Una giornata studio per sensibilizzare sui rischi delle pseudoscienze

Una giornata studio per riconoscere gli inganni e le trappole delle pseudoscienze. In un momento in cui le notizie non accurate o inventate di sana pianta proliferano sul web e si diffondono con estrema rapidità sui social è importante intervenire per dare la giusta interpretazione ai fenomeni e per fornirsi dei giusti strumenti per poter riconoscere gli imbrogli.

È questo l’animo con cui il Cesap, Centro studi sugli abusi psicologici, in collaborazione con il Master di Psicologia giuridica e neuropsicologica e forense dell’Università “Aldo Moro” di Bari e con il patrocinio dell’Ordine degli Psicologi di Puglia e dell’Università di Bari ha deciso di organizzare la giornata Studio dal titolo “Epistemologie controverse: pseudoscienza e libertà”, venerdì 24 novembre 2023, a partire dalle ore 8,30 nell’aula G. Contento dell’Università di Bari in piazza Cesare Battisti, 1.

L’ingresso è libero e possono parteciparvi tutti coloro che sono interessati all’argomento, che vogliano saperne di più e che abbiano delle curiosità da soddisfare. Alla fine di ogni sezione è previsto il dibattito durante il quale i relatori possono rispondere alle domande dal pubblico.

Durante la giornata sarà disponibile un opuscolo redatto dal dott. Luigi Corvaglia, con prefazione e conclusioni della dott.ssa Lorita Tinelli, riguardante il complottismo di Qanon. Il testo si propone di rendere evidenti le dinamiche oggi presenti nella società attuale. Il libro presenta in copertina uno dei disegni di Roberta Repetto, aiuterà a costituire un fondo per il sostegno alle vittime degli abusi psicologici

“Il Cesap da anni sensibilizza sulle pseudoscienze e su tutte le pratiche e modalità poste in essere per creare acquiescenza nell’individuo, impedendogli di autodeterminarsi. Quest’anno abbiamo pensato di realizzare questo progetto con la prof.ssa Curci, direttrice del master di II livello di Psicologia Giuridica e neuropsicologia forense dell’Università di Bari. Assieme a validi relatori discuteremo sull’etica delle pseudoscienze e sulle pratiche controverse, indagando i vari campi che facilitano la loro espansione, sollecitando consapevolezze e nuovi processi di pensiero per riconoscerne il pericolo e per difendersi – afferma la presidente del Cesap, dott.ssa Lorita Tinelli -. Ma anche attiveremo un dialogo con le istituzioni presenti, volto alla creazione di solide reti per il sostegno delle persone colpite da esperienze settarie, ma anche per un effettivo cambiamento culturale e di approccio a questo fenomeno”

Le costellazioni familiari

*CONSTELACIONES FAMILIARES (LA TERAPIA QUE ROMPE FAMILIAS)

Le cosiddette costellazioni sistemiche di Bert Hellinger, che egli propone come terapia per i problemi con le famiglie e le organizzazioni, sono ora diffuse in più di 25 paesi in tutto il mondo; esse sono particolarmente popolari nei circoli esoterici e New Age.

Più di mezzo milione dei suoi libri e video, basati su questo tipo di terapia, sono stati venduti in questi paesi, il che dovrebbe costituire una rivoluzione nel campo della psicoterapia.


Negli ultimi due anni, le idee reazionarie di Hellinger sono state sottoposte a severi attacchi nella sua nativa Germania, mentre non c’è quasi nessuna critica in altri paesi.

I critici tedeschi sottolineano che Hellinger non sta solo cercando di riportare indietro l’orologio dei successi nella società contemporanea di decenni o addirittura secoli, ma sta anche adottando regolarmente un atteggiamento molto umiliante nei confronti di coloro che si rivolgono a lui per chiedere aiuto. Peggio ancora, mostra simpatia e compassione per dittature come il regime di Adolf Hitler e il suo movimento nazionalsocialista.

La maggior parte degli insegnamenti e dei libri di Hellinger che trattano questi argomenti sono disponibili solo in tedesco. Questo articolo critico su Hellinger è forse il primo in assoluto ad essere apparso in inglese e offre un breve resoconto del suo modo di fare terapia, nonché una panoramica delle reazioni critiche ai suoi metodi terapeutici.

Contesto

A RedUNE, abbiamo ricevuto richieste da varie persone, professionisti e istituzioni interessate a saperne di più sulla “terapia delle costellazioni familiari” (TCF) e domande sulla veridicità dei risultati riportati dai suoi sostenitori.

In questo articolo speciale riportiamo i risultati della nostra ricerca, basata su evidenze cliniche a sostegno dell’efficacia della TCF.

Domanda mirata

L’attuale indicazione terapeutica della TCF è varia e ampia. Si va dai problemi relazionali, ai problemi familiari, dall’abuso di sostanze e dall’abuso sessuale, ad altri disturbi come l’anoressia nervosa, i tentativi di suicidio e “tutti i problemi psicologici che hanno un’origine sistemica“. Allo stesso modo, l’effetto terapeutico della TCF viene riportato nel giro di poche ore, se non immediatamente. Nei testi che promuovono la TCF non è specificato se tale effetto sia curativo, palliativo o riabilitativo, appellandolo piuttosto come “risoluzione dei problemi“.

La nostra domanda sull’efficacia riportata della TCF era focalizzata come segue: qual è l’efficacia terapeutica della TCF rispetto ad altre modalità terapeutiche o farmacologiche per il trattamento di problemi di origine sistemica a breve termine? Poiché la metodologia più comune per valutare l’efficacia delle modalità psicoterapeutiche di tipo sistemico è il rapporto caso-controllo, si è deciso di focalizzare questa domanda in una revisione sistematica di coorte.

Metodo di ricerca

È stata effettuata una ricerca di pubblicazioni scientifiche nei database Pubmed, LILACS, NovoSeek e MedlinePlus con i seguenti criteri di ricerca:

Caso: pazienti di qualsiasi età, che vengono trattati con TCF con una diagnosi clinicamente determinata secondo i criteri DCM-IV o ICT-10.

Controllo: pazienti correlabili con la diagnosi del caso, che hanno ricevuto un altro tipo di prestazione terapeutica rispetto alla TCF.

Evento: cambiamento o peggioramento non significativo nella diagnosi della condizione trattata

La nostra ricerca nelle quattro banche dati ha prodotto un totale di dodici pubblicazioni, di cui 11 si riferivano al termine “costellazione familiare” come definizione all’interno della psicologia sistemica, e non come modalità terapeutica, mentre una di esse riportava una correlazione senza gruppo di controllo e senza specificare se era stata utilizzata la TCF o se era stata descritta una costellazione familiare compresa dalla teoria dei sistemi.

In una seconda ricerca, senza un gruppo di confronto (controllo), non è stata trovata alcuna pubblicazione che riportasse la FCT come modalità terapeutica.

Va notato che per evitare distorsioni nella ricerca, tutti i database, sia in spagnolo che in inglese, sono stati cercati con le stesse modalità.

Risultati di ricerca

La nostra ricerca nei database non ha avuto successo, quindi ad oggi non ci sono prove cliniche sulla TCF che ci consentano di comprovarne l’efficacia clinica. In assenza di prove, è stata utilizzata una ricerca bibliografica.

In questa ricerca sono stati trovati 330 libri dal titolo “Costellazioni familiari“, di cui il 90% indica le pubblicazioni dell’autore Bert Hellinger come fondamento dell’efficacia della TCF.

In una seconda ricerca nelle banche dati, si è deciso di cercare articoli pubblicati da “Hellinger, B”, “Hellinger, Bert” o “Hellinger, Robert”. Non è stato trovato un solo articolo scientifico con il nome di questo autore.

In una terza revisione, i riferimenti bibliografici sono stati cercati per la paternità di “Bert Hellinger“, dal 1980 al 2000 senza trovare un solo libro in spagnolo sull’argomento. Si noti che dei 330 libri individuati nel database bibliografico, 243 fanno esplicito riferimento al fatto che la TCF è stata sviluppata negli anni ’80.

Dall’anno 2000 alla data di questa revisione sistematica, sono stati trovati 4 libri scritti da “Bert Hellinger” e con il tema “Costellazioni Familiari“. In questi libri sono stati trovati un totale di venticinque casi in cui è riportato l’uso della TCF, tutti indicanti l’efficacia terapeutica nell’ordine della remissione dei sintomi. Tuttavia, la metodologia di selezione dei casi, la dimensione del campione per considerare significativi i casi riportati e i comparatori utilizzati per convalidare l’efficacia terapeutica non sono documentati. Allo stesso modo, nessuno dei 25 casi segnalati è descritto con criteri DSM-IV o ICD-10, rendendo impossibile identificare con precisione il quadro diagnostico dei casi trattati.

Discussione e limiti

In questa revisione sistematica non abbiamo trovato studi clinici pubblicati che forniscano un livello di evidenza sufficientemente affidabile per considerare la TCF come una psicoterapia di comprovata efficacia. Ci sono solo 25 casi riportati dall’ideatore di questa modalità terapeutica senza la descrizione metodologica del motivo per cui questo campione è considerato significativo.

La mancanza di evidenze cliniche e la scarsa disponibilità di riferimenti bibliografici (si noti che su 330 libri, il 90% cita opere dello stesso autore) al di là dei quattro libri di Bert Hellinger, impediscono di considerare la TCF come una psicoterapia clinica.

Sulla base di questi risultati, la TCF non sarebbe raccomandata per nessun motivo in ambito sanitario. La TCF non appartiene alla Psicologia Clinica. La TCF non deve essere confusa con il termine sistemico “costellazione familiare” che è comunemente usato nel campo clinico della terapia di coppia e familiare. Tutti i pazienti che si rivolgono a TCF devono essere avvertiti dal proprio medico che TCF non ha un’efficacia clinica dimostrata.

Questa revisione sistematica dovrebbe essere replicata da psicologi di lingua tedesca, poiché l’origine tedesca dell’autore citato potrebbe aver prevenuto e ridotto il numero di pubblicazioni disponibili.

Bibliografía

Bert Hellinger, Graciela Lauro , Las constelaciones familiares- reconciliacion con el origen y el destino. Omeba, 2006

Bert Hellinger, El intercambio: didáctica de constelaciones familiares, Rigden Institut Gestalt, 2006

Bert Hellinger, Víctor Bassini, Raquel Schlosser de Bassini,  La paz inicia en el alma: constelaciones familiares al servicio de la reconciliación. Herder, 2006

Bert Hellinger  Si supieran cuánto los amo. Herder, 2003

ALCUNE RISPOSTE ALLE DOMANDE.

L’esperienza soggettiva individuale in questo tipo di workshop può essere arricchente all’interno del proprio quadro di aspettative. È come se offrissi a qualcuno un corso di francese di 1 ora e poi gli facessi una verifica di francese. Certo che si vedrà che ha imparato qualcosa! Tuttavia, ciò non significa che costui conosce già il francese.

La scissione tra mente-corpo e tra ragione-cuore sono espedienti che i ciarlatani usano per convincere gli ignari del funzionamento etereo di tecniche che non possono essere verificate. Indipendentemente dal “funziona per me“, non possiamo essere sicuri che qualcosa faccia ciò che afferma di fare sulla base delle testimonianze.

L’appellativo di “terapia” non rientra nelle costellazioni familiari. Esse sono più un rituale spirituale, che è molto rispettabile, ma non uno strumento terapeutico, a meno che tu non lo dimostri, cosa che fino ad oggi non è accaduto.

Ottimo articolo. Vedo con preoccupazione il modo in cui le Costellazioni Familiari si diffondono tra gli psicoterapeuti. Si tratta, a mio avviso, in fondo di un’altra forma di “terapia di grande gruppo”, altamente drammatica, intensa e apparentemente efficace. È lo stesso di “est” e altri metodi ereditati dagli anni ’70, solo con un contenuto new age compatibile con la mitologia contemporanea. Per non parlare delle curiose affermazioni di Hellinger su Hitler e il nazismo.

La rapida diffusione di questa pseudoterapia è attribuita a due fattori:

  1. Quello economico, potendo fatturare a ciascun partecipante in modo indipendente, consentendo al “terapista” di intascare una somma oscena solo per aver fatto “una farsa di gruppo“, e
  2. La mancanza di formazione metodologica in varie facoltà di psicologia che rende molti psicologi troppo creduloni e fiduciosi in ciò che sembra loro attraente, ma senza verificare il rigore scientifico delle terapie che emergono.

È abbastanza semplice dimostrare che i rabdomanti non trovano nulla con le bacchette di frassino (o di nocciola, non sono nemmeno d’accordo su questo) o con i pendoli. Ed è molto più facile dimostrare che quelli che dicono di “vedere l’aura” non… beh, è ​​facile se riesci a convincere uno di questi imbroglioni ad accettare un piccolo esperimento, cosa che non fanno, e che di solito lo fanno perché lo abbandonano.

Ma la cosa delle “costellazioni familiari” suona strana al grande pubblico. Che cos’è?

Secondo la sua stessa biografia, Bert Hellinger è un ex prete che si è interessato alla psicoanalisi e poi si è immerso nell’intero ginepraio di psicoterapie alla moda che quasi nessuno ricorda oggi (come la “terapia dell’urlo primario“, “terapia della Gestalt“, “- da non confondere con la teoria gestaltica della percezione -, “analisi transazionale“) e molti altri approcci) e che condividono due caratteristiche a dir poco inquietanti: sono tutte contraddittorie tra loro, e tutte si presentano come “la verità” nella comprensione di comportamenti complessi senza fornire prove scientifiche per le loro asserzioni.

Da questo, Hellinger ha sviluppato la sua terapia, diversa da tutte le altre e presentandola… come la verità nella comprensione del complesso comportamento umano: le “costellazioni familiari“.

La cosa curiosa è che se si controlla la sezione “costellazioni familiari” di un’organizzazione come l’Associazione Spagnola delle Costellazioni Familiari di Bert Hellinger o si va sul sito dell’autoproclamato esperto Vedanta Suravi (che ha studiato questa specialità alla “Osho University” che insegna ad essere medium e altre carinerie), su constelaciones.org o anche sul sito Constelaciones México, che è la società che gestisce il corso a Granada, si trovano spiegazioni vaghe sull’argomento e un po’ sui meccanismi utilizzati dalla terapia senza che sia chiaro cosa ipotizza la costellazione familiare e come sappiamo che essa sia vera.

Probabilmente non lo spiegano perché temono che parlare chiaramente di ciò che Hellinger ha proposto possa spaventare alcuni dei loro clienti.

Le costellazioni familiari

Secondo Hellinger le famiglie sono costituite da “energia” che collega i membri del gruppo (non dice quale energia o come la conosce). Secondo lui (dai suoi anni da missionario tra gli Zulù, probabilmente) i gruppi “primitivi” conoscono l’ordine di quel sistema, ma noi sciocchi moderni abbiamo dimenticato quella conoscenza antica che lui ha riscoperto e che aiuta a dare salute e resistenza a tutti. La terapia delle “costellazioni familiari” mira a reintegrare i membri che sono stati esclusi dalla rete energetica e ripristinare l'”ordine naturale“.

Tutto ciò suona, a dir poco, altamente discutibile. Ma Hellinger ha decretato che questo non può essere studiato scientificamente, quindi abbiamo due scelte: gli crediamo perché è convincente e simpatico, oppure non gli crediamo, ma non potremo mai sapere se sta dicendo la verità. È il grande alibi del bugiardo, e molto frequente nel mondo delle pseudoterapie e dell’esoterismo in genere.

Ma le proposte di Hellinger diventano più deliranti e bizzarre man mano che le approfondisci.

Secondo Hellinger, queste misteriose energie che uniscono i membri della famiglia sono in grado di fare cose molto strane. Sappiamo tutti che i minori tendono a imitare gli adulti (motivo per cui le società cercano di stabilire adeguati “modelli di ruolo“, anche se poi i giovani troveranno Marilyn Manson più emulante di Justin Bieber), ma Hellinger assicura (senza dirci perché) che tali emulazioni o imitazioni, a causa della tremenda energia misteriosa, possono portare a cose come una ragazza che sviluppa la stessa malattia di una sua zia che è stata esclusa dalla famiglia, o che si può anche essere afflitti da una segreta disgrazia giovanile di un nonno che non conosceva nemmeno perché morì prima che lui nascesse. Questo è, ovviamente, molto simile alle sciocchezze che Alejandro Jodorowsky usa in quella che chiama “psicogenealogia” per ingannare le persone con i suoi “poteri curativi” non dimostrati: il “destino” viene ereditato come si possono ereditare gli occhi verdi o le calvizie.

Inoltre, nella sua fede in un “ordine naturale“, Hellinger stabilisce gerarchie basate su chi è arrivato per primo nella famiglia, che chiama “ordini d’amore“. Perché “l’amore scorra” (l’amore scorre?) deve essere dato dai superiori (genitori, fratelli) ai minori, in legami disuguali. Il padre è il capofamiglia e gli altri devono sottomettersi e rispondergli, in un patriarcato sorpassato che piace a chi ne può beneficiare, perché “lo dice Hellinger“, che non fa altro che esaltare il diritto di ognuno ad appartenere a un famiglia. Ma nelle “costellazioni” dedicate alla cura dei problemi relazionali, la colpa ricade solitamente sulla donna, come sottolineano alcuni critici (vedi nota alla fine) e la resistenza all’autorità “naturale” può provocare anche il cancro. In ogni caso, è convinto che ogni problema attuale di ogni persona abbia le sue cause nel passato, anche remoto, della sua famiglia. Una riformulazione del concetto biblico “punirò i peccati dei genitori nei figli” dal libro dell’Esodo, o una ricreazione del peccato originale, due cose molto appropriate nel contesto del credo religioso islamo-giudeo-cristiano, ma che non hanno alcun supporto verificabile.

Su questa base di supposizioni mistiche, avvenimenti privi di fondamento e una visione magica della vita, Hellinger costruisce una terapia in cui riunisce un gruppo di persone che possono essere diverse centinaia di appassionati ai suoi grandi spettacoli, e uno di loro designa a caso alcune degli altri come rappresentanti di ciascuno dei loro stretti familiari, e sul tema del conflitto si svolge un piccolo psicodramma. Quindi viene generata l’energia magica chiamata “Campo della conoscenza” e la vittima scopre la verità guidata dal terapeuta e risolve i suoi conflitti emotivi e problemi di salute.

Con la sua enorme carica mistica, la sua idea di energie stravaganti e il suo neo-primitivismo, Hellinger divenne ben presto una delle icone della New Age e delle sue credenze più deliranti, e la sua pseudoterapia fu adottata dai credenti nella New Age con enorme passione.

Le costellazioni familiari sono studiate in organizzazioni approvate o gestite da Hellinger. La convinzione rispettabile è “purché non danneggi nessuno”, ma il fatto è che puoi danneggiare le persone offrendo loro qualcosa che non puoi fornire e nel frattempo estorcere loro denaro. Ma come scienza, come qualcosa degna di essere insegnato nelle università come se fosse vera, è inaccettabile. A meno che non si insegnino anche l’astrologia, la lettura dei tarocchi e la comunicazione con gli spiriti, con i quali l’oggetto essenziale dell’università, diffondere la conoscenza, diventerebbe la diffusione di credenze irrazionali, falsità dimostrabili e sfrenate superstizioni. Qualcosa come una religione.

I difensori di questa pratica si basano su un’altra pratica senza avallo scientifico, la cosiddetta “risonanza morfica“, che sostiene che il destino di una persona è connesso con quello dei suoi antenati (qualcosa di simile a ciò che difende un’altra pseudoterapia: il reiki). L’idea è che ci sarebbero misteriose interconnessioni telepatiche e di memoria collettiva tra organismi all’interno delle specie.

Pseudoterapia senza alcuna evidenza scientifica

Le ‘dinamiche‘ che avvengono nelle costellazioni familiari non hanno alcun riscontro scientifico, proprio come il Reiki o la medicina ayurvedica. E, come queste pseudo-terapie affermano di avere effetti “curative” senza alcuna prova che provenga da un metodo scientifico.

La storia delle costellazioni familiari è come quella di qualsiasi pseudoscienza: una persona senza alcuna formazione, con idee prese dalle energie spirituali e dalle derive“, afferma Ramón Nogueras, psicologo, divulgatore e autore del blog Confirmation bias.

Per Nogueras, le costellazioni familiari sono la somma della “miscela dello sciamanesimo con le idee psicoanalitiche di Jung (una pseudoscienza)“. “Non hanno niente a che fare” con un altro tipo di terapia con approvazione scientifica, aggiunge infine questo esperto.

Sotto questa pseudoterapia, i seguaci osano attribuire cause mistiche e magiche non collegate a gravi problemi di salute, come il cancro o i disturbi alimentari. O arrivano addirittura a dichiarazioni controverse come l’ultima che dice che “la donna stuprata non è una vittima ma sceglie questo destino come parte del processo di mettere ordine e riequilibrare il sistema familiare“.

Di fronte ad affermazioni come questa, il Collegio Ufficiale di Psicologia di Madrid si è assolutamente schierato contro le pseudo-terapie della costellazione. Non esiste alcun tipo di studio rigoroso che supporti la loro efficacia perché non sono mai stati dimostrate come una terapia efficace.

La scuola ha aggiunto nella sua dichiarazione che nei casi in cui essa da’ alcuni risultati apparentemente positivi, “questi sono più associati a processi di suggestione ed empatia che a verità dimostrate“. Altro punto debole di questa pseudoterapia è che, per realizzarla, non è necessario essere uno psicologo specialista.

Pertanto, chiunque non abbia qualifiche professionali in psicologia o studi specifici può diventare un costellatore. Inoltre, mantengono una visione molto conservatrice della famiglia, con tecniche prive di riscontri scientifici.

La Society for the Advancement of the Scientific Study of Behavior (SAVECC) descrive pratiche come le costellazioni familiari come “discutibilmente efficaci” a causa delle loro scarse prove scientifiche e della loro proposta di fondamenti esoterici.

Una serie di atrocità

Una dichiarazione che, tra l’altro, nella notte del 9 gennaio ha avuto 678 “like” è riportata di seguito:

“Dietro uno stupro si nasconde una dinamica familiare inconscia che cerca di portare ordine ed equilibrio nel sistema familiare.

E molto probabilmente questo stupro è stato preceduto da altri stupri di donne nel sistema familiare, anche se non si sa o [sic] è stato tenuto segreto, poiché molte volte gli autori sono uomini della famiglia.

La donna stuprata è colei che si 'offre', si 'sacrifica' per amore cieco verso qualcuno del suo sistema familiare per ristabilire l'equilibrio.

Ti faccio un caso reale: una donna odiava gli uomini e non voleva avere niente a che fare con loro, anche se ne aveva sposata uno. Suo marito ha abusato sessualmente della figlia. La figlia si è offerta al padre per impedirgli di partire e di abbandonare la madre. Il desiderio della figlia che i suoi genitori stessero [sic] insieme e mostrasse a sua madre che si possono amare gli uomini, stava permettendo a se stessa di essere abusata dal proprio padre".

Social network, in fiamme

Come abbiamo evidenziato, il primo allarme è arrivato dall’Argentina, dove Pablo G. Salum, noto nel Paese per la sua denuncia pubblica contro le sette (come fondatore di Red LIbreMentes), ha pubblicato sul suo account Twitter: “Capisci perché le costellazioni familiari sono una pratica pseudo coercitiva dannosa per la salute?”

E ha linkato l’account di Graciela del Campo Vara su Instagram. Alcuni utenti di Twitter hanno protestato, ma il popolare social network ha così risposto alle lamentele: “Questo account non viola i nostri Standard comunitari“.

Alla sua chiamata ha risposto, in primis, lo psicologo Carlos Sanz, che ha pubblicato un tweet in cui, tra l’altro, si chiedeva: “Cosa deve succedere perché il Ministero della Salute intervenga contro queste persone? […] In modo che le radio e le televisioni di tutto il Paese smettano di promuovere questi individui? Non è ovvio?“. Questo allude anche alla responsabilità di alcuni media.

Da parte sua, Luis Santamaría, del Red Iberoamericana de Estudio de las Sectas (RIES), consapevole del potenziale dannoso di questa pseudoterapia sempre più diffusa, ha pubblicato un tweet riproducendo la frase iniziale del guru e aggiungendo semplicemente: “Questo è ciò che insegnano nelle Costellazioni Familiari. Ed è lecito“.

Un pensiero malvagio

Santamaría ne ha approfittato, in un successivo tweet, citando un articolo di qualche anno fa in cui Angelo Fasce mostra “quello che non si racconta” sulle Costellazioni Familiari. In esso si può leggere il seguente frammento di un’opera di Bert Hellinger, l’inventore di questa pseudoterapia:

“Se ti sei confrontato con una situazione di incesto, una dinamica molto comune è che la donna non ha obbedito al marito, si rifiuta di avere rapporti sessuali. Poi, in compenso, la figlia prende il suo posto... Come vedi, nell'incesto ci sono due autori, uno nell'ombra e uno allo scoperto. Non puoi risolvere il problema a meno che non venga fuori il colpevole nascosto... La figlia dice a sua madre: "L'ho fatto per te". E può dire a suo padre: 'L'ho fatto per la mamma'... Se vuole farla finita (l'incesto), questo è il modo migliore, senza accuse. Se l'autore del reato viene assicurato alla giustizia, la vittima espierà ciò che è stato fatto all'autore del reato".

Questo il commento di Fasce:

Ed è così che le costellazioni familiari scusano un padre che abusa sessualmente della figlia, attribuendo la colpa alla madre, descritta come una frigida cattiva moglie. Predicando che per risolvere la situazione lo stupratore non dovrebbe essere portato davanti a un tribunale, e che l'unica terapia di cui la ragazza ha bisogno è presumere che "è stata lei", accusandola anche di colpa e, per inciso, umiliandola.

Tutto è così estremo che la terapia per questi casi prevede un gioco di ruolo pubblico in cui qualcuno impersona lo stupratore. La donna violentata deve inginocchiarsi davanti a lei, ringraziare il suo aggressore per aver potuto vivere con lui quell'esperienza, e chiedergli perdono per avergli dato la colpa. La scrittrice Elisabeth Reutter, che ha subito abusi nella sua infanzia, racconta che quando è stata sottoposta a questa performance si è sentita spogliata degli ultimi resti della sua dignità umana - nelle parole di Hellinger: "L'autore deve ricevere 'il dovuto rispetto' prima che la vittima possa stabilire una relazione con qualcun altro”.

Per saperne di più: https://www.redune.org.es/news/constelaciones-familiares/?fbclid=IwAR3r6Agn2Gpq0KSHD2-DktHqrxOH7-q4J-S4MLac18nwEq5UMLDaManzCQA

——————————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte