Header image alt text

Lorita Tinelli

Prefiero morir de pie a vivir arrodillado – Il Che

NOCI (Bari) -Come ogni anno, l’8 Marzo si celebra in tutto il mondo la Giornata Internazionale della Donna, per ricordare le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, ma anche le discriminazioni e le violenze di cui sono state e sono ancora oggetto in ogni parte del mondo.

Il Centro Antiviolenza “Andromeda”, in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Noci, nell’ambito delle attività di sensibilizzazione previste all’interno della convenzione con l’Ambito Territoriale di Putignano, hanno organizzato due iniziative per commemorare questa giornata.

Giovedì 16 marzo alle ore 18.30 presso il Chiostro delle Clarisse sito in Via Porta Putignano, a Noci, si terrà la proiezione del film “Un giorno perfetto”.

Il film diretto da Ferzan Özpetek e tratto dall’omonimo romanzo di Melania Gaia Mazzucco, dai toni noir, racconta un’ossessione amorosa che termina in tragedia. Prodotto dalla Fandango con il contributo di Rai Cinema, è stato presentato in concorso alla 65ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia ed è uscito nelle sale cinematografiche il 5 settembre 2008.

Emma torna a vivere dalla madre assieme ai due figli, dopo aver lasciato il marito Antonio, poliziotto, mentre lui resta a vivere nella casa dove avevano abitato tutti assieme, non rassegnandosi alla perdita della moglie. Nella palazzina si odono degli spari e qualcuno avvisa la polizia, pronta ad irrompere nell’abitazione. Il film prosegue raccontando le ventiquattro ore precedenti a quel fatale avvenimento, ventiquattro ore in cui si incrociano i destini di vari personaggi…

Domenica 26 marzo alle ore 18.30, presso l’auditorium del Liceo Scientifico “Leonardo Da Vinci” sito in Via Repubblica, 36/H, a Noci, é prevista la presentazione dello spettacolo teatrale “La Principessa scalza” di e con Daniella Baldassarra. “Tematiche centrali nelle opere di Daniela Baldassarra sono la donna e le differenze di genere, e in particolar modo i suoi lavori accendono i riflettori sul tema della violenza. Violenza non intesa solo come violenza sessuale, ma scandagliata e raccontata in tutte le sue molteplici sfaccettature”.

Dopo “Nei nostri panni”, “Zero a Zero”, “Paolo & Francesca ipotesi semiseria”, è la volta de “La Principessa scalza”, un monologo che racconta, prevalentemente in chiave ironica e comica, la ricerca, da parte di una donna vittima di violenza, di una via d’uscita dalla traumatica esperienza, attraverso l’invenzione di un mondo altro nel quale vivere. Mentendo agli altri ma soprattutto a sé stessa, la protagonista vive in una realtà parallela fino a quando la forza del dolore rompe anche i confini di questa fantastica barriera protettiva, travolgendola. All’interno di questa macro-storia, si svilupperanno i temi cardine della comicità di Daniela Baldassarra: il matrimonio, la maternità, la guerra dei sessi, la sessualità, la ricerca del principe azzurro, in un girotondo brillante e grottesco di personaggi e situazioni.

«Come annunciato in occasione dell’inaugurazione del CAV, tra le attività che questo importante servizio svolge sul nostro territorio, sono previsti anche momenti di sensibilizzazione verso tutte quelle problematiche che riguardano la parità di genere – ha dichiarato l’Assessore alle Politiche Sociali e alle Pari Opportunità del Comune di Noci, dott.ssa Lorita Tinelli. – Spesso in tv sentiamo di storie di abusi, di violenze e pensiamo che si tratti di cose che non ci appartengono. Nulla ci interessa davvero fino a quando non ci tocca da vicino. Ma in una società sana, civile, non è possibile chiudere gli occhi e fare finta che certe cose non accadano. Dove possibile, bisogna prevenirle. E la prevenzione passa prima di tutto per la conoscenza, l’informazione. Ecco perché – ha concluso l’Assessore Tinelli – l’Amministrazione Comunale accoglie favorevolmente l’attività del CAV e la supporta».

Fonte: http://www.noci24.it/cultura/educazione/15149-la-principessa-scalza-il-cav-andromeda-commemora-la-giornata-internazionale-della-donna-a-noci

By on No Comments

“La bambina e il sognatore”, l’ultimo lavoro di Dacia Maraini presentato a Noci

NOCI – Lunedì 5 dicembre all’interno del Chiostro di San Domenico si è svolto il primo di tanti appuntamenti del ricchissimo programma dell’associazione “Didiario”, che vedrà protagonisti gli studenti e le scuole che avranno la possibilità di appropriarsi di opere della letteratura italiana e di incontrarne i suoi autori. L’associazione è già stata più volte presente nella nostra cittadina con una serie di eventi e progetti di formazione per lettori consapevoli. Nell’appuntamento di lunedì è stato presentato al pubblico nocese l’ultimo libro della scrittrice, ma anche poetessa, saggista, drammaturga e sceneggiatrice italiana Dacia Maraini, intitolato “La bambina e il sognatore”, edito nel 2015.

«Uno scrittore è colui che ascolta delle voci interne. A volte sono misteriose, non sempre sono spiegabili» racconta al pubblico presente la scrittrice. «Immagino un personaggio che venga a bussare alla mia porta, io gli offro un caffè e il personaggio mi racconta la sua storia. Quando poi mi chiede di dormire a casa è proprio quello il momento in cui il personaggio si è accampato nella mia mente. Lo scrittore è come un palombaro che si cala nelle acque profonde e raccoglie degli oggetti che riporta alla luce. Gli oggetti giacciono nell’inconscio collettivo. E lo scrittore li prende».

Sono tanti i temi affrontati nel corso della serata come le donne, la violenza e l’emancipazione. L’attenzione però è posta soprattutto al ruolo della scuola e degli insegnanti. «Abbiamo una scuola molto maltrattata. Si regge solo grazie a maestre e insegnanti. Anticamente la maestra era un punto di riferimento, aveva un prestigio e nessuno avrebbe osato contraddirla. Oggi è considerata insignificante». Proprio per capire l’importanza del ruolo dell’insegnamento, il libro ha come protagonista un maestro, una figura che all’interno della scuola moderna non esiste quasi più. «Abbiamo subito una censura sulla figura paterna sui bambini. Oggi i bambini piccoli sono una questione materna. La censura deriva da una società che ha separato i compiti in maniera meccanica. Invece l’amore paterno è una cosa bellissima. Poetica». Il rapporto tra gli alunni e il maestro, le sparizioni dei bambini e la morte del proprio figlio sono alcune delle tematiche presenti all’interno del libro che permettono una riflessione profonda su argomenti ancora molto attuali.

«La voglia di raccontare credo si sia smarrita in questi ultimi anni» ha commento Alina Laruccia, presidente dell’associazione “Didiario”. «Quando si racconta penso sia importante sentire la storia dentro di sé. La bellezza di questo libro sta nella poesia e nella delicatezza di raccontare una tragedia». La bellezza della storia raccontata nel libro non è solo il riassunto che è stato possibile cogliere durante la serata. Un passaggio è stato anche letto al pubblico da Angela Antonacci, la voce di “Didiario”.

dacia-maraini-tavolo-relatori

L’incontro ha visto la partecipazione dell’assessore Lorita Tinelli e del direttore della Biblioteca Comunale nocese Giuseppe Basile. «I libri sono come le ciliegie. Se è buona la prima, si cercano le altre» ha commentato il direttore, dichiarando che nel patrimonio della Biblioteca sono presenti una quindicina di opere dell’autrice. Altro intervento prezioso è stato quello legato ai motivi che rendono la Puglia e l’Italia in generale, il paese in cui si legge poco nonostante gli investimenti in questo settore. «La lingua italiana è nata prima di tutte le altre lingue europee ed è nata prima che si avesse un paese unito. Si stava sviluppando il volgare che è stato bloccato da un processo di rallentamento con la controriforma. Così si è ritornato a parlare latino, nelle chiese, nei tribunali, nelle università. Si è creata una divisione di classe. La controriforma ha bloccato lo sviluppo della lingua nazionale e anche di una letteratura nazionale. La vera diffusione della lingua italiana si è avuta nel 1950 con la diffusione della radio perché ha portato la lingua nelle case. Però ha nuociuto alla letteratura perché era una lingua parlata e non scritta. Ragione per cui si legge poco. Un’identità di un paese non sta nella bandiera, nella religione, nel territorio. La lingua ci rappresenta e lo scrittore ha il compito di tenere pulita la lingua dalle incrostazioni e dall’uso maldestro di altre lingue e gerghi. Lo scrittore deve cercare di tenerla pulita».

Fonte: http://www.legginoci.it/2016/12/07/la-bambina-e-il-sognatore-lultimo-lavoro-di-dacia-maraini-presentato-a-noci/

12 07daciamarainiNOCI (Bari) - Lunedì sera 5 dicembre un folto pubblico ha avuto la fortuna di poter trascorrere una piacevolissima serata in compagnia della nota scrittrice, poetessa e saggista contemporanea Dacia Maraini. La serata, organizzata dall’associazione di promozione sociale Di-diario – suggeritori di libri, è stata l’occasione in cui la Maraini ha presentato il suo ultimo libro dal titolo ”La bambina e il sognatore”, candidato al premio Nobel.

12 07daciamarainididiarioL’incontro, introdotto dall’assessore alla cultura del Comune di Noci Lorita Tinelli e dal direttore della biblioteca comunale “Mons. Amatulli” Giuseppe Basile, con il prezioso contributo di Alina Laruccia ed Angela Antonacci, è stata l’occasione per riflettere su attualissime tematiche lanciate dalla penna di una delle scrittrici più forti del panorama italiano, visti i suoi trascorsi molto toccanti, a partire dai due anni in cui è stata prigioniera in un campo di concentramento in Giappone.

Il primo dei temi ad essere toccati, la violenza sulle donne: con assoluta delicatezza infatti la scrittrice ha espresso la sua particolare opinione sulla società in cui viviamo che considera essere androcentrica, cioè basata su un’educazione culturale che ancora separa i due sessi come fossero due razze. L’educazione, la cultura, la democrazia e la religione sono le sole a dover essere condivise poiché garantiscono una convivenza pacifica. Tutte le storie di femminicidi difatti, nascono dalla volontà di possesso, perciò è necessario creare una nuova coscienza basata sul rispetto altrui e sulla demolizione di quest’idea di possesso che è talmente scorretta da poterla paragonare al concetto di schiavitù.

Il libro ”La bambina e il sognatore”, in particolare, narra infatti di un uomo solitario e al contempo maestro di scuola e padre di una figlia che ha perso per una grave malattia. Un uomo che ha forte desiderio di esercitare la paternità. Soprattutto in questo contesto storico, con le separazioni e divorzi, molti padri si trovano impossibilitati di poter esercitare questo diritto in quanto le attuali leggi tendono a privilegiare la madre come figura avente diritto sui figli.

È stata infine affrontata la tematica della scomparsa dei bambini, un fenomeno devastante e in continua crescita negli ultimi anni.

Un libro, quello di Dacia Maraini, appassionante per la vastità di tematiche trattate e ricco di mille notevoli sfaccettature dal momento che ha permesso al pubblico nocese di partecipare ad un altissimo momento culturale.

Daniela Della Corte
Fonte: http://www.noci24.it/cultura/libri/14670-la-bambina-e-il-sognatore-l-ultima-opera-di-dacia-maraini

11 29curestufioNOCI (Bari) - Passato, presente e futuro. È questa la chiave di lettura con la quale le classi III C e III D con le maestre Annalisa Villino, Maria Laera e Giovanna Cisternino, hanno sin ad ora affrontato il progetto in collaborazione con l’associazione culturale “Vittorio Tinelli-Parole e cose nuove” intitolato “Rimettere ne cuore amore per la comunità nostra”. L’incontro tenutosi il 26 novembre nella biblioteca della Scuola Primaria Cappuccini di Noci, è stato realizzato con la collaborazione dei soci dell’ U.N.I.T.A.L.S.I di Noci per sensibilizzare e focalizzare l’attenzione dei bambini, protagonisti, sull’amore per il prossimo e per l’intera comunità.

“Gli alunni”- ha spiegato la maestra Annalisa Villino- “hanno iniziato questo progetto in prima elementare riscoprendo la cultura tradizionale, come il dialetto, e stimolando le capacità di ragionamento attraverso gli indovinelli e i problemini scritti da Vittorio Tinelli, in particolare attraverso la lettura e spiegazione del Presidente dell’associazione a quest’ ultimo dedicata, Leonardo Tinelli. Un percorso che li ha visti essere sempre entusiasti e curiosi nel conoscere le infinite opere del Professor Tinelli”. Il filo conduttore di quest’ incontro è stata una delle poesie più belle di Vittorio Tinelli “ Cure stu fiore”, imparata dai bambini e recitata durante l’evento da molti di loro. Cusse è nu fiore./ Ca do t’è nutte;/ de tante amore/ è pegne e frutte./ Tinele care/ Cusse l’inizie/ De ciò che è ràre/ Vere amicizie./ Pote crè nasce/ Da cu l’amore/ Ca mè se spasce/Cure stu fiore.

È il significato di questa poesia che ha permesso agli ospiti presenti di richiamare l’attenzione sulle varie forme di amore partendo dalla responsabile dell’associazione U.N.I.T.A.L.S.I. Ada Lasaracina, la quale si è focalizzata sull’amore verso il prossimo e sulle attività di servizio che l’associazione quotidianamente svolge per i ragazzi diversamente abili, al fine di sensibilizzare i bambini al rispetto e alla diversità che altro non è che una forma d’amore. Successivamente sono intervenute le cariche istituzionali: l’assessora Lorita Tinelli che si è complimentata per il lavoro svolto e ha riportato alla mente, il ricordo personale del “braciere”, che ha rappresentato per molti l’incontro dell’amore familiare e l’ascolto dei racconti dei nonni, il dirigente scolastico Giuseppe D’Elia che ha ringraziato le maestre per il loro essere “guide fondamentali” del percorso di crescita dei piccoli d’ oggi, che indubbiamente saranno i grandi di domani, colmi di responsabilità e di amore verso la società e la comunità a livello locale, ed infine l’intervento del presidente Leonardo Tinelli, il quale ha ricordato il Professor Vittorio Tinelli, per la sua esperienza di pedagogista, maestro e scrittore ed ha citato il suo grande amore per la parola e la cultura che diventano il mezzo imprescindibile per poter esprimere il proprio amore verso gli altri.

L’evento si è concluso con il canto finale, ricco di gioia e partecipazione, degli alunni “L’amicizia” e con un cospicuo scambio di doni tra i vari presenti, il fiore simbolo di amore e amicizia realizzato dagli alunni, gli addobbi natalizi e i salvadanai realizzati dai ragazzi dell’ U.N.I.T.A.L.S.I.

 

Ilaria Ferro
Fonte: http://www.noci24.it/cultura/educazione/14607-cure-stu-fiore-l-ass-vittorio-tinelli-e-l-unitalsi-a-scuola-per-il-prossimo

tinelliNOCI (Bari) - Ha preso avvio ieri, 17 ottobre 2016, il servizio mensa scolastica nelle scuole nocesi con qualche settimana di anticipo rispetto agli anni precedenti.

Venerdì scorso, 14 ottobre, l’assessore alla socialità, dott.ssa Lorita Tinelli, e la responsabile del settore socio-culturale, dott.ssa Anna Maria Conte, alla presenza anche di un rappresentante della ditta Ladisa, che gestisce il servizio mensa scolastica, hanno incontrato la commissione mensa, composta da genitori e insegnanti, per illustrare loro il regolamento e confrontarsi sul menù che sarà somministrato ai bambini.

«Ho registrato grande e proficua collaborazione tra i componenti la Commissione – ha commentato l’assessore Lorita Tinelli. – Nei prossimi giorni io e la dottoressa Conte torneremo nelle scuole e mangeremo lì per valutare la qualità dei prodotti serviti ai nostri bambini. Da parte nostra è sempre molto alta l’attenzione sul tema e per questo saremo vigili affinché il servizio venga svolto sempre nel migliore dei modi».

Fonte: http://www.noci24.it/politica/giunta-comunale/14347-avviato-il-servizio-mensa-scolastica

Mancano pochi giorni e anche per la Deco Domus Noci prenderà ufficialmente inizio la tanto attesa stagione sportiva 2016/2017.

Lo scorso venerdì, presso il “Dama D’Angiò”, la società pallavolistica femminile, per il secondo anno iscritta al massimo campionato regionale di serie C, si è presentata alla cittadinanza. All’evento, presentato da Paolo Liuzzi, erano presenti l’assessore allo Sport Lorita Tinelli, le testate giornalistiche nocesi e rappresentanti degli sponsor “Deco Domus”, “Il Sentiero” e “Dongiovanni Viaggi” assieme ai tanti appassionati di questa disciplina che, con il passare degli anni, sta facendo avvicinare tante ragazze al settore giovanile.

Durante la serata è stato presentato il nuovo logo, disegnato da Vito Genchi, che rappresenterà la Real Volley Noci: si tratta della rappresentazione di un leone, simbolo della nostra città, che intende raffigurare la forza e la grinta; presenti anche un pallone con al centro i tre campanili nocesi, e sei stelle che simboleggiano le ragazze che scendono in campo.

A seguire, dopo la presentazione del girone e delle squadre facenti parte, il presidente Giuseppe Mastropasqua ha consegnato, ad ogni atleta, la maglia ufficiale che verrà indossata durante le gare del campionato.

A fine serata, l’assessore Tinelli, ha ringraziato la società biancoverde per il lavoro che sta svolgendo in questi anni e ad ogni sponsor è stata consegnata una targa per ricordare il loro prezioso contributo.

Fonte: http://www.nocigazzettino.it/2335/Deco%C2%A0Domus%C2%A0pronta%C2%A0all%E2%80%99esordio.html

public/

 

Dopo la mostra del luglio scorso, all’interno del Chiostro delle Clarisse, la collezione scultorea “Stati mentali” dell’artista Carlo Vicenti approda in modo permanenete presso la Biblioteca comunale “Mons. Amatulli” di Noci.

Con una cerimonia ufficiale alla presenza del sindaco Domenico Nisi, dell’assessore alla Cultura Lorita Tinelli, del direttore della Biblioteca comunale Giuseppe Basile e di Gabriele Ginevra (responsabile Auto Ginevra, azienda che ha voluto donare le vetrinette che conterrano le opere nella sala Mediateca), oltre che della stampa locale, Vicenti ha voluto consegnare le sue opere nelle mani della città affinché la gente, a partire dai più giovani, possa avvicinarsi ed amare sempre più l’arte nelle sue diverse forme, in questo caso provando ad immedesimare le sculture con lo stato d’animo del momento.

Le opere, lo ricordiamo, sono realizzate con pietra e rame; vere emozioni e sentimenti quotidiani, sia sensoriali che mentali, che appartengono al quotidiano di ognuno di noi.

Nel salutare e ringraziare i presenti, Vicenti ha dichiarato che tra qualche mese presenterà la sua nuova produzione dal titolo “Corcoro”, nome dovuto al fatto che la lavorazione dell’artista sarà sviluppata su juta.

Fonte: http://www.nocigazzettino.it/2250/”Stati%C2%A0mentali”%C2%A0in%C2%A0Biblioteca.html

Creative Commons License “Stati mentali” in Biblioteca is licensed by Lorita Tinelli under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 3.0 United States License.