Psicoterapia con ex-cultisti: quattro casi di studio e commenti

Lorna Goldberg, M.S.W., A.C.S.W. N. J. Institute
William Goldberg, M.S.W., A.C.S.W. Community Support Center Pomona, NY
Risultato immagini per psicoterapia
Abstract: La psicoterapia agli ex membri di una setta presenta problemi particolari per i professionisti della salute mentale. Sebbene la maggior parte dei cultisti appaia psicologicamente nella normalità, molti di coloro che cercano la psicoterapia dopo aver lasciato un culto hanno storie di psicopatologia, che precedono l’esperienza del culto. I professionisti della salute mentale che lavorano con queste persone dovrebbero essere sensibili all’impatto che i potenti ambienti di culto possono avere sulla presentazione della sintomatologia e sul corso della terapia. La presentazione della sintomatologia è spesso esacerbata da fattori all’interno dell’esperienza di culto. Il successo terapeutico richiede un esame dell’esperienza nel culto in modo da integrarla nella comprensione di se stessi da parte dei clienti. Temi e problemi comunemente osservati in molti membri del culto prima, durante e dopo il coinvolgimento del culto vengono esaminati in quattro casi campione.
Come terapeuti che hanno lavorato con un gran numero di ex membri del culto, gli autori hanno notato temi ricorrenti che sono comuni agli individui che hanno avuto l’esperienza di appartenenza al culto e il successivo reinserimento nella società. Questo documento illustrerà alcuni di questi temi facendo riferimento a quattro casi di studio. Tre dei quattro casi sono stati inizialmente presentati alla conferenza regionale congiunta della Cult Awareness Network e dell’American Family Foundation a Sturbridge, nel Massachusetts, nell’aprile 1987.
Questi casi sono stati scelti per essere inclusi in questo documento perché illustrano alcuni problemi comuni dei membri del culto e degli ex membri del culto. Le illustrazioni dei casi sono, naturalmente, distorte dal fatto che solo quattro individui sono stati profilati e tutti hanno cercato la terapia. Sarebbe quindi un errore concludere che tutti i cultisti e gli ex cultisti condividano tutti questi problemi. Va inoltre notato che i nomi e le altre caratteristiche identificative di queste persone sono state modificate al fine di proteggere la loro privacy.
“Jim”
Jim si unì a una setta new age all’età di vent’anni, mentre frequentava un college vicino a casa sua. Sebbene fosse brillante, si era molto scoraggiato per la scuola e si sentiva incerto sul suo futuro. Dopo il liceo decise di entrare in Marina. Aveva un’immagine idealizzata della vita al servizio, credendo che sarebbe stato in grado di viaggiare in tutto il mondo e vivere avventure emozionanti. La realtà della vita della Marina, tuttavia, era molto diversa. Ha sperimentato una schiacciante solitudine e si è sentito incapace di connettersi con altre reclute. Inoltre, poiché si è collocato in alto nelle prove iniziali, è stato incanalato in un’area che gli ha richiesto di lavorare più duramente che mai. Questo l’ha reso molto teso per la sua capacità di soddisfare i requisiti. Dopo un breve periodo di tempo, in preda al panico, è riuscito a lasciare la Marina per un tecnicismo legale.
Jim racconta di aver provato vergogna, imbarazzo e odio per se stesso per la sua percezione di aver “fallito” nella sua prima separazione da casa. Al suo ritorno a casa dei suoi genitori, si iscrisse a un college locale, dicendosi che “non c’era niente di meglio da fare“. Dopo alcuni mesi a scuola, conobbe Kathy, che all’epoca aveva trent’anni. Ella apparteneva a un gruppo new age,  vicino al college. A causa della sua intensa e immediata attrazione per lei e del suo forte desiderio di compiacerle, egli è stato coinvolto nel gruppo che lo ha fatto sentire importante e questo gli ha permesso di “dimenticare” i brutti sentimenti che aveva provato da quando aveva lasciato la Marina.
Il ruolo di Jim nel culto era simile al suo ruolo nella sua grande famiglia. Suo padre era una figura lontana per lui, che lavorava duramente per costruire una sicurezza economica per la sua famiglia di sei figli. Trascorreva spesso settimane lontano da casa in viaggi d’affari. La madre di Jim era sopraffatta e generalmente si sentiva sovraccaricata dalla necessità di prendersi cura della sua famiglia numerosa. Jim, il penultimo figlio, aveva un legame stretto con suo fratello, che era un anno più giovane. Insieme hanno trascorso la giovinezza a mettersi nei guai (per la disperazione della madre). In retrospettiva Jim ha creduto che questo fosse il suo modo di attirare la sua attenzione. Il primo ricordo di Jim è di aver viaggiato per la strada con la sua macchinina rossa quando aveva tre anni. All’improvviso apparve sua madre, estremamente turbata, perché aveva viaggiato per molti isolati da casa. In seguito ha sviluppato ricordi di aver generato problemi di ogni genere con suo fratello minore, dall’accendere fiammiferi nella loro camera da letto a giocare con l’amo a scuola. Crede che viaggiasse sempre troppo lontano e sempre verso una nuova sfida, e non c’era nessuno che potesse fermarlo o proteggerlo. Ritiene che  i suoi genitori hanno dato standard elevati ai loro figli, ma si è sempre sentito in difficoltà a raggiungere tali standard. A volte, quando era piccolo, si sentiva protetto da sua sorella maggiore, che spesso mostrava un interesse speciale per lui.
Kathy, dieci anni più grande, inizialmente gli ricordò questa premurosa sorella maggiore. Nella sua adolescenza era  stato pesantemente coinvolto nel “fumo”, insieme ad altre sperimentazioni farmacologiche. Dopo il liceo e prima della Marina, era andato con due amici in Europa per l’estate. Mentre era lì, si era trovato in una situazione potenzialmente pericolosa con gli spacciatori, dopo aver tentato di acquistare erba. Questo “spavento” aveva accorciato il suo viaggio di diverse settimane.
Nella setta Jim aveva stretto uno legame profondo con Kathy e spesso aveva cercato di convincerla ad allearsi segretamente con lui contro l’autorità del leader. Questo ricordava il suo comportamento con suo fratello. Jim era visto come il “ragazzaccio” del gruppo. I suoi giorni più soddisfacenti furono quando lui e Kathy furono incaricati di occuparsi di una società di ristorazione gestita dal gruppo. Per la prima volta nella sua vita, si era sentito competente e in grado di completare il compito da svolgere. Dopo circa un anno, tuttavia, il leader chiese a Jim e Kathy di lasciare l’attività per organizzare un nuovo centro per il gruppo in uno stato vicino.
Una volta che Jim e Kathy si trasferirono nella nuova postazione, iniziarono i loro problemi. Senza la struttura del gruppo e l’autorità del leader il loro essere uniti in fedeltà e segreta disobbedienza contro, fece venir meno la relazione tra Jim e Kathy. Jim iniziò a sentirsi gravato dalla responsabilità di guadagnarsi da vivere per se stesso e per Kathy, nonché dalla necessità di reclutare nuovi membri per il gruppo. Quando il leader gli chiese  di vendere cosmetici, decise che farlo sarebbe stato troppo umiliante. Aveva sempre percepito la tendenza del leader di  “eviare” i seguaci maschi, per apparire più potente e desiderabile per le donne. Tuttavia, questa fu l’ultima goccia. L’apice della rabbia di Jim e i dubbi sul gruppo giunsero con questa umiliante richiesta. Ciò permise  a Jim di abbandonare precipitosamente il culto.

Jim convinse Kathy a tornare con lui nella sua città natale, dove affittarono un appartamento e trovarono lavoro come commessi. La sua relazione con Kathy divenne sempre più problematica. Il gruppo non si prese più cura di lui. Era preoccupato per la sua capacità di soddisfare le sue esigenze lavorative e pieno di risentimento per il fatto che avrebbe dovuto prendersi cura di lei e di se stesso. Kathy, che si sentiva in colpa e depressa per aver lasciato il culto, incolpava Jim. Ciò ha portato a lotte tempestose. Dopo alcuni mesi, decisero di lasciarsi e, subito dopo, Kathy incontrò e sposò un altro uomo.

A questo punto Jim cercò una terapia. Inizialmente, era molto depresso e arrabbiato per essere stato sostituito così rapidamente. Desiderava ardentemente la sua ex fidanzata e ci pensava continuamente. Non era interessato a uscire con nessun’altra. Si sentiva “usato” e messo da parte.

La terapia inizialmente si concentrava sull’aiutare Jim a distinguere la sua vera relazione con Kathy dalla relazione idealizzata, influenzata dalla sua esperienza di gruppo. I suoi ricordi idealizzati erano incentrati sul lavorare con lei per creare un mondo migliore attraverso la loro fedeltà al gruppo. In realtà, quando lasciarono il gruppo, la loro relazione  rapidamente andò in pezzi. Il gruppo non provvedeva più a prendersi cura di loro ed egli doveva guadagnarsi da vivere e affrontare le ansie riguardo al sostenere se stesso e la sua ragazza. Cominciò a sentirsi incapace di soddisfare le sue richieste e che sarebbe fuggito da lei per fumare erba, un modello di comportamento a cui aveva fatto ricorso prima del suo coinvolgimento nel culto. Questo l’avrebbe turbata, e lei avrebbe chiesto che si fermasse. Kathy non era più inconsciamente vista come il fratello che si sarebbe unito a lui in disobbedienza a sua madre. Con la terapia, Jim iniziò a vedere come, una volta uscito dal culto, aveva iniziato a sperimentare inconsciamente Kathy come sua madre. Ogni volta che Jim sentiva che sua madre gli stava facendo delle richieste, si rifiutava di essere “controllato” da lei e si comportava male alle sue spalle. Inoltre, dopo la loro partenza dal gruppo, Jim e Kathy dovevano confrontarsi a vicenda con la forza dell’altro. Mentre riemergevano le loro personalità pre-settarie, scoprirono che non avevano più valori e obiettivi comuni.

In terapia, Jim ha esaminato il suo forte desiderio di essere curato, che derivava dal suo dubbio sulla sua capacità di gestirsi da solo. Ciò ha portato al suo coinvolgimento con la Marina, la sua ragazza e il culto. Nel corso del tempo, ha iniziato a sentire di poter contare sulle proprie risorse e di riuscire da solo. Ha trascorso quasi quattro anni di successi presso un’università vicino a casa sua, testando diversi corsi in relazione a future carriere. Recentemente è stato accettato in un programma di laurea presso la sua università e in parte grazie al suo duro lavoro è riuscito ad ottenere  buoni voti. Ma è stato anche accettato perché la sua partecipazione attiva a scuola ha ottenuto il riconoscimento e il sostegno di diversi professori nel suo campo di studio. Ha lentamente iniziato ad avere frequentazioni, dopo essere stato completamente lontano dalle donne per circa un anno. È cauto riguardo a una relazione appassionata “immediata”, sentendo che potrebbe essere più importante conoscere qualcuno e costruire una relazione.

Inizialmente Jim sentiva che non gli mancava il gruppo, solo Kathy. Col tempo, tuttavia, cominciò a capire che il suo desiderio per lei poteva essere stato così intenso, perché era più facile per lui affrontare la mancanza di lei rispetto al gruppo. (Inizialmente, era ancora arrabbiato con il leader e non voleva “ammettere” alcun sentimento positivo per il culto). Tuttavia, dopo un periodo di tempo in terapia, Jim parlò della perdita del senso di appartenenza al culto e del sentimento di essere curato. Inoltre, è arrivato a vedere come il gruppo lo ha influenzato in modo sottile. Ad esempio, egli è stato incoraggiato a partecipare a comportamenti criminali minori che sarebbero stati contrari al suo codice morale se non avesse fatto parte del culto. All’inizio del trattamento, Jim si è concentrato sul sentirsi “usato” dalla sua ragazza. Successivamente, ha iniziato a vedere come veniva usato dal culto e in che modo il leader incoraggiava la sua ragazza a usarlo. E’ arrivato anche a capire come le sue opportunità fossero limitate nel gruppo. Doveva fare ciò che era nel migliore interesse del gruppo — vendere cosmetici — piuttosto che ciò che era meglio per se’. Il leader, con disprezzo, avrebbe sminuito gli altri uomini del gruppo dando loro lavori tradizionalmente femminili, mentre solo le donne potevano raggiungere posizioni di autorità.

Inizialmente in terapia, Jim si relazionava con il suo terapeuta in modo passivo. Il terapista ha sottolineato che Jim desiderava che prendesse la responsabilità e prendesse le sue decisioni. In parte, voleva che la terapia fornisse la struttura che desiderava e risentiva. Il terapeuta gli disse che assumersi la responsabilità avrebbe permesso a Jim di sentirsi giustificato nel sentirsi risentito e ribelle. Jim aveva lasciato un ambiente (il culto) in cui qualcuno stava prendendo decisioni per lui diminuendo la sua capacità di avere fiducia in se stesso. Dato che Jim è stato in grado di raccontare le sue lotte in terapia, ha lentamente iniziato a sentirsi più efficace nel formulare una direzione per la sua vita e ha avuto meno bisogno che gli altri provvedessero a lui. Sta imparando a parlare delle decisioni con gli altri piuttosto che imbattersi impulsivamente in nuove situazioni o affidarsi completamente al giudizio di qualcun altro. Con la scuola e gli appuntamenti Jim ha iniziato a testare le cose prima di prendere impegni importanti. Tuttavia, è anche consapevole di una certa preoccupazione per qualsiasi impegno, temendo di poter fare un errore. Di recente ha riconosciuto che tutti commettono errori. Quando sbaglia, non si sente inondato di vergogna, imbarazzo e odio verso sé come in passato.

 

“Kathy”
Kathy lasciò una setta new age all’età di trentadue anni dopo esserne stata membro per cinque anni.
Kathy è la maggiore di quattro sorelle. Suo padre è un alcolizzato che, sebbene gentile e amorevole quando non beve, diventa verbalmente offensivo per la famiglia se ubriaco. Durante le sue bevute, spesso perdeva il lavoro e le funzioni familiari. Kathy ricorda di essere arrabbiata con suo padre, ma afferma che sua madre non le aveva permesso di esprimere questa rabbia. Invece, avrebbe dovuto essere eccessivamente sollecita e asservita a suo padre, imitando il comportamento di sua madre. La madre di Kathy, casalinga, avrebbe razionalizzato e giustificato le azioni di suo marito e Kathy fu indotta a ritenere che fosse sua responsabilità cambiare gli umori e le azioni di suo padre in base al suo comportamento. Kathy ricorda che sua madre la rimproverava quando Kathy esprimeva fastidio verso il padre. Sua madre la criticava per la sua presunta insensibilità ai bisogni del padre e per quanto duramente lavorasse per la famiglia. Pertanto Kathy ha sviluppato una visione non realistica della sua importanza, della sua responsabilità e capacità di cambiare il suo ambiente.
Kathy si considerava la bambina favorita e sentiva alta responsabilità delle aspettative dei suoi genitori nei suoi confronti. Ad esempio, un incidente si verificò durante il suo ultimo anno di liceo, quando i suoi genitori la scoprirono a letto con un ragazzo. Kathy ricorda in maniera molto vivida lo sguardo di delusione sul volto di suo padre e la sensazione di averlo tradito. Kathy credeva che questo incidente aveva spazzato via tutti i buoni sentimenti che suo padre provava per lei. Suo padre non le parlava da un mese e credeva che tutti i suoi anni da “brava ragazza” fossero stati cancellati. Questo tema di dover essere impeccabile per ottenere l’amore è continuato nella sua vita adulta, insieme al suo bisogno inconscio di ribellarsi a questo ruolo.
Poco dopo la laurea, Kathy fu introdotta in un culto new age da un amico del liceo che era coinvolto nel culto. Questo era un culto politico/filosofico che vedeva i suoi membri come i precursori di una nuova era in cui l’umanità raggiungerà livelli di coscienza e spiritualità che non sono ora possibili. Il messaggio del culto a Kathy era che, seguendo i dettami del leader, avrebbe potuto raggiungere il livello di perfezione che pretendeva da se stessa. Sperava anche che il culto l’avrebbe aiutata a controllare la sua ribellione, di cui si vergognava consapevolmente.

All’interno del culto, Kathy ha rievocato alcune delle sue precedenti sensazioni ed esperienze. Ad esempio, ha dovuto sottomettersi a una figura paterna che chiedeva la perfezione da lei e che era imprevedibile nelle sue ricompense e punizioni. Kathy riferisce di sentirsi sentita incapace di compiacere il leader del culto e inadeguata perché non era in grado di anticipare i suoi capricci e desideri. Poiché era così facilmente intimidita e così veloce a vivere sensi di colpa, Kathy era spesso scelta per le critiche pubbliche dal leader della setta.

Ha lavorato come addetta alle pulizie notturne per una grande azienda. Sotto la direzione del leader del culto, ella si intrufolava nella stanza delle copie dopo che tutti gli altri se ne erano andati dove avrebbero dovuto copiato i suoi scritti. Non ricorda di aver sentito queste azioni come sbagliate. Fu indotta a credere che i membri di questo gruppo potessero mentire o rubare ai non membri poiché erano l’élite e non potevano essere ritenuti responsabili dai non illuminati.

Il principale fattore che ha agito contro il pieno coinvolgimento di Kathy nel gruppo è stata la sua relazione con Jim, il suo ragazzo, il cui caso è stato discusso in precedenza. Non è mai stato completamente coinvolto nel culto come lei e spesso la incoraggiava a ribellarsi contro il leader, il che soddisfaceva la sua rabbia inconscia nei confronti del leader del culto (figura di autorità) e il bisogno di “rovinare” questa relazione.

Il fattore precipitante che ha portato alla rivalutazione di Kathy circa la sua appartenenza al culto è stata il suo allontanamento dal culto e la sua cara amica, Sarah. Con l’incoraggiamento di Jim, Kathy contattò di nascosto i suoi genitori e disse loro che voleva visitarli, un’attività che era stata proibita dal leader della setta. I suoi genitori organizzarono per Kathy e Jim una visita da un terapeuta nella speranza che avrebbe rivalutato la loro appartenenza al gruppo, cosa che alla fine lei ha fatto.

La terapia con Kathy è durata due anni e si è concentrata sul suo modello di sottomissione prima agli uomini, poi sulla sua rabbia nei loro confronti per averle richiesto di essere all’altezza delle loro aspettative. Una volta sentita la rabbia, avrebbe iniziato a ribellarsi contro di loro. Questo comportamento è stato affrontato per la prima volta in sessioni con il suo terapeuta mentre  iniziava a concentrarsi sul comportamento conforme di Kathy a lui. Ella è stata in grado di collegare questo al modello che aveva originariamente stabilito con suo padre. Inoltre, in terapia, è stata in grado di concentrarsi sulla sua richiesta di essere sempre perfetta e sulla sua tendenza a vedere tutte le sue azioni come aventi un significato cosmico. Per un anno e mezzo dopo aver lasciato il culto, Kathy fu afflitta da sogni in cui il leader del culto la violentava o la umiliava pubblicamente. Poco prima della fine degli incubi, sognava di essersi opposta al leader del culto e di averlo esposto negativamente davanti agli altri membri del gruppo. Cominciò a vedere l’inconscio desiderio sessuale di essere umiliata dagli uomini, una ripetizione della sua relazione con suo padre. Con ciò, Kathy divenne determinata a relazionarsi con gli uomini in un modo più realistico, meno autodistruttivo, in cui poteva trattenere se stessa e difendere i propri bisogni fin dall’inizio, piuttosto che cedere se stessa a quelli con con cui aveva una relazione. Parlando delle cose in terapia, Kathy per la prima volta ha iniziato a scoprire più chiaramente chi era e cosa voleva veramente dalla vita.

Diversi mesi dopo aver lasciato il culto, Kathy interruppe la sua relazione con Jim. Senza il gruppo, ha iniziato a sperimentare Jim meno come un pari e più come una figura paterna, in particolare a causa del suo fumo di erba, che era allarmante per lei. Un anno dopo Kathy sposò un uomo che aveva incontrato dopo aver lasciato il culto. Ha interrotto la terapia poco prima della nascita di suo figlio.

 

“Donna”

Donna ha lasciato un culto biblico dopo sei anni di coinvolgimento. Quando ha iniziato la terapia tre anni fa, si sentiva persa e scontenta di dover tornare a casa della sua famiglia. Non era sicura di chi fosse e di quale direzione desiderasse per la sua vita.

Donna era cresciuta in una famiglia dell’alta borghesia. Suo padre, un uomo d’affari, era venuto negli Stati Uniti dall’Europa, da ragazzo. Sposò una donna che era venuta a New York dall’ovest. Donna crede che si siano sposati perché entrambi erano soli. Donna ha un fratello, che ha cinque anni più di lei. Descrive suo padre come l’autorità della casa che ha sempre saputo di sapere cosa era meglio per tutti e ha preso tutte le decisioni indipendentemente dal fatto che il resto della famiglia fosse d’accordo o meno. Trattava sua madre era come se fosse una delle figlie. Nella tarda adolescenza Donna iniziò a rendersi conto che il comportamento “spaziale” e infantile di sua madre era il risultato non solo delle sue interazioni con il padre di Donna, ma anche del suo alcolismo.

Donna ha avuto un’infanzia infelice. Aveva pochi amici ed era spesso capro espiatorio dagli altri bambini. Nel guardare questo in terapia, crede di non aver saputo come adattarsi agli altri bambini. Era sempre fuori passo, vestendosi in modo diverso e rispondendo nel modo sbagliato. Sente che questo comportamento era simile al modo in cui si comportava sua madre. Fu anche causato dal fatto che sua madre era troppo fuori dal mondo per darle le informazioni di cui aveva bisogno per essere simile agli altri bambini. Altre volte si comportava in modo troppo prepotente, identificandosi con suo padre. Comprende anche di aver fatto di tutto per compiacere gli insegnanti e per superare gli altri bambini. Al liceo cominciò a alienare i suoi insegnanti arrivando a scuola in ritardo, consegnando gli incarichi in ritardo o per niente o entrando in polemica in classe. Donna sente che stava tentando indirettamente di mostrare a qualcuno quanto fosse infelice. Stava anche rivelando il suo modello contraddittorio di essere molto compiacente o estremamente ribelle.

Donna era entusiasta di andare al college, credendo che questo sarebbe stato un posto per ricominciare da capo. Tuttavia, ha iniziato a alienare i suoi amici a scuola e ha finito per sentirsi di nuovo sola. Fu a questo punto che prese in considerazione l’idea di unirsi al gruppo biblico. Erano amichevoli con lei.

Poco dopo essersi unita al culto, Donna lasciò la scuola e fu coinvolta nel gruppo a tempo pieno. Il suo periodo iniziale nel gruppo è stato soddisfacente. Ha stretto amicizia per la prima volta nella sua vita. La dottrina era secondaria. Nel corso degli anni, tuttavia, le è stata data sempre più responsabilità. È diventata autoritaria come suo padre. Questo stile di leadership è stato risentito da coloro che erano sotto di lei e, a volte, è stato disapprovato dai leader. Continuò a procedere sempre più alienata e depressa. Prese una dose eccessiva di aspirina, e poi chiamò il leader per chiedere aiuto. Donna fu portata in un ospedale locale. Quando si riprese, fu sollevata dalla maggior parte delle sue responsabilità. Credette di aver fatto quell’uso eccessivo perché si sentiva sopraffatta e voleva semplicemente meno responsabilità sulle sue spalle. Fu subito dopo questo incidente che fu deprogrammata dal gruppo.

Per molto tempo, Donna è stata arrabbiata per la deprogrammazione. Sebbene non desiderasse tornare nel gruppo, si risentì dell’atteggiamento di suo padre di sapere cosa fosse meglio per lei. Sentiva che l’idea del “controllo mentale” aveva lasciato la sua famiglia fuori dai guai. Credeva di essersi unita volentieri al gruppo per le amicizie che le aveva offerto. Più recentemente, tuttavia, si è concentrata su quanto poco il gruppo ha soddisfatto i suoi bisogni col passare del tempo. È arrivata a mettere in discussione la dottrina e ha persino passato una sessione a esprimere quanto “fasullo” pensasse fosse parlare in lingue. Sebbene Donna si fosse arrabbiata con il suo terapeuta quando egli sollevò il fatto che fosse un peccato che Donna dovette ricorrere a un tentativo di suicidio per sentirsi meno gravata dal culto (piuttosto che parlare dei suoi sentimenti con i leader), egli colse un sorriso fugace che in parte smentiva la sua difesa del gruppo.

Inizialmente, Donna si chiedeva se dovesse tornare al college. I suoi sentimenti sulla questione erano legati alla necessità di non fare ciò che i suoi genitori desideravano. Il suo terapista aiutò Donna a capire che operava secondo il principio che se si fosse opposta ai suoi genitori, avrebbe continuato a essere fortemente influenzata da loro.

Riconoscere questa dinamica ha aiutato Donna a decidere di tornare al college. Al momento, sta pianificando di trasferirsi in un appartamento tutto suo. Crede che sarà in grado di sentirsi meno arrabbiata con i suoi genitori quando non vivrà più con loro e non dipenderà finanziariamente da loro. La rabbia e la minima interazione possibile con i suoi genitori mantengono intatta l’identità fragile ed emergente di Donna. Questo è stato doloroso per i suoi genitori, tuttavia. Ha detto loro che sa che il suo rapporto con loro migliorerà quando vivrà lontana da casa e non sarà più finanziariamente dipendente da loro. Anche se sua madre ha smesso di bere mentre Donna era nel culto, Donna generalmente rifiuta di permettere a sua madre di entrare nella sua vita, credendo di essere incompetente e che questo comportamento avrà un effetto deleterio su di lei, cioè che potrebbe far diventare incompetente anche lei. Un’eccezione toccante a ciò si è verificata dopo il funerale di sua nonna, quando Donna e sua madre furono in grado di piangere insieme e condividere teneri sentimenti nei confronti di sua nonna. Donna continua anche a temere che suo padre subentrerà completamente. Più di recente, Donna sta arrivando a capire che parte della sua rabbia e paura è connessa al culto – che i sentimenti verso il culto vengono spostati sulla sua famiglia. Tuttavia, continua a lottare per un senso integrato di identità.

In terapia, Donna cerca spesso di combattere con il suo terapista. Dall’analisi Donna ha compreso che si sente più a suo agio quando prende una posizione diversa dall’altra persona. Questo la protegge dall’essere troppo facilmente influenzata dal suo terapeuta. Le piace in particolare sapere che lei e il suo terapeuta hanno un’impressione diversa del suo culto. Sebbene, a volte, possa riconoscere che la sua esperienza di culto è stata distruttiva, in genere le piace vedere il suo terapeuta come una di quelle persone anti-setta che vedono tutto come controllo mentale. Anche se questo non è vero, è importante che Donna senta che sebbene il suo terapeuta veda le cose in modo diverso da lei, il suo terapeuta non proverà a spingerla ad assumere un punto di vista diverso, né sarà turbato o ferito dalla rabbia di Donna. Il terapeuta può tollerare i diversi sentimenti di Donna, qualcosa che il culto (le ricorda il terapeuta) e i suoi genitori (lei ricorda al terapeuta) non possono. A Donna piace anche provare ad essere ribelle con il suo terapeuta. Ad esempio, arriva generalmente con qualche minuto di ritardo per le sedute. Una volta è arrivata con mezz’ora di ritardo, molto turbata, dicendo: “Volevo essere in ritardo di soli quindici minuti, ma ho avuto un ingorgo“. Lei e il suo terapeuta sono stati entrambi in grado di ridere della sua determinazione ad essere in terapia, ma alle sue condizioni.

 

“Susan”

Susan è una donna di ventitré anni che faceva parte di un culto biblico da cinque anni. Ha lasciato il culto due anni fa, dopo che sua madre aveva organizzato un counselling d’uscita. Dopo un periodo di due mesi in un centro di riabilitazione per ex vittime della setta, è tornata a casa di sua madre e ha iniziato a vedere un terapista ogni settimana.

Susan ha due sorelle gemelle, un anno più giovani di lei. I suoi primi ricordi più vividi ruotano attorno a sentimenti di impotenza mentre sente litigare i suoi genitori. Quando aveva nove anni, le fu detto che i suoi genitori stavano per divorziare. Non ricorda di aver provato alcun sentimento per il resto della sua infanzia.

Susan ha continuato a vivere con sua madre e ha visto suo padre sporadicamente mentre cresceva. Ricorda che egli ha deluso lei e le sue sorelle non presentandosi per le visite programmate. Quando Susan aveva undici anni, suo padre si risposò e raramente lo vide dopo.

Il padre di Susan ha smesso di pagare il mantenimento dei figli e gli alimenti in questo periodo, nonostante un ordine del tribunale. Sua madre si è lamentata amaramente del suo abbandono della famiglia, ma non ha sollevato la questione in tribunale. Invece, ha svolto due lavori per provvedere alla sua famiglia. Il ricordo più vivido di Susan del suo atteggiamento nei confronti di sua madre era che lei (Susan) non avrebbe dovuto turbare sua madre o essere arrabbiata con lei, dal momento che lavorava così duramente per tenere insieme la famiglia.

Le relazioni di Susan con le sue sorelle erano tese. Loro erano legate tra loro e l’hanno esclusa. Le gemelle assomigliavano alla loro madre sia fisicamente che caratterialmente. Come la loro madre, erano socievoli e amichevoli. Susan, d’altra parte, assomigliava a suo padre sia fisicamente che caratterialmente, poiché era calma e introspettiva. Susan si sentiva un’estranea nella sua stessa famiglia.

Al liceo, Susan è stata coinvolta in una chiesa fondamentalista e ha iniziato a frequentare i servizi lì mentre il resto della sua famiglia ha continuato a frequentare le adunanze in una chiesa protestante principale. Quando si è diplomata al liceo Susan, attraverso la sua chiesa, ha sentito parlare di un’organizzazione che ha aiutato gli adolescenti emotivamente disturbati a trovare Dio. L’organizzazione aveva un centro residenziale per ragazze emotivamente disturbate. Susan, desiderando dedicare la sua vita ad aiutare gli altri, ha chiesto una posizione non retribuita come consulente nel dormitorio.

Il gruppo a cui ha aderito sottolinea la sottomissione. Proprio come l’uomo deve essere soggiogato a Dio, così il gregge deve essere soggiogato al pastore, che era noto come Padre. Susan lavorava quindici ore al giorno, sette giorni alla settimana ed era responsabile del benessere fisico, emotivo e spirituale di quattordici ragazze adolescenti. Susan le faceva svegliare, le nutriva, le aiutava a lavarsi dopo, si assicurava che facessero i compiti e le metteva a letto la sera. Se una delle sue assistite infrangeva le regole (un evento frequente con queste ragazze in difficoltà) era lei ad essere ammonita. A volte sentiva il legame con le ragazze e, in seguito, in terapia, era in grado di esprimere di nuovo i dolorosi sentimenti di sentirsi estranea. Riceveva un giorno di riposo ogni due settimane, ma spesso trascorreva la giornata facendo da babysitter per i figli di suo padre o aiutando sua moglie a fare shopping. A quel tempo, negava di avere sentimenti di sfruttamento e copriva questi sentimenti razionalizzando che il suo lavoro era per Dio e doveva essere arduo.

La terapia con Susan si concentrava sull’aiutarla a riconoscere i suoi sentimenti e rafforzare la sua immagine di sé in frantumi. La sua esperienza all’interno del culto è stata così disgustosa che, a differenza della maggior parte degli ex cultisti, non ha mai espresso rammarico per aver lasciato né desiderato ardentemente alcun aspetto della sua vita all’interno del culto.

Scoprire i sentimenti è stato un processo lungo e doloroso per Susan. Per affrontare le esperienze dolorose della vita di culto, Susan aveva fatto affidamento alle stesse difese che aveva usato durante il divorzio dei suoi genitori, congelando i suoi sentimenti e, a volte, la sua memoria di eventi particolarmente difficili. Durante il primo anno di terapia, Susan iniziava spesso la seduta raccontando al terapeuta un’esperienza di culto umiliante o degradante che aveva precedentemente represso e solo ora ricordato. Esprimeva incredulità per la insensibilità dei capi di culto o per la sua stessa volontà di essere trattata in modo così crudele. Per quanto dolorosi fossero, ognuno di questi episodi sembravano liberare Susan un po’ di più dalle sue difficoltà emotive, in particolare dal suo livello emotivo piatto. Il suo terapeuta rispondeva empaticamente, ma le ricordò anche la passività indotta dalla sua esperienza di culto. Si sarebbe concentrato sulla sua tendenza a incolpare se stessa piuttosto che il leader del culto. Questa tendenza verso la colpa di se stessi è stata esacerbata dalla sua esperienza di culto.

Col tempo, Susan ha iniziato a provare rabbia nei confronti dei leader della setta. Questa era stata scaricata contro sua madre, che era un obiettivo più conveniente e meno minaccioso. Inoltre, la tendenza di Susan a ritirarsi la portò ad agire in modo disinteressato e egocentrico nei confronti della sua famiglia. Ad esempio, si sedeva a tavola senza parlare o rispondeva alle domande in monosillabi. Sua madre avrebbe reagito alla rabbia e all’isolamento di Susan in modo eccessivamente rassegnato e accondiscendente, invece di chiedere che Susan agisse diversamente. Questa accettazione di comportamenti irragionevoli (attraverso la formazione di reazioni) era la stessa posizione che Susan aveva adottato nel culto e che ora era arrivata a disprezzare. Più accettava sua madre per il suo comportamento irragionevole, più Susan diventava furiosa e più il suo comportamento era irragionevole. Le sedute familiari aiutarono la madre di Susan a capire che comprendere la genesi del comportamento non significava che doveva essere accettato senza protestare. Queste sedute hanno anche aiutato Susan a vedere che stava, in realtà, recitando sentimenti con sua madre che erano spesso utilizzati dai suoi leader di culto.

Susan continua a vedere il suo terapista settimanalmente. Ha acquisito abbastanza fiducia in se stessa per consentirle di svolgere  tre lavori di crescente importanza e responsabilità. Continua a scoprire nuovi ricordi della vita all’interno del culto, anche se queste dolorose rivelazioni sono meno frequenti di quanto non fossero state. La madre di Susan si è risposata e sta andando avanti con la sua stessa vita. Questo, insieme all’intuizione di Susan sulla terapia secondo cui ha sempre pensato di non creare un problema per sua madre, ha contribuito a ridurre la colpa iniziale di Susan, derivante dalla sua convinzione di aver causato un’interruzione dolorosa nella vita di sua madre, facendosi coinvolgere in un culto. Susan ora ha un fidanzato e ha recentemente iniziato a frequentare le lezioni in un college locale.

 

Temi precedenti al coinvolgimento del culto

In questa sezione gli autori discuteranno i temi che questi individui hanno affrontato prima del coinvolgimento nella setta.

Ognuno di loro stava vivendo un periodo di maggiore vulnerabilità.

Jim provava vergogna per il suo fallimento nella Marina. Trovò attraente il seducente proselitismo di Kathy, che lo aiutò a “dimenticare” i suoi sentimenti negativi.

La richiesta di perfezione di Kathy la portava a sentirsi delusa dal college, che non la stimolava. Era quindi disposta a dare un’occhiata al gruppo di “discussione” della sua amica.

La solitudine di Donna, seguendo la sua speranza che le cose sarebbero andate diversamente al college, ha reso attraente un gruppo di studio della Bibbia con persone amichevoli.

Il desiderio di Susan di aiutare gli adolescenti in difficoltà e di sentirsi parte integrante di un gruppo l’ha attratta nel culto in cui è entrata.

Tutti e quattro i giovani avevano aspettative idealistiche e non realistiche di se stessi e degli altri. In una certa misura questi sentimenti sono tipici di molti adolescenti tardivi. I quattro, tuttavia, provenivano da famiglie in cui gli standard di prestazione erano stabiliti ad alto livello da uno o entrambi i loro genitori, e tutti rimanevano con la sensazione di non poter soddisfare queste aspettative. I gruppi settari hanno promesso loro un modo per raggiungere uno standard elevato (buone opere per Susan e stimolazione intellettuale per Kathy) o un veicolo attraverso il quale potevano sfuggire alla delusione in se stessi (un’esperienza nella Marina senza successo per Jim e difficoltà a fare amicizia nel caso di Donna). I gruppi hanno promesso loro che avrebbero potuto realizzare sogni idealistici e sentirsi amati e importanti. Nessuno di loro, tuttavia, pensava che si stesse unendo ad una setta.

 

Temi all’interno del culto

Sebbene i loro culti abbiano loro promesso di risolvere i problemi pre-setta, dopo un periodo iniziale di eccitazione e sollievo, tutti e quattro hanno scoperto che la promessa era solo un’illusione e che i loro problemi erano effettivamente peggiorati nel gruppo.

L’entusiasmo iniziale di Jim per la sua relazione con Kathy iniziò a sgretolarsi nel tempo, in particolare quando non erano più tenuti insieme da uno scopo comune. Inoltre, egli ha scoperto che invece di fuggire da un’esperienza vergognosa, è stato costantemente umiliato dal leader del culto. Anche Kathy fu umiliata. Invece di essere apprezzata per la sua mente veloce, fu umiliata per la sua “arroganza”. A Donna è stato dato il peso di sempre più responsabilità senza guida. Pertanto si sentiva isolata nel suo ruolo di leader e tagliata fuori dal gruppo che professava amore e amicizia. Susan fu esclusa dagli adolescenti e dalla gerarchia del culto in un modo più estremo di quello che aveva vissuto nella sua famiglia.

Tutti e quattro hanno scoperto che i loro bisogni di crescita e sviluppo personale sono stati soppressi o ignorati dai bisogni del gruppo. Jim, Kathy e Donna furono incoraggiati a lasciare il college. In seguito a Jim fu detto di vendere cosmetici. Kathy ha pulito gli uffici. Donna è passata da un lavoro insoddisfacente all’altro solo per guadagnarsi da vivere, dedicando tutto il suo tempo libero al gruppo. A Susan fu fatto sentire che era egoista da parte sua chiedere un permesso per stare con la sua famiglia. Alcuni alla fine credevano di essere difettosi a causa della loro incapacità di soddisfare le esigenze del gruppo. Susan credeva di essere egoista. L’incapacità di Donna di essere una leader di successo l’ha portata ad odiare se stessa (e, inconsciamente, il gruppo) abbastanza per tentare il suicidio, considerandola l’unica via d’uscita.

I gruppi li hanno influenzati a fare cose che erano contro le loro predilezioni naturali o il codice morale. Jim e Kathy, per esempio, credevano che fosse etico rubare perché il leader attribuiva uno scopo elevato a comportamenti criminali minori.

Coerentemente con l’osservazione ampiamente diffusa secondo cui i culti incoraggiano la passività, a tutti e quattro gli individui è stato detto che dovevano seguire il leader senza dubbio. Tutti sono regrediti perchè i loro leader incoraggiavano comportamenti simili ai bambini. Hanno imparato a sopprimere le loro emozioni naturali. Dopo aver lasciato i loro gruppi, hanno continuato ad avere difficoltà a identificare i loro veri sentimenti, in particolare quando questi sentimenti erano in contrasto con gli altri. Inizialmente sembravano anche più giovani delle loro età cronologiche (cfr. Goldberg e Goldberg, 1982).

Tutti hanno avuto la sensazione di non poter sopravvivere con le proprie risorse e che solo l’adesione alla setta ha impedito loro di essere tristi e falliti. Jim e Kathy furono incoraggiati a credere che la loro attività di ristorazione stava avendo successo solo perché stavano seguendo il percorso del loro leader. Non aveva nulla a che fare con le proprie capacità. Donna temeva che sarebbe stata senza amici e le fu detto che era amata dal gruppo, sebbene le azioni dei leader del gruppo fossero insensibili e sfruttatrici. A Susan fu detto che il suo lavoro era la sua “chiamata” e che sarebbe stato peccaminoso abbandonarlo.

 

Problemi post-setta

Mentre questi individui si occupavano di aver lasciato i loro culti, emersero temi comuni. Inizialmente, come è comune con gli ex cultisti, nessuno di loro ha mostrato molta rabbia nei confronti del culto. Invece, la rabbia è stata spostata sulla famiglia (Donna e Susan) o su altre relazioni significative (Jim e Kathy). Ad esempio, sebbene nessuno di loro inizialmente esprimesse rabbia nei confronti dei propri culti, ognuno era estremamente sensibile all’essere “controllato” o manipolato da altri. Come è più comune tra gli ex cultisti, Donna, Susan e Jim hanno trovato difficile fidarsi degli altri. Kathy ha reagito al suo senso di perdita entrando rapidamente in una nuova relazione.

Tutti e quattro hanno rivelato problemi con l’identità o il senso di sé. Dopo essere stati invasi dai loro culti e manipolati per cambiare la loro ideologia e comportamento, si sentivano incerti su chi fossero. Pertanto, inizialmente si sono protetti attraverso manovre difensive, ad esempio l’uso della rabbia di Donna e l’uso del silenzio di Susan. Gli ex cultisti hanno bisogno di tempo e rispetto per essere in grado di costruire lentamente un nuovo senso di chi sono e scoprire quale percorso desiderano seguire. Temono di commettere errori, soprattutto quando iniziano a gestire l’imbarazzo e la colpa associati al loro coinvolgimento nel culto e al suo impatto sugli altri. La colpa di Kathy per averlo lasciato ha portato a sentimenti di depressione.

A volte desideravano ardentemente il culto, in particolare il senso di comunità che forniva. Donna ha dovuto affrontare di nuovo sentimenti di solitudine e Kathy ha dovuto affrontare sentimenti di non raggiungere uno scopo più elevato.

Gli ex cultisti spesso sperimentano incubi. Kathy sognava che il leader della setta la stesse violentando o umiliando. Questa fu una ripetizione e una rielaborazione del trauma dell’esperienza di culto, che servì ad esacerbare i suoi precedenti conflitti. Susan ha avuto frequenti incubi mentre riaffioravano altri ricordi del suo degrado nel culto.

 

Discussione

Va notato che, nonostante i radicali cambiamenti ideologici subiti da questi individui, alcuni aspetti fondamentali del loro carattere sono rimasti coerenti durante i loro periodi pre-settari, settari e post-settari. Questi erano aspetti del comportamento che erano stati ripetuti sin dalla prima infanzia, sebbene i primi ricordi e le fantasie sulla genesi di questi comportamenti fossero stati repressi. Poiché si tratta di comportamenti inconsci, sono abbastanza resistenti ai cambiamenti. Freud notò che solo rendendo consapevole il comportamento inconscio durante il processo di trattamento si poteva iniziare il processo di cambiamento (Freud, 1914).

Sebbene i culti sembrassero offrire una soluzione a queste difficoltà inconsce e sebbene inizialmente questi individui provassero un po ‘di sollievo, i vecchi atteggiamenti e modi di comportarsi iniziarono a riemergere. Susan continuava a vedersi come un’estranea che non era accettata dalle sue “sorelle” più giovani. Donna, che si era sentita isolata e alienata dai suoi amici, si è trovata isolata e alienata all’interno del culto. Jim ha continuato a recitare il suo personaggio di “cattivo ragazzo” anche all’interno del culto. Kathy si ritrovò a tentare fino al quindo anno superiore e contemporaneamente a minare la perfezione richiesta da una figura paterna imprevedibile.

Uno dei motivi principali per cui ciascuno di questi individui è stato inconsciamente attratto dai propri gruppi settari è stato il desiderio di superare un tratto di carattere problematico. Ognuno di loro pensava che l’appartenenza al gruppo avrebbe offerto sollievo. Ognuno di loro inizialmente pensava che questi problemi sarebbero stati superati semplicemente attraverso il proprio coinvolgimento con il gruppo.

Sebbene i tratti inconsci siano resistenti al cambiamento, quegli aspetti del carattere e del sistema di credenze che sono attaccati direttamente dal culto (verbalmente o non verbalmente) possono cambiare radicalmente perché non sono più motivati ​​da credenze inconsce. Il carattere di uno è costruito, in parte, su identificazioni che si formano all’inizio della vita con i genitori e altre figure significative, e sviluppando quei tratti che sono apprezzati da queste figure significative. Secondo Freud, “L’identificazione è … la prima espressione di un legame emotivo con un’altra persona” (Freud, 1921, p. 105). Quando l’identificazione con aspetti di un gruppo deviante sostituisce le precedenti identificazioni – quelle che hanno formato la personalità – è come se gli aspetti della propria storia fossero stati cancellati.

Donna, Jim e Kathy furono indotti a credere che la scuola formale non avesse alcun valore, una visione che contrastava nettamente con gli atteggiamenti precedentemente sostenuti. Susan fu indotta a credere che il suo servizio al suo gruppo fosse più importante del suo legame con la sua famiglia. Gli atteggiamenti del culto erano aspri ed esigenti (in misura molto maggiore degli atteggiamenti dei loro genitori) e questo atteggiamento continuava a influenzare tutti questi individui, anche dopo aver lasciato i loro culti.

Ofshe e Singer hanno descritto come i culti, in contrasto con altri gruppi manipolatori, attaccano le caratteristiche più basilari del sé (Ofshe & Singer, 1986). I problemi individuali sono esasperati. Questo era vero in tutti i casi in questo documento. Una varietà di tecniche psicologicamente sofisticate e ingannevoli, tra cui l’ipnosi, sono usate per indurre la nuova recluta a incorporare la visione del mondo sul culto e ad identificarsi con la personalità del leader, dando così via libera al controllo del culto su di lui o lei. Donna, ad esempio, è stata indotta a parlare in lingue. Queste tecniche possono così sopraffare alcune reclute che possono perdere le facoltà critiche e il senso del proprio io pre-culto. Quindi, tutti questi individui si sono trovati a porre i bisogni del culto e il senso della realtà del leader al di sopra dei propri.

Per proteggere se stessi in mezzo alla confusione, la realtà viene riorganizzata attraverso l’identificazione con il leader del culto. Freud ha descritto come i gruppi hanno il potere di indurre un membro a regredire, conformarsi e sostituire l’ideale dell’Io dell’adepto con un’identificazione con il leader (Freud, 1921). Ciò era particolarmente vero per Donna e Susan, che erano scoraggiate dalle relazioni intime con gli altri. Il legame reciproco tra Jim e Kathy ha comportato un minor investimento nel loro leader. Più di recente, Conway e Siegelman (1978) e Ofshe e Singer (1986) hanno descritto le raffinate tecniche utilizzate dai culti di oggi per distruggere il prezioso precedente senso di sé del cultista in un modo più estremo e pericoloso.

In terapia, ciascuno di questi ex cultisti ha scoperto che, sebbene il proprio sistema di credenze e parti del suo personaggio iniziassero a conformarsi al culto, contemporaneamente essi stavano inconsciamente recitando gli stessi ruoli, conflitti e lotte che pensavano sarebbero stati superati. Fu solo dopo l’allontanamento dai loro gruppi, quando smisero di guardare all’esterno per trovare soluzioni ai loro problemi e iniziarono a lottare alla ricerca di risposte dentro di sé, che iniziarono a fare progressi nel superare queste difficoltà.

 

Bibliografia

Conway, F., & Siegelman, J. (1978). Snapping. New York: Delta.

Freud, S. (1914). Further recommendations on the technique of psychoanalysis. S.E., 12,145-156.

Freud, S. (1921). Group psychology and the analysis of the ego. S.E., 18, 67-146.

Goldberg, L., & Goldberg, W. (1982). Group work with former cultists. Social Work; 27,165-170.

Ofshe, R., & Singer, M. (1986). Attacks on peripheral versus central elements of self and the impact of thought reform techniques. Cultic Studies Journal, 3, 3-24.

 

Note biografiche

Lorna Goldberg, M.S.W. e William Goldberg, M.S.W. sono terapisti nello studio privato a River Edge, nel New Jersey. La signora Goldberg è anche supervisore e istruttore presso il New Jersey Institute, a Teaneck, nel New Jersey. Goldberg è supervisore del programma per i servizi di riabilitazione del centro di salute mentale della contea di Rockland, Pomona, New York. È anche uno studente di dottorato in assistenza sociale clinica presso l’Università di Adelphi. I Goldberg coprono un gruppo di supporto mensile per ex cultisti che si incontra da quattordici anni.

 

Fonte: https://www.icsahome.com/articles/psychotherapy-with-ex-cultists-goldberg

 

————————————————–

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte