top of page

In che modo le persone “normali”, di successo e intelligenti finiscono per unirsi a una

È facile liquidare i membri di una setta come creduloni o semplicemente stupidi. Tuttavia, questo non potrebbe essere più lontano dalla verità.


By Barbara Gurgel

Ho una brutta notizia per te. Se sei una persona felice e ben adattata, con una famiglia amorevole e una laurea, allora congratulazioni! Sei esattamente il tipo di persona che può essere reclutata in una setta.

Il termine “culto” evoca immagini di persone in piedi con cerchio di candele, o intere famiglie morte nei loro letti che indossano tute identiche. La dottoressa Janja Lalich, una sociologa ed emerita esperta di sette, afferma che è più probabile che una setta assomigli a un gruppo di auto-aiuto eccessivamente entusiasta che si occupa del tuo programma, o a una società di marketing multilivello che ti porta lontano dagli amici.

Ti è mai stato chiesto di ottenere una garanzia extra presso il concessionario di auto? Hai mai seguito la lezione di kickboxing gratuita di un amico e poi ti sei iscritto a un abbonamento di 18 mesi durante il tuo post-allenamento? Ti sei mai ritrovato ubriaco a pulire freneticamente una torta al cioccolato dal muro di un hotel, vomitato lì da tua sorella ubriaca e ti sei chiesto… come sono arrivato qui?

Nessuno si unisce a una setta di proposito, ma tutti sono vulnerabili all’essere manipolati da qualcuno che vuole farvi aderire.

I culti sanno esattamente cosa stanno facendo, secondo lo psicologo Steve Eichel.

In effetti, essi cercano specificamente persone idealistiche e ottimiste e uno studio del 2017 su ex membri di una setta ha rilevato che il 61% aveva più di 12 anni di istruzione.

I culti hanno bisogno di membri appassionati: di auto-miglioramento, del miglioramento dell’umanità, di vivere una vita più appagante. Non è quello per cui tutti ci sforziamo?

I sopravvissuti raccontano di essere stati accolti in modo schiacciante, e di essersi sentiti come se avessero trovato amicizia e accettazione immediata. Gli psicologi chiamano questo “bombardamento d’amore“. I culti ti fanno sentire speciale e tutti noi sospettiamo, nel profondo, di essere più speciali dei nostri coetanei.

I culti non iniziano col “prendere a calci a morte una prostituta in una foresta“. Iniziano come un gruppo normale e solo quando ti hanno fatto investire completamente le cose iniziano a degenerare. Ognuno ha una certa esperienza con ambienti di lavoro tossici, relazioni emotivamente abusanti o organizzazioni fraterne invadenti. Inizia così, con la familiarità.

Predano il tuo desiderio di essere la versione migliore di te stesso, convincendoti che il gruppo ti sta aiutando a ottenere tutto ciò che volevi. Ti hanno già dato amore e accettazione e credi di essere sulla buona strada per la libertà finanziaria, l’autoilluminazione o una vita con uno scopo. Ed è facile credere a queste cose, perché ci crediamo quando le dicono anche i nostri datori di lavoro, le nostre chiese e i nostri guru dell’auto-aiuto.

Ogni giorno “ci coinvolgiamo” in situazioni per cortesia o aspettative sociali. Queste cose sembrano innocue e le accettiamo con poco senso critico. Al lavoro diciamo di leggere tutte le email aziendali. Ascoltiamo e annuiamo quando il nostro amico dice che di essere un po’ sensitivo. Anche la chiesa richiede una certa sospensione dell’incredulità: quante persone vanno a messa senza credere che l’eucaristia si sia effettivamente trasformata in carne?

Dopo aver formato relazioni amorevoli e di fiducia all’interno del gruppo, le sette iniziano quindi a usare la pressione dei pari per coinvolgerti più profondamente, un’altra sensazione familiare. Ti diranno che puoi raggiungere tutti i tuoi obiettivi se lavori di più, se fai un corso in più, se recluti un amico in più. Il tuo fallimento diventa colpa tua e tu non vuoi essere la versione migliore di te stesso?

Deborah Layton, un ex membro del Tempio del Popolo e sopravvissuta al massacro di Jonestown, spiega che è come una relazione violenta. Questo sentimento è ripreso da molti altri ex membri del culto. Nessuno va al primo appuntamento e dice “ciao, sono un molestatore“, perché l’altro non rimarrebbe lì. Una volta che i membri iniziano a interrogarsi, diventa un circuito logico che si autoalimenta.

Solo le persone stupide si uniscono alle sette, e io non sono stupido, quindi questa non può essere una setta, vero?

Le persone che sono state deprogrammate dalle sette sono persone estremamente intelligenti e istruite, e ti diranno che le cose “folli” in cui credevano avevano perfettamente senso in quel momento.

I culti iniziano proprio come i gruppi con cui abbiamo già familiarità e con cui ci sentiamo a nostro agio.

Tra una setta e qualsiasi altro gruppo, la differenza è una questione di grado, non di tipo. Tutti indossano il merchandising aziendale al lavoro, o lasciano che qualcuno che amiamo se la cavi troppo, o investono troppo in un nuovo hobby che sfugge loro completamente di mano.

Tutti possiamo essere manipolati, soprattutto quando crediamo di non poterlo essere.



——————————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e che si specifichi la fonte

留言


bottom of page