top of page

Le neuroscienze spiegano come un narcisista possa controllare il nostro cervello

Scopri come gli abusatori esercitano il "controllo della mente" e cosa puoi fare. (Da Le relazioni tossiche di Darlene Lancer, JD, LMFT)


Un nuovo studio fa luce su come ci siano persone capaci di influenzare la nostra mente.

La ricerca  sui topi, il cui cervello è notevolmente simile a quello degli esseri umani, rivela che il nostro cervello è influenzato da coloro che ci circondano. Il fattore chiave è il dominio. Il cervello del topo subordinato si sincronizza con quello del topo dominante. Questo probabilmente vale anche per le nostre relazioni.

In genere, le persone con personalità più forti prendono le decisioni e ottengono la soddisfazione delle loro esigenze più spesso di quanto non facciano i loro partner.

Altri sono i fattori che giocano un ruolo. Più i topi interagivano tra loro, più la loro attività cerebrale veniva sincronizzata. Quindi, la longevità e l’intensità di una relazione caratterizzano il grado in cui coloro che ci sono vicini hanno influenza.

Un'ulteriore svolta sulla sincronia cerebrale attiva due tipi di cellule cerebrali. Un set è focalizzato sul nostro comportamento e un secondo set si concentra su altre persone. Come pensiamo e dove poniamo la nostra attenzione è importante.

Alla Carnegie Mellon University, i neuroscienziati stanno monitorando i nostri pensieri nelle scansioni cerebrali della fMRI per vedere quali aree e quali neuroni si illuminano. Il sé e gli altri neuroni si illuminano in vari gradi tra alcune popolazioni.



Il dominio contro il Equilibrio nelle relazioni


Idealmente, amicizie e relazioni intime sono equilibrate in modo che sia gli amici che i partner abbiano lo stesso peso nel processo decisionale. Nel complesso, entrambi gli individui della relazione soddisfano le proprie esigenze. Ognuno di loro è in grado di affermarsi e negoziare per proprio conto. C'è una danza tra il da dare e il prendere compromessi. Questa è una relazione interdipendente. Richiede autonomia, autostima ,rispetto reciproco e capacità comunicative assertive.

Al contrario vi sono delle relazioni in cui il potere è squilibrato, come nelle relazioni abusanti.

Un individuo conduce e l'altro segue; l'uno domina e l'altro abbozza. Alcune relazioni sono caratterizzate da costanti lotte di conflitto e di potere. Il mio libro Conquering Shame and Codependency descrive i tratti e le motivazioni delle personalità “Maestro” e “Conciliatore”.

Il Maestro è aggressivo e motivato a mantenere il potere e il controllo, mentre il Conciliatore è passivo e motivato a mantenere l’amore e la connessione.

La maggior parte di noi ha aspetti di entrambi i tipi nella propria personalità, anche se alcune persone rientrano prevalentemente in una categoria. Ad esempio, molti codipendenti sono conciliatori e la maggior parte dei narcisisti preferisce essere maestro.



Come il nostro partner controlla il nostro cervello


La sincronizzazione cerebrale consente all'animale dominante di guidare e subordinare gli altri animali a leggere i suoi segnali e a seguire.

Cosa significa questo per le nostre relazioni?

La nuova ricerca suggerisce che nelle relazioni diseguali, il cervello del partner dominante entra in quello del partner subordinato, il cui cervello si sincronizzerà con esso. Questo modello diventa più possibile quanto più a lungo la coppia interagisce. Anche se alcuni individui possono essere assertivi e sembrano comportarsi in modo indipendente prima o al di fuori della relazione, una volta che sono legati ad un maestro, ospitano sempre più il partner dominante. Ci sono molte variabili al lavoro, ma presumibilmente, la sincronizzazione del cervello è quella che rende più difficile per la persona subordinata nel rapporto di pensare e agire autonomamente e sfidare lo squilibrio di potere.

Le persone che sono accomodanti si concentrano sugli altri più che su se stessi. Ammettono di perdersi nelle relazioni. Monitorano e si adattano ai bisogni, ai desideri e ai sentimenti degli altri. Se chiedi loro cosa hanno in mente, di solito si tratta di qualcun altro. Si potrebbe supporre che i loro “neuroni altri” si elevano più in modo coerente rispetto ai “neuroni di sé”. Le loro personalità li portano a farlo. Al contrario, i cervelli dei maestri e dei narcisisti probabilmente illuminano “neuroni del se'” più di “neuroni altri”.




Come combattere il controllo del cervello


Il processo di sincronizzazione avviene automaticamente e al di fuori del nostro controllo cosciente.

Supporta relazioni sane consentendo ai partner di essere “in sincronia” e di leggere i segnali e le menti l’uno dell’altro. Cerchiamo di sentire di cosa ha bisogno il nostro partner. Quando c’è reciprocità, l’amore si approfondisce e la felicità si moltiplica per entrambi. D'altra parte, dove questo processo è al servizio di un partner che controlla l'altro, la relazione diventa tossica. Amore e felicità si appassiscono e muoiono.

Il partner dominante non ha alcun incentivo a rinunciare al controllo. Spetta al partner subordinato cambiare le dinamiche relazionali. In tal modo, il potere nella relazione può riequilibrarsi. Indipendentemente da ciò, lui o lei avrà acquisito l'autonomia e la forza mentale per godere di una vita migliore o lasciare la relazione. I passaggi di base per apportare queste modifiche sono:


  1. Scopri tutto ciò che puoi sulla codipendenza e sugli abusi

  2. Unisciti ai Codipendenti Anononimi e inizia una psicoterapia

  3. Costruisci la tua autostima.

  4. Impara a non reagire alle repressioni o ai tentativi del tuo partner di controllarti e manipolarti

  5. Impara ad essere assertivo e a stabilire dei limiti

  6. Sviluppa attività e interessi in cui investi senza il tuo partner

  7. Impara la meditazione per rafforzare la tua mente e portarti a maggiori consapevolezze



- 2019 Darlene Lancer



Bibliografia

*60 Minutes Ep. 52, “How MRI scans are showing scientists the physical makeup of our thoughts,” Nov 24, 2019.

Lancer, D. (2014). Conquering Shame and Codependency: 8 Steps to Freeing the True You. Center City, MN: Hazelden Foundation.

-----------------


-----------------

Darlene Lancer, JD, LMFT, è una esperta di relazioni e codipendenza, avendo trattato individui e coppie per 30 anni e facendo coaching a livello internazionale. Darlene ha scritto Codependency for Dummies e Conquering Shame and Codependency: 8 Steps to Freeing the True You, e sette ebook, tra cui Affrontare un narcisista: 8 passaggi per aumentare l'autostima e stabilire i confini con le persone difficili. Nel corso di tre decenni, ha aiutato uomini e donne a riprendersi dalla codipendenza e dai traumi.


Ha formato altri medici e parla al pubblico nazionale nei media e in conferenze professionali. I suoi articoli compaiono su riviste professionali e siti Internet di salute mentale, incluso il suo, www.whatiscodependency.com, dove puoi ottenere una copia gratuita di "14 consigli per lasciare andare".


----------------



Non sono una traduttrice professionista, pertanto mi scuso per eventuali errori commessi. L.T.


Comments


bottom of page