali situazioni includono interviste di screening pregruppo, consenso informato agli scopi e alle procedure del gruppo, protezione dei clienti da parte del terapista da eccessive pressioni del gruppo e protezione della libertà del cliente di uscire dal gruppo in qualsiasi momento. in qualsiasi momento (Lakin, 1986).


Si descrive che i gruppi qui studiati adottano approcci molto diversi a queste domande. I resoconti delle loro pratiche di reclutamento implicano che comunemente accettano tutti i candidati. La loro condotta suggerisce che credono che il loro tipo di trattamento possa essere praticato senza considerare le caratteristiche e le esigenze individuali dei clienti. Sembrano credere che il trattamento stesso sia così potente che qualsiasi limitazione venga ignorata (Ayella, 1985; Kottler, 1982). La terapia è standardizzata e applicata a tutti i clienti, dai quali ci si aspetta che si inseriscano in un quadro di trattamento molto restrittivo (Ayella, 1985; Boland, 1989). I clienti sono incoraggiati a incolpare se stessi per la mancanza di progressi. Tale fallimento è citato come prova della necessità di ulteriore terapia (Temerlin & Temerlin, 1986). Questa uniformità è rafforzata dalla pratica comune segnalata di promuovere i clienti a posizioni come membri dello staff o terapisti in base al loro lavoro in terapia (Boland, 1989; Ofshe, 1976), spesso senza riguardo per le loro qualifiche educative o professionali (Ayella, 1985; Black , 1975;


Nel contesto di questa convinzione nell’efficacia dei leader e nel loro approccio alla terapia, Ayella (1985) e Rubins (1974) hanno entrambi notato un alto grado di incoerenza e imprevedibilità nelle interpretazioni che i leader di setta danno su ciò che è terapeutico o salutare. Questa imprevedibilità si combina con un “atteggiamento assolutista” riguardo a ciò che è giusto e sbagliato (Rubins, 1974). L'effetto di queste interpretazioni mutevoli è quello di richiedere ai clienti di prestare attenzione, indurre confusione e intensificare la tendenza a incolpare il paziente che non ha successo (Temerlin & Temerlin, 1986).



Dipendenza e autonomia


Fondamentali per la tutela del benessere del cliente sono la tutela della libertà di scelta e le limitazioni alla misura in cui i clienti possono diventare vulnerabili allo sfruttamento da parte dei professionisti (APA, 1989; ASGW, 1983; NASW, 1990). Nelle terapie di gruppo, il desiderio di essere accettato come membro e il potere delle pressioni del gruppo a conformarsi aggiungono rischi che appaiono diversi da quelli associati alle psicoterapie individuali. Ci si aspetta che i leader di gruppi etici si prendano cura di proteggere gli individui da pressioni eccessive (Corey, Corey, Callahan e Russell, 1982) e di promuovere l’indipendenza dei partecipanti (KeithSpiegel & Koocher, 1985; Lakin, 1986) aiutando i clienti a definire e ad aderire ai propri obiettivi (ASGW, 1983).


I terapeuti non etici minimizzano la competenza individuale nel prendere decisioni e incoraggiano la dipendenza dalla terapia e dal gruppo (Temerlin & Temerlin, 1986). È comune che i clienti idealizzino e gonfino la saggezza e le capacità del terapeuta. I terapeuti non etici rafforzano questo transfert impreciso (Corey, Corey, Callahan e Russell, 1982). Nel quadro teorico dei gruppi studiati, i concetti di transfert e controtransfert sembrano essere ignorati (Ayella, 1985). Questo transfert positivo è etichettato e accettato come Meritato e accurato@ (Temerlin & Temerlin, 1986).


Mentre ci si aspetta che i consulenti di gruppo etici esercitino un controllo sulla pressione eccessiva dei pari e sull’autostima del cliente (Corey, Corey, Callahan e Russell, 1982; Lakin, 1986), i rapporti dei gruppi studiati indicano che spesso promuovono sentimenti di umiliazione (Ayella, 1985; Hochman, 1984), fallimento (Ayella, 1985) e punizione (Ayella, 1985; Ofshe, 1976). Anche Ayella (1985) notò un costante impegno verso uno standard “perfetto” di salute mentale così come definito dal gruppo. Il risultato di queste forze è che le sette della psicoterapia si evolvono in gruppi invischiati di clienti dipendenti che raramente vengono indirizzati altrove per chiedere aiuto (Temerlin & Temerlin, 1986).


In questi gruppi l’indipendenza non è un obiettivo. Invece, la misura del successo è più comunemente se l’individuo sviluppa una nuova identità (Ayella, 1985; Hochman, 1984). Ciò viene verificato mediante l'accettazione "credente" della terapia e del terapeuta (Temerlin & Temerlin, 1986). In questi gruppi, la sottomissione al gruppo è Acaratterizzata come il culmine della liberazione personale e della trascendenza@ (Appel, 1983, p. 20). Trattenere membri di successo come terapeuti perpetua la dipendenza e rafforza le pressioni per il conformismo (Ayella, 1985; Bainbridge, 1978; Black, 1975; Conason & McGarrahan, 1986; Mithers, 1988).



Pratiche finanziarie


Gli standard professionali per la gestione degli accordi finanziari includono il consenso informato riguardo agli obblighi finanziari e la considerazione delle capacità finanziarie dei clienti di pagare (APA, 1989; NASW, 1990), nonché l'accuratezza delle pratiche di fatturazione e pagamento. Le violazioni più comuni includono la manipolazione di una diagnosi per avere diritto al pagamento dell'assicurazione, la fatturazione di servizi non forniti, il baratto per servizi ai clienti o l'avvio di altri rapporti commerciali con i clienti.


Le violazioni nei contesti di terapia di gruppo seguono questi temi con variazioni aggiuntive, come il pagamento dell'iscrizione al club (Ofshe, 1976), la sollecitazione di donazioni da parte dei clienti all'agenzia sponsor e la pressione sui clienti affinché reclutino nuovi referenti o facciano proselitismo o a donare tempo di volontariato all'agenzia sponsorizzatrice (Ayella, 1985; Mithers, 1988).

Nei gruppi studiati, le relazioni finanziarie sembrano diventare più di sfruttamento e coercitive (Bainbridge, 1978; Lewin, 1988; Span, 1988). Il catalogo delle pratiche documentate include

(a) la richiesta di pagamento anticipato per i servizi (Ayella, 1985);

(b) terapisti che forniscono consulenza sugli investimenti (Ayella, 1985);

(c) prendere in prestito denaro dai clienti (Boland, 1989; Hennican, 1988);

(d) utilizzo di manodopera volontaria e poco retribuita da parte dei clienti (Ayella, 1985; Mithers, 1988; Ofshe, 1976);

(e) imporre multe per inadempienza (Lewin, 1988);

(f) addebitare ai membri compensi per i servizi legali forniti al gruppo (Lewin, 1988);

(g) chiedere ai membri di donare i loro stipendi ad eccezione di 50 dollari al mese (Ofshe, 1976);

(h) sollecitare i clienti a diventare Astockholders@ nell'acquisto di beni immobili (Span, 1988); e

(i) inviare fatture a compagnie di assicurazione che sembravano ingannevoli o fraudolente (Boland, 1989).


Altri abusi documentati hanno assunto forma societaria. Un gruppo tentò di definirsi legalmente come chiesa per poter beneficiare dello status di esenzione fiscale (Ofshe, 1976), e un atto d'accusa accusò il gruppo di aver distrutto prove che avrebbero influenzato negativamente la richiesta (Shenon, 1985). Un altro gruppo prescriveva matrimoni al solo scopo di ottenere un rimborso assicurativo per le spese di consulenza (Conason & McGarrahan, 1986; Span, 1988). Altre due agenzie che divennero il centro di tali pratiche si espansero fino a includere numerose attività gestite da clienti sottopagati o non pagati affatto (Ayella, 1985; Mithers, 1988; Ofshe, 1976).



Sviluppo professionale


Per rimanere consapevoli dei cambiamenti della conoscenza e per mantenere o acquisire nuove competenze, ci si aspetta che i membri della maggior parte delle professioni si impegnino nell'apprendimento continuo (APA, 1989; NASW, 1990). In questi gruppi, tuttavia, lo scambio aperto di idee e competenze con la comunità dei professionisti della salute mentale è in gran parte interrotto. I leader dei gruppi affermano comunemente di aver trovato "la via" per la salute mentale e la guarigione. È probabile che utilizzino ostilità e condiscendenza per minimizzare ciò che gli altri professionisti hanno da offrire e comunemente coltivano una paranoia nei confronti dei professionisti esterni (Temerlin & Temerlin, 1982, 1986).


Ayella (1985) scoprì che il gruppo da lei studiato sentiva di non avere nulla da imparare o da guadagnare da altri teorici o terapie. Rubins (1974) scoprì che ai membri non era consentito ottenere informazioni da altri teorici. Temerlin e Temerlin (1986) osservarono che il leader era l'interprete designato di altre idee e che i gruppi tentavano di limitare l'accesso dei propri membri a libri esterni in nome della prevenzione della confusione; hanno anche osservato un modello correlato di minimizzazione del valore del pensiero critico e analitico. Nei gruppi studiati, tutto l'apprendimento si credeva che avvenisse attraverso emozioni e processi esperienziali.



Separazione/Cessazione


Gli standard professionali per gli psicoterapeuti presuppongono che in quasi tutti i casi i clienti diventino indipendenti dalla terapia e dai terapisti e che la pratica competente includa il passaggio dei clienti alla conclusione del trattamento (APA, 1989; NASW, 1990). Una pratica incompetente o passivamente non etica implica l’incapacità di incoraggiare lo sviluppo di intuizioni, abilità e supporti esterni che favoriranno l’indipendenza e la fiducia in se stessi dei clienti. Le pratiche che scoraggiano l’indipendenza e incoraggiano la dipendenza continua dalla terapia di gruppo o individuale contraddicono attivamente gli standard stabiliti per i professionisti della salute mentale.


I terapeuti non etici possono non riuscire a sostenere questi obiettivi, interpretare i movimenti verso la conclusione come resistenza, non riuscire ad assistere i clienti nel decidere quando la conclusione è appropriata e incoraggiare la paura di rimanere senza terapia. Queste pratiche possono assumere un potere particolare nel rafforzare la dipendenza da un gruppo. Sono evidenziati dalla fede nel gruppo che è così forte che i terapeuti non riconoscono le vittime all’interno dei loro gruppi (Liberman, Yalom e Miles, 1973).


Ancora una volta, i gruppi qui presi in esame vengono descritti come coloro che adottano un approccio molto diverso alla fine della terapia. I concetti di raggiungimento di un livello sano di funzionamento personale o di avanzamento all’interno di un gruppo sono comunemente sostituiti con il concetto di comunità terapeutica permanente. Non sono accettate separazioni e licenziamenti. La terapia è considerata uno stile di vita (Ayella, 1985; Conason & McGarrahan, 1986; Hochman, 1984; Mithers, 1988; Ofshe, 1976). Le persone che se ne vanno non sono viste come dei successi ma come dei fallimenti (Ayella, 1985; Ofshe, 1976). I membri che tentano di andarsene sono stati minacciati di malattia mentale e di incapacità di sopravvivere senza il gruppo (Anson, 1978; Ayella, 1985; Black, 1975; Hochman, 1984; Temerlin & Temerlin, 1986). Altri potenziali dipartimenti sono stati minacciati di rovina personale (Mithers, 1988) e perfino di attacchi fisici (Span, 1988).


Quando i membri hanno lasciato questi gruppi, sono stati ostracizzati da regole che vietano il contatto con altri membri e in un caso da tentativi di ostracizzare i terapeuti degli ex membri (Conason & McGarrahan, 1986). Sono state segnalate persecuzioni nei confronti di ex membri, compreso l'uso della violenza (Anson, 1978; Span, 1988). Alcuni gruppi hanno anche espulso i membri (Black, 1975; Conason & McGarrahan, 1986; Span, 1988) in un processo che è stato descritto come un'epurazione, che induce maggiore paura nei membri rimanenti.


Dopo la natura intensiva e onnicomprensiva di tale partecipazione di gruppo, la separazione pone importanti aggiustamenti per i membri che se ne vanno. L'identità dei membri, il supporto sociale, le fonti di informazione e l'identità personale diventano tutti dipendenti dal gruppo (Black, 1975; Temerlin & Temerlin, 1986). Le relazioni e gli interessi esterni diminuiscono. Di conseguenza, i membri del gruppo che se ne vanno subiscono gravi perdite psicologiche e pratiche e in genere sperimentano significativi problemi di adattamento (Singer & Ofshe, 1990).



Conclusioni


La generalizzazione più evidente che si può trarre da questi dati è che le violazioni degli elementi chiave delle linee guida etiche stabilite sono di un ordine diverso dalle violazioni solitamente discusse in testi, articoli e comitati etici. Ad esempio, nel caso delle relazioni duali, questi gruppi non semplicemente permettono che queste avvengano più frequentemente; le molteplici relazioni tra terapeuti e clienti sono attivamente perseguite e incoraggiate e sono presentate come un elemento positivo nella terapia. Queste e altre pratiche che contraddicono le linee guida etiche consensuali sembrano essere sistematiche, intenzionali e in contrasto con l’intento della maggior parte degli standard di proteggere l’autonomia del cliente. Ribaltano il contenuto e gli scopi degli standard etici.


Una seconda generalizzazione riguarda gli effetti interconnessi di queste pratiche. Presi individualmente, possono svilupparsi da deviazioni minori a deviazioni più estese rispetto alle norme stabilite; ma combinati, sembrano creare una nuova gestalt di influenze e legami che contengono un potenziale di danno per i clienti molto maggiore di quello presente nella terapia individuale e di gruppo convenzionale.


I dati suggeriscono inoltre che non esiste ancora alcuno sforzo concertato o sistematico da parte di studiosi o gruppi professionali per indagare e affrontare i problemi posti da tali gruppi. Sebbene esistano seri problemi associati alla conduzione di una ricerca più approfondita, riteniamo che sia nell’interesse del pubblico e della professione farlo. In un’era di solitudine pervasiva e di deterioramento dei supporti familiari, comunitari e sociali, sembra probabile che tali gruppi continueranno ad emergere in molti luoghi e sotto una varietà di rubriche.


Estendere lo sforzo iniziato con questo studio sembrerebbe essere una strada proficua per continuare la ricerca. Un'ulteriore definizione di pratiche specifiche e modelli di condotta che possono essere identificati tra i gruppi fornirebbe almeno una serie approssimativa di criteri in base ai quali i professionisti e i non addetti ai lavori interessati potrebbero valutare le caratteristiche dei gruppi che giungono alla loro attenzione. Oltre a perfezionare i criteri utilizzati in questo studio, le pratiche di reclutamento, coinvolgimento dei membri, comportamento del leader, contenuto e applicazione delle motivazioni terapeutiche e relazioni con la comunità e altri professionisti potrebbero essere inclusi nella ricerca continua.


Sebbene possa essere particolarmente difficile garantire tali informazioni, il risultato sarebbe un numero maggiore e migliore di generalizzazioni su tali gruppi. Ciò fornirebbe una base molto migliore per studiare il loro impatto sugli individui durante e dopo il loro coinvolgimento, e i processi attraverso i quali entrano ed eventualmente escono. Ciò, speriamo, potrebbe fornire una guida e un supporto migliori per le persone che corrono il rischio di essere coinvolte in coinvolgimenti che sarebbero in definitiva dannosi per loro. Potrebbe anche sollevare domande più distanti su come distinguere tra pratiche e comunità in cui i clienti beneficiano di un sostanziale coinvolgimento personale, come la partecipazione continua a gruppi di autoaiuto, e quelle pratiche e comunità da cui i partecipanti sono chiaramente meno capaci di condurre una condotta soddisfacente e soddisfacente. vite produttive.


References

American Psychological Association. (1989). Ethical principles of psychologists. Adopted January 24, 1981. Washington, DC: Author.

Anson, R. (1978, November 27). The Synanon horrors. New Times, pp. 28B50.

Appel, W. (1983). Cults in America: Programmed for paradise. New York: Henry Holt.

Association for Specialists in Group Work. (1983, September). Ethics Code. In A. L. Roberts, Ethical guidelines for group leaders, pp. 174-179. Journal for Specialists in Group Work.

Ayella, M. (1985). Insane therapy: Case study of the social organization of a psychotherapy cult (Doctoral dissertation, University of California, Berkeley, 1985). Dissertation Abstracts International (1986), 46(9A), 283.

Bainbridge, W. S. (1978). Satan's power: A deviant psychotherapy cult. London, England: The Regents of the University of California.

Barnes, D. B. (1978). Charisma and religious leadership: A historical analysis. Journal for the Scientific Study of Religions, 17(1), 1-18.

Black, D. (1975, December 15). Totalitarian therapy on the Upper West Side. New York, pp. 54-67.

Boland, K. (1989). Psychotherapy cult observations of a group. Unpublished manuscript.

Conason, J., & McGarrahan, E. (1986, April 22). Escape from Utopia. The Village Voice, pp. 19-26.

Clark, J. (1979, July 20). Cults. Journal of the American Medical Association, 242(3), 279-281.

Corey, G., Corey, M. S., Callahan, P., & Russell, J. M. (1982). Ethical considerations in using group techniques. Journal for Specialists in Group Work, 7(3), 140-148.

Corey, G., Corey, M. S., & Callahan, P. (1988). Issues and ethics in the helping professions (3rd ed.). Pacific Grove, CA: Brooks/Cole.

Deutsch, A. (1980, December). Capacity of attachment to cult leader: A psychiatric perspective. American Journal of Psychiatry, 137(12), 1569-1573.

Halperin, D. (1982). Group process in cult affiliation and recruitment. Group, 6(2), 13-24.

Hart, L. (1972). Milieu management for drug addicts: Extended drug subculture or rehabilitation? British Journal of Addiction, 67(4), 297B301.

Hassan, S. (1988). Combatting cult mind control. Rochester, VT: Park Street Press.

Hennican, E. (1988, May 31). Dads' battle "cult" for children: Lawsuit penetrating a shroud of secrecy at Sullivan Institute. New York Newsday, 1, 23.

Hochman, J. (1984). Iatrogenic symptoms associated with a therapy cult: Examination of an extinct "new psychotherapy" with respect to psychiatric deterioration and brainwashing. Psychiatry, 47, 377.

Janis, I. L. (1982). Group think. Boston: Houghton Mifflin.

KeithSpiegel, P., & Koocher, G. P. (1985). Ethics in psychology: Professional standards and cases. New York: Random House.

Kottler, J. (1982). Unethical behaviors we all do and pretend we do not. Journal for Specialists in Group Work, 7(3), 182-187.

Lakin, M. (1986). Ethical challenges of group and dyadic psychotherapies: A comparative approach. Professional Psychology: Research and Practice, 17(5), 454-460.

Lewin, T. (1988, June 3). Custody case lifts veil on a psychotherapy cult. New York Times.

Liberman, M., Yalom, I., & Miles, M. (1973). Encounter groups: First facts. New York: Basic Books.

Lifton, R. (1961). Ideological totalism. In Thought reform and the psychology of totalism: A study of "brainwashing" in China, pp. 419B437. New York: W. W. Norton.

Long, T., & Hadden, J. (1983). Religious conversion and the concept of socialization: Integrating the brainwashing and drift models. Journal for the Scientific Study of Religion, 22(1), 1-14.

Mithers, C. (1988, August). When therapists drive their patients crazy. California, pp. 76-136.

National Association of Social Workers. (1990). Code of ethics. Silver Spring, MD: Author.

Newman, R. (1983). Thoughts on superstars of charisma: Pipers our midst. American Journal of Orthopsychiatry, 53(2), 201-208.

Ofshe, R. (1976). Synanon: The people business. In C. Glock & R. Bellah (Eds.), The new religious consciousness. Berkeley: University of California Press.

Pope, K., & Bouhoutsos, J. (1986). Sexual intimacy between therapists and patients. New York: Praeger.

Rambo, L. R. (1982). Charisma and conversion. Pastoral Psychology, 31(2), 96-108.

Roberts, L. A. (1982). Ethical guidelines for group leaders. Journal for Specialists in Group Work (1985, September), 7(3), 174-180.

Rubins, J. L. (1974). The personality cult in psychoanalysis. American Journal of Psychoanalysis, 34(2), 129-133.

Schoener, G., Milgrom, J., Gonsiorek, J., Luepler, E., & Conroe, R. (1990). Psychotherapists' sexual involvement with clients. Minneapolis, MN: WalkIn Counseling Center.

Shenon, P. (1985, October 2). Nine linked to Synanon indicted by U.S. New York Times.

Singer, M. (1979, January). Coming out of the cults. Psychology Today, pp. 72-81.

Singer, M., & Ofshe, R. (1990). Thought reform programs and the production of psychiatric casualties. Psychiatric Annals, 20(4), 188-193.

Span, P. (1988, July 27). Cult or therapy: The custody crisis. Washington Post.

Temerlin, M. K., & Temerlin, J. W. (1982). Psychotherapy cults: An iatrogenic perversion. Psychotherapy: Theory, Research, and Practice, 19(2), 131-141.

Temerlin, J. W., & Temerlin, M. K. (1986). Some hazards of the therapeutic relationship. Cultic Studies Journal, 3(2), 234-242.

West, L., & Singer, M. (1982). Cults, quacks, and nonprofessional psychotherapies. In H. Kaplan, A. Freedman, & B. J. Sadock (Eds.), Comprehensive Textbook of Psychiatry/III, pp. 3245-3258. Baltimore: Williams & Wilkins.

Yalom, I. (1985). The theory and practice of group psychotherapy. New York: Basic Books.



Riconoscimento


Gli autori desiderano ringraziare Jane Temerlin per i suoi commenti su una bozza precedente di questo articolo. Desiderano inoltre ringraziare l'American Family Foundation per l'assistenza nel reperire referenze e il Positive Action Center per l'assistenza nel garantire informazioni e contatti con i professionisti.


Kim Boland è un consulente di salute mentale certificato da Washington. Conseguirà il Master in Counseling Psychology nel giugno 1993. Vive e lavora a Vancouver, Washington, dove tiene anche corsi di etica per consulenti.


Gordon Lindbloom, Ph.D., è professore associato di psicologia della consulenza, Graduate School of Professional Studies, Lewis and Clark College, Portland, Oregon. I suoi interessi professionali comprendono i disturbi da stress e ansia, le relazioni interpersonali e la collaborazione, e l'etica professionale.



----------------------------

Ho effettuato la seguente tradizione dell'articolo https://articles2.icsahome.com/articles/psychotherapy-cults-ethical-analysis-boland non come traduttrice professionista, pertanto mi scuso per eventuali errori. L'argomento è di forte attualità ed interesse perchè pone importanti ed etiche sollecitazioni verso il ruolo del terapeuta della salute nei suoi processi di cura. A volte anche i terapeuti perdono di vista i principi deontologici che regolamentano la loro professione, rischiando di istituire delle piccole sette.





תגובות


bottom of page