Header image alt text

Lorita Tinelli

Prefiero morir de pie a vivir arrodillado – Il Che

 

i

09 17paoloercolanidonneNOCI (Bari) - La violenza di genere, un fenomeno da sconfiggere solo con il superamento dei pregiudizi e lo sviluppo della cultura. Non è difficile sconfiggere alcuni stereotipi e preconcetti radicati nella mentalità della società che ci circonda, ma per cominciare non è mai tardi ed in questo la Puglia è già un bel passo avanti. Si tratta di quanto emerso lo scorso giovedì 15 settembre durante la tavola rotonda sul tema “Essere Donne. Tra violenze, pregiudizi e diritti negati”organizzata dal Comune di Noci. L’incontro, svoltosi nel chiostro delle clarisse di Noci, ha rappresentato l’occasione per presentare l’ultima fatica letteraria del professore Paolo Ercolani, filosofo, scrittore e docente dell’Università di Urbino Carlo Bo.

Dopo gli onori di casa del primo cittadino ed il conseguente annuncio della data di inaugurazione del centro antiviolenza, è toccato alla giornalista Alessandra Neglia moderare i lavori della tavola rotonda ed accendere un lungo ed interessante dibattito sul tema della violenza di genere. La prima a prendere la parola, la dott. Angela Lacitignola, Coordinatrice centro antiviolenza “Andromeda” – Ambito territoriale di Putignano (di cui fa parte anche Noci, comune che accoglierà il centro in via vico Silvio Pellico – foto a lato): “E’ importante definire la violenza di genere perchè oggi, dopo secoli di silenzio, il fenomeno viene studiato ed ha un nome: la violenza sulle donne quando viene esercita, viene esercita nei confronti delle donne in quanto tali”. “La Puglia oggi è l’unica regione che si muove all’interno di una cornice normativa degna del suo nome e che in confronto a tutta l’Italia prevede un piano operativo di intervento ed uno stanziamento economico. Coerentemente con quanto dicono l’Europa e la sanità infatti, oggi con la legge regionale 29 del 2014, la Regione Puglia definisce la violenza di genere una violazione dei diritti umani e dà così sostegno concreto alle vittime.” “In riferimento ai Centri antiviolenza” ha continuati, “questi vengono concepiti perchè necessari e superano quei pregiudizi relativi ai movimenti femministi degli anni ’80. La violenza di genere influisce su molti aspetti: incide sul sfera sociale di una donna e sui normali rapporti di ogni giorno. Uno degli aspetti negativi che tutt’ora riscontriamo nello studio di questo fenomeno è che non abbiamo dati. Uscire dalla violenza non è una cosa semplice: purtroppo la nostra normalità educativa ci impone stereotipi che vanno necessariamente estirpati. Per eliminare il fenomeno dobbiamo riconoscerlo; per riuscire a combattere la violenza di genere non dobbiamo far passare per “normale” ciò che non lo è. Dobbiamo soprattutto imparare a vivere relazioni libere e paritarie”.

Durante il corso dei lavori, parola anche alla dott.Lorita Tinelli in quanto psicologa ed assessore alle politiche sociali del Comune di Noci: “Subire una violenza di genere significa vivere una serie di sentimenti e disagio di tipo psicologico non indifferenti: senso di colpa, vergogna, etc. E a questi sentimenti il più delle volte si aggiunge anche il pregiudizio sociale che fa sentire inadeguati. Affrontare la violenza significa cambiare la cultura. Da assessore mi auguro che con l’apertura del centro antiviolenza a Noci si possa dare inizio ad un percorso di formazione che parta dalle scuole”.

Dopo la dott. Rossella Traversa, referente centro di documentazione e cultura delle donne e docente presso l’Università degli studi di Bari Aldo Moro, la parola all’ospite d’eccezione della serata, il filosofo, docente e scrittore dell’Università Carlo Bo di Urbino Paolo Ercolani. Nella sua ultima fatica letteraria intitolata “Contro le donne”, presentata nel corso della serata, Ercolani ha cercato di ripercorrere le origini dei pregiudizi nei confronti del “sesso debole”. Un viaggio compiuto in compagni di scrittori e filosofi di tutti i tempi che mai avremmo pensato potessero giungere ad influenzare la mentalità delle generazioni che si sono succedute ma che, con le loro opere, hanno contribuito alla crescita di questo fenomeno. Il dott. Paolo Ercolani tuttavia, nel testo, oltre a fare alcuni esempi riporta anche delle riflessioni e delle proposte di soluzione del problema della violenza di genere: “Viviamo in un paese in cui abbiamo dovuto aspettare che il voto delle donne fosse valido solo dopo la seconda guerra mondiale” ha esordito; “Un paese che ha riconosciuto sanzioni sulle violenze di genere solo nel 1996. Ma nel mio libro ho voluto spiegare perchè la violenza di genere esiste: si tratta di un fenomeno che in realtà è esistito da sempre, o che per lo meno grandi filosofi e oratori hanno inculcato in qualche modo scrivendo e pubblicando il loro pensiero. Pensiamo ad Ippocrate, padre greco della medicina, che raccontando le malattie delle vergini spiegò il fenomeno dell’isteria femminile dovuto alla mancata pratica sessuale, o a Ovidio, che nell’Ars Amatoria, dando consigli agli uomini su come conquistare una donna, affermava che la donna ama essere violentata. E ancora, nel corso dei secoli, possiamo leggere in Bacone cosa la donna è tenuta a fare e ad essere (madre, amante e badante) e non per ultimi il rivoluzionario Rousseau, che sosteneva che il potere politico fosse del popolo….maschile, o il filosofo Nietzsche che così scrisse: Vai dalle donne? Non dimenticare la frusta!”. “Tanti fra religione, filosofi e scrittori hanno contribuito a tramandare i pregiudizi ma io ritengo che, fra i metodi che dobbiamo applicare per superare tutto ciò, ci deve essere il superamento del narcisismo di genere. Siamo esseri umani e persone prima di tutto: solo così possiamo renderci conto di quanto sia stupido avere differenze. A scuola dovremmo proporre l’educazione sessuale ma anche sentimentale”.

Fonte: http://www.noci24.it/cultura/libri/14148-violenza-di-genere-ercolani-superiamo-il-narcisismo-di-genere

 

Dettagli
Giovedì 15 settembre 2016 alle 18:30 presso il Chiostro delle Clarisse, il Comune di Noci – Assessorato alla Socialità, Inclusione e Solidarietà organizza una tavola rotonda sul tema “Essere Donne. Tra violenze, pregiudizi e diritti negati”.Saluti:
Dott. Domenico Nisi, Sindaco di Noci

Intervengono:
Dott.ssa Angela Lacitignola, Coordinatrice centro antiviolenza “Andromeda” – Ambito territoriale di Putignano
“Una panoramica sulla situazione della violenza e della discriminazione di genere in Puglia”

Dott.ssa Lorita Tinelli, Assessore alla Socialità, Inclusione e Solidarietà e Psicologa
“Riflessioni cliniche sulla violenza di genere”

Dott.ssa Rossella Traversa, dottore di ricerca in Psicologia Culturale, componente dell’Archivio di genere dell’Università di Bari e del direttivo del Centro di Documentazione e Cultura della Donne
“La politica delle donne seduce? Violenza, tra estetica e religione”

Dott. Paolo Ercolani, filosofo e docente dell’Università “Carlo Bo” di Urbino
“Contro le donne. Storia e critica del più antico pregiudizio”

Modera:
Dott.ssa Alessandra Neglia, giornalista

L’evento, organizzato dal Comune di Noci – Assessorato alla Socialità, Inclusione e Solidarietà in collaborazione con il CAV – Centro Anti Violenza “Andromeda”, e con il prezioso contributo del Centro di Documentazione e Cultura delle Donne di Bari e dell’Archivio di Genere dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, ha lo scopo di accendere i riflettori su un tema, quello appunto delle politiche di genere, di estrema attualità. Ancora oggi le donne sono vittime di discriminazioni in ambito lavorativo e subiscono violenze in casa, spesso da parte dei familiari più prossimi. Per questo è importante che le istituzioni siano attivamente impegnate nella sensibilizzazione rispetto ai temi delle pari opportunità e delle questioni di genere.

La tavola rotonda anticipa di qualche giorno l’inaugurazione del CAV – Centro Anti-Violenza “Andromeda” di via Silvio Pellico, servizio dell’Ambito territoriale di Putignano finalizzato a contrastare l’abuso e il maltrattamento su donne e bambini. Il Centro, che sarà gestito dall’Associazione “Sud Est Donne”, organizzerà corsi di formazione per operatori specializzati ma anche attività di sensibilizzazione rivolte alla cittadinanza, affinché si possa radicare la cultura della solidarietà e della denuncia delle esperienze di violenza. Il centro offrirà servizi di assistenza gratuiti alle vittime di violenza, grazie alla presenza di psicologi e avvocati che le accoglieranno e accompagneranno in percorsi di recupero della dignità personale.

Durante la tavola rotonda, tratteremo questi argomenti complessi, cercando di approfondire la questione delle differenze di genere, delle discriminazioni e delle componenti culturali, psicologiche e sociali che vi incidono grazie alla presenza di alcuni autorevoli ricercatori, che saranno ospiti del Comune di Noci.

– NOTE SUI RELATORI –

LORITA TINELLI, psicologa ad indirizzo clinico e di comunità, specializzata in criminologia e in grafologia peritale. Dal 1999 iscritta all’albo dei consulenti tecnici del Tribunale di Bari, svolge consulenze presso diversi Tribunali d’Italia in qualità di CTU o CTP. Collabora da anni con il Corso di Alta Formazione Ricorrente in Criminologia Generale Applicata e Penitenziaria dell’Università di Bari, in qualità di docente, con un modulo relativo alla criminalità dei gruppi settari. Fondatrice del CeSAP – Centro Studi Abusi Psicologici, insieme ad altri studiosi si è interessata a tutti gli aspetti della violenza psicologica, in particolare a quelli esercitati dai sistemi totalitari. Nel 2011 è stata invitata, in fase interlocutoria, presso la Commissione di Giustizia del Senato, per offrire un contributo scientifico al disegno di legge sulla “manipolazione mentale”, a tutela delle vittime di tale violenza. È socio fondatore nonché membro della redazione dell’Osservatorio di Psicologia nei Media, ed è anche socio Onorario di diverse altre realtà associative che si occupano di giustizia e di legalità, come La PEC (Laboratorio di esame e contro esame permanente) ed ETTAsos (Esperienza Trasparenza Tutela Aiuto). Autrice di diversi articoli e pubblicazioni, tra cui “Tecniche di persuasione tra i Testimoni di Geova” (Città del Vaticano 1998) e coautrice del più recente libro “PAS: Alienazione Parentale Sindrome o Processo?” (c1vedizioni.com

, Collana Scientia ed Causa, 2016). Dal 2011 è una International Affiliate of the American Psychological Association (APA).

ANGELA LACITIGNOLA, sociologa, mediatrice familiare ed esperta in contrasto alla violenza di genere e sui minori, si occupa di disagi dell’infanzia dal 1995, collaborando con la rete delle famiglie affidatarie del Villaggio del Fanciullo di Martina Franca. Laureata in Sociologia a Urbino, si occupa dal 2005 di conflitti familiari. Dal 2010 si occupa di violenza di genere, causa di disagio e trauma nei bambini e motivo dominante di separazioni di coppia e di alta conflittualità. È presidente dell’Associazione “Sud Est Donne” dal 2013 e coordina il centro antiviolenza “Rompiamo il Silenzio” di Martina Franca, convenzionato con gli Ambiti territoriali di Ginosa e Massafra. Coordina il cav Li.A di Gioia del Colle e di Grumo Appula (gestito dalla cooperativa Comunità San Francesco e dall’Aps Sud Est Donne). Ora anche coordinatrice del cav “Andromeda” di Noci, che presta le proprie attività per le donne dell’Ambito di Putignano.

ROSSELLA TRAVERSA, dottore di ricerca in Psicologia Culturale dal 2012, si è occupata di questioni inerenti agli intrecci fra corporeità e potere trascorrendo nove mesi negli Stati Uniti – tra il 2010 e il 2011 – come visiting scholar presso la Clark University. Ha in attivo circa una decina di pubblicazioni scientifiche in materia di psicologia discorsiva in cui si è focalizzata sulla nozione di soggettività attraverso le pratiche incarnate della fede religiosa, dell’attivismo femminista online e di questioni bioetiche come l’aborto. Dal 2014 è membro del direttivo del Centro Documentazione e Cultura delle Donne di Bari e attivista nell’Archivio di Genere dell’Università di Bari “Aldo Moro”. Da oltre un anno scrive di spettacolo (principalmente teatro, danza, arte contemporanea) dopo aver conseguito un master in Critica Giornalistica dello Spettacolo (Teatro, Cinema, Musica e Televisione) presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” di Roma. In seguito, ha scritto sulla testata online Recensito, sul magazine Il Corriere dello Spettacolo e sul sito di informazione culturale ArtsLife.

PAOLO ERCOLANI, è filosofo, scrittore e saggista. Docente dell’Università di Urbino “Carlo Bo”, ha scritto libri e articoli scientifici. Iscritto all’Ordine dei giornalisti, è autore di numerosi articoli per varie testate, tra cui «La Lettura» del «Corriere della Sera», «il Manifesto» e «MicroMega». Cura il blog del «il Manifesto» “L’urto del pensiero” e collabora con il canale filosofia di Rai Educational. È fondatore e membro del comitato scientifico dell’Osservatorio filosofico (www.filosofiainmovimento.it

). Tra i suoi ultimi libri: Qualcuno era italiano. Dal disastro politico all’utopia della rete (2013) e Manifesto per la Sinistra e l’umanesimo sociale (con S. Oggionni, 2015), Contro le donne. Storia e critica del più antico pregiudizio (Marsilio, 2016).

***

Si ringraziano per la collaborazione “INpugliatour”, Tour Operator di Cisternino (Br) e la Libreria Hay Bookshop di Noci (Ba).

Creative Commons License Tavola Rotonda: Essere Donna, tra violenze, pregiudizi e diritti negati is licensed by Lorita Tinelli under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 3.0 United States License.