Header image alt text

Lorita Tinelli

Prefiero morir de pie a vivir arrodillado – Il Che

Secondo gli esperti, politici o religiosi che siano, i gruppi cercano di controllare la vita dei loro associati con delle modalità analoghe.

di Neil Tweedie

 

Nessuno sa cosa succede dietro le porte chiuse, così recita un proverbio  che non è mai stato tanto esatto riguardo al caso di 1C Peckford Place, Brixton.

Lungi dall’essere solo una strada situata in una posizione ideale per i “negozi, ristoranti e strutture per il tempo libero alla moda“, come il sito di proprietà Zoopla evidenzia, questo angolo del sud di Londra è stato, a quanto pare, una cabina di guida della rivoluzione globale, in quanto sede  di quello che magnificamente viene definito  “Istituto del pensiero marxista-leninista dei Lavoratori  di Mao Zedong“.

 

Tale ridicola grandiosità ha inevitabilmente riportato alle scene del film Brian di Nazareth di Monty Pythone per la sua ineguagliabile parodia della politica di frangia, inscenando il contrasto tra Fronte Popolare di Giudea con i giudei del Fronte Popolare.

Ma non c’è nulla di minimamente divertente sui vincoli psicologici apparentemente imposti alle tre donne, una delle quali ha conosciuto un’altra forma di vita, dalla coppia di anziani a capo della comune presunta maoista.

Il comportamento verificatosi nel Brixton suggerisce una disposizione alle caratteristiche di un culto, nel quale i pochi membri rimasti di un piccolo movimento politico, seguaci di una filosofia felicemente consegnata alla irrilevanza storica, sono riusciti a separarsi quasi completamente dal mondo rimanendo dall’altra parte.

Se è vero il caso, si tratta di nulla di nuovo. Gli esseri umani, siano essi idealisti o psicologicamente vulnerabili, hanno mostrato una capacità inesauribile di credulità nei confronti dei ciarlatani che si propongono come messia politici o religiosi. Gli estremisti vanno e vengono, ma gli elementi essenziali del settarismo rimangono gli  stessi.

 

Queste sette politiche assomigliano ai culti religiosi nell’uso della pressione emotiva per rendere gli aderenti conformi alla loro visione del mondo, non importa quanto aberrante possa essere“, dice lo storico Michael Burleigh, autore della Sacred Causes, uno studio della religione e politica  del 20° secolo.

Per quanto bizzarri essi colpiscono gli esterni, per coloro che sono coinvolti in questi livelli di pressione psicologica, essi sono fondamentalmente totalitari, in quanto cercano di controllare ogni aspetto della vita di ogni aderente“.

L’intimidazione fisica può essere un fattore utilizzato dai culti politici, come è avvenuto con il compianto Gerry Healy, leader del Partito Rivoluzionario dei Lavoratori, che è  ricorso alla violenza sui seguaci che hanno deviato dal partito – vale a dire la sua lnea -  utilizzando le adepte per soddisfare il suo appetito sessuale. Ma il controllo a lungo termine si basa sulla manipolazione delle reclute ad accettare la logica interna di una organizzazione.

Ci sono, Dio sa quanti, gruppetti in giro che seguono costantemente punti oscuri della dottrina – solo manciate di persone“, dice Dennis Tourish, autore di uno studio sulle organizzazioni disfunzionali  e sul lato oscuro della Transformational Leadership . “La cosa che spinge queste persone è il concetto di purezza ideologica. Quindi, nessuno al di fuori può capire perché questi piccoli partiti continuano a dividere, ma per le persone che subiscono le divisioni essi assumono un sconvolgente significato“.

C’è anche la convinzione che il leader del gruppo gode di insight semidivino, quindi se qualcuno mette in discussione il punto di vista del leader lui o lei è un eretico“.

Avulsi dalla realtà, i membri accettano ogni tipo di abuso, come nel caso della WRP.  Healy, un trotskista dichiarato, richiedeva regolarmente rapporti sessuali a membri femminili del suo partito durante la guida di una  non-socialista auto sportiva BMW.

Ted Grant, il demagogo che ha guidato i Militant, ha evidenziato la sua forma di follia. Il controllo ha costituito il suo regime tanto che i membri dovevano persino chiedere il permesso per aprire una finestra per prendere aria fresca durante le riunioni.

Il Socialist Workers Party, nel frattempo, è stato paralizzato da accuse di grave cattiva condotta sessuale da un membro del partito senior, la cui sua leadership non è riuscita ad affrontare.

Ma perché la gente cade in queste sciocchezze?

La maggior parte delle persone che si iscrive a questi gruppi è all’interno della gamma normale di personalità“, dice il professor Tourish della Royal Holloway, University of London. “Ma la pratica suggerisce che quando ci si unisce a questi gruppi si sta vivendo un periodo di vulnerabilità personale“.

La cosa fondamentale è che si tratta di un processo graduale. Quello che succede è che si partecipa ad una riunione, poi un altro incontro e poi si  dona una piccola somma di denaro. Poi si chiedono più soldi. Poi ti chiedono di stare in strada e vendere il giornale del partito“.

Con il tempo avrete raggiunto la fase di pieno impegno e avrete dimenticato come questo viaggio è iniziato. Dopo alcuni anni, diversi meccanismi di impegno hanno fatto il loro lavoro: avete dato il vostro lavoro o la formazione per dedicarvi al partito, avete reciso i legami con amici e familiari  e non sapete dove andare” .

I Culti non stanno esaurendosi, semplicemente cambiano forma, dal religioso al politico, dall’ambientale al razziale. Le caratteristiche cultuani possono essere attivate anche sul posto di lavoro.

Noi cediamo parte di noi stessi alle organizzazioni per tutto il tempo“, dice Amanda Van Eck , vice direttore di Inform , un organismo che raccoglie documenti degli estremismi. “Non ci può essere qualche comportamento di  gruppo abbastanza estremo nelle imprese bancarie, per esempio“.

La globalizzazione, i viaggi aerei e Internet fanno sì che le idee si diffondono più facilmente e ci godiamo l’accesso ai sistemi di credenze che non avremmo mai  altrimenti conosciuto. C’è molto di più pluralismo, in modo che qualcuno può essere un cattolico romano, ma frequentare lezioni di yoga e possedere qualche cristallo a casa. Il mondo è adesso, in qualche misura, un supermercato religioso e ideologico. È possibile combinare e, se si arriva con il proprio sistema di credenze, ci sarà probabilmente qualcuno là fuori felice di seguirti“.

 

Fonte:http://www.telegraph.co.uk/news/uknews/crime/10485462/Credulity-fear-and-leaders-like-gods-the-secret-world-of-cults.html

 

—————————————–

 

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

di Janja Lalich, Ph.D. E Michael D. Langone, Ph.D.

I gruppi settari sono caratterizzati da sforzi concertati e programmi per influenzare e controllare le relazioni.

Molti membri, ex membri e sostenitori di culti non sono pienamente consapevoli della misura in cui gli adepti possono essere stati manipolati, sfruttati ed anche abusati. Il seguente elenco di modelli di comportamento socio-strutturali, socio-psicologici e interpersonali che si trovano comunemente negli ambienti settari può essere utile per valutare un particolare gruppo o relazione.
Confronta questi modelli alla situazione in cui eri (o in cui si trova attualmente un membro della tua famiglia, o un amico ). Questo elenco può aiutare a determinare se vi è motivo di preoccupazione.

Tieni a mente che questo elenco non vuole essere una “scala di valutazione di un culto” o una lista di controllo definitivo per determinare se un gruppo specifico è un culto. Questo non è tanto uno strumento diagnostico quanto uno strumento analitico.

‪ – Il gruppo mostra un zelante impegno in modo eccessivo e incondizionato nei confronti del leader/s (vivo o morto che sia) per quanto riguarda il suo sistema di credenze, ideologie e le pratiche , tutte intese come la Verità, come la legge.
‪- Interrogativi, dubbi e dissenso sono scoraggiati o addirittura puniti.
‪- Pratiche  che alterano la mente (come la meditazione, il canto, il parlare in lingue, sessioni di denuncia e le routine di lavoro debilitanti) sono usate in eccesso e servono a eliminare i dubbi sul gruppo e sul suo leader.
‪ – La leadership detta, a volte con dovizia di particolari, come i membri dovrebbero pensare, agire e sentire (ad esempio, i membri devono ottenere il permesso per cambiare lavoro, sposarsi, o il leader può prescrivere quali tipi di vestiti indossare, dove vivere, se o non avere figli, come disciplinare i bambini, e così via).
‪ – Il gruppo è elitario, sostenendosi speciale, mantiene uno stato esaltato per se stesso, per il suo leader (ad esempio, il leader è considerato il Messia, un essere speciale, e un avatar-o il gruppo / o il leader possiede una speciale missione per salvare l’umanità).
‪ – Il gruppo ha una mentalità polarizzata in noi-contro-loro, che può causare conflitto con la società più ampia.
‪ – Il leader non deve rendere conto a tutte le autorità (a differenza, ad esempio, degli insegnanti, dei comandanti militari o ministri, preti, monaci, rabbini e delle principali confessioni religiose).
‪ – Il gruppo insegna o implica che i suoi ipotetici fini esaltati siano giustificati dai mezzi che ritiene necessario. Ciò può comportare che i soci partecipanti adottino comportamenti o svolgano attività che avrebbero considerato riprovevoli o non etici prima di unirsi al gruppo (ad esempio, mentire a familiari o amici, o raccogliere  fondi per beneficenza fasulla).
‪ – La leadership induce sentimenti di vergogna e di colpa per influenzare. Spesso questo viene fatto attraverso la pressione dei pari e sottili forme di persuasione.
‪ – La sottomissione al capo o al gruppo richiede ai membri di tagliare i legami con la famiglia e gli amici, e di modificare radicalmente gli obiettivi personali e le attività che avevano prima di unirsi al gruppo.
‪ – Il gruppo si preoccupa di portare  nuovi membri al suo interno.
‪ – Il gruppo si preoccupa di accumulare denaro.
‪ – I membri sono tenuti a dedicare un’enorme quantità di tempo per il gruppo e in sue attività connesse.
‪ – I membri sono incoraggiati o tenuti a vivere e / o socializzare solo con altri membri del gruppo.
‪ – I membri più fedeli (i “veri credenti”) ritiengono che non ci può essere vita al di fuori del contesto del gruppo. Essi credono che non vi è altro modo di essere, e spesso temono rappresaglie a se stessi o ad altri se se ne vanno (o anche in considerazione di lasciare) dal gruppo.

Questa lista di controllo è stata pubblicata nel nuovo libro, Take Back Your Life: Recuperare da Culti e dalle relazioni violente di Janja Lalich e Madeleine Tobias (Berkeley: Bay Tree Publishing, 2006). Ed è  stata adattata da una lista di controllo sviluppata originariamente da Michael Langone.

 

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Creative Commons License Caratteristiche associate ai gruppi settari is licensed by Lorita Tinelli under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 3.0 United States License.