I culti che sopravvivono anche quando la profezia fallisce

Alieni, immortalità e zombie JFK… Un tratto essenziale spiega come le credenze estreme sopravvivono e prosperano.

Nel 1959, Charles Paul Brown sperimentò un “risveglio cellulare“.

Secondo Brown, il suo corpo brillava, i versetti della Bibbia brillavano davanti ai suoi occhi e sentì “trafitto fino al nucleo delle cellule e degli atomi del corpo“, che, come disse lui, risvegliò il suo DNA. Non fu in grado di alzarsi dal letto per mesi dopo l’incidente. Quando si riprese, dichiarò di essere immortale.

Immortality eludes People Unlimited founder

Brown alla fine rinunciò alla carriera di predicatore del Vangelo e fondò una sua religione incentrata sull’immortalità. Nel 1982, Brown creò The Eternal Flame, un gruppo il cui sistema di credenze era incentrato sulle sue pretese di vita eterna. Promise di trasmettere ai suoi seguaci la sua autoproclamata immunità alla morte attraverso un processo che chiamò “rapporto cellulare“.

Immortality eludes People Unlimited founder

Nel corso di tre decenni, The Eternal Flame è cresciuto fino a includere migliaia di persone e ha cambiato più volte nome e principi. Poi, nel 2014, l’ex fondatore immortale ha subito una grave catastrofe: Brown è morto a 79 anni.

I culti e le credenze estreme ci affascinano perché siamo tutti suscettibili alla loro attrazione. Cult Week esplora queste storie e gli spazi liminali tra il reale e l’immaginario.

Con l’immortalità di Brown definitivamente smentita, la fine avrebbe dovuto essere vicina anche per le sue idee. Ma gran parte dei suoi insegnamenti sopravvisse. Nel 1996, sua moglie Bernadeane e il socio in affari James Strole hanno lanciato People Unlimited, una nuova versione della community che ha annullato quasi completamente il ricordo del malato Brown.

In effetti, People Unlimited oggi ha poca o nessuna somiglianza con The Eternal Flame.

Gran parte del suo marketing sta facendo risalire la sua storia al 2014 piuttosto che agli anni ’70, quando in realtà hanno iniziato“, dice a Inverse Jeremy Cohen, assistente professore di studi religiosi alla McMaster University.

People Unlimited ha dovuto adattarsi per sopravvivere all’eredità di Brown. Oggi, il gruppo si concentra più sulla ricerca scientifica e sulle innovazioni anti-invecchiamento che sui veri e propri miracoli. Ospita anche il RAADfest (pensa al Coachella per le persone che vogliono vivere per sempre), dove i membri della comunità possono riunirsi per condividere idee per una “vita senza età“.

In un commento per questa storia, People Unlimited nega fortemente di essere una setta. Il gruppo è stato definito un culto in passato, anche dal deprogrammatore e fondatore del Cult Education Institute, Rick Alan Ross, ma il direttore della comunicazione Joe Bardin dice a Inverse che semplicemente non riflette la realtà.

Non possiamo nemmeno vaccinare tutti, che tipo di setta non può vaccinare la sua gente?

Nel suo periodo di massimo splendore, molto prima del lancio di People Unlimited, The Eternal Flame ha attirato molti interessi su cosa fosse il gruppo e sul suo rapporto con i suoi membri. Ma nella sua adattabilità, sia The Eternal Flame che successivamente People Unlimited condividono un tratto fondamentale di molte comunità fondato su una convinzione estrema: una profezia fallita non significa la fine del movimento. Invece, può galvanizzare una nuova era.

Il paradosso della profezia

Al culmine dell’ascesa di Brown, The Eternal Flame avrebbe coinvolto 30.000 persone provenienti da più di 18 paesi nella sua mailing list all’inizio degli anni ’90, secondo un rapporto di AZ Central. Il gruppo ha fatto soldi addebitando le quote associative, tra le altre fonti di reddito.

Alla fine del 1993, il gruppo subì la sua prima battuta d’arresto indotta dalla morte del membro di spicco Donald Leon che fu colpito dal cancro. Il numero dei membri diminuì, ma la comunità è sopravvissuta. Un ex membro ha raccontato ad Arizona Central che la morte di Leon è stata un “colpo nelle viscere alla mia immortalità“.

La morte di Brown nel 2014 è stato un altro duro colpo per gli ideali su cui furono fondati The Eternal Flame e, successivamente, People Unlimited. Cohen ha trascorso mesi con People Unlimited a fare ricerche sulla sua tesi e dice che i membri avrebbero raramente discusso della morte del fondatore anche anni dopo.

Quando stavo facendo il mio lavoro sul campo, quando si sollevava il problema, spesso era in modo molto negativo“, dice.

“Il pubblico sbaglia quando pensa che i fatti da soli aiuteranno a risvegliare qualcuno”.

Quando Brown è morto nel 2014, il direttore delle comunicazioni di People Unlimited Joe Bardin ha detto ai media locali dell’Arizona che “mentre le idee sull’immortalità ardevano brillantemente dentro di lui, il modo in cui la viveva spesso gli sfuggiva“.

Un detto popolare tra il gruppo, secondo Cohen, è “ogni morte è un suicidio“.

Questa mentalità aiuta a razionalizzare la scomparsa dei suoi membri. Ma allo stesso tempo, queste morti hanno fatto sì che il gruppo si evolvesse dal fare affermazioni aspre sull’immortalità a idee più indulgenti su come invertire o fermare l’invecchiamento.

Pronostici falliti

Per i gruppi più facilmente riconosciuti come sette, una profezia fallita come la morte di un fondatore immortale può avere il potere paradossale di aumentare il fervore tra i membri e la leadership.

Nel loro libro del 1956 “When Prophecy Fails” [Quando la profezia fallisce], Leon Festinger, Henry Riecken e Stanley Schachter seguirono un culto fondato sulla previsione che i suoi seguaci sarebbero stati salvati da dischi volanti prima che il mondo finisse il 21 dicembre.

La principale profetessa del culto credeva che stesse ricevendo messaggi da esseri ultraterreni chiamati Guardiani – uno dei quali era Gesù reincarnato – che le parlavano di un diluvio imminente. Attirò un numero modesto di seguaci, ma il culto non si è formato reclutando membri.

In vista della predetta apocalisse del 21 dicembre, la leader rilasciò una serie di dichiarazioni molto specifiche, ma i seguaci del culto non rimasero mai delusi. In più di un’occasione, i membri del culto si radunarono nel cortile sul retro della casa della leader, in attesa di essere prelevati da un disco volante a un’ora e una data specifica, solo per unirsi ai loro salvatori extraterrestri. Ogni volta che le previsioni della leader del culto non avevano successo, lei inventava scuse, sostenendo anche che si trattava solo di test.

“Facciamo tutti i tipi di contorsioni per rimanere in allineamento.”

Ma quando è arrivato il 21 dicembre, né l’alieno Gesù né il diluvio si sono materializzati, la leader si è “consultata” con i Guardiani, che le hanno detto che le loro azioni e la loro preparazione avevano salvato il mondo dal disastro e il diluvio non era più una minaccia.

Questo avrebbe potuto essere un motivo naturale per lo scioglimento del gruppo – la profezia non era più rilevante – ma si è verificato il contrario. I giorni successivi al 21 dicembre, il gruppo ha fatto grande pubblicità e ha invitato i giornalisti per interviste. Nelle giuste condizioni, sostiene il libro, una profezia fallita potrebbe essere la cosa migliore che accada a una setta.

Il libro è ancora un’opera influente sulla psicologia delle sette. Al centro c’è il concetto di dissonanza cognitiva: il conflitto che gli esseri umani sperimentano nelle loro menti quando parti del loro cervello sono in contrasto tra loro.

“[È] l‘idea che alle persone piaccia essere congruenti tra ciò in cui si crede, come ci si comporta e come ci si sentono, e che facciamo tutti i tipi di contorsioni per rimanere in allineamento“, spiega Steven Hassan, esperto di salute mentale e di sette. “Soprattutto se siamo coinvolti in comportamenti estremi come cedere i nostri soldi o lasciare che nostra moglie si unisca a una setta“.

Steven Hassan – TEDxBoston
Steven Hassan

Hassan parla per esperienza: a 19 anni si unì alla Chiesa dell’Unificazione, alias il culto religioso Moonies. Ha trascorso più di due anni con il gruppo, vivendo in alloggi comuni e dormendo meno di quattro ore al giorno. Se n’è andato dopoessersi schiantato con un furgone a causa della privazione del sonno, e i suoi genitori assunsero consulenti per portarlo fuori dall’organizzazione. Ora egli lavora per aiutare altre persone a lasciare le sette.

Il pubblico sbaglia quando pensa che i fatti da soli aiuteranno a svegliare qualcuno. E nel caso di qualcuno che dice di essere immortale e poi il suo corpo muore, allora ci sono tutti i tipi di opportunità per razionalizzare, giustificare e inventare una storia“, dice.

Vite mortali, idee immortali

Che si tratti della fine mortale di una vita immortale o dell’apocalisse che non è mai accaduta, un grande evento non farà uscire la maggior parte dei membri del culto per averli delusi.

Storia di QAnon, il complottismo più inquietante d'America - la Repubblica

QAnon, la teoria della cospirazione politica, ha molte caratteristiche simili a una setta. I suoi partecipanti sono intensamente devoti, spesso trascorrono gran parte della loro vita alla ricerca di indizi e realizzano online contenuti non correlati a QA. I follower hanno descritto le loro difficoltà nell’uscire dal movimento e coloro che se ne vanno sono tagliati fuori dalla comunità, che è in gran parte online.

Mike Rothschild, autore di The Storm is Upon Us, paragona QAnon a una dipendenza dalla quale i follower non riescono ad uscire.

Quando vieni coinvolto in un movimento come QAnon, esso tende a prendere il sopravvento sulla tua vita. Diventa l’unica cosa che conta“, dice a Inverse. “E molto presto, nient’altro ti piace davvero.”

I seguaci di QAnon hanno dovuto avventurarsi in numerose profezie e previsioni fallite da quando il movimento ha iniziato a prendere piede nel 2017.

“Non vuoi allontanarti da questo perché vuoi che sia vero”

Si basa su una previsione fallita: l’idea che Hillary Clinton sarebbe stata arrestata il 3 novembre“, spiega Rothschild. “Non è mai successo. Ed è stata una grande opportunità per le persone di dire: ‘Beh, è ​​stato divertente, passiamo alla prossima cosa.’ Ma a quel punto, erano passate solo un paio di settimane e le persone erano già davvero coinvolte nell’arrivo VERO. E a quel punto, non te ne vuoi allontanare perché vuoi che sia vero.

Questo schema continua, anche se le profezie sono diventate sempre più stravaganti. Nell’ottobre 2021, i seguaci di QAnon si sono recati a Dallas, in Texas, per assistere al ritorno di John F. Kennedy a Dealey Plaza, dove è stato assassinato nel 1963. La previsione di ottobre è fallita. Presto si formò un gruppo frammentato di entusiasti di Q, guidati dall’uomo dietro la profezia di JFK, Michael Protzman. Il gruppo in seguito si chiamò Negativo 48 e Protzman continuò a fare previsioni sul fatto che JFK stava per tornare a Dallas. Ogni volta che l’ex presidente non è ricomparso dai morti, la data del suo ritorno è stata semplicemente posticipata di alcune settimane. Nel frattempo, i seguaci di Protzman gli hanno dato migliaia di dollari per pagare vitto e alloggio mentre il gruppo aspettava.

Negative 48 è molto più simile a un cult classico rispetto al principale movimento QAnon, secondo Rothschild. Come nel classico modello di culto, Negative 48 è guidato da un leader carismatico e i membri rinunciano alle proprie vite e ai loro risparmi per sostenere la causa. I resti del gruppo sono ancora lì oggi, ignorando risolutamente il flusso costante di profezie fallite, proprio come i cercatori di immortalità e gli osservatori di dischi volanti prima di loro.

Se marcia per Dallas da mesi gridando alla gente che JFK sta tornando e non succede, questo è l’ultimo dei tuoi problemi“, dice. “Aspetterai finché non accadrà perché cos’altro hai intenzione di fare?

I culti e le credenze estreme ci affascinano perché siamo tutti suscettibili alla loro attrazione.

Fonte: https://www.inverse.com/culture/cult-survival-tactic?fbclid=IwAR3oFqkeMz6IX3a3PSulbel6cC3wuamn3Z-gNssjQDUyPqKsq4tfRzkVgN4

——————————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte