Siete manipolati? Imparate a capirlo e difendervi

Articolo, con mia intervista, di Irma D’Aria

La psicologa Lorita Tinelli spiega come si finisce vittima di un manipolatore e persino di una setta. I consigli per accorgersene e per liberarsene

Quando si è più fragili e quindi vulnerabili. Quando intorno a noi c’è molta solitudine e indifffferenza. Quando ci
sembra di non avere più speranze. È allora che si diventa più esposti al rischio di una manipolazione emotiva che
può far male fifino al punto di plagiare del tutto una persona e anche oltre se si pensa a chi fifinisce vittima di
‘santoni’ o sette.


Come accaduto, per esempio, a Roberta Repetto, la 40enne operata chirurgicamente nel 2020 sul tavolo della
cucina senza anestesia, che si era affiffidata a Paolo Bendinelli, il ‘santone’ del centro olistico Anidra di Borzonasca
(Genova) e al medico bresciano Paolo Oneda. Proprio alla Repetto e alle tante persone che fifiniscono vittima di una
setta è dedicato il saggio “Sette e manipolazione mentale” (Piemme) scritto dalla psicologa Lorita Tinelli con
l’avvocato Marco Marzari, un volume che attraversa i casi di plagio più controversi e violenti della nostra storia.
Ma la manipolazione può essere anche più softft e riguarda tantissime persone che si lasciano avvolgere da menti
perverse.

Le caratteristiche della ‘vittima’ ideale
Per alcune persone è facile farsi manipolare dagli altri: quali caratteristiche ha la ‘vittima’ ideale del
manipolatore? “E’ una persona che in un particolare momento della sua vita sta vivendo una fragilità, una
condizione più diffffusa di quel che si possa immaginare – spiega Tinelli, psicologa criminologa, esperta delle
dinamiche di persuasione e fondatrice del Centro Studi Abusi Psicologici. – Inoltre, siamo sottoposti ogni giorno a
stimoli che ci persuadono e che ci indirizzano verso scelte emotive. Si tratta del pensiero quotidiano, quello per
cui scegliamo in base allo stimolo che più soddisfa un nostro bisogno e che non è soggetto al fifiltro della
razionalità”.


Quando si vive un momento difficile
Lo psicologo sociale Robert Cialdini sostiene che esistono degli stimoli che permettono l’attivarsi in ciascuno di
noi di schemi mentali per cui rispondiamo con comportamenti e scelte istintuali ed emotive. Alcune di queste
scelte possono provocarci danni irrilevanti, come quella dell’acquisto di un detersivo sbagliato, ma altre invece si
ripercuotono sulla nostra vita.

“I nostri momenti di fragilità – prosegue Tinelli – ci pongono indifesi dinnanzi alle scelte quotidiane e questo può
accadere nel naturale percorso evolutivo, ma possono anche esserci fatti contingenti ad acuire il nostro senso di
debolezza, tipo un lutto, un fallimento, un periodo di crisi. La pandemia ne è stato un esempio. Negli scorsi due
anni abbiamo assistito ad un aumento di problemi di carattere emotivo che hanno portato diverse persone a rivolgersi a maghi, guru e santoni, nel tentativo di risolvere lo stato di incertezza vissuto”.

La manipolazione del partner narcisista

I fatti di cronaca ci raccontano sempre più spesso di casi di manipolazione psicologica all’interno delle coppie
nelle quali l’amore abbatte le difese. A quali segnali fare attenzione per accorgersene? “Dietro un manipolatore c’è
sempre un narcisista, una persona cioè che vuole mantenere il controllo della nostra vita e che agisce non per il
nostro bene, ma per il suo tornaconto – risponde Tinelli – .Un partner che inscena agiti di gelosia estrema, che ci
induce a tagliare le relazioni con amici e parenti, che vuole controllare tutto il nostro quotidiano, pena silenzi
punitivi, allontanamenti e induzioni di sensi di colpa per il niente, è un partner incapace di relazionarsi in
maniera sana e matura”.


La tecnica del gaslighting
Infatti, quella che si instaura è una relazione disfunzionale nella quale il manipolatore cercherà di mantenere il
suo potere con alti e bassi, col bastone e la carota, ricorrendo spesso al gaslighting, una delle tecniche più subdole
di manipolazione mentale, che ha lo scopo di confondere l’altro, falsifificando la sua percezione della realtà.
“Attraverso la tecnica del gaslighting si cerca di insinuare il dubbio facendo mettere all’altro in discussione la
propria memoria, percezione e sanità mentale”, spiega la psicologa.

Una questione di fiducia (tradita)
Oltre al partner, chiunque ha la possibilità di manipolarci e un amico ancor di più visto che una delle
caratteristiche alla base della manipolazione è la fifiducia. Come mettere in discussione la parola di un amico o di
una persona cui vogliamo bene e che stimiamo? “E’ questa una delle trappole che le sette elaborano, quando
sollecitano i propri adepti a portare in quel percorso amici e parenti, per valutare anche il reale affffetto provato nei
loro confronti”, spiega la psicologa.

Nella maggior parte dei casi è una prova per allontanare il neofifita dalle proprie radici, visto e considerato che se
un proprio caro risponde criticamente diventa di fatto una persona tossica da allontanare. Come difendersi?
“Bisogna mantenere un rapporto personale con se stessi e comprendere quanto le richieste altrui stiano
diventando troppo esigenti per noi o quando nella relazione iniziamo a non sentirci completamente liberi di agire,
senza giudizi altrui e senza sensi di colpa”.


Quando a manipolare è un genitore
Purtroppo, accade anche di avere un genitore manipolatore, capace di generare una relazione di dipendenza
perché considera il fifiglio un suo oggetto personale e non una persona diversa da sé. “Il genitore manipolatore –
precisa Tinelli – induce sensi di colpa ogni qualvolta il fifiglio presenterà atteggiamenti di indipendenza. Tenterà di
incidere sulla sua vita e sulle sue scelte, fifingendosi vittima ogni qualvolta queste vanno contro le sue aspettative.
Interverrà, direzionando opportunamente, indirizzi scolastici, lavorativi e affffettivi”. Quando la presenza del
genitore diventa soffffocante, è bene cercare un aiuto esterno, meglio un professionista, che possa aiutare a
difendersi dalle ingerenze tossiche.

Sette e manipolazione
Gli italiani che ogni anno cadono vittime di gruppi settari sono centinaia, se non migliaia. Persone spesso
sottoposte a vessazioni, abusi, ricatti e truffffe. Così tanti che la Polizia di Stato ha creato la Sas, squadra anti-sette,
un gruppo di investigatori altamente specializzati e dediti al contrasto di questo fenomeno. Si tratta di
organizzazioni ben strutturate, basate su ideologie totalizzanti e caratterizzate da un leader o da gruppi di leader
con caratteristiche narcisiste.


“La manipolazione anche in questi contesti – spiega Tinelli – non è qualcosa di magico che arriva dall’alto, ma è una
dinamica che racconta di una subordinazione indotta, dove il fifine è il perseguimento delle necessità del
persuasore”. Affiffinché la manipolazione abbia i suoi effffetti, non è necessario che la persona sia confinata o
sottoposta a tortura fifisica. Secondo la psicologia sociale, scienza che ha studiato più di ogni altro le dinamiche
dell’inflfluenza indebita, si possono generare pressioni sociali che possono essere coercitive quanto quelle fisiche.


“Nessuna persona – continua la psicologa – è esente da questo tipo di coinvolgimenti, né una laurea o più di una
possono essere utili strumenti di tutela. Il profifilo delle vittime è trasversale, dal punto di vista sociale e culturale”.


Come evitare la trappola della setta
Insomma, chiunque in uno stato di diffifficoltà emotiva, esistenziale o spirituale, può divenire vittima di una
‘richiesta’ perversa. Come difendersi? “Anche in questo caso – risponde Tinelli – la consapevolezza e la capacità di
divenire consumatori responsabili sono sollecitazioni fondamentali. Prima di aderire e di scegliere bisogna capire
con chi ci si accompagna. E soprattutto parlarne con amici e parenti prima di decidere di lanciarsi in una nuova
sfifida, meglio una persona professionalmente preparata. Nessuno si salva da solo”.


Come essere d’aiuto
A trovarsi in diffifficoltà quando qualcuno fifinisce nella rete di una setta, di un santone o più semplicemente di un
manipolatore è anche chi vive accanto alla vittima. Come può aiutare? “Non attaccare frontalmente il gruppo di appartenenza del nostro caro coinvolto. In tal caso andremmo a scatenare una dinamica di dissonanza cognitiva,
che porterà il nostro interlocutore a legarsi ancora di più alla sua idea e alla sua appartenenza”, risponde la
psicologa. “È importante farsi aiutare da esperti del fenomeno che possano spiegare dinamiche e strategie e nel
frattempo porsi in posizione di ascolto e non di giudizio. Se un nostro caro è entrato in una relazione disfunzionale
che sia con un partner o che sia con una organizzazione settaria, qualche motivo ci sarà”.


Il vuoto legislativo
Insomma, bisogna cercare di comprendere e di agire assieme a chi realmente ci può dare una mano, mantenendo
il rispetto più assoluto per la scelta, seppur emotiva, fatta dalla persona che è entrata nella trappola del narcisista
di turno. “Nel frattempo – conclude Tinelli – è importante anche comprendere come giuridicamente sia possibile
agire a sua tutela, rivolgendosi ad avvocati che conoscono il fenomeno. Purtroppo, in Italia c’è dal 1981 un vuoto
legislativo rispetto ad una legge sulla manipolazione mentale, nonostante il fenomeno sia esistente e permanga
indisturbato”.

Fonte: https://www.repubblica.it/salute/2023/02/05/news/manipolazione_mentale_difendersi-385753699/amp/?fbclid=IwAR14VjfFkNH2VuG_3eRGvyTUeQpekrS-GcFoAD94yBuujbsjAQoyEwnZrzw

Le sette si sono diffuse a Vigo attraverso Internet

Escultura de la Libertad en Filadelfia (Estados Unidos), de Frudakis, que representa la huida de una situación adversa.

I gruppi religiosi coercitivi hanno ceduto il passo per l’indottrinamento a Telegram o a forum di idee estremiste

Le sette sono ancora oggi molto attive a Vigo (Vigo è un comune di 296.000 abitanti della Spagna nord-occidentale, situata nella provincia di Pontevedra, di cui è il comune più popoloso, nella comunità autonoma della Galizia) e con grande vigore. La pandemia ha costretto ad abbandonare l’idea di una postazione fissa per entrare nella rete internet, luogo soprattutto frequentato da giovani. L’anno 2022 è stato considerato dagli esperti come l’anno delle attività settarie e Vigo non ha fatto eccezione, nonostante la loro presenza fisica sia stata offuscata per essere più attiva su Internet.

I cambiamenti si sono accentuati nel 2022, con la presenza di molte più sette e con un significato più “diffuso”, secondo l’esperto Luis Santamaría. Teologo ed ex sacerdote, è stato uno dei fondatori della Rete Iberoamericana per lo Studio delle Sette (RIES) a Zamora, sua città natale. “Ci siamo trascinati dietro un problema dalla pandemia, perché dopo il confinamento hanno accelerato le loro capacità di reclutamento in un momento in cui la società è diventata più chiusa su Internet e ha sofferto molta incertezza, e ora c’è una setta per ogni personalità“, dice Santamaria.

La grande offerta di informazioni e stimoli su Internet ha causato alla società “una difficoltà nel discernere tra il bene e il male, tra ciò che è vero e ciò che non lo è“, con molte notizie ma “pochissima formazione“. Un mondo che cambia dove i gruppi settari “hanno capito che hanno bisogno di evolversi, sfruttando al meglio le loro opportunità con un’immagine e mostrando sempre un volto amico”. Detto questo, Santamaría sottolinea la necessità di stare all’erta perché “esse hanno affinato molto bene la loro propaganda, e c’è una setta per ogni personalità, senza la necessità di subire un brutto momento della vita“.

Il passare del tempo ha cambiato le sette, prima di natura religiosa, esse si sono poi trasformate in spirituali.

Juantxo Domínguez, direttore della Rete per la prevenzione del settarismo e della debolezza, ha indicato che molti stanno mutando e ora sono “a Vigo e ovunque attraverso i telefoni cellulari“. Il pericolo di queste attività è quello per esempio di vendere consigli sanitari senza bisogno di farmaci, “è un problema, perché non hanno una formazione accademica in questo campo“. Molte sette popolari promuovono insegnamenti sulle criptovalute, dove ingannano la società con la promessa di arricchirsi senza sforzo. “L’appartenenza a una comunità così chiusa, in si crede di essere al di sopra del bene e del male, fa sì che la vittima si isoli dai propri cari mentre viene esercitata su di lei un’azione coercitiva“. Domínguez ha affermato che “la Polizia è già attiva in tutte le città“, con un indirizzo web dov’è possibile segnalare azioni coercitive.

José Miguel Cuevas, psicologo sociale e autore del libro “Le sette: come funzionano, come sono i loro leader, effetti distruttivi e come combatterle” ha offerto consigli su come combattere la coercizione attraverso la manipolazione, un problema su cui “dobbiamo concentrarci come qualcosa di realistico, e non mediatico“. Egli concorda con Santamaría sul fatto che “chiunque può cadere in una setta; siamo tutti capaci ed è necessario comprendere quella sensazione di vulnerabilità”.

Per combatterli, i familiari colpiti dalla cattura di una persona cara “non possono perdere i contatti, per quanto minimi, perché in questo modo è possibile indurre dei dubbi in quella persona“. Un buon modo è offrire alternative alle verità assolute: “Se ti vede dubitare delle sue argomentazioni, è possibile anche creare qualche dubbio in lui. Bisogna sempre mostrare un atteggiamento flessibile e comprensivo, non trattarlo come uno stupido”.

“Le sette non sono contemplate in ambito giudiziario”

Uno dei casi più pubblicizzati avvenuto nella zona di Vigo è stato l’arresto di Miguel Rosendo nel 2014, fondatore dell’Ordine e del Mandato di San Miguel Arcángel. Sebbene non sia mai stato condannato per aver fondato un’associazione coercitiva o un crimine coercitivo, è stato condannato a nove anni di carcere per continui abusi sessuali con prelazione e penetrazione.

Gli atteggiamenti e le consuetudini che applicava ai suoi seguaci, alcuni minorenni, erano, secondo l’avvocato delle vittime Ana Reguera, “una chiara manipolazione coercitiva“, nonostante la Corte abbia stabilito che “l’uso di tecniche di indottrinamento basate su persuasione coercitiva incentrata sulla rottura totale o parziale della personalità dei suoi membri da parte dell’imputato“, cosa che all’epoca lasciava perplesso l’avvocato: “Le analisi della Guardia Civile indicavano che vi era stata manipolazione delle piccole vittime da parte di Miguel Rosendo, ma questo non è stato preso in considerazione“.

Questa condanna, passata da 66 anni a nove che finirono per essergli assegnati “fu un duro colpo per le vittime in termini psicologici, perché solo una di loro poteva provare l’abuso sessuale“. La durezza del caso ha costretto molti “a dimenticare tutto, anche se è chiaramente impossibile. Me compreso, perché è stato un caso molto doloroso“.

Il problema che Ana Reguera ha incontrato in materia giudiziaria è che “le sette non sono considerate tali in questo settore, e non potrebbe essere giudicato per questo motivo”, anche se ha cercato di trovare un’alternativa in modo che la sua presunta manipolazione non cadesse nel vuoto orecchie: “Ho provato ad accusarlo del reato di coercizione, lesioni e integrità morale, che è qualcosa di simile e condivide atteggiamenti come quelli di una setta, ma non è stato accettato”.

Per Reguera, la sentenza “era un’interpretazione errata” in quanto vi erano “prove sufficienti per poterla giudicare come coercizione, ma la questione settaria non è contemplata“. La Procura, dal canto suo, ha valutato la costituzione di un’associazione coatta.

Articolo originale: https://www.atlantico.net/articulo/vigo/sectas-extienden-vigo-traves-internet/20230205022829966228.html?fbclid=IwAR2VCBZagmqnkyckjq4kEiBSD8fuXgfkAZReC_oja_BI9VGFTCTV4AZZjI0

——————————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

I culti che sopravvivono anche quando la profezia fallisce

Alieni, immortalità e zombie JFK… Un tratto essenziale spiega come le credenze estreme sopravvivono e prosperano.

Nel 1959, Charles Paul Brown sperimentò un “risveglio cellulare“.

Secondo Brown, il suo corpo brillava, i versetti della Bibbia brillavano davanti ai suoi occhi e sentì “trafitto fino al nucleo delle cellule e degli atomi del corpo“, che, come disse lui, risvegliò il suo DNA. Non fu in grado di alzarsi dal letto per mesi dopo l’incidente. Quando si riprese, dichiarò di essere immortale.

Immortality eludes People Unlimited founder

Brown alla fine rinunciò alla carriera di predicatore del Vangelo e fondò una sua religione incentrata sull’immortalità. Nel 1982, Brown creò The Eternal Flame, un gruppo il cui sistema di credenze era incentrato sulle sue pretese di vita eterna. Promise di trasmettere ai suoi seguaci la sua autoproclamata immunità alla morte attraverso un processo che chiamò “rapporto cellulare“.

Immortality eludes People Unlimited founder

Nel corso di tre decenni, The Eternal Flame è cresciuto fino a includere migliaia di persone e ha cambiato più volte nome e principi. Poi, nel 2014, l’ex fondatore immortale ha subito una grave catastrofe: Brown è morto a 79 anni.

I culti e le credenze estreme ci affascinano perché siamo tutti suscettibili alla loro attrazione. Cult Week esplora queste storie e gli spazi liminali tra il reale e l’immaginario.

Con l’immortalità di Brown definitivamente smentita, la fine avrebbe dovuto essere vicina anche per le sue idee. Ma gran parte dei suoi insegnamenti sopravvisse. Nel 1996, sua moglie Bernadeane e il socio in affari James Strole hanno lanciato People Unlimited, una nuova versione della community che ha annullato quasi completamente il ricordo del malato Brown.

In effetti, People Unlimited oggi ha poca o nessuna somiglianza con The Eternal Flame.

Gran parte del suo marketing sta facendo risalire la sua storia al 2014 piuttosto che agli anni ’70, quando in realtà hanno iniziato“, dice a Inverse Jeremy Cohen, assistente professore di studi religiosi alla McMaster University.

People Unlimited ha dovuto adattarsi per sopravvivere all’eredità di Brown. Oggi, il gruppo si concentra più sulla ricerca scientifica e sulle innovazioni anti-invecchiamento che sui veri e propri miracoli. Ospita anche il RAADfest (pensa al Coachella per le persone che vogliono vivere per sempre), dove i membri della comunità possono riunirsi per condividere idee per una “vita senza età“.

In un commento per questa storia, People Unlimited nega fortemente di essere una setta. Il gruppo è stato definito un culto in passato, anche dal deprogrammatore e fondatore del Cult Education Institute, Rick Alan Ross, ma il direttore della comunicazione Joe Bardin dice a Inverse che semplicemente non riflette la realtà.

Non possiamo nemmeno vaccinare tutti, che tipo di setta non può vaccinare la sua gente?

Nel suo periodo di massimo splendore, molto prima del lancio di People Unlimited, The Eternal Flame ha attirato molti interessi su cosa fosse il gruppo e sul suo rapporto con i suoi membri. Ma nella sua adattabilità, sia The Eternal Flame che successivamente People Unlimited condividono un tratto fondamentale di molte comunità fondato su una convinzione estrema: una profezia fallita non significa la fine del movimento. Invece, può galvanizzare una nuova era.

Il paradosso della profezia

Al culmine dell’ascesa di Brown, The Eternal Flame avrebbe coinvolto 30.000 persone provenienti da più di 18 paesi nella sua mailing list all’inizio degli anni ’90, secondo un rapporto di AZ Central. Il gruppo ha fatto soldi addebitando le quote associative, tra le altre fonti di reddito.

Alla fine del 1993, il gruppo subì la sua prima battuta d’arresto indotta dalla morte del membro di spicco Donald Leon che fu colpito dal cancro. Il numero dei membri diminuì, ma la comunità è sopravvissuta. Un ex membro ha raccontato ad Arizona Central che la morte di Leon è stata un “colpo nelle viscere alla mia immortalità“.

La morte di Brown nel 2014 è stato un altro duro colpo per gli ideali su cui furono fondati The Eternal Flame e, successivamente, People Unlimited. Cohen ha trascorso mesi con People Unlimited a fare ricerche sulla sua tesi e dice che i membri avrebbero raramente discusso della morte del fondatore anche anni dopo.

Quando stavo facendo il mio lavoro sul campo, quando si sollevava il problema, spesso era in modo molto negativo“, dice.

“Il pubblico sbaglia quando pensa che i fatti da soli aiuteranno a risvegliare qualcuno”.

Quando Brown è morto nel 2014, il direttore delle comunicazioni di People Unlimited Joe Bardin ha detto ai media locali dell’Arizona che “mentre le idee sull’immortalità ardevano brillantemente dentro di lui, il modo in cui la viveva spesso gli sfuggiva“.

Un detto popolare tra il gruppo, secondo Cohen, è “ogni morte è un suicidio“.

Questa mentalità aiuta a razionalizzare la scomparsa dei suoi membri. Ma allo stesso tempo, queste morti hanno fatto sì che il gruppo si evolvesse dal fare affermazioni aspre sull’immortalità a idee più indulgenti su come invertire o fermare l’invecchiamento.

Pronostici falliti

Per i gruppi più facilmente riconosciuti come sette, una profezia fallita come la morte di un fondatore immortale può avere il potere paradossale di aumentare il fervore tra i membri e la leadership.

Nel loro libro del 1956 “When Prophecy Fails” [Quando la profezia fallisce], Leon Festinger, Henry Riecken e Stanley Schachter seguirono un culto fondato sulla previsione che i suoi seguaci sarebbero stati salvati da dischi volanti prima che il mondo finisse il 21 dicembre.

La principale profetessa del culto credeva che stesse ricevendo messaggi da esseri ultraterreni chiamati Guardiani – uno dei quali era Gesù reincarnato – che le parlavano di un diluvio imminente. Attirò un numero modesto di seguaci, ma il culto non si è formato reclutando membri.

In vista della predetta apocalisse del 21 dicembre, la leader rilasciò una serie di dichiarazioni molto specifiche, ma i seguaci del culto non rimasero mai delusi. In più di un’occasione, i membri del culto si radunarono nel cortile sul retro della casa della leader, in attesa di essere prelevati da un disco volante a un’ora e una data specifica, solo per unirsi ai loro salvatori extraterrestri. Ogni volta che le previsioni della leader del culto non avevano successo, lei inventava scuse, sostenendo anche che si trattava solo di test.

“Facciamo tutti i tipi di contorsioni per rimanere in allineamento.”

Ma quando è arrivato il 21 dicembre, né l’alieno Gesù né il diluvio si sono materializzati, la leader si è “consultata” con i Guardiani, che le hanno detto che le loro azioni e la loro preparazione avevano salvato il mondo dal disastro e il diluvio non era più una minaccia.

Questo avrebbe potuto essere un motivo naturale per lo scioglimento del gruppo – la profezia non era più rilevante – ma si è verificato il contrario. I giorni successivi al 21 dicembre, il gruppo ha fatto grande pubblicità e ha invitato i giornalisti per interviste. Nelle giuste condizioni, sostiene il libro, una profezia fallita potrebbe essere la cosa migliore che accada a una setta.

Il libro è ancora un’opera influente sulla psicologia delle sette. Al centro c’è il concetto di dissonanza cognitiva: il conflitto che gli esseri umani sperimentano nelle loro menti quando parti del loro cervello sono in contrasto tra loro.

“[È] l‘idea che alle persone piaccia essere congruenti tra ciò in cui si crede, come ci si comporta e come ci si sentono, e che facciamo tutti i tipi di contorsioni per rimanere in allineamento“, spiega Steven Hassan, esperto di salute mentale e di sette. “Soprattutto se siamo coinvolti in comportamenti estremi come cedere i nostri soldi o lasciare che nostra moglie si unisca a una setta“.

Steven Hassan – TEDxBoston
Steven Hassan

Hassan parla per esperienza: a 19 anni si unì alla Chiesa dell’Unificazione, alias il culto religioso Moonies. Ha trascorso più di due anni con il gruppo, vivendo in alloggi comuni e dormendo meno di quattro ore al giorno. Se n’è andato dopoessersi schiantato con un furgone a causa della privazione del sonno, e i suoi genitori assunsero consulenti per portarlo fuori dall’organizzazione. Ora egli lavora per aiutare altre persone a lasciare le sette.

Il pubblico sbaglia quando pensa che i fatti da soli aiuteranno a svegliare qualcuno. E nel caso di qualcuno che dice di essere immortale e poi il suo corpo muore, allora ci sono tutti i tipi di opportunità per razionalizzare, giustificare e inventare una storia“, dice.

Vite mortali, idee immortali

Che si tratti della fine mortale di una vita immortale o dell’apocalisse che non è mai accaduta, un grande evento non farà uscire la maggior parte dei membri del culto per averli delusi.

Storia di QAnon, il complottismo più inquietante d'America - la Repubblica

QAnon, la teoria della cospirazione politica, ha molte caratteristiche simili a una setta. I suoi partecipanti sono intensamente devoti, spesso trascorrono gran parte della loro vita alla ricerca di indizi e realizzano online contenuti non correlati a QA. I follower hanno descritto le loro difficoltà nell’uscire dal movimento e coloro che se ne vanno sono tagliati fuori dalla comunità, che è in gran parte online.

Mike Rothschild, autore di The Storm is Upon Us, paragona QAnon a una dipendenza dalla quale i follower non riescono ad uscire.

Quando vieni coinvolto in un movimento come QAnon, esso tende a prendere il sopravvento sulla tua vita. Diventa l’unica cosa che conta“, dice a Inverse. “E molto presto, nient’altro ti piace davvero.”

I seguaci di QAnon hanno dovuto avventurarsi in numerose profezie e previsioni fallite da quando il movimento ha iniziato a prendere piede nel 2017.

“Non vuoi allontanarti da questo perché vuoi che sia vero”

Si basa su una previsione fallita: l’idea che Hillary Clinton sarebbe stata arrestata il 3 novembre“, spiega Rothschild. “Non è mai successo. Ed è stata una grande opportunità per le persone di dire: ‘Beh, è ​​stato divertente, passiamo alla prossima cosa.’ Ma a quel punto, erano passate solo un paio di settimane e le persone erano già davvero coinvolte nell’arrivo VERO. E a quel punto, non te ne vuoi allontanare perché vuoi che sia vero.

Questo schema continua, anche se le profezie sono diventate sempre più stravaganti. Nell’ottobre 2021, i seguaci di QAnon si sono recati a Dallas, in Texas, per assistere al ritorno di John F. Kennedy a Dealey Plaza, dove è stato assassinato nel 1963. La previsione di ottobre è fallita. Presto si formò un gruppo frammentato di entusiasti di Q, guidati dall’uomo dietro la profezia di JFK, Michael Protzman. Il gruppo in seguito si chiamò Negativo 48 e Protzman continuò a fare previsioni sul fatto che JFK stava per tornare a Dallas. Ogni volta che l’ex presidente non è ricomparso dai morti, la data del suo ritorno è stata semplicemente posticipata di alcune settimane. Nel frattempo, i seguaci di Protzman gli hanno dato migliaia di dollari per pagare vitto e alloggio mentre il gruppo aspettava.

Negative 48 è molto più simile a un cult classico rispetto al principale movimento QAnon, secondo Rothschild. Come nel classico modello di culto, Negative 48 è guidato da un leader carismatico e i membri rinunciano alle proprie vite e ai loro risparmi per sostenere la causa. I resti del gruppo sono ancora lì oggi, ignorando risolutamente il flusso costante di profezie fallite, proprio come i cercatori di immortalità e gli osservatori di dischi volanti prima di loro.

Se marcia per Dallas da mesi gridando alla gente che JFK sta tornando e non succede, questo è l’ultimo dei tuoi problemi“, dice. “Aspetterai finché non accadrà perché cos’altro hai intenzione di fare?

I culti e le credenze estreme ci affascinano perché siamo tutti suscettibili alla loro attrazione.

Fonte: https://www.inverse.com/culture/cult-survival-tactic?fbclid=IwAR3oFqkeMz6IX3a3PSulbel6cC3wuamn3Z-gNssjQDUyPqKsq4tfRzkVgN4

——————————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

4 segnali che qualcuno che conosci è entrato a far parte di una setta, secondo un esperto di controllo mentale

di Charissa Cheong

Person extending hand to someone else

Se una persona è particolarmente vulnerabile, è più facile per un “leader carismatico” reclutarla in una setta, sostiene un esperto

Negli ultimi tre mesi il regista e pastore di Los Angeles Robert Shinn ha ricevuto forti accuse di aver influenzato il pensiero dei ballerini di TikTok che hanno firmato con la sua società di gestione dei talenti, 7M Films, cosa che lui nega.

La società di gestione è stata accusata di sembrare “una setta” dai media e da individui che erano vicini ai ballerini prima che si associassero a Shinn e ora si sentono isolati da loro.

La società è stata messa sotto accusa online per la prima volta a febbraio, quando la famiglia della ballerina di TikTok Miranda Derrick ha pubblicato un video su Instagram dicendo di essere preoccupata per il suo benessere dopo che ella era entrata a far parte di una società di gestione dell’intrattenimento legata a una chiesa.

È una vittima di una setta della chiesa nell’area di Los Angeles e ha bloccato e interrotto tutti i contatti con la sua famiglia“, ha raccontato nel video la sorella di Derrick, Melanie Wilking.

In una successiva dichiarazione su Instagram la sorella ha negato di essere coinvolta in un culto religioso. Attraverso un rappresentante di 7M, Derrick ha scritto a Insider: “La mia famiglia ha reagito alla mia indipendenza e alle mie scelte personali e professionali attaccando pubblicamente me, mio marito, la mia fede e il mio management. 7M mi rappresenta come sua cliente e mi tratta come qualsiasi altro. Il talent manager si occupa dei propri clienti. Sono un adulta e pago le mie bollette e le mie tasse e controllo le mie finanze“.

Un rappresentante di 7M e Shinn ha riferito a Insider che le accuse erano “false e diffamatorie“.

C’erano fino a 10.000 sette attive negli Stati Uniti nel 2018, ha detto alla CBS il presidente della International Cultic Studies Association, Steve Eichel. Uno studio condotto dall’Università della Columbia su un gruppo di ex membri di una setta ha rilevato che i membri in media hanno lottato con la depressione e la formazione dell’identità più di altre persone nella loro stessa fascia di età.

Julia Black di Insider ha parlato con il dottor Steven Hassan, un professionista della salute mentale autorizzato con interessi di ricerca nel controllo mentale basato sulle sette, che ha fornito alcuni potenziali segnali che potrebbero significare che una persona è diventata o sarà probabilmente coinvolta in una setta.

Ecco alcuni dei segnali di pericolo a cui ha consigliato di prestare attenzione.

La persona è in uno stato particolarmente vulnerabile

Perché è importante essere vulnerabili? | Serenis

Hassan ha raccontato a Insider che non esiste un elenco “clinico” di criteri esatti che le persone possono utilizzare per diagnosticare quando una persona ha subito il lavaggio del cervello. Tuttavia, ha affermato che spesso le “influenze sociali” su una persona sono ciò che determina la sua suscettibilità al controllo mentale.

Se qualcuno si trova in un punto “vulnerabile” della sua vita, che ha a che fare con problemi emotivi o circostanziali, può essere più facilmente influenzato dalle tecniche di lavaggio del cervello, ha riferito.

Rachel Bernstein, una terapeuta specializzata nel trattamento dei sopravvissuti a una setta, in precedenza ha detto a Insider che le persone a cui sono state recentemente diagnosticate malattie terminali o croniche vivono da sole per la prima volta, o che hanno subito la morte di una persona cara, sono esempi di persone che tendono ad entrare in stati di fragilità e quindi hanno maggiori probabilità di unirsi a un gruppo simile a una setta.

La persona si avvicina a una ‘figura carismatica’ che comincia ad avere influenza su di essa

Uomini che adorano una figura carismatica | Vettore Premium

Hassan ha detto a Insider che ci sono molti diversi tipi di gruppi simili ad una setta, ma un modello operava attorno al “prepotente uno contro uno“, che controlla e isola una persona.

Questa relazione potrebbe formarsi tra una persona vulnerabile e una “figura carismatica” di cui si fida, ha raccontato. La persona potrebbe essere “in uno stato di schiacciante confusione” e “disconnettersi a causa della disperazione o dell’impotenza“, che è una delle prime condizioni per il lavaggio del cervello, ha riferito.

A volte, le persone si isolano dagli altri perché stare con le persone crea sentimenti di “paura e incertezza“. Quando una figura di leader “carismatica” entra nelle loro vite, potrebbe convincere la persona vulnerabile a fidarsi di lui, diventando la principale fonte di contatto di quella persona prima di farle il lavaggio del cervello, ha spiegato Hassan.

Bernstein in precedenza aveva detto a Insider che “A volte le persone vogliono solo entrare in contatto con persone con cui pensano di avere qualcosa in comune“, aggiungendo che questo potrebbe essere il motivo per cui le persone isolate e vulnerabili si legano a una setta o a un leader di una setta.

La persona è coinvolta in un gruppo con principi religiosi diversi da quelli tradizionali

Alcune sette hanno programmi religiosi specifici e Hassan ha affermato che è importante non mettere insieme tutti i comportamenti religiosi o trattarli allo stesso modo quando si cerca di identificare se qualcuno è coinvolto in un gruppo religioso simile a una setta.

Alcuni gruppi religiosi marginali possono differire notevolmente nell’insegnamento dalla religione tradizionale, ha detto a Insider. Ad esempio, i gruppi che manipolano i loro seguaci per denaro potrebbero essere visti come sette, poiché hanno “distorto” il cristianesimo in modo tale da “portare via la parte buona dell’esperienza religiosa“, ha affermato.

La persona non è in grado di allontanarsi dalla comunità, anche per un breve periodo di tempo

Dipendenza affettiva, come si cura

Molte organizzazioni simili a sette sono note per incoraggiare le persone a rinunciare alla propria famiglia e a interrompere i contatti con il mondo esterno. Hassan ha detto: “Se sei sicuro di non essere in uno stato di lavaggio del cervello o in una setta, allora dimostralo a te stesso e dimostralo alla tua famiglia. Esci dall’esperienza per una settimana“.

Fonte: https://www.insider.com/4-signs-cult-mind-control-specialist-2022-6

——————————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Dal dio Ramtha alle criptovalute, così le nuove sette restano al passo coi tempi

di  Davide Leo

Dall’articolo:

“Molti di questi gruppi non dicono niente di nuovo rispetto ai culti new age presenti in Italia da anni”, specifica ad HuffPost Lorita Tinelli, psicologa e presidente del Cesap, il centro studi sugli abusi psicologici. “Che parlino di potenziamento, crescita spirituale, energia cosmica o altro, sette del genere propongono soluzioni a carenze e bisogni umani. Chi aderisce a queste organizzazioni solitamente non è uno sprovveduto, anzi spesso gli adepti sono persone con mezzi economici e culturali sopra la media. Ma sono persone che hanno bisogno di aiuto, che per i motivi più disparati si trovano in un periodo difficile della loro vita e sono fragili. In momenti come quelli è facile cedere al racconto di un guru o santone che offre risposte semplici ai nostri problemi. Faccio un esempio: in questi giorni una santona di Torino sta affrontando una richiesta di rinvio a giudizio perché diceva ai suoi seguaci di essere stata costruita in un laboratorio e che grazie a questi poteri poteva modificare il Dna delle persone e guarirle da tutte le malattie. Detta così fa ridere, eppure i 300 seguaci di questa santona erano tutti rispettabili professionisti. Ma erano persone bisognose di speranza, malate, e avevano intrapreso con lei un percorso di guarigione. Una donna con un tumore seguendo questa santona ha abbandonato la chemioterapia ed è morta”.

Il resto della mia intervista potete leggerlo qui

Nuovo libro sulla manipolazione mentale

IN USCITA

“GASLIGHTING – LA PIÙ SUBDOLA TECNICA DI MANIPOLAZIONE PSICOLOGICA.”

AUTORI: Avv. Mara Scatigno, Avv. Lorenzo Puglisi e Dott.ssa Lorita Tinelli Psicologa

CASA EDITRICE: Edizioni Giuridiche Oristano

LIBRO CARTACEO €.20,00
EBOOK €.15,00

PER PRENOTAZIONE COPIE CONTATTATECI ALLA MAIL ORISTANO@EDIZIONIGIURIDICHE.COM OPPURE AL TELEFONO N.3423527154 E 3490596823 (ANCHE WHATSAPP)