L’impatto psicologico sui bambini che crescono nelle sette

Ho appena visto l’ultima serie di docu di Netflix “Come diventare un leader di una setta?” e mi ha fatto piacere osservare che le immagini dela setta in cui sono cresciuta vi compaiono con frequenza, perché significa che è indubbiamente e ampiamente riconosciuta come tale. Le immagini familiari del leader della setta che fa “darshan energetici” (la cosiddetta trasmissione di energia) con i suoi discepoli, che a loro volta sembrano assolutamente beati, sono state progettate per ritrarlo come qualcuno che detiene poteri speciali e che cura istantaneamente la sofferenza delle persone.

Indottrinamento fin dalla tenera età

L’indottrinamento dei bambini nelle sette differisce da quello degli adulti in quanto i bambini sono estremamente vulnerabili all’influenza degli adulti – sono persone che ammirano, specialmente i loro genitori. I cervelli dei bambini si stanno ancora sviluppando e sono come spugne, che assorbono il mondo che li circonda, il mondo degli adulti che creano l’ambiente in cui esistono. Tutto quello che hanno la possibilità di conoscere.

Le richieste del leader del culto vengono sempre per prime

Chi è Luca Lorenzoni - Extended Version - Luca Lorenzoni Trainer - Your  Trainers Group - YouTube

Nelle sette, il leader o la dottrina della setta ha sempre la priorità su qualsiasi altra cosa. Il bambino che cresce in una setta non sarà mai al centro dell’attenzione nel mondo dei suoi genitori, perché molto probabilmente essi saranno totalmente centrati con il leader della setta e con le richieste della setta. Queste richieste sono generalmente grandi e irraggiungibili perché è probabile che il leader sia altamente perfezionista, insaziabile e persecutorio verso coloro che non soddisfano i suoi ideali. Inoltre, un leader di setta impiegherà tattiche di paura con i propri discepoli e li manterrà in uno stato di perpetua adorazione nei suoi confronti e vergogna nei confronti di se stessi. In questo stato di paura, vergogna e di totale preoccupazione per un altro, non c’è spazio per le richieste adeguate all’età di un bambino che ha effettivamente bisogno delle cure e dell’attenzione dei genitori.

“Non ho bisogno”

Un bambino che cresce in una setta impara a non avere bisogni perché impara presto che questi non contano. Per sopravvivere nella setta e ottenere qualche briciola di attenzione dai suoi genitori, non avrà altra scelta che conformarsi alle richieste del leader, cercare di adattarsi il più possibile e scavalcare i suoi naturali bisogni di sviluppo. Ciò significa che il bambino perderà i normali stadi di sviluppo, se non anche l’istruzione e le normali interazioni con i coetanei a causa della natura insulare e isolata della maggior parte delle sette.

Isolamento e abusi

Ascolto e testimonianza del minore sospetta vittima di abuso sessuale. La  normativa e la prassi. | Studio Legale De Lalla

Mandare un bambino a scuola significa interagire con il mondo esterno, che la maggior parte delle sette trova minaccioso. A seconda di quanto si isoli una setta, fornirà la propria istruzione, farà interagire i bambini solo con altri bambini della setta e si assicurerà che non ci siano influenze esterne che potrebbero portare il bambino a mettere in discussione la sua educazione.

Tenere una bambina isolata dalla società la rende anche vulnerabile agli abusi: sessuali, fisici, spirituali, emotivi e psicologici. I gruppi isolati creano le proprie regole e decidono cosa è giusto o sbagliato. Nella setta in cui sono cresciuta, ad esempio, i bambini e gli adolescenti venivano visti e trattati come adulti. Ciò significava che dovevamo lavorare per lunghe ore, adorare e meditare con gli adulti. Ciò significava anche che la scuola era minima e non esisteva una censura adeguata all’età per le cose per soli adulti. Il leader della setta – un maestro illuminato autoproclamato – era visto come un esperto nell’educazione dei bambini, nonostante non avesse figli o non sapesse nulla sullo sviluppo del bambino.

Se il leader della setta perdona un comportamento inappropriato, dannoso o addirittura criminale, allora i suoi discepoli colludono perché tutto ciò che conta è ciò che pensa il leader. La sua verità conta al di sopra di tutte le verità, e lui/lei è sempre al di sopra delle regole e delle norme sociali, inclusa la legge. In queste circostanze, i bambini sono estremamente vulnerabili ai predatori.

L’oggettivazione dei bambini

È allarme per la depressione tra i giovani, negli Usa psicofarmaci a 14  milioni di bambini - DIRE.it

Nelle sette, i bambini sono visti come un inconveniente o usati come mezzi per far crescere la setta. In entrambe le situazioni, i bambini sono visti come oggetti e non incoraggiati a sviluppare la propria identità. Nelle sette, niente è nel migliore interesse di un bambino. Tutto è nel miglior interesse del leader e dell’organizzazione. Nonostante questo fatto ben noto, i leader di setta faranno sembrare che tutto ciò che fanno sia per il tuo bene e per il bene dei tuoi figli, anche se ci sono molte prove del contrario (vedi “Gaslighting” di seguito). Ti faranno annullare i tuoi dubbi, mettere in discussione la tua sanità mentale e rinunciare a tutto ciò che hai, compresi i tuoi figli, al servizio del “bene superiore“. Questo “bene superiore” ha pochissimi vincitori, che di solito sono il leader e la sua cerchia ristretta.

Gaslighting

Gaslighting: cos'è e come riconoscerlo - Metropolitan Magazine

Una caratteristica centrale dei culti è il gaslighting, un termine coniato dal film “Gaslight” in cui una giovane donna viene manipolata dal marito facendole credere che sta per cadere nella follia. I culti lo fanno su larga scala, il che è progettato per mantenere i propri discepoli o seguaci in uno stato di dubbio perpetuo sulle propri opinioni e seguire le opinioni e le idee del leader del culto. È un esercizio per mantenere il potere sugli altri e abdicare a qualsiasi responsabilità per le proprie azioni. Ad esempio, nel culto in cui sono cresciuta, l’autoproclamato maestro illuminato attribuiva tutta la sofferenza personale ai suoi discepoli e non si assumeva mai alcuna responsabilità. Ciò si estendeva allo sfruttamento sessuale, finanziario e psicologico del “suo popolo“, compresi i bambini. Interrogato, diceva che non ti eri arreso abbastanza a lui e che questa era la ragione della tua sofferenza.

In partenza

Famiglie spaccate dalle sette «Uscirne è quasi impossibile» | L'Arena

Quando il bambino crescerà e avrà la fortuna di lasciare il culto, dovrà affrontare un lungo processo di ricostruzione o recupero della propria identità. Tutto ciò che è è stato attribuito al culto o esiste a causa del culto. A volte, quando un ex bambino sceglie di andarsene, la sua famiglia non vuole avere niente a che fare con lui. Oppure potrebbe aver bisogno di interrompere i contatti con la sua famiglia per sopravvivere psicologicamente.

Il processo di recupero

Creare una setta religiosa in 7 mosse | Lega Nerd

Il recupero delle sette è un processo lungo e impegnativo che richiede il giusto supporto. È consigliabile trovare un gruppo di persone affini che condividano background simili, così come trovare un terapista esperto e ben informato su questo tipo di lavoro. Spiegare alle persone quello che hai passato non è mai facile. Gli ex membri di setta e coloro che sono cresciuti nelle sette possono provare molta vergogna per il loro passato e avere difficoltà ad articolare ciò che hanno passato. Alla maggior parte delle persone manca una reale conoscenza di cosa significhi vivere in un gruppo ad alto controllo e dei suoi effetti.

Riconquistare la propria mente e fissare i confini

Coloro che sono nati o cresciuti nelle sette avranno spesso bisogno di imparare o reimparare a vivere nella società. Sebbene i culti varino in termini di isolamento e ristrettezza dei loro membri, l’indottrinamento dei bambini è così profondo che ci vorrà molto tempo per ritrovare la propria mente, imparare a pensare con la propria testa e avere le proprie opinioni. Ciò si estende alla conoscenza delle proprie preferenze, desideri e bisogni. Poiché avere i propri pensieri e opinioni era disapprovato o addirittura pericoloso, ci vuole tempo per ritrovare un senso di sicurezza nel fare cose normali, avere preferenze personali e persino sentirsi autorizzati allo spazio personale. Crescere in un ambiente in cui nulla ti appartiene, tutto il pensiero è fatto per te e lo spazio personale non è una cosa, ha grandi implicazioni nella vita successiva quando si tratta di stabilire confini personali.

Sam Jahara è una psicoterapeuta registrata UKCP e supervisore clinico. Ha esperienza nel lavorare con gruppi e con coloro che hanno subito alta influenza da singoli individui, famiglie e organizzazioni. Ha anche parlato della sua esperienza personale di persona cresciuta in una setta in recenti interviste pubbliche.

Fonte: https://www.brightonandhovepsychotherapy.com/blog/the-psychological-impact-on-children-who-grow-up-in-cults/?fbclid=IwAR00QZQOd1KiZX3PT8HXHNMjuf4ZcQJLA-20bv_wu2TRCuIxV64ZEWfobUw

——————————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

La psicologa criminologa Lorita Tinelli al Castello di Bisceglie

Gentile Redazione,

poniamo alla vostra attenzione i dettagli relativi a un evento dedicato alla saggistica organizzato dalla libreria Prendi Luna book & more in collaborazione con AIGA di Trani (Associazione Giovani Avvocati) e con l’Associazione Zona Effe.

Venerdì 13 gennaio, alle ore 19 presso la sala Bifora del Castello di Bisceglie, la dottoressa Lorita Tinelli (psicologa criminologa, esperta delle dinamiche di persuasione e fondazione del Centro Studi Abusi Psicologici) presenterà “Gaslighting – La più subdola tecnica di manipolazione psicologica” intervistata dal dottor Gianni Ferrucci.

L’ingresso è libero, seguirà aperitivo in libreria.

Nella speranza che possiate diffondere l’evento, restiamo a disposizione per qualsiasi ulteriore informazione.

Prendi Luna book & more

Info 080 809 2484

prendiluna.eventi@gmail.com

Stalking, ghosting, mobbing: tre insidie da riconoscere

Saggistica: La dottoressa Tinelli, esperta di dinamiche di persuasione, incontra lettori e curiosi al Castello di Bisceglie per presentare il suo ultimo saggio incentrato sul “gaslighting” una delle più subdole tecniche di manipolazione psicologica.

“Gaslighting – La più subdola tecnica di manipolazione psicologica”

Il gaslighting è uno dei comportamenti manipolatori  più comuni che mina la sicurezza emotiva e psicologica delle persone influenzabili. I soggetti che subiscono abusi sono indotti a dubitare delle proprie capacità e a interiorizzare realtà distorte dalle persone manipolatrici. Nel suo saggio, la dottoressa Lorita Tinelli approfondisce i fenomeni di manipolazione emotiva che sfociano in vere forme di abuso psicologico come stalking, ghosting e mobbing.

Dottoressa Lorita Tinelli

Psicologa a indirizzo clinico e di comunità, criminologa, fondatrice del CeSAP – Centro Studi Abusi Psicologici; studiosa del fenomeno settario e della manipolazione mentale; saggista.

La presentazione si svolgerà venerdì 13 gennaio alle 19 nella sala Bifora del Castello di Bisceglie. Modererà l’incontro il dottor Gianni Ferrucci. Ingresso libero, seguirà aperitivo in libreria (via Tupputi 15).

L’evento è organizzato in collaborazione con AIGA di Trani e l’associazione Zona Effe.

Nuova edizione e ristampa del libro “Gaslighting. La più subdola tecnica di manipolazione psicologica”

Il 29 novembre scorso abbiamo presentato la nuova edizione del libro sul Gaslighting presso la meravigliosa Sala delle Cerimonie del Comune di Castellana Grotte (BA).

Di seguito alcune foto dell’evento, molto seguito e partecipato.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante testo

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 7 persone e spazio al chiuso

La nuova edizione si avvale di qualche aggiornamento rispetto alla precedente, ma anche della Prefazione della gentilissima Morena Zapparoli (giornalista e opinionista), che nei giorni scorsi ha anche pubblicato una sua recensione sui suoi social.

Ma il libro ha vinto anche il terzo premio ad un prestigioso concorso nazionale, nella sua XIX edizione. Premio che ho personalmente ritirato il 4 Dicembre scorso.

Di seguito una foto di rito e la motivazione della scelta della giuria.

Sono molto soddisfatta di questo ennesimo lavoro, che, a quanto pare sta riscuotendo molti consensi.

In esso viene affrontata la tematica del Gaslighting e della manipolazione mentale in tutte le sue declinazioni e applicazioni relazionali. Dai Guru al partner, dai politici ai vari mistificatori che vivono cibandosi come vampiri della sofferenza altrui.

L’anno 2022 è stato un anno molto produttivo e altrettanto lo sarà il 2023. Stay Tuned!

Chiunque desidera acquistare il libro, può prenotarlo in tutte le librerie o scrivermi al dr.loritatinelli@gmail.com

Scegli un lavoro che ti piace e non lavorerai un giornoConfucio