Header image alt text

Lorita Tinelli

Prefiero morir de pie a vivir arrodillado – Il Che

Non praticano l’occultismo o la cartomanzia ma i loro metodi sono spesso analoghi a quelli delle sette esoteriche; sono i nuovi movimenti religiosi che, con la complicità delle istituzioni “laiche”, perpetrano abusi psicologici e talvolta anche fisici sugli adepti.

di Emanuela Provera

 

Si tratta di una lucida e documentata analisi della giornalista e scrittrice Emanuela Provera, su come si muovono le sette e sul ruolo degli apologisti. Ma si parla anche del Convegno organizzato dal CeSAP il 10 Maggio scorso a Torino

continua a leggere qui

Speciale Tg1 St 2018/19 Credi! – 03/02/2019

Un viaggio nel mondo dell’esoterismo e della spiritualità. E’ il tema che coinvolge anno dopo anno, sempre più italiani: c’è chi decide di vivere in piccole comunità alternative, praticando riti magici e aspettando la reincarnazione, e chi invece agisce nell’ombra, nell’anonimato più assoluto della rete, manipolando le coscienze dei più deboli e mettendo a rischio i loro risparmi se non addirittura la loro salute. Maghi, ciarlatani, presunti guaritori, sensitivi ed esperti del paranormale incassano guadagni inaspettati: fino a 1000 euro per ogni “cliente”. E se a finire nelle loro mani sono ragazzi giovani o giovanissimi, i rischi possono essere ancora maggiori. In un reportage a cura di Rosita Rosa che attraversa l’Italia, dalla Valle d’Itria, in Puglia, fino alla provincia di Varese, raccoglie le testimonianze di chi ha vissuto, o ha pensato di vivere, esperienze mistiche o spirituali, al chiuso della propria stanza o in micro-comunità. Un racconto che si chiude nel Mugello, al Forteto, il caso-scuola di una comunità religiosa che per decenni ha accolto minori di famiglie disagiate e il cui “padre spirituale” è stato condannato, dopo lunghissimi processi, a quasi 15 anni di carcere per violenze e abusi sessuali.

Guarda qui la puntata

 

Da La Gazzetta del Mezzogiorno di oggi

Ieri è stata una giornata importante. L’Ordine degli Psicologi della Regione Puglia simbolicamente ha voluto rappresentare la propria stima e vicinanza al lavoro svolto da me sul caso Arkeon e in generale su quanto fa il CeSAP. Ci siamo ripromessi di incontrarci ancora per stabilire i termini di un protocollo di intesa per lottare insieme contro l’abuso della professione e le varie cialtronerie. Grande risultato!

 

L’

Risultati immagini per io ci credo presa diretta

 

https://www.raiplay.it/video/2018/02/PresaDiretta-Io-ci-credo-e9a0c56b-1d8b-4bd3-a10a-f7cb19bdc8de.html

Clicca sul link

 

 

Para el delito de ejercicio abusivo de la profesión de psicólogo no se necesita un método, sino que es suficiente un fin y un presupuesto: el diagnóstico y el tratamiento de los trastornos psíquicos. Así comienza la noticia del medio italiano Il Sole 24 Ore en la que Patrizia Maciocchi informa de que el Tribunal de Casación, basado en este principio, ha confirmado la condena del gurú fundador de la “psico-secta” Arkeon por los delitos de asociación para delinquir y abuso de la profesión de psicólogo.

El condenado se llama Vito Carlo Moccia, un dato fundamental que no ofrece el medio italiano. Sin embargo, puede consultarse en el documento de la sentencia, que ha publicado en su página web la psicóloga italiana Lorita Tinelli, experta en sectas. Presentamos la información gracias a la traducción realizada por la Red Iberoamericana de Estudio de las Sectas (RIES).

Los psicólogos, legitimados para denunciar

El Tribunal Supremo, en su sentencia 39339 hecha pública el pasado 22 de agosto, afirma en primer lugar el derecho del Orden de Psicólogos a constituirse en parte civil en el proceso, rechazando la objeción que sobre este punto había hecho el demandante.

Esta constitución es posible cuando no se basa únicamente en el daño a los intereses morales de la categoría profesional, sino también en el daño patrimonial que, aunque indirectamente, derive de la competencia desleal por parte de personas no capacitadas. Y para los jueces fue ciertamente competencia desleal y ejercicio abusivo de la profesión “el camino de desarrollo y de conocimiento personal” propagado en los seminarios de Arkeon. Caminos que, según la defensa, no eran más que una evolución del reiki, la práctica espiritual utilizada como terapia alternativa para dolencias corporales y mentales.

Los jueces de apelación habían verificado que los asistentes se dirigían a la “asociación” con la esperanza de resolver sus problemas psicológicos a través de la psicoterapia. Un “apoyo” que los “maestros” no negaban “yendo a sondear las esferas más íntimas y ocultas de los adeptos, insinuando sospechas atroces sobre su pasado.

El daño a los adeptos

De un informe técnico de la Fiscalía del Tribunal de Bari se desprende que, según los “maestros” de la secta, los padres solían transmitir valores perversos a sus hijos; casi siempre la madre que, como mujer, se dedicaba principalmente a relaciones perversas. La única función noble reconocida al sexo femenino era ser una tierra fértil destinada a dar a luz al hijo del Guerrero.

El resultado de una “introspección” tan “iluminada” no era la serenidad deseada, sino un sobresalto y graves riesgos para la estabilidad psíquica de los asistentes a los seminarios. No es de extrañar la constitución de una parte civil por parte de los psicólogos. El Tribunal de Casación señala que el artículo 348 del Código Penal, relativo al abuso de profesión, es una norma general que debe combinarse con las demás que regulan las profesiones para las que está prevista la habilitación.

Se aclaró que para ejercer de psicólogo sirve un título específico o un título en medicina y cirugía, más los cursos de especialización requeridos; los jueces niegan que sea necesario, para impugnar el delito, el uso de métodos particulares, científicamente probados o no. Es suficiente que la conducta tenga como presupuesto hacer el diagnóstico y cómo curarlo. De hecho, la norma pretende impedir que la salud mental del paciente sea puesta en riesgo por aquellos que pueden “manipularla” dañándola.

El daño al Orden de Psicólogos resultaba evidente tras examinar la estructura de Arkeon y su modus operandi. El boca a boca, folletos, publicidad a través de Internet, presentaciones gratuitas de los cursos… todo estaba dirigido a reunir a tantos participantes como fuera posible para maximizar los beneficios.

Los adeptos, después de haber “invertido un capital significativo” en los seminarios, permanecían vinculados al grupo incluso con la esperanza de hacer producir, una vez que llegaran a ser maestros, el título dado por el gurú. Todo esto prueba “el engaño del delito” y que se trababa, ciertamente, de una “asociación para delinquir”.

Un grupo “abusivo y peligroso”

Según explica en su página web la psicóloga Lorita Tinelli, “después de tantos años hemos llegado a la etapa final de un camino largo, judicial y no sólo, que ha sido increíble” y que aún hoy trae consigo “un proyecto de ocultación de la realidad, de denigración y de intimidación a las víctimas y a los que han denunciado”.

La experta recuerda que uno de los maestros de Arkeon, Francesco Antonio Morello, ya había sido condenado definitivamente en 2012 por abuso sexual, “comportamiento hecho posible también gracias a su papel de maestro en el grupo”.

Por eso muestra su satisfacción porque en la sentencia de casación queda claro que el método Arkeon de Moccia era “abusivo y peligroso”, de manera que no sólo se cierra definitivamente la cuestión en la esfera judicial, sino que también “confirma mi hipótesis inicial y me da la razón sobre los motivos por los que denuncié públicamente el asunto.

En los medios de comunicación se habló en su día de 10.000 personas en torno a la secta Arkeon, con sede en Bari. Un extenso informe presentado ante el Senado italiano por el psicólogo Luigi Corvaglia da los detalles sobre el funcionamiento del grupo y su carácter destructivo.

Fonte: http://infocatolica.com/blog/infories.php/1708240118-italia-confirman-la-condena-a

Di Imma Giuliani

luigicorvaglia

 

Il CeSAP (Centro Studi Abusi Psicologici),  rappresentato dal suo presidente, dottor Luigi Corvaglia, è diventato membro del Consiglio Direttivo della FECRIS (Federazione Europea dei Centri di Ricerca e di Informazione sulle Sette e i Culti), organismo internazionale con sede a Marsiglia, (Francia), presente anche in seno al Consiglio d’Europa di Strasburgo e all’Onu, cui fanno capo 56 associazioni di 34 paesi del mondo che si adoperano per difendere le vittime degli abusi delle sette e di tutti i gruppi costrittivi e totalitari.

La decisione è stata assunta con voto all’unanimità il 20 maggio 2016, durante l’annuale assemblea organizzata in questa occasione presso l’ISTITUT BIBLIOTEKARSTVO I INFORMATION TECHNOLOGY dell’ Università di Sofia.

Il CeSAP,  membro effettivo della FECRIS dal 2010, è una delle due associazioni italiane attualmente annoverate tra i soci federati della ONG: l’altra è la storica associazione di famigliari di vittime delle sette, FAVIS onlus, con sede a Rimini, il cui presidente Maurizio Alessandrini è da anni è impegnato nell’attività di sensibilizzazione, anche istituzionale, inerente il vuoto legislativo in materia di condizionamento psicologico e comportamentale in contesti cultuali e relazionali “Un vuoto normativo che al momento attuala vede purtroppo lo Stato continuare a brillare per la sua assenza e indifferenza anche in relazione alle nulle risposte alle numerose interrogazioni nonché a una mozione parlamentare in materia- E analogo discorso può farsi considerata  la mancanza di un qualunque progetto culturale di informazione e prevenzione a tutela delle fasce a più elevato rischio, come adolescenti e minori, troppo spesso vittime indifese di violenze psicologiche, fisiche e sessuali in ambito settario. Non va del resto dimenticato che molti connazionali in stato di debolezza o difficoltà, finiscono preda di una nutrita nebulosa di gruppi pseudo-terapici, con esiti non di rado drammatici per la loro integrità psichica e per la loro salute” .

Relativamente alla recente nomina, Maurizio Alessandrini afferma: “Per la prima volta nella storia della Fecris un rappresentante delle associazioni italiane entra a far parte dell’organismo decisionale e questo, oltre a essere il riconoscimento dell’impegno serio e costante delle associazioni, è il segnale del rinnovamento atteso e necessario cui contribuirà l’amico dott. Luigi Corvaglia.”

Interpellato il Presidente dr. Luigi Corvaglia, già membro anche del Comitato Scientifico della stessa FECRIS, esprime grande soddisfazione per questo nuovo incarico: “L’ingresso dell’Italia nella Consiglio della FECRIS inaugura una nuova stagione di attenzione per il fenomeno settario e per la gestione del problema della persuasione indebita nel nostro paese”.

“Da questo momento, quindi, il CeSAP anche grazie al suo lavoro di collaborazione con la FAVIS, potrà portare un contributo sempre più fattivo a livello europeo. E’ per noi un grande traguardo e il risultato di un percorso di stima reciproca e di impegno costruito negli anni. -tiene a precisare la fondatrice del CeSAP, Lorita Tinelli – Questo inserimento nel Consiglio Direttivo di una prestigiosa ONG, com’è la FECRIS, è inoltre un chiaro attestato di riconoscimento della qualità del nostro lavoro dopo anni di una attività difficile e spesso osteggiata. Il CeSAP è nato nel 1999 sull’idea di un piccolo gruppo di studiosi  si è dotata negli anni di collaboratori e di un comitato scientifico di eccellenza, per affrontare le tematiche di cui si occupa in maniera più efficace, e, dopo essere diventata conosciuta a livello nazionale, diviene parte integrante di una realtà internazionale di questa portata. Faccio i miei più cari auguri a Luigi Corvaglia, per questo suo nuovo impegno”.

L’Avv. Vincenzo Gallo,  tra i fondatori dell’associazione Favis e noto ai media nazionali anche per essere stato il legale della famiglia di Chiara Marino, la giovane barbaramente trucidata dal gruppo denominato LE BESTIE DI SATANA, si congratula con il Dr Luigi Corvaglia per la prestigiosa nomina, incoraggiandolo a farsi portavoce della Fecris presso la politica italiana affinché siano tempestivamente adottate politiche informative e promosse concrete misure preventive, così come già avvenuto in altri paesi europei, a tutela dei minori, delle fasce maggiormente vulnerabili e, in generale, di tutta la popolazione.

Fonte: http://www.affaritaliani.it/blog/criminalmente/allarme-sette-corvaglia-nella-direzione-della-fecris-431056.html?refresh_ce

 

locandina 2

 

http://www.youtube.com/watch?v=FHvIioEJyQI

Per altre informazioni sul MIP e sugli psicologi aderenti, consultate questo sito

Qui è possibile consultare l’elenco degli psicologi e psicoterapeuti che si sono messi a disposizione per un colloquio gratuito in Bari e Provincia

Dr.ssa Lorita Tinelli Referente Provinciale

————————————-

Qualche informazione in più

 

MAGGIO DI INFORMAZIONE PSICOLOGICA 2014, 7ª edizione

Il mese della prevenzione psicologica in Italia

Psycommunity, la comunità online degli psicologi italiani, è lieta di presentare la 7ª edizione del MIP, Maggio di Informazione Psicologica, la campagna nazionale di prevenzione del disagio psichico.

Gli psicologi MIP tornano per promuovere il benessere psicologico, perché “non c’è salute senza salute mentale”!

1.000 psicologi e psicoterapeuti, in 66 province e numerosissimi comuni, offriranno:

 

  • 1 colloquio gratuito a chiunque ne farà richiesta
  • 1000 appuntamenti aperti al pubblico fra incontri informativi e a tema, conferenze, seminari e gruppi esperienziali nei quali si affronteranno i più varii argomenti della nostra vita quotidiana, indagati attraverso la lente della psicologia.

Salute mentale: cos’è e perché fare prevenzione?

La salute mentale è una condizione di benessere globale grazie alla quale ogni persona realizza appieno le proprie potenzialità, affronta le normali difficoltà della vita, è in grado di lavorare in maniera produttiva e con profitto e di fornire un contributo positivo alla comunità nella quale vive.

In molti paesi, compreso il nostro, le risorse umane e finanziarie messe a disposizione di servizi di salute mentale sono insufficienti e per lo più indirizzate nella cura e nel trattamento delle persone con malattie mentali. Al contrario, sarebbe necessario operare nella direzione della prevenzione, al fine di aiutare le persone a tutelare il proprio benessere psichico.

Un sistema veramente integrato di salute mentale richiederebbe il passaggio da un concetto di consulenza individuale e centrata sul disagio ad un modello di interventi sistemici e indirizzati alla comunità. Sarebbe necessario inserire la salute mentale nell’assistenza sanitaria di base, fornendo assistenza sanitaria in ospedale e sviluppando servizi di salute mentale territoriali e indirizzati alla comunità.

Alcuni piccoli segnali in questo senso sono stati lanciati da Regioni come la Campania che ha istituito i Servizi di Psicologia Territoriale, e il Veneto che ha dato vita a un servizio per la prevenzione dei suicidi.

Come sostiene l’Ordine degli Psicologi Italiani, con l’aiuto di uno psicologo, il difficile diventa facile. Il lavoro degli psicologi contribuisce infatti alla promozione del benessere delle persone e delle organizzazioni.

Gli psicologi del MIP, Maggio di Informazione Psicologica, s’impegnano dal 2008 per consentire a tutti di avere accesso alla prevenzione per tutelare il proprio benessere psichico, perché “non c’è salute senza salute mentale”! E per questo ogni anno mettono gratuitamente le proprie competenze a disposizione della comunità e di chi vuole tutelare il proprio benessere.

COS’È IL MIP?

Il MIP, Maggio di Informazione Psicologica, WWW.PSICOLOGIMIP.IT, edizione 2014, è la prima campagna nazionale di prevenzione del disagio psichico.

Nasce nel 2008 da un’iniziativa di Psycommunity e da allora persegue gli obiettivi di diffondere un’adeguata cultura del benessere psicologico; sensibilizzare alla prevenzione del disagio psichico; facilitare l’incontro con lo psicologo e lo psicoterapeuta; divulgare corrette informazioni, sfatare pregiudizi e stigma sociale; incoraggiare e promuovere la cultura psicologica in Italia; far conoscere gli ambiti di applicazione della psicologia; fare chiarezza sulla professionalità dello psicologo e dello psicoterapeuta.

Nel corso delle sei precedenti edizioni:

  • più di 40.000 le persone che si sono avvicinate alla psicologia attraverso il MIP
  • 3000 gli incontri e i seminari svolti, aperti al pubblico gratuitamente, su qualunque ambito della psicologia
  • 4500 i professionisti che hanno messo gratuitamente la propria esperienza e le proprie conoscenze a disposizione delle persone, incontrandole e fornendo informazioni sulla prevenzione, sul benessere psicologico, sulla psicologia e sugli psicologi ed erogando colloqui clinici a chi ne facesse esplicita richiesta.

COS’È PSYCOMMUNITY?

Psycommunity è la più grande web community degli psicologi italiani che si impegnano, a titolo volontario, a organizzare eventi e manifestazioni culturali inerenti la psicologia e la sua divulgazione.

Nasce nel 2003 e raccoglie circa 7500 membri tra gli psicologi italiani interessati a costituire una comunità virtuale dove condividere liberamente i propri interessi. Le attività della comunità favoriscono l’integrazione e il confronto, nonché la messa a punto di progetti comuni, tra i quali il più impegnativo è stato finora senz’altro il MIP, Maggio di Informazione Psicologica, www.psicologimip.it.

Creative Commons License “Non c’è salute, senza salute mentale”: Alcuni eventi del MIP 7 a Noci is licensed by Lorita Tinelli under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 3.0 United States License.