Genio 21, Massimo De Donno, Luca Poma e altre storie

Puoi ingannare poche persone per molto tempo o molte persone per poco tempo. Ma non puoi ingannare molte persone per molto tempo.
(Abraham Lincoln)

La verità riesce a imporsi solo nella misura che noi la imponiamo, la vittoria della ragione non può essere che la vittoria di coloro che ragionano (Bertolt Brecht, scrittore tedesco)

Non sentivo affatto l’esigenza di tornare a scrivere sulla tematica. Ne avrei fatto volentieri a meno. Non mi piace stare nel conflitto che per mestiere tendo sempre a risolvere, ma ieri sono accaduti alcuni gravi eventi che mi impongono di non soprassedere all’ulteriore azione molesta e volutamente denigratoria, che si inserisce all’interno di un percorso attivato dal 2007 e che tutt’oggi persone legate tra loro da amicizia o condivisione ideologica continuano a perpetrare a mio danno.

Primo evento: Un amico giornalista mi informa che il signor Luca Poma, giornalista e docente presso la LUMSA, gli ha fatto pervenire attraverso una giovane ragazza, alcuni libri, tra questi due che parlano espressamente di me e che mi descrivono in maniera distorta e diffamatoria, scritti da un personaggio inesistente, che risponde al nome di Pierluigi Belisario;

Secondo evento: La giovane ragazza, indicata come assistente di Luca Poma, di cui non conosco l’identità, informa il mio amico giornalista, non so a che titolo e perché, che esiste un una trattativa tra Luca Poma e l’azienda Genio 21, in cui quest’ultima chiede che egli effettui una consulenza sul mio conto, al fine rendere loro possibile denunciarmi

Terzo evento: vengo informata da alcuni miei collaboratori dell’esistenza di una tesi di laurea in cui vengono raccontati fatti che riguardano la mia attività e quella del CeSAP in relazione a Genio 21 secondo una narrazione artefatta, falsa, volutamente denigratoria. Essa è pubblica on line al seguente link del sito di Luca Poma e non dell’Università in cui è stata discussa https://archivio.lucapoma.info/comunicazione/comunicazione-crisi/tesi-di-laurea-come-la-gestione-proattiva-di-una-crisi-aziendale-puo-rafforzare-la-reputazione-il-caso-genio-in-21-giorni/

Partirò dal terzo evento, per ripristinare alcune verità, probabilmente scomode.

“Un modo sicuro di indurre la gente a credere a cose false è la frequente ripetizione, perché la familiarità non si distingue facilmente dalla verità.” (Daniel Kaheman)

Manipolare il passato e la storia, per alcune persone, rappresenta un mezzo che giustifica il fine, ovvero quello di imprimere agli eventi presenti e futuri una determinata direzione, più gradita. E nei mezzi utilizzati per questo c’è anche la costruzione di un ‘nemico esterno’, che serve a sviluppare maggiore coesione e appartenenza al gruppo.

La tesi, su cui seguiranno le mie riflessioni, ha il seguente titolo: “Come la gestione proattiva di una crisi aziendale può rafforzare la reputazione: il caso genio in 21 giorni”. Essa è stata discussa nell’aprile 2020 nel Corso di Laurea Magistrale in Marketing & Digital Communication, presso la LUMSA dalla candidata Ludovica Russo. Relatore: Prof. Luca Poma.

La tesi della neolaureata Russo si basa su alcuni costrutti molto chiari e condivisibili, ma usati in maniera pregiudizievole e strumentale, in quanto, posto un quadro teorico generale, si sono volutamente incastrati fatti manipolati e verità omesse, al fine di dimostrare la fallacia di un nemico immaginario. Il tutto, così orchestrato, è supportato da una strategia di comunicazione mirata.

Nulla di nuovo sotto il sole (Ecclesiaste 1,10)

La litanìa ‘documentata’ dalla tesi di laurea riporta argomentazioni già trite, ritrite e divulgate negli ultimi anni da blog anonimi, legati a gruppi settari e apologisti delle sette. Esse sono incentrate su accuse per cui i gruppi “antisette” vengono descritti come una setta (la setta antisetta, per l’appunto) che pullula di esperti incompetenti (in particolar modo la sottoscritta), che, a loro volta, pubblicano e divulgano fake news, attivando canali d’odio, approfittando dell’appiattimento culturale dell’attuale società.

Cercherò di analizzarne alcuni contenuti della tesi, opportunamente manipolati dagli attori, al fine di rendere trasparente la logica che ha animato candidata e relatore nella stesura di questa elaborazione discussa nella LUMSA.

A pag. 126 della tesi si legge testualmente: “La campagna di accuse contro il Genio in 21 giorni cominciò a Maggio 2010 quando nel forum della pagina web del gruppo Centro Studi Abusi Psicologi ONLUS, presunti esperti in sette e in manipolazione mentale, apparve un post che accusò il corso di essere una setta

L’affermazione comporta una serie di precisazioni importanti:

  1. Nel 2010 era attivo un forum, nel sito del CeSAP, (attualmente salvato nella nostra banca dati e non pubblico perché nel tempo era diventato un canale facilmente attaccato da Malware) in cui tutti potevano scrivere liberamente la propria esperienza abusante all’interno di relazioni o comunità. Il forum era moderato e garantiva l’applicazione dell’articolo 21 della Costituzione, nella tutela dei diritti di tutti. Pertanto, non vi è stata nessuna ‘campagna di accuse”, ma solo una raccolta di esperienze personali a riguardo. Iscriversi al forum era assolutamente semplice. Bastava aprire un account ed eventualmente entrare nella discussione per rispondere.  Genio in 21 giorni non è mai stato menzionato nel forum, non essendo a quell’epoca esistente. Il gruppo di cui si è parlato in quel periodo era Your Trainer, i cui membri in effetti sono gli stessi confluiti in Genio 21.
  2. L’affermazione “presunti esperti in sette e in manipolazione mentale” rappresenta già un pregiudizio di demerito, che descrive una realtà se applicato ad altri e una offesa se riferito a se. E’ bene pertanto sottolineare che i membri ordinari del CeSAP hanno formazione psicologica e giuridica dimostrabile e lunga e attinente esperienza e competenza nel campo della manipolazione, comprovata da attività svolte in tutte le Istituzioni, contrariamente a quella che può avere un laureato in Veterinaria nel campo dell’apprendimento, di cui però viene descritto come il massimo esperto. E’ qui evidente l’uso mirato della comunicazione volta a usare parole di peso etico differente quando si parla di ‘nemici’ e di ‘amici’.

Sempre a pag. 126 si legge un’altra perla: “L’azienda tentò di contattare il forum per chiarire ogni dubbio posto nei suoi riguardi, ma non ottenne nessuna risposta. Nel frattempo le accuse aumentarono, quindi venne contattata la psicologa che all’epoca era presidente e responsabile del Centro. Nonostante la psicologa non avesse ricevuto alcuna lamentela fondata su cui basare le critiche, le venne consentito l’accesso totale alla documentazione e al materiale disponibile in azienda e fu invitata a partecipare personalmente al corso e a conoscere il team di insegnanti. Inoltre, vista l’entità delle accuse, l’azienda chiese alla medesima psicologa una consulenza professionale remunerata per analizzare e correggere i problemi eventualmente riscontrati. Nonostante Genio Net si mise a totale disposizione per confutare i dubbi posti nei suoi riguardi, la dottoressa non volle verificare personalmente la buona fede del corso”.

Cercherò di porre chiarezza anche in questo ginepraio di inesattezze.

  1. Dopo qualche mese che diversa gente raccontava la propria esperienza con l’azienda Your Trainer e NON Genio 21, la sottoscritta ricevette una lettera di simil diffida da due giovani rappresentanti della stessa società (YT) [uno dei due era un commercialista e l’altro men che meno formato in ambito psicologico, giusto per sottolineare titoli e competenze specifiche rispetto all’argomento apprendimento di cui ci si fa portatori!]. Nello scambio epistolare, che posseggo, ho invitato gli stessi ad intervenire nel forum e interagire personalmente con chi si lamentava. Essi scrissero un paio di post nello stesso forum, in cui proposero più un slogan aziendali che vere risposte efficaci. Nessuno si sentì ascoltato e così terminò l’interazione.
  2. Falsa è l’affermazione che la psicologa citata, ovvero io, non ricevette alcuna lamentela fondata. Il forum è ancora presente nella banca dati e posso renderlo attivo in qualsiasi momento a dimostrazione di quanto affermo
  3. Non mi è stata mai fatta una proposta di consulenza remunerata da parte di Genio 21 né di Your Trainer, che avrei comunque rifiutato per incompatibilità con la funzione da me ricoperta nel CeSAP in quel momento ed anche per forte conflitto morale per l’incongruenza dei fatti narrati dall’azienda e i vissuti così particolareggiati con sofferenze e danni psicologici evidenti degli utenti scontenti. Non ho mai venduto la mia professionalità a patto di ingoiare cose a cui non credevo e non sono per nulla ricattabile. Questo è il vero dramma per alcuni.
  4. Sul gioco linguistico “la dottoressa non volle verificare personalmente la buona fede del corso” mi parte spontaneamente un sorriso. La frase evidenzia l’aspettativa di un imprimatur positivo da parte mia e del CeSAP, e, probabilmente mette in risalto un atteggiamento poco maturo nei confronti della critica.

A pag. 127 leggo: “… la dottoressa non volle verificare … e, mediante l’associazione di clienti European Consumers, riuscì ad ottenere il 14 luglio 2010 un’interpellanza parlamentare contro Your Trainers Group & High Consulting. La risposta fu che qualora la società avesse commesso delle infrazioni, il sistema legale italiano sarebbe stato dotato degli strumenti idonei a perseguirle, previa la denuncia formale; ma nessuno ha mai denunciato il corso Genio in 21 Giorni, né le presunte vittime né  European Consumers e tanto meno la psicologa che accusava il corso di essere una “setta”.

  1. La dottoressa, cioè io, non ha ottenuto alcuna interpellanza per il tramite di nessuno. Tale affermazione è assolutamente inveritiera, ma di sicuro fa parte di un processo paranoideo di pensiero, che ormai la stessa corrente di miei molestatori ha reso noto nel corso degli ultimi 12 anni. Io sarei, a detta loro, macchinatrice di ogni azione a loro danno e presente in ogni dove. Per mia fortuna la realtà è completamente differente. Personalmente non so neppure chi abbia sollecitato l’interpellanza e se lo avessi fatto io, probabilmente avrei scelto un altro relatore politico a rappresentare le mie istanze.
  2. E’ risaputo da tutti che il reato di manipolazione mentale non esiste in Italia, men che meno quello di setta. Per cui, malgrado le buone intenzioni di tutti, possiamo solo discutere delle manipolazioni subite o non effettuate in attesa di qualche cambiamento più sostanzioso, che possa tutelare le vittime da qualsiasi tipo di influenza illecita.

Sempre da pag 127: “Inoltre, secondo alcune fonti, non era la prima volta che il Centro in questione agiva in questo modo, anche in passato aveva usato delle metodologie di accusa analoghe, obbligando molte organizzazioni a chiudere la propria attività, nonostante le accuse nei loro confronti fossero completamente false e infondate”.

Una frase così generica, che si basa sul sentito dire senza riportare le fonti, risultando diffamatoria, farebbe rabbrividire qualsiasi Istituto Universitario che dovrebbe piuttosto implementare lo studio scientifico e la pubblicazione di materiale corretto e onesto scientificamente.  

Il “Centro in questione”, ovvero il CeSAP non ha mai usato “metodologie (quali?) analoghe, obbligando molte organizzazioni a chiudere la propria attività”. Sarebbero graditi nomi e cognomi, fatti contestualizzati e sentenze di assoluta innocenza a conferma di tale frase, altrimenti si tratta di diffamazione.

Passiamo a pag. 2018 e leggiamo quanto segue: “Tra il 2015 e il 2017 il Centro Studi Abusi Psicologici ONLUS e la sua responsabile Lorita Tinelli divulgarono ai mezzi di comunicazione di massa una serie di informazioni denigratorie, che associavano il corso “Genio in 21 Giorni” ad una “setta”. Fu così che i mass media, veicolarono, a loro volta, queste notizie all’opinione pubblica”.

E’ bene ricordare che il CeSAP e la sottoscritta sono spesse volte interpellati dai media per offrire pareri su argomenti attinenti le dinamiche di abuso psicologico e manipolazione mentale, per cui abbiamo esperienza e competenza,. Le domande vengono poste da giornalisti che liberamente scrivono il proprio pezzo, spesso riducendo al minimo l’intero intervento dell’esperto. Tuttavia il concetto che passa attraverso la dichiarazione sopra riportata è che il CeSAP e la sottoscritta abbiano avviato una campagna nera di denigrazione, sistematica, cosa che nella realtà non è avvenuta e che non può essere dimostrata in alcun modo dalla tesista o dal suo docente relatore. Pertanto l’affermazione non è stata tarata su parametri dell’onestà intellettuale e di attinenza con la realtà, risultando goffamente offensiva e diffamatoria.

L’unico giornale che ha trattato l’argomento fu il Corriere della Sera del 13 luglio 2017, che, correttamente dette la possibilità del contraddittorio, offrendo all’azienda Genio la possibilità di dire la sua, in pieno dibattito democratico.

A pag 130 si legge: “Tuttavia è importante ricordare che da decenni alcuni importanti esponenti del mondo accademico hanno sfatato il mito dell’esistenza di una forma di manipolazione mentale … L’American Psychological Association (APA) è una delle organizzazioni professionali che si è espressa su questa tematica, sostenendo una posizione contraria a quella delle teorie dei “movimenti antisette” e di alcuni psichiatri. Nel 1987 l’associazione pubblicò un documento in cui affermò che le teorie della manipolazione mentale e del lavaggio del cervello, applicate a nuovi movimenti religiosi, non dovevano essere presentate in alcun modo come scientifiche”.

Tali affermazioni, utilizzate strumentalmente e in maniera poco approfondita, meriterebbero un lungo trattato. Per quanto riguarda le affermazioni sull’APA rimando al seguente link per un approfondimento: http://www.kelebekler.com/cesnur/txt/apa.htm e al libro di Luigi Corvaglia, NO GURU, edito dalla C1Veditori per la questione del dibattito sulla manipolazione mentale e sui suoi negazionisti. Probabilmente il testo va consigliato ai prossimi studenti, da parte di un docente che realmente vuole stimolare verso una ricerca non dogmatica e pregiudizievole.

A pag 138 si legge: “Il “settarismo globale” è la strategia usata abitualmente dall’associazione dove si formò Miguel Perlado, dal “Centro studi abusi psicologici ONLUS” e, in generale, dalla maggioranza dei gruppi “antisette”.

  1. Affermare che il CeSAP veda sette ovunque è una asseverazione che va dimostrata, altrimenti resta diffamatoria come le altre
  2. Saremmo stati molto onorati se Miguel Perlado si fosse formato da noi, la verità è che il Dr. Perlado, Psicologo, Psicoterapeuta è uno sei massimi esperti di sette in Spagna, dove lavora come exit counselor dal 1998 e da dove gestisce il sito. EducaSectas. E’ evidente come, in un gioco linguistico, si tende ad insinuare una realtà che non esiste e che riporta alla paranoia del solito nemico autore di tutti i mali, ovvero il CeSAP. Vero è che il Dr. Perlado in maniera autonoma ed analizzando i casi che ha seguito personalmente, ha elaborato due articoli che sono stati tradotti dalla sottoscritta perché ritenuti veritieri e confermati da altrettanti racconti raccolti dalla stessa in Italia. I due articoli in Italiano sono i seguenti: http://www.loritatinelli.it/2018/03/02/il-corso-genio21-e-larte-di-manipolare-le-emozioni/ e http://www.loritatinelli.it/2019/01/31/migliora-la-memoria-o-raggiungi-la-tranquillita/ Ad oggi non mi sembra di aver letto da parte di Genio 21 alcun commento a riguardo o confutazione degli stessi, ma posso affermare di aver solo rilevato attacchi personali a me indirizzati attraverso ogni forma, tra cui il tentativo di accreditamento da parte degli apologisti delle sette con conseguente condivisione della guerra ad personam.

A p. 144 e 149 leggo alcune affermazioni di Massimo De Donno, laureato in Medicina Veterinaria, secondo sue dichiarazioni e definito come il ‘massimo esperto di apprendimento in Europa” (bontà sua), nonché CEO di Genio 21.

Poi apri [rif. Genio21] un numero verde per intercettare gli “scontenti” e scopri che sono 3 persone in sei mesi, su migliaia di corsisti, e allora hai la conferma che c’è chi è pagato per distruggere, o perlomeno ha intenzioni esplicitamente distruttive, e non costruittive

Se penso che una delle fonti di questi pavidi attacchi era una sedicente esperta, psicologa, mi vien da ridere: persone che andrebbero radiate dall’Albo, in quanto disponibili a danneggiare psicologicamente dei giovani, scientemente, pur di raggiungere i propri biechi obiettivi di delegittimazione di un’azienda che è autorizzata a fare il proprio lavoro, da lavoro, paga le tasse

Da queste affermazioni rilevo che il riferimento è alla sottoscritta. Massimo De Donno attribuisce a me l’azione di essere “pagata per distruggere”, di essere “persona disponibile a danneggiare psicologicamente dei giovani, scientemente, pur di raggiungere i propri biechi obiettivi” e che merito di essere “radiata dall’albo”.

La Suprema Corte, in tema di diffamazione (Corte di Cassazione, sez. III Civile, ordinanza 12 settembre – 26 ottobre 2017, n. 25420), ha ribadito che è reato parlar male di una persona, in sua assenza pur non facendone il nome. Per il reato basta che la vittima sia identificabile. E qui il riferimento è piuttosto chiaro.

Tuttavia è bene precisare che in un incontro vis a vis, il 17 ottobre 2018, presso lo studio legale dell’Avvocata Montanaro, in Crispiano, l’atteggiamento di Massimo De Donno nei miei confronti era esattamente diverso.

La verità è che in quella occasione, ho ritenuto di convocare uno dei suoi tutor leccese, tal Salvatore De Tommaso (docente di apprendimento senza laurea), in quanto infastidita dal suo atteggiamento diffamatorio nei miei confronti. Il signor De Tommaso rispondeva abitualmente alle perplessità dei genitori di ragazzi che frequentavano i corsi divulgando loro blog anonimi denigratori della mia persona, nel tentativo di indurre a non leggere gli articoli critici da me postati né a contattarmi, in quanto persona inaffidabile e incompetente. Numerose sono le testimonianze in questo senso che potrei citare e che mi riservo di portare nelle sedi più opportune. Lo stesso Salvatore De Tommaso mi offendeva direttamente e in maniera arrogante, all’interno di una conversazione privata su messenger, e mi accusava di aver indotto le loro fidanzate all’esaurimento nervoso.

Il mio invito fu accettato da Salvatore (detto Salvo) che mi chiese il permesso di essere accompagnato da un amico. Nessun problema. Si presentarono in studio lui, Massimo De Donno e l’avv. Massimo Baja Picit, anch’egli parte di Genio 21. La conversazione avvenne alla presenza anche di un amico giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno, come testimone terzo.

Durante il colloquio, della durata di tre ore, Massimo De Donno e Salvatore De Tommaso, sentite le mie ragioni, mi rappresentarono il loro più sentito dispiacere per avermi offesa, chiedendomi più volte scusa. In quella occasione, il leone da tastiera Salvatore De Tommaso sedeva alla mia sinistra, con la testa bassa e rosso in volto. Le uniche parole che riusciva a dire erano di scuse. Ovviamente non sincere, perché ho ricevuto anche successivamente sue offese per mezzo di messenger. Le conversazioni da me stampate e sono a disposizione di chi volesse leggerle.

In ogni caso in una email, trasmessa il 3 dicembre 2018 dall’avvocato Baja Picit all’avvocato Annalisa Montanaro scrivevano: “Il dott. De Donno mi ha manifestato la propria sincera soddisfazione per la riuscita di un confronto sereno ed edificante con la dott.ssa Tinelli nella consapevolezza che lo scambio di idee e di vedute ha sicuramente portato ad una reciproca apertura e ad una piena chiarezza sui servizi di formazione erogati da Genio Net e delle modalità operative della stessa. Il mio assistito, successivamente all’incontro, ha così riunito gli istruttori della rete per condividere con loro le considerazioni di carattere operativo e gli spunti di riflessione ivi emersi. Ne è risultato che l’azienda continuerà ad operare nell’ottica di una sempre più scrupolosa attenzione alle esigenze manifestate dai corsisti.

In tal senso, avendo la dott.ssa Tinelli segnalato che in passato alcuni utenti insoddisfatti dei corsi“Genio” si sono rivolti a lei per doglianze di varia natura, stante il mutuo riconoscimento della reciproca serietà professionale delle parti, se ciò dovesse accadere ancora, Ti chiedo la cortesia di voler invitare la Tua assistita ad inoltrare senza indugio le segnalazioni direttamente al dott. De Donno o,meglio ancora, direttamente al comitato etico della rete, in modo da poter intervenire immediatamente sulle criticità emerse e prevenire eventuali motivi di insoddisfazione dei clienti”.

Come ho sempre fatto e continuo a fare, suggerisco alle persone che segnalavano problemi con Genio 21 di rivolgersi anche a loro per effettuare i propri reclami, ma comprendo bene che non tutte le persone che si sentono profondamente danneggiate ne hanno il coraggio. Non ho mai controllato che lo facessero o meno, proprio perché non è mio interesse quello di “distruggere qualcuno”, né sono “pagata da alcuno” per dare le informazioni che mi vengono richieste, attraverso la mia attività nel CeSAP.

Lavoro dignitosamente anche io e pago le tasse e per quanto Massimo De Donno possa ridere, sono ancora regolarmente iscritta all’Albo degli Psicologi, operando sempre con deontologia professionale. Dimostri il contrario se lo crede.

Nella sitografia della tesi compare un sito che assume una notevole importanza nella logica di questa ricerca. Il sito è  ilcasoarkeon.wordpress.com. Ovviamente si tratta di un blog anonimo che contiene opinioni non documentate sulla questione arkeon in piena sintonia con un atteggiamento diffamatorio e denigratorio dell’operato mio e del CeSAP. Ovviamente sottolineo l’assoluta non credibilità di un sito anonimo all’interno di qualsiasi ricerca scientifica che si rispetti, specie se essa viene discussa all’interno di una Università.

A meno che la candidata Ludovica Russo e il professore relatore Luca Poma possano garantire sull’autenticità del blog in questione, conoscendone i titolari e riconoscendo valide le prove documentali lì riportate.

Ora passerò a commentare il primo evento.

Luca Poma e i suoi libri denigratori contro la mia persona, scritti da autore sconosciuto

Audacter calumniare, semper aliquid haeret

Non conosco personalmente Luca Poma, salvo per qualche scambio di email nei primi anni di fuoco che hanno riguardato il caso Arkeon. Ricordo che intervenne in più forum con dei commenti contro il mondo degli antisette e che aveva dato vita ad un progetto di ricostruzione della verità di Arkeon attraverso una indagine giornalistica, paradossalmente intervistando, in barba all’etica professionale, solo le parti che accusavano il CeSAP, di metodi ‘criminali’. (http://radoani.ilcannocchiale.it/?TAG=arkeon). Le accuse provenienti da quelle prime indagini erano le medesime di oggi: la presunte incompetenza dei tecnici del CeSAP, la loro tendenza all’uso di metodologie aggressive, l’aspetto settario degli antisette. Le protagoniste del video intervistate erano persone che successivamente furono denunciate per una serie di azioni moleste e diffamatorie, di cui ho parlato in altri contesti.

In quel periodo vennero pubblicati diversi blog anonimi che analizzavano il mio curriculum, inserendo qui e là alcune prove documentali su cui costruire falsità e diffamazioni. Anche le virgole dei miei scritti furono analizzate.

Due di questi blog furon interamente riportati in due libri, che pensavo non esistessero, pur essendo ventilati su Amazon, e che invece Luca Poma ha fatto recapitare al mio amico. Uno dal titolo “Il curioso caso Lorita Tinelli” fenomenologia di una psicologa paragiornalista” e l’altro “Il caso Arkeon”

https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/41guDMMOFbL.jpg
https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/415mCScsx3L.jpg
https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/51-ySNule2L.jpg
https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/41hyi94MXOL.jpg

Entrambi i libri sono firmati da un nome inesistente. E la quarta pagina di copertina indica le finalità e il progetto di entrambi: la battaglia di delegittimazione della sottoscritta e dell’operato del CeSAP. Ora che ne conosco l’esistenza so che fare.

Mi sorgono pertanto alcune domande:

Cosa ha spinto Luca Poma, giornalista iscritto all’albo  e docente presso la LUMSA ad inviare tali libri, scritti da autore inesistente e con tali obiettivi, al mio amico giornalista?

Cosa spinge Luca Poma a sostenere una tesi fondata su contenuti falsi e tendenziosi, palesemente ideologici e di parte, all’interno di una università come la LUMSA, riconosciuta per il rigore scientifico?

Cosa spinge Luca Poma ad abbracciare e sostenere l’aggressività palese di certe organizzazioni?

E giungiamo al secondo evento.

Luca Poma interpellato come consulente in una eventuale causa di Genio 21 contro di me. Almeno così avrebbe riferito la sua assistente al mio amico giornalista.

Il nemico del tuo nemico è mio amico (Proverbio Cinese)

Che Genio 21 mi minaccia di denunce da anni ormai è un dato di fatto. Così come racconta ai suoi affiliati di aver denunciato il dr. Miguel Perlato in Spagna, Massimo Giletti, i giornalisti di Patti Chiari, il dr. Alessandro Bartoletti (l’unico vero esperto in apprendimento che meriti il titolo a tutti gli effetti) e tutti coloro che hanno osato criticarlo. Non mi risulta che ad oggi sia arrivata a nessuno di noi qualche citazione né denuncia di alcun tipo.

Genio 21 ripete spesso a tutti gli iscritti questo mantra, parlando dei cattivoni che tentano di distruggere l’indefesso lavoro di tutto lo staff. E’ ormai opinione diffusa che la Tinelli è stata denunciata penalmente e citata civilmente da Genio 21 in primis. Poi anche gli altri, che però non fanno molto peso. Quindi un altro dato di fatto è che per quanto se ne dica, gli attacchi alla mia persona superano di gran lunga quelli degli altri critici che di fatto sono inesistenti. Ma raccontare pubblicamente una notizia non vera su denunce mai fatte, ha il significato di dimostrare ai propri affiliati un punto di forza. Nessuno ovviamente indagherà. E poi il tempo stempererà la notizia diffusa. Del resto sono tecniche di marketing. Il valore della parola dipende dalla utilità della stessa.

Ma anche qui sorge spontanea una domanda: è legittimo che un docente di una Facoltà Universitaria usi la stessa per elaborare una tesi mal costruita, per poi eventualmente utilizzarne i contenuti per una consulenza giudiziaria? Non si tratta di incompatibilità o di strumentalizzazione?

Al momento non mi è dato sapere se questa informazione sia vera o meno, ma sarà un altro argomento da discutere in altra sede. Vi terrò informati.

Il punto più interessante della tesi vidimata da Poma è il capitolo sulla Campagna Nera. Lo stato di assedio, il lavoro nell’ombra e tutto quanto è stato attribuito ai critici di Genio 21 è esattamente quello che ho vissuto io negli anni: blog anonimi con accuse infamanti, pedinamenti, tentativi di denigrazione presso le istituzioni… ed anche anonime minacce. Azioni cui sembrerebbe aver  partecipato anche Luca Poma, come da sue responsabilità nei confronti dell’accettazione di una tesi di laurea che manipola la storia  e la divulgazione di un paio di testi, scritti dallo stesso autore inesistente, e che costruiscono ombre di dubbio sulla mia persona. Perché come ben sa l’esperto di comunicazione, Luca Poma, per costruire una fake news bisogna saper presentare le informazioni e i dati in maniera che sembrino incontrovertibili, camuffati da verità. E’ la base per distruggere la credibilità del proprio nemico. Magari qualche volta è bene che certe elucubrazioni siano firmate anche da un nome, affinchè non risultino completamente inattendibili. Non importa se il nome corrisponda ad una persona inesistente. Può trattarsi di un Venanzio Malavasi, Pierluigi Belisario oppure di un Mario Casini qualunque. Purchè ci sia. Chi si chiederà se esistano o meno persone con quei nomi? Chi farà ricerca delle fonti? Chi controllerà che tali argomenti sono diffusi da una sola parte interessata alla questione e non tutti gli organi di informazione?

Luca Poma, docente presso la LUMSA, giornalista iscritto all’albo trova deontologico divulgare opere così costruite da un autore inesistente. Sono certa che nei giusti contesti, la risposta arriverà.

Ovviamente ho dato mandato ai miei legali di intervenire a tutela della mia persona per questi ennesimi attacchi. E la mia parola è sempre coerente, malgrado tutto.

L’attività che meglio unisce apologisti e sette: il fair game contro i critici

Durante gli anni dell’indagine e del processo Arkeon un gruppo di membri dello stesso e talune apologiste delle sette iniziarono una guerra senza esclusioni di colpi contro la mia persona. Una sedicente “ricercatrice” aprì con vari suoi nickname (si sa che in questi casi il numero fa la forza) dei gruppi Google di discussione, dove ancora oggi sostiene che si facesse una critica legittima del mio operato, mentre in realtà il tenore dei messaggi era del tipo che allego a questo post. Tre sostenitrici di questo attacco alla persona mi segnalarono senza risultato all’ordine degli psicologi, annoverando tra i miei presunti peccati quello di aver condiviso col direttivo del CeSAP dei casi di abuso da parte di Arkeon prima di denunciarli all’autorità (in sostanza mi chiedevano un comportamento omertoso e contrario al mio codice deontologico), ma anche un refuso e qualche virgola mal riposta (la mia maestra delle elementari ci sarebbe passata sopra, ma si sa che se uno ti odia interpreta anche il tuo respiro come una brutta azione da punire). Due di queste persone furono anche teste a discarico di Vito Carlo Moccia, durante il processo, manifestando chiaramente da che parte erano. Questo fairgame oggi concretizzato ancora col nome di Mario Casini ha tentato anche nei mesi scorsi di delegittimarmi presso il mio Ordine. A tutti questi personaggi della commedia tragicomica io dedico la giornata di domani, 21 dicembre 2018. A Silvana, Raffaella, Simonetta, Pietro, Vito e tutti quelli come loro e con loro, i mario casini derivati che in questi anni si sono mostrati per quel poco che sono (Tra l’altro tutti grandi amici ad oggi, perchè condividono lo stesso obiettivo e lo stesso nemico). Giornata, domani, in cui il mio Ordine, nel riconoscere il mio impegno, la mia integrità professionale e il lavoro fatto col caso Arkeon e non solo, consegnerà al CeSAP, associazione da me fondata, una cifra simbolica del denaro ricevuto in quanto parte civile del processo Arkeon. Beh che dire? Io sono ancora qua … eh già!

 

 

 

 

 

“Il cyberbullismo spiegato ai genitori”: un libro prezioso su una piaga sociale dei nostri tempi

NOCI (Bari) – Si è svolta lo scorso 29 novembre, presso l’auditorium del Liceo Da Vinci, la presentazione del libro “Il cyberbullismo spiegato ai genitori” ad opera della dottoressa Guillermina Carnicina, psicoterapeuta e counsellor ad orientamento analitico-transazionale.

L’intento dell’opera è quello di rappresentare una preziosa guida “al riconoscimento” e quindi alla più efficace gestione e al debellamento di un terribile fenomeno sociale sempre più diffuso e che miete sempre più vittime. La serata è stata fortemente voluta dai due dirigenti scolastici, Rosa Roberto dell’IIS Da Vinci – Agherbino- e Giuseppe D’Elia, dei Comprensivi Pascoli – I Circolo e Gallo e si è svolta nell’ambito di una serie iniziative intitolate “Insieme contro il bullismo e il cyberbullismo”. La professoressa Antonella Montone, docente presso l’Università degli studi di Bari “Aldo Moro”, ha moderato gli interventi dell’autrice, dottoressa Guillermina Carnicina, della dottoressa Lorita Tinelli, psicologa ad indirizzo clinico e forense e della dottoressa Cristina Baldi, pedagogista e Giudice Onorario del Tribunale dei minori.

Una serata incentrata sul doloroso peso che le parole possono assumere, non poteva che aprirsi proprio con le parole: quelle veicolate da un video dall’impatto visivo ed emotivo fortissimo. In aula, una ragazza, una nuova alunna, si presenta ai suoi compagni: afferma di chiamarsi Stefania e di essersi trasferita da poco e le solite cosette retoriche che si raccontano su di se quando ci si presenta. Peccato che il racconto inizi a diventare sempre più dettagliato e confidenziale: la ragazza parla di una festa, durante la quale si era lasciata andare bevendo un po’ troppo e perdendo conseguentemente i sensi. Alcuni ragazzi presenti, iniziano a mimare su di lei, in stato di incoscienza, dei palesi atti sessuali ma…non si limitano a questo! Il tutto viene infatti filmato e pubblicato in rete e la ragazza inizia a ricevere insulti sempre più pesanti.

“Così aprii la finestra della mia stanza e mi lanciai di sotto! Se non fossi morta, ora sarei una vostra compagna di classe e non immaginate cosa vi siete persi! Le parole fanno più male delle botte” – conclude la ragazza lasciando immaginare quale sia stato il tragico epilogo dell’essere costretta a sopportare un macigno psicologico enorme. Inutile specificare la storia che il video racconta è in realtà quella vera della povera Carolina Picchio, prima vittime di bullismo 2.0 suicidatasi nel gennaio del 2013. Altrettanto toccante è stata la lettera che il professor Beppe Novembre ha letto immediatamente dopo la proiezione del video: il mittente è Paolo Picchio, il padre di Carolina, che con grande dolore, ma anche grande coraggio, chiede alla Boldrini una legge che assoggettasse ogni forma di bullismo a ripercussioni legali e a pene idonee. La dottoressa Guillermina Carnicina, autrice del libro, ha poi spiegato chiaramente l’intento che esso intende perseguire. E’ agli adulti (genitori, nonni, docenti, collaboratori scolastici) che il libro si rivolge, perché sono gli adulti coloro che hanno gli strumenti psicologici e cognitivi per proteggere i ragazzi dal fenomeno e per aiutarli a venirne fuori qualora ne fossero già stati vittime.

Un “gioco di squadra” insomma, contro una delle piaghe sociali più spinose e dilaganti ai nostri giorni. “Occorre una vera e propria rivoluzione culturale che le istituzioni dovrebbero porre in atto nei confronti delle famiglie” – ha specificato la dottoressa Carnicina: “Tra le caratteristiche che delineano il fenomeno del cyberbullismo, ci sono innanzitutto la facilissima accessibilità e la pervasività! La rete ormai è ovunque: non c’è nessun luogo in cui possiamo dirci al sicuro dai pericoli che ne derivano. Spesso dimentichiamo che, quando andiamo a postare in rete una foto oppure in video, con estrema leggerezza, noi cessiamo di essere i proprietari di quel contenuto e lo consegniamo in maniera definitiva e permanente alla rete. La rete è “gli altri” e gli altri non sempre hanno intenti sani. Altro grave errore è considerare il cyberbullismo una serie di scaramucce tra ragazzi, perché si tratta invece di una vera e propria disfunzione patologica della comunicazione sulla quale occorre intervenire in maniera intensiva e capillare” – ha concluso l’autrice.

Sempre di comunicazione e nello specifico del peso delle parole ha parlato la dottoressa Lorita Tinelli, nota psicologa ad indirizzo clinico e forense. “C’è una bella differenza tra l’uso della parola “de visu” e quella digitata sulla tastiera di un pc, di un tablet o di uno smartphone! Siamo erroneamente portati a credere che la prima implichi una maggiore responsabilità ed è per questo che di diventa “leoni da tastiera”, perché non si avrebbe il coraggio di dire determinate cose guardando direttamente negli occhi la persona a cui ci si rivolge” – ha esordito la Tinelli- “La distinzione tra virtuale e reale è quanto di più sbagliato si possa demarcare. Ciò che è virtuale è pur sempre reale: dietro quegli schermi ci sono persone in carne ed ossa e non accusano di certo meno il “piombo” delle parole sparate a casaccio, solo perché le leggono invece di ascoltarle con le proprie orecchie. Imparare a comunicare è fondamentale, perché si può dire tutto, ma bisogna sempre farlo nel modo giusto. Una parola detta nel modo o al momento sbagliato può letteralmente annientare una persona, così come una proferita nel modo e al momento giusto, può risollevarle ed innescare la molla di un percorso di rinascita”- ha puntualizzato la psicologa, invitando a fare un buon uso dei social e degli strumenti multimediali, che non sono da demonizzare in sé: “I social sono fantastici: ti permettono di comunicare in tempo reale, per lavoro o al livello personale con chiunque tu voglia in ogni parte del mondo e quindi sono strumenti pensati per un qualcosa di altamente positivo. Ciò non toglie che possano però diventare più deleteri della bomba atomica se usati in modo sbagliato. Il guaio è che spesso, da parte dei genitori non c’è controllo sull’uso della rete e dei social: vuoi per mancanza di tempo, in seguito ad una vita sempre più frenetica, vuoi perché non tanto addentrati nell’uso delle moderne tecnologie. Sovente capita che i genitori chiedano ai figli: “Com’è andata a scuola oggi? Chi sono gli amici con cui esci?” Mai domande come:“A quali gruppi facebook sei iscritto? Chi sono i tuoi amici sui social? Mi racconti qualcosa di loro?” E’ importante, anzi prescritto proprio dalla legge che ogni istituto scolastico individui delle figure di riferimento che tengano proprio dei corsi specifici sul bullismo 2.0. Tra l’altro, c’è anche una legge regionale che connette direttamente scuola e territorio, al fine di un’opera di prevenzione e di sensibilizzazione” – la Tinelli ha concluso il suo intervento con un importante auspicio: “Vorrei potermi alzare di qui con la consapevolezza che sia stato compiuto un ulteriore passo concreto verso il l’annientamento di questa piaga sociale, perché si sa che le parole lasciano sempre il tempo che trovano: sono i fatti ciò di cui, ora più che mai, si ha bisogno”.

L’intervento della dottoressa Cristina Baldi invece, ha toccato gli aspetti strettamente giuridici del cyberbullismo, in rifacimento alla legge del 2017 che consta di 71 disposizioni. Non sono mancate certamente perplessità e polemiche circa il considerare reato il bullismo “fisico” e non quello 2.0 perché bisogna ammettere oggettivamente che si tratta pur sempre di violenza e che le lacerazioni psicologiche non guariscono facilmente quanto quelle fisiche. Anche la Baldi ha sottolineato l’importanza di una vera e propria rieducazione affettiva e comportamentale. “Tengo a chiarire molto bene un concetto: qualunque episodio di bullismo va prontamente segnalato alle autorità preposte! Non farlo sarebbe peccare realmente di moralità e non avere il minimo senso civico, contribuendo a qualcosa di altamente distruttivo per la società” – ha puntualizzato Cristina Baldi, chiarendo che: “Non deve spaventare quella che è la giovanissima età degli aggressori. Non è un peccato che un ragazzo sia sottoposto a processo e che sia aperto un fascicolo a suo carico. Il vero peccato è che ciò non venga fatto: per la società, per lo stesso aggressore e per la vittima. E chi non segnala, chi non denuncia, potrebbe poi avere sulla coscienza una o più vite come quella di Carolina Picchio, del “ragazzo con i pantaloni rosa”, che molti ricorderanno e di tantissime altre vittime. Viene aperto un fascicolo e quindi? Il fascicolo così come viene aperto può essere chiuso, ma deve esserlo solamente nel momento in cui si ha la totale sicurezza di essere andati alla radice del comportamento deviante, quando venga a sussistere una mediazione con la vittima e quando famiglia e scuola siano attivamente coinvolte nel percorso di recupero. Solo così saremo veramente sicuri che avremo reintegrato nel tessuto sociale un individuo sano che non andrà nuovamente a lederlo”– Parole che inducono certamente a riflettere, quelle della dottoressa Baldi, spronando la scuola e magari le stesse famiglie( famiglie che spesso tendono invece ad “ammantare” o a non voler vedere) a denunciare alle autorità senza paura e senza vergogna, per quello che è veramente bene per il ragazzo.

Gli interventi conclusivi sono stati dei Dirigenti Rosa Roberto e Giuseppe D’Elia che alla luce delle esperienze personali vissute nell’arco della loro carriera, hanno ammesso che ci troviamo certamente in una società malata dove sono i genitori i primi “bulli” che non ammettono neanche di fronte all’evidenza le colpe dei figli, ma che dal canto suo, la scuola sarà sempre in prima linea nella lotta al bullismo, con il pugno fermo e con una serie di attività, iniziative e progetti formativi ed educativi. E’ bene che se ne parli continuamente, ma continuamente non bisogna smettere di “fare” dal lato pratico.

 

Marica D’Aprile
Fonte: https://www.noci24.it/cultura/educazione/18012-il-cyberbullismo-spiegato-ai-genitori-un-libro-prezioso-su-una-piaga-sociale-dei-nostri-tempi

Lorita Tinelli (CeSAP): “Io minacciata continuamente dalle sette, l’obiettivo è screditarmi”

Ieri ne parlava Luigi Corvaglia su Il Fatto Quotidiano, evidenziando la difficoltà di chi si occupa del fenomeno settario. Specialmente quando compi attività che suppliscono quelle di uno Stato ancora dormiente. Molte sono le cose che ho dimenticato di aggiungere in questa intervista, tipo le telefonate anonime notturne, la minaccia di essere schiacciata come un chicco di riso da chi, per giuste restrizioni giudiziarie, ha visto sfumare le proprie possibilità di guadagno a discapito della gente e ne dà a me la colpa, professionisti collusi che organizzano vere e proprie campagne vendicative, le mie foto ritoccate e riempite di parolacce … e molto altro ancora che di sicuro non aggiungerebbe nulla al quadro descritto già piuttosto chiaro. Ogni giorno però ringrazio chi continua a starmi vicino, chi non mi fa mancare una parola di incoraggiamento, chi mi da voce con coraggio attraverso una intervista o una citazione di un libro … perchè sono queste le persone che mi permettono di trovare ogni momento l’equilibrio e la forza necessari per portare avanti la mia vita e per aiutare chi ne ha bisogno. Ma anche di continuare a far conoscere una realtà di cui ci si deve occupare con maggiore determinazione anche da parte delle Istituzioni. L. T.

 

 

 

 

 

Lorita Tinelli (CeSAP): “Io minacciata continuamente dalle sette, l’obiettivo è screditarmi”

NOCI – Intimidazioni, profili fake sui social network, minacce, querele temerarie, lettere minatorie, fotografie ritraenti scene di vita privata. È la situazione che sta vivendo da più di un decennio Lorita Tinelli, psicologa co-fondatrice e attuale presidente del CeSAP (Centro Studi Abusi Psicologici). Le minacce e le intimidazioni si sono intensificate dopo la conclusione, l’anno scorso, del processo Arkeon che vede il suo maggior imputato condannato in via definitiva.

Dottoressa Tinelli partiamo dall’inizio. Come e quando ha iniziato a seguire le sette in Italia e quando ha fondato il CeSAP?

«Il 1 giugno del 1999 assieme ad un collega psicologo e altre persone interessate al fenomeno dell’abuso psicologico abbiamo fondato il CeSAP, un’associazione ONLUS che ben presto si è distinta a livello nazionale come punto di riferimento per vittime di abusi in sistemi totalitari e per le forze dell’ordine che indagano su tali organizzazioni. Ma anche per i media che spesso attingono dalle nostre informazioni per programmi di inchiesta sul fenomeno settario. Negli anni abbiamo seguito diverse tesi di laurea e abbiamo formato tanti tirocinanti convenzionandoci con alcune università, tra cui Padova, Chieti e Bari. Abbiamo inoltre pubblicato e tradotto diversi articoli, apportando contributi scientifici e informativi su argomenti ancora tanto poco conosciuti in Italia. Nel frattempo il CeSAP è diventato parte di una federazione europea di studiosi del settarismo, la FECRIS, assieme ad un’altra associazione italiana, la FAVIS, che raccoglie le famiglie delle vittime delle sette. Da qualche anno la nostra associazione è parte del direttivo della FECRIS ed è rappresentata, tramite l’attuale presidente, nel comitato scientifico. Anche il CeSAP ha un suo comitato scientifico costituito da esperti di caratura nazionale ed internazionale».

Quando sono iniziate le persecuzioni a suo carico e in che modo si palesano?

«Le attività moleste e intimidatorie sono iniziate quando ho reso la mia collaborazione alla DIGOS di Bari, nel 2005/6 per una indagine sul gruppo Arkeon e sui suoi amministratori. Nonostante il leader del gruppo sia stato condannato definitivamente lo scorso anno per il reato di associazione per delinquere finalizzato all’abuso della professione, le attività moleste a mio danno non si sono esaurite, ma hanno anche riguardato miei stretti collaboratori. Con una costanza quasi ossessiva sono stati aperti diversi blog ‘anonimi’ con l’intento di delegittimarmi professionalmente e personalmente. Ci sono state effrazioni nelle poste elettroniche mie e di alcuni collaboratori, nonché membri delle istituzioni con i quali scambiavamo informazioni, e rese pubbliche con l’intento di dimostrare chissà quale attività illecita stessimo mettendo in atto.  Io e alcuni testimoni del processo Arkeon abbiamo ricevuto minacce di spedizioni punitive, mediante lettere cartacee. Lo scorso anno sul mio cellulare ho ricevuto un messaggio in cui l’intestatario mi augurava di essere vittima di una violenza di gruppo da parte di extracomunitari e zingari. Sono state inoltre fotografate le nostre abitazioni, gli studi che ho avuto e pubblicate su un sito anonimo. Proprio l’altro giorno un mio collaboratore ha ricevuto da un profilo anonimo su Facebook una sua foto dinnanzi alla sua casa.  Subito dopo il profilo è stato disattivato. Un’altra mia collaboratrice è stata fotografata mentre usciva di casa per portare a passeggio i suoi cani.  In altra circostanza è stato fatto il nome di una persona della mia famiglia minorenne e indicata la sua età anagrafica. Tutti chiari messaggi intimidatori che vogliono dirci che c’è chi sa tutto di noi e ci sta costantemente col fiato sul collo. A queste azioni negli ultimi 11 anni si sono aggiunte quelle giudiziarie. Io ho ricevuto ben oltre 180 denunce penali e un paio di citazioni civili. L’obiettivo della lite temeraria è quello di distrarmi e di crearmi problemi economici. Ricordo ancora oggi che uno dei personaggi legati a questa realtà mi ha fatto pervenire un messaggio in cui mi diceva che l’obiettivo della sua vita era quello di distruggermi, di non farmi più lavorare, di farmi cacciare dal mio ordine professionale, fosse l’ultima cosa che avrebbe fatto nella sua vita».

Ha denunciato tutto alle forze di polizia?

«Certo, ho sempre denunciato tutto, ma sino ad oggi con scarsi risultati. Uno perché tutte queste attività sono messe in moto in maniera anonima e risulta molto difficile individuare gli autori materiali del reato. Ma anche perché probabilmente chi ha riscontrato le mie denunce non ha ben compreso il reale pericolo di queste azioni anche determinate dal fatto che siano reiterate nel tempo. Un PM chiedendone l’archiviazione, dopo anni, quasi in odore della prescrizione dello stesso reato, ha sostenuto, motivandola, che la mia attività era stata encomiabile, ma che io dovevo aspettarmi simili reazioni che rientrano nella piena libertà di espressione di chi la pensa diversamente. Il messaggio è che se ti occupi di un argomento delicato, come quello della mafia, in qualche modo devi anche aspettarti che qualcuno possa sentirsi offeso e quindi possa decidere di farti fuori».

L’Ordine degli Psicologi l’ha sostenuta in qualche modo?

«Con rammarico devo dire che in tutti questi anni solo in una occasione mi è capitato di verificare che un paio di colleghi dell’Ordine non avessero compreso la gravità della situazione che mi riguardava in qualche modo prestando il fianco a chi tenta di danneggiarmi. Nelle linee generali l’Ordine mi ha sostenuta, tanto da decidere di costituirsi parte civile nel processo su Arkeon a Bari. Dando un chiaro messaggio sin da subito di voler essere presente e sostenermi nella battaglia contro gli abusivismi.  Il Presidente precedente dell’Ordine Pugliese nonché di quello Nazionale, Dr. Palma, ha sempre manifestato sostegno e considerazione della difficile attività di informazione da me portata avanti. In alcune occasioni anche lui ha dovuto subire attacchi diffamatori da parte delle stesse persone che molestano me, come è accaduto a tutti coloro che mi hanno pubblicamente sostenuta o che mi hanno dato voce, come i giornalisti. L’attuale Presidente dell’Ordine Pugliese, Dr. Di Gioia, riconoscendo la validità del mio lavoro, ha deliberato in consiglio che devolverà una parte della quota del risarcimento ricevuta da Arkeon in quanto parte civile a favore del CeSAP.  Anche questo mi sembra un chiaro ed evidente messaggio di sostegno e di riconoscimento».

Il caso delle “psicosette” in Italia è stato oggetto di diverse interrogazioni parlamentari. Si è mosso qualcosa?

«Mi risulta che sono state presentate diverse interrogazioni parlamentari ed una mozione nel Governo passato, in cui senatori e deputati di diversi orientamenti politici hanno chiesto ai vari Ministeri, degli Interni, della Giustizia e della Sanità, di esprimere parere e di intervenire su questa realtà ed anche sui danni che questi fenomeni arrecavano a vittime e a critici. Il mio caso è stato citato in diverse interrogazioni, due delle quali firmate anche dal Senatore Liuzzi, che ringrazio per questa sua sensibilità dimostrata. Ma nessuna risposta è mai arrivata. È bene inoltre ricordare che diverse raccomandazioni europee hanno sollecitato gli stati membri ad attivare politiche preventive su questo argomento e che l’Italia risulta ancora assente all’appello».

Ad oggi continua a subire attacchi e minacce da perfetti sconosciuti sia tramite il web che con altri mezzi?

«Certo, gli attacchi sono continui e quasi quotidiani. Sotto falso nome questa gente contatta i miei colleghi, associazioni italiane ed estere con cui collaboro e i responsabili dei posti in cui devo svolgere un’attività professionale per divulgare informazioni palesemente diffamatorie e distorte sul mio conto. L’obiettivo è quello di crearmi il vuoto intorno e di distruggere la mia credibilità agli occhi degli altri. Per fortuna, nonostante l’incessante impegno, questa loro attività risulta essere fallimentare».

Fonte: http://www.legginoci.it/2018/11/13/lorita-tinelli-cesap-io-minacciata-continuamente-dalle-sette-lobiettivo-e-screditarmi/