top of page

Come comprendere se hai aderito ad un gruppo on line a deriva settaria?

di Kellie Scott

Quando Rae era incinta del suo primo figlio, si è unita a un gruppo online per la sicurezza dei seggiolini auto per chiedere dei consigli.

Mentre le venivano offerte informazioni utili, si sviluppava qualcosa che descrive come una “corrente sotterranea di cattiveria” guidata da un “esercito di seguaci simili a una setta” nel gruppo.

Dice che anche le persone che condividono qualche utile informazione rischiavano di essere “fatte a brandelli” e “bombardate con sproloqui e accuse” se un membro di quel sottogruppo lo riteneva giusto.

Non stiamo sostenendo che il gruppo a cui si è unita Rae fosse un vero culto.

Ma ci sono elementi in alcune comunità online che risuonano come “gruppi di controllo totale“, spiega Martine Kropkowski, ricercatrice di grado superiore presso l’Università del Queensland, che sta esaminando il ruolo che il linguaggio e le narrazioni generate dalla comunità svolgono nel costringere e controllare i membri di organizzazioni di tipo settario.

Usare troppo la parola setta sminuisce davvero le pratiche molto dolorose e dannose dei culti reali e dobbiamo tenerne conto“, avverte.

Ma nel contesto delle comunità online problematiche, Kropkowski afferma che “c’è qualcosa che vale la pena approfondire“.

Quando le persone usano il concetto di setta universale si riferiscono a un gruppo che mostra uno o alcuni di quei metodi che comunemente vediamo in quel gruppo di controllo totale di ciò che chiamiamo appunto setta“.

Quindi quali sono questi metodi e come li riconosciamo quando tutto ciò che vogliamo è crogiolarci nell’amore e nel sostegno di una comunità che la pensa allo stesso modo?

In quanto settore non regolamentato, chiunque può svegliarsi domani e definirsi un life coach, indipendentemente dal fatto che sia addestrato ed esperto o meno.


Cosa intendiamo quando ci riferiamo alle parola setta o settario?

Una setta è un tipo di gruppo sociale che utilizza metodi strategici per attrarre membri, mantenere la propria ideologia e costringere e controllare i membri a fare ciò che vuole il leader, spiega Kropkowski.

Potresti aver visto tutto questo in uno dei tanti documentari sulle sette disponibili sui servizi di streaming in questi giorni, dove di solito c’è un leader carismatico.

Ciò può sembrare diverso nei gruppi online, spiega Kropkowksi, perché “non sempre hanno un leader di riferimento“.

Ella sostiene che i culti di solito abbiano un gergo che non ha significato al di fuori del culto, sfruttano i membri per il lavoro o le finanze, limitano i diritti umani fondamentali, limitano l’accesso ai propri cari e hanno alti costi di uscita (non necessariamente finanziari).

Un membro mostrerà spesso questa febbrile devozione e lealtà in una sorta di performance“, dice la dottoressa Kropkowski.

Le comunità online che manifestano una deriva settaria potrebbero non avere tutti questi tratti, ma esibire una qualche forma di manipolazione psicologica o emotiva.

Margarit Davtian è una sopravvissuta a una setta ed è una educatrice che lavora a Los Angeles.

Ella usa la sua esperienza e il suo background in psicologia applicata sul comportamento dei consumatori per far luce sulla psicologia delle sette attraverso il suo podcast, “Conscious Revolution“.

Le comunità settarie che ha incontrato includono gruppi di salute e benessere, comunità di auto-aiuto, pagine di fan, truffe di coaching e marketing multilivello.

Come il gruppo per la sicurezza dei seggiolini auto a cui Rae si è unita, la signora Davtian dice: “Ho visto anche i gruppi genitoriali e di educazione dei figli diventare delle sette in cui viene promossa una rigorosa filosofia genitoriale con rigide linee guida“.

Anche qualcosa di così innocuo come l’acconciatura dei capelli può attrarre seguaci che chiudono brutalmente opinioni diverse.

Bonnie Duncan dice che quello che pensava fosse uno spazio online per imparare a domare le sue ciocche era più “come una religione“.

La Queenslander di 30 anni dice che se qualcuno postasse dei metodi al di fuori di quelli raccomandati dal gruppo, sarebbe “fatto a pezzi“, aggiungendo che l’atmosfera era “davvero tossica“.

Una comunità online sana e solidale è aperta al feedback dei suoi membri e abbraccia punti di vista opposti, afferma Davtian.

“Mentre una comunità settaria darà la priorità alla lealtà di gruppo rispetto al pensiero critico e demonizzerà i punti di vista opposti“.



Cosa sapere sui gruppi di supporto online

Ecco cosa cercare per rendere l’esperienza dei gruppi di supporto online il più vantaggiosa possibile.


I segnali da cercare

Anche se le conseguenze di far parte di una comunità online un po’ settaria potrebbero non essere così devastanti come l’adesione a una vera e propria setta, la signora Davtian afferma che le persone possono ancora sperimentare un benessere mentale, emotivo e persino fisico compromesso.

Le persone possono tagliare i legami con la famiglia e gli amici che non condividono le opinioni del gruppo o sperimentare una perdita di sé e dell’identità, avverte.

Rae è ancora un membro del gruppo per la sicurezza dei seggiolini auto. Ha le notifiche disattivate e lo usa solo quando cerca consigli specifici.

La dottoressa Kropkowski afferma che il modo migliore per determinare se un gruppo ha qualche tratto cultista è quello di chiedere se in esso vi sono molte richieste.

Ci uniamo ai gruppi perché siamo creature sociali e desideriamo appartenere“.

Se ti senti bene quando sei lì e quel gruppo non ti fa alcuna richiesta, allora è probabilmente sia un gruppo sano“, dice.

Se, tuttavia, richiede un impegno finanziario, fa richieste sociali o dice che dovresti esibirti e comportarti in un certo modo, ciò potrebbe essere preoccupante, afferma Kropkowski.

Questo gruppo ti sta chiedendo di odiare o ostracizzare un gruppo di persone o comportamenti?” lei dice.

Sarebbe una grande bandiera rossa.”

La signora Davtian afferma che si può essere coinvolti in una comunità online “senza unirsi al loro culto mantenendo sani confini e praticando una sana dose di dubbio e scetticismo“.

Non andare fino in fondo. Prendi quello che ti serve, lascia il resto.”



Fonte: https://www.cultnews101.com/2023/08/is-your-online-community-little-bit.html?fbclid=IwAR0NCbvYKo48TlNuw6KNz348-w9pl7bbuwNvgfgLwuv9rBh7sH8ySff3MWw&m=1

——————————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto mi scuso per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e che si specifichi la fonte


Comments


bottom of page