Header image alt text

Lorita Tinelli

Prefiero morir de pie a vivir arrodillado – Il Che

In attesa del processo per il traffico sessuale di NXIVM, diamo uno sguardo a come i giurati reagiscono alla tematica delle “sette”.

 

di

Sarah Berman

Sarah Berman

 

Allison Mack in ‘Smallville’

 

 

Anche se siamo ancora mesi lontani da un processo che valuterà se il presunto capo della setta Keith Raniere e l’ex attrice di Smallville Allison Mack abbiano comesso i tratta di donne a scopo sessuale e di lavoro forzato, c’è un incerto rumors attorno al caso. Per chi è all’esterno i dettagli sembrano molto intensi – le foto di nudo conservate come “collaterali”, le iniziali di un uomo incise a fuoco sulla pelle delle donne, i testi sull’uso di “giocattoli erotici” – ma forse la parte più incomprensibile della storia è che tante donne apparentemente hanno scelto di farne parte e alcune si sentivano addirittura “potenziate” dai controlli agghiaccianti del gruppo.

Abbiamo chiesto spiegazioni alla studiosa di culti Janja Lalich, che ci ha spiegato che esistono molte ragioni per cui le vittime di presunti crimini potrebbero pensare o agire in modi strani e contraddittori. Abbiamo tutti sentito parlare di “lavaggio del cervello” – l’idea che attraverso un mix di minacce, isolamento e indottrinamento le persone possano essere costrette a fare cose che nessun umano che ragiona farebbe altrimenti. Ma mentre conosciamo il concetto e possiamo persino provarne simpatia, i casi giudiziari degli ultimi decenni mostrano che le giurie raramente sono gentili con le cosiddette vittime del lavaggio del cervello. VICE ha contattato alcuni esperti per far luce sul perché.

Stephen Kent dell’Università di Alberta ha detto a VICE che la prima ondata di panico per il “lavaggio del cervello” da parte dell’Occidente è arrivata negli anni ’50, quando i soldati americani catturati nella guerra di Corea tornarono a casa con idee comuniste. Il termine ha acquisito una certa aderenza, tanto da essere usato per le nuove sette religiose e politiche nordamericane negli anni ’70. Per un breve periodo, l’esperta di lavaggio del cervello Margaret Singer ha “vinto moltissimi casi” [in tribunale ndt], dice Lalich, che è stata allieva della Singer.

Ma presto il pubblico ha fatto suo il concetto di lavaggio del cervello, che all’epoca era basato su una teoria psicologica nuova e certamente molto più semplice. Esperti di studi religiosi hanno iniziato a dare contro le testimonianze, sostenendo che non esisteva nulla di simile, e che le affermazioni sul lavaggio del cervello minavano la libertà religiosa e il libero arbitrio. Questo ha creato un confronto sempre più aspro nei decenni a venire.

Uno dei casi di lavaggio del cervello di più alto profilo riguardava un’erede di un giornale che era stata rapita, confinata e presumibilmente abusata da una milizia radicale, che cercava di iniziare una rivoluzione. In poche settimane Patty Hearst si unì ai suoi rapitori, che si definirono l’Esercito di Liberazione Symbionese, e fu vista mentre impugnava una mitragliatrice durante una rapina in banca. La condanna della Hearst per le accuse di rapina, secondo Kent, si è rivelata “il primo e più grande fallimento del dibattito sul lavaggio del cervello per salvare qualcuno da una condanna“.

Da allora, le persone che studiano i gruppi ad alto controllo hanno cercato di presentare il fenomeno in un modo che rendesse conto più pienamente del libero arbitrio e del nostro naturale scetticismo. “È diventato un po’ un problema usare il concetto di lavaggio del cervello in tribunale“, ha detto Lalich a VICE. “Questo è uno dei motivi per cui ho sviluppato questo nuovo framework nel mio libro Bounded Choice, in cui aggiriamo il lavaggio del cervello e otteniamo comunque un punto di vista“.

Oggi la Lalich è teste esperta sul tema delle sette nei tribunali di tutto il paese, anche se ora parla di influenza coercitiva – un concetto che si avvicina maggiormente alle leggi statunitensi sull’influenza indebita. Nonostante ciò ella  ha scoperto che le giurie sono incoerenti e talvolta aspre nel modo in cui giudicano le vittime (e i perpetratori) che agiscono contro il proprio interesse personale.

I suoi casi moderni variano dagli sforzi per fermare la terapia di conversione per gli omosessali nel New Jersey alla difesa del giovane abusato, seguace di un cecchino di Washington, DC. In quest’ultimo caso, Lee Malvo aveva 17 anni quando ha aiutato ad ammazzare 10 persone – così a suo avviso avrebbe guadagnato 10 milioni di dollari  per avviare una comunità di giovani orfani neri in Canada. È stato condannato per omicidio, ma ha evitato la pena di morte in parte grazie alla testimonianza dello psicologo Paul R Martin.

La Lalich ha testimoniato sul perché la moglie di un leader carismatico di El Dorado di nome Ulysses Roberson non avesse chiamato la polizia la notte in cui egli uccise suo figlio di quattro anni. Ha anche discusso di danni in un procedimento civile contro il distributore Arkansas Walmart, che aveva richiesto ai suoi dipendenti di partecipare a bizzarri esercizi di addestramento New Age, che includevano l’attraversamento su carboni ardenti. Secondo la Lalich le vittime degli abusi dei culti tendono ad ottenere più risultati con i processi civili, infatti  gli ex scientologist sono riusciti ad ottenere decine di milioni di risarcimento.

Quali lezioni possono essere tratte da tutti questi esempi? Per primo che raramente in tribunale non c’è abbastanza tempo per spiegare pienamente le dinamiche coercitive meno evidenti. Kent chiama il processo di indottrinamento del culto una “serie di acquiescenze” che gradualmente tolgono la capacità di una persona di cambiare significativamente rotta. I membri di un culto spesso temono il rifiuto, l’umiliazione e la calamità se vanno contro la volontà del loro capo. In alcuni casi difenderanno persino i loro abusatori più cruenti.Sai esattamente cosa devi scegliere per rimanere nel gruppo“, ha detto Lalich. “Penso che questo possa essere il problema con una giuria, far capire loro questi concetti piuttosto complicati.”

Kent dice che è chiaro che in tutti questi casi, l’influenza coercitiva può ottenere una fase attenuata, ma non respinta del tutto. Qualcuno come Allison Mack, che è stata accusata di gravi crimini mentre era membro da tanto tempo di un gruppo ad alto controllo, potrebbe non affrontare un tribunale di New York molto disponibile. Per quanto riguarda le altre donne che potrebbero prendere posizione – anche chi non avrebbe segnalato presunti abusi in modo tempestivo o diretto – la Lalich dice che c’è una possibilità. “Penso che i giurati donne potrebbero comprendere più dei maschi“, ha detto a VICE. “E chiunque sia stato nell’esercito lo capisce. Quindi, sorprendentemente, avere dei veterani in giuria può aiutare“.

Come abbiamo visto con i casi di violenza sessuale, la Lalich sostiene che le vittime dei culti che hanno commesso reati sono spesso troppo imbarazzate nel perseguire le accuse. “Gli ex affiliati verranno scoraggiati dagli altri dal farlo“, ha detto a VICE. “È molto traumatico passare attraverso un processo, visto che lì ti distruggeranno. Gli ex membri penseranno spesso di sbagliare: penseranno di recidere quei legami e di andare avanti con la loro vita“. Oltre a ciò, gli avvocati sono generalmente riluttanti ad affrontare casi così disastrosi, il che significa che anche un minor numero di abusi di culto va provato.

Per la prospettiva, vale la pena notare che le autorità al di fuori delle corti degli Stati Uniti tendono ad essere più aperte al concetto di lavaggio del cervello e di influenza coercitiva, perseguendo i responsabili. “Non sono legati al concetto di religione come noi – noi non riteniamo le religioni responsabili in questo paese come facciamo con qualsiasi altra organizzazione. Solo perché sei in un gruppo religioso non significa che esso sia in grado di infrangere le leggi“, ha detto Lalich. “Penso che la maggior parte degli altri paesi abbiano una linea più dura“.

Alcuni mesi prima che Mack e Raniere siano processati, e si aspettano ulteriori accuse, è ancora troppo presto per speculare su come i pubblici ministeri statunitensi presenteranno in tribunale le presunte vittime del traffico sessuale di NXIVM. Ma come altre vittime di abusi sessuali di alto profilo prima di loro, sappiamo che non sarà facile per loro spiegare la loro storia a una giuria.

 

Fonte: https://www.vice.com/en_ca/article/kzyqwz/courts-are-rarely-kind-to-brainwashed-victims

—————————–

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

 

 

Il 17 luglio 2012, all’indomani della sentenza del Tribunale di Bari sul caso “Arkeon” pubblicammo una breve nota dell’avvocato Marco Marzari, nostro consulente, che spiegava come non fosse vero che Moccia e i suoi coimputati fossero stati tutti assolti, come gli stessi andavano affermando.

Nel 2013 Vito Carlo Moccia ha citato in giudizio, per quel trafiletto, l’avvocato Marzari, chiedendogli 50.000 euro di risarcimento per presunti danni morali per l’asserita diffamazione.

Ieri il Tribunale civile di Milano ha respinto la domanda giudiziale di Moccia e lo ha condannato a pagare spese legali per 5.200 euro (Sentenza n. 12271/2015 pubblicata il 3/11/2015 RG n. 46541/2013)

by Joanna Walters

La Setta poligama di Warren Jeffs crolla di fronte a una causa federale e ad un esodo di massa

 

FLDS

Uno chalet utilizzato come safehouse in cui un gruppo di sostegno si riunisce per coloro che sono fuggiti dall setta di Warren Jeffs, la Chiesa Fondamentalista di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel gennaio 2015.

 

Hildale, Utah – “Finalmente ho sentito parlare di questa cosa chiamata Facebook appena un anno fa. Non avevo idea di cosa fosse“, dice il 22enne Brigham Johnson strofinandosi nervosamente la barba ordinata.

FLDS

E’ imbarazzato per averci messo così tanto ad arrivare sui social-network. Ma quando finalmente l’ha fatto, la sua vita è cambiata.

Ho iniziato a collegarmi da un computer, anche se questo era proibito, e ho trovato alcuni vecchi amici che erano fuori. Mi sentivo, come, ‘Wow, essi hanno vissuto qui in città per tutto questo tempo’. E’ allora che ho capito che potevo lasciare” dice.

Così ha preparato un sacchetto in una notte del maggio 2013 e ha detto a suo fratello che se ne stava andando. Poi è uscito dalla Chiesa Fondamentalista di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (FLDS), la religione fuorilegge  nata in una remota cittadina al confine dello Utah in Arizona.

Gruppo segreto che ha rotto con il mormonismo per praticare la poligamia, il FLDS è divenuto  famoso per gli abusi  sui minori perpetrati durante il mandato del suo leader repressivo, il “profeta” pedofilo Warren Jeffs. Ora pur essendo in prigione a vita in Palestina, Texas, per violenza sessuale aggravata su minori, Jeffs continua ad esercitare un sorprendente potere sui suoi adepti da dietro le sbarre.

Fu solo in tarda adolescenza che Johnson ha cominciato ad avere dubbi su Jeffs e sui suoi insegnamenti e ha fatto delle ricerche attraverso un illecito accesso a Internet da un cellulare. Quando ha saputo che Jeffs era stato condannato per aver violentato bambine di 12 durante segreti rituali di sesso di gruppo in un tempio FLDS, il suo intestino si è lacerato. Johnson aveva contribuito a costruire quel tempio nel deserto vicino ad un paesello di Eldorado, quando aveva 14 anni.

Scoprire la verità fa male, tanto male” dice.

Johnson conosceva altri che avevano lasciato, tra cui il fratello, ma non aveva avuto contatti con loro finché non ha scoperto Facebook.

Ora, dopo due anni di lavori occasionali in California, Kansas e Wyoming, è un operaio edile a Salt Lake City e condivide la sua storia in un incontro clandestino nel villaggio remoto in cui è cresciuto. I 10 ex membri della chiesa presenti si sono riuniti su divani logori in un piccolo centro della comunità nelle città gemelle di Hildale, Utah e Colorado City, Arizona. Esse si trovano a cavallo del confine di Stato e sono spesso indicati dalla gente del posto con il vecchio nome della città di Short Creek o “Crick”.

 

FLDS

 

Il pubblico di Johnson è costituito da un centinaio di seguaci delusi che ha abbandonato  Jeffs e la religione. Alcuni hanno trovato nuovi modi per uscire, come il collegamento con gli altri all’esterno attraverso i social network. Altri stanno cercando rifugio in una rete in espansione di case sicure, dove i volontari prendono i fuggitivi nelle loro case in una zona della storica Underground Railroad, che una volta ha aiutato gli schiavi a fuggire. Mentre le fuoruscite stanno indebolendo la religione dall’interno, essa è anche sotto pressione esterna, attraverso una causa federale che aprirà le udienze quest’anno, e che alcuni credono consegnerà un colpo letale alla setta.

Siti come Facebook e Snapchat sono diventati la nuova autostrada per chi parte in modo da poter ristabilire il contatto con gli ex membri. E’ più facile lasciare adesso [il gruppo] di quando sono scappato 10 anni fa e non avevo idea di dove stavo andando“, dice Elissa Wall, che è fuggita dopo che Jeffs l’ha costretta a sposare il suo primo cugino, quando aveva 14 anni.  Ora la Wall aiuta gli altri ad uscire. I fuorusciti come lei a volte contrabbandano smartphone nella comunità per aiutare la gente ad entrare in Internet.

Non esistono statistiche ufficiali, ma Sam Brower, un investigatore privato con sede nello Utah che ha lavorato nelle succursali locali e federali in FLDS, dice che sempre più persone stanno lasciando “rispetto a quanto abbiamo visto per molti anni“. Egli ritiene che da 500 a 1.000 membri hanno lasciato negli ultimi uno o due anni e circa 10.000 rimangono, per lo più Short Creek, con altri sparsi in piccoli gruppi altrove.

Negli ultimi due anni, il Dipartimento di Giustizia sta conducendo un’indagine per i diritti civili nel regolamento a Short Creek, accusando il FLDS di essere una teocrazia corrotta, imposta da un dipartimento di polizia disonesto.

E’ mia opinione che andrà a processo … in un tribunale federale di Prescott, in Arizona. Credo che i federali hanno un caso forte“, dice Gary Engels, un investigatore in pensione con l’ufficio del Mohave County District Attorney che è stato determinante nell’ottenimento di Warren Jeffs sulla maggior lista dei ricercati dell’FBI nel 2005.

FLDS

 

L’incarcerazione di Jeffs potrebbe aver frenato il peggio della pedofilia, ma sono profonde le preoccupazioni sulla setta. Se il governo vince la causa potrebbe portare  alla chiesa la perdita del controllo della città, dove i sindaci di entrambi Hildale e Colorado City e i loro consiglieri comunali sono FLDS. Nella causa federale, anche le aziende di servizi pubblici locali e il dipartimento di polizia, conosciuto come l’ufficio del maresciallo, sono accusati di rispondere alla chiesa e di discriminare gli ex FLDS e i non credenti. Con una vittoria del governo, le autorità provinciali locali dovrebbero assumere funzioni comunali e delle forze dell’ordine e il FLDS dovrebbe affrontare pesanti sanzioni.

Blake Hamilton è un avvocato di Salt Lake City che difende Hildale e le aziende di servizi pubblici contro la querela DOJ. “Questo caso deve verte sul fatto che le attività delle forze dell’ordine, ecc, siano equi o discriminatori”, dice. “Non c’è bisogno di indagare su Warren Jeffs o sulla chiesa FLDS e sulle loro pratiche religiose … Anche se non è una religione popolare, essa è tutelata dal Primo Emendamento e le persone sono d’accordo sul fatto di  non voler essere giudicate per la propria religione“.

Il FLDS non ha risposto ad una richiesta scritta di commento inviato a Lyle Jeffs.

Brower accoglie con favore l’azione DOJ. E’ stato a lungo frustrante che i funzionari eletti, nonostante la loro difficile comunicazione, non abbiano fatto di più per ripulire Short Creek, che egli chiama “la città più senza legge d’America“. L’abuso infantile e la poligamia hanno a lungo prosperato qui, la chiesa è accusata di incoraggiare la frode e l’evasione fiscale da parte delle autorità in Utah e Arizona, e alcuni membri di utilizzare il lavoro minorile nelle loro imprese, il tutto con la minima interferenza da parte delle autorità.

Nel 2008, il senatore Harry Reid del Nevada ha detto che i gruppi poligami, come il FLDS, operano come “una forma di criminalità organizzata, in gran parte incontaminata dalle forze dell’ordine. Egli li ha accusati di usare la religione per nascondere la bigamia, la pedofilia, lo stupro, la frode, l’evasione fiscale e la “corruzione massiccia“, così come le “maniere forti” per controllare la loro gente. Ma lo sforzo di Reid di creare una task force federale per reprimere le violazioni è fallito, e l’attuale processo DOJ non affronta direttamente questi problemi. Tuttavia, in caso di successo, potrebbe paralizzare effettivamente il controllo della chiesa della comunità.

Il FLDS è anche indagato dal Dipartimento del Lavoro, nel tentativo di sradicare l’uso presunto della diffusione del lavoro minorile.

FLDS

 

Fuori dal centro della comunità in cui Brigham Johnson e le sue coorti si incontrano, non vi è alcun segno esteriore di agitazione della tentacolare città in gran parte residenziale. Le strade presentano insolitamente grandi case, progettate per le famiglie poligame. Quando li si avvicina, i residenti si rifiutano in maniera impassibile di parlare con “estranei“.

FLDS

 

Indossano abiti FLDS – abiti prateria in colori pastello per le donne e le ragazze, i loro capelli intrecciati in tuppetti francesi, e per gli uomini e i ragazzi, jeans e camicie a maniche lunghe, abbottonati fino ai polsi.

La città è caratterizzata da colori di sfumature dalle tonalità verde smeraldo che sono spettacolari all’alba e al tramonto. Ma in tutte le altre direzioni c’è il deserto arido che si estende per chilometri senza un altro edificio a vista.

Quasi un secolo fa, i membri del FLDS cominciarono a stabilirsi qui per la sua posizione isolata. Erano stati parte della religione mormone originale, che è nata negli Stati Uniti nel 19° secolo. Ma nel 1890 il governo federale ha chiesto che i mormoni ponessero fuorilegge la poligamia in modo da concedere loro il territorio dello Utah, dove si erano insediati. I puristi che erano in disaccordo con tale divieto, si staccò dalla chiesa principale e formarono gruppuscoli, che si fanno chiamare i fondamentalisti.

La chiesa principale è la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, o LDS, e il gruppo ribelle più noto divenne noto come il FLDS. Anche se le due parti  rinnegano l’un l’altra dal momento della scissione ad oggi, entrambe venerano il fondatore del mormonismo, Joseph Smith (un poligamo dedicato) e studiano i suoi testi sacri, tra cui il Libro di Mormon.

Mentre la LDS si è estesa in tutto il mondo nel 20° secolo e si è avvicinata alle tendenze dominanti, il FLDS ha fatto il contrario, consolidandosi attorno ad un piccolo gruppo hard-core, che ha preferito l’isolamento e l’estremismo religioso.

Oggi, l’élite della chiesa in Short Creek, composto dai fratelli di Warren Jeffs, Lyle e Nephi, tra gli altri luogotenenti scelti, vivono all’interno di un campo con alte mura con cancelli di sicurezza impenetrabile agli estranei e anche per membri della chiesa di ceto basso

Un altro dei partecipanti alla riunione segreta ha vissuto nel cuore di quel campo fino a che non è fuggito un anno fa – è uno dei figli Warren Jeffs.

Il  giovane uomo magro e pallido è nel suo 20esimo anno, ma preferisce non dare la sua età esatta o il suo nome completo, temendo ritorsioni dalla chiesa contro di lui o ai suoi familiari ancora nella setta.

Egli è curvo verso il basso, berretto da baseball calato, quasi come se volesse che la grande poltrona lo inghiottisse, ed è stato in silenzio per la maggior parte dell’incontro. E quando lo fa parla, con voce rotta, rivelando uno dei suoi primi ricordi del suo tempo con il padre.

Sono stato abusato sessualmente da lui a partire dall’età di 3. Per questi fatti egli è sotto processo – egli ha iniziato nella nostra famiglia anni prima” dice.

E’ una affermazione sorprendente, anche se Warren Jeffs è stato accusato di violenza sessuale aggravata nei confronti di minori in Texas, in Arizona, e complice di  incesto e di stupro nello Utah; è stato condannato all’ergastolo nel Lone Star State per aver sposato mogli minorenni di età inferiore ai 12 anni. Durante la condanna, una nipote di Jeffs ha testimoniato che Jeffs l’aveva violentata quando aveva 5 anni, e un’altra nipote ha raccontato che Jeffs aveva abusato di lei quando aveva 7 anni. Un’altra nipote che ha raccontato di essere stata violentata da Jeffs,  si è suicidata nel 2001. E il tribunale ha documentato dettagliatamente, come Jeffs ha ammesso in carcere, che egli era stato “immorale” con una delle sue sorelle e una delle sue figlie.

Sebbene  Jeffs sia stato accusato di incesto e condotta sessuale con minori in Arizona, non è mai stato processato lì, invece è stato condannato in Utah nel 2007 per stupro come complice per aver forzato Elissa Wall a sposare suo cugino.

In maniera discutivile, la condanna nello Utah  è stata capovolta nel 2010 a causa di istruzioni della giuria carenti, ed è stato istituito un nuovo processo, ma Jeffs è stato presto estradato in Texas per affrontare l’accusa più grave di violenza sessuale aggravata su minori. E’ stato condannato lì e condannato al carcere a vita.

FLDS

 

Quando mio padre è diventato leader, aveva così tanto potere che poteva fare quello che voleva. Egli era Dio in terra. Quando entrava nella stanza ero sicuro che sapeva quello che stavo pensando“, dice il figlio di Jeffs.

Gli uomini in FLDS comunemente prendono più di una moglie, mentre quelli più in alto nella gerarchia ecclesiastica ne sposano parecchie, qualche decina. Ma Warren Jeffs ha superato tutti.

Aveva 80 mogli“, dice il giovane Jeffs. “Quando avevo 14 anni, ho avuto madri che erano due o tre anni più giovane di me – avevano solo 11 anni. Erano le sue mogli, e quindi sono state considerate come mia madri“. Si dice che Jeffs abbia più di 250 figli.

Sembra sorprendente a coloro che sono fuori, ma gli altri alla riunione annuiscono.

Le ragazze nella FLDS sono educate sin dalla nascita a sposarsi giovani e, soprattutto, a voler sposare il profeta. Il figlio di Jeff non pensava che quello fosse sbagliato. Ora, egli dice: “Fa male davvero sapere quello che mio padre ha fatto e  sapere che lui è mio padre. Mi vergogno“.

Ha lasciato la religione lo scorso anno per le stesse ragioni che stanno spingendo molti altri a lasciare. La sua fede nel profeta è caduta quando ha appreso i dettagli della depravazione del padre. La vita quotidiana è diventata intollerabile come gli  editti di Jeffs, consegnati da dietro le sbarre, che sono diventati sempre più duri e apparentemente arbitrari.

Il FLDS è stato a lungo famoso per dividere le famiglie, in particolare gli uomini venivano inviati lontano dalla comunità a “pentirsi“, a volte per anni, per aver infranto le regole o per aver messo  in discussione gli ordini dalla leadership. Nel frattempo, le mogli degli uomini e i  bambini erano affidati ad altri uomini.

Ma molti di coloro che hanno lasciato da poco dicono che dal momento della sua condanna, Jeffs è peggiorato. Dopo aver ricevuto la sua condanna nel 2011, ha emesso un editto ai suoi seguaci che vieta tutti i matrimoni e anche le relazioni sessuali tra coppie sposate. Egli sta dividendo le famiglie fino a comandi pretenziosi come quello di  mandare i bambini lontano dai loro genitori e separare i mariti e mogli, a volte senza spiegazioni.

E’ successo al figlio di Jeffs, che è stato isolato dalla sua famiglia. “Non mi era permesso di parlare con mia madre, e se vedevo i miei fratelli in città, non mi permetteva di parlare con loro“.

Nel febbraio scorso, stava lavorando ad una costruzione, come faceva  fin dall’età di 14 anni, e aveva un contratto a Des Moines, Iowa, con un gruppo di lavoro FLDS. (I lavoratori sono pagati poco o nulla per lunghi tratti – il FLDS viene aiutato a vincere gare con contratti lucrativi, ma questo ha anche attirato l’attenzione del Dipartimento del Lavoro). Approfittando di essere lontano dagli occhi vigili dei membri devoti della FLDS , egli ha preso un telefono cellulare e alcuni soldi della retribuzione che gli  erano dovuti dal suo capo, ed è scappato via per prendere un taxi per l’aeroporto.

 

FLDS

 

Ha comprato un biglietto per Salt Lake City, dove ha continuato per Holding Out Guida. Essa è una  organizzazione di beneficienza che assiste persone che lasciano situazioni poligame, l’HOH è una delle principali fermate della ferrovia metropolitana che aiuta le persone che lasciano la setta. E’ stato grazie a Tonia Tewell, fondatrice del gruppo e direttore esecutivo, che il figlio di Jeffs ha avuto cibo e riparo quando è arrivato. Ora, lui ha un lavoro concreto.

Quando le persone si rivolgono a noi per un aiuto, noi non li giudichiamo“, dice Tewell. Ella si occupa di molti membri ex FLDS che sono fragili, alcuni si vergognano di essere vittime di abusi o semplicemente di essere ingannati dalla setta per così tanto tempo.

Il figlio di Jeffs figlio, che si dice “molto depresso“, pensa che sarebbe impazzito se non avesse avuto il sostegno di Tewell e dell’HOH.

Alcuni dei partecipanti alla riunione hanno lasciato il FLDS ma sono rimasto in città. Uno di loro è Isaac Wyler, ex comunicato da Jeff 11 anni fa, che ora aiuta gli altri che lasciano.

Il FLDS si sta sgretolando“, dice ora. “Stimo che da 500 a 1.000 persone hanno lasciato nel corso dell’ultimo anno, a volte intere famiglie“.

Conosce ex membri del FLDS che offrono le loro case come rifugi in Arizona e Utah. Ma il suo più grande desiderio è che le persone rimangano in Short Creek e aiutino a far pendere la bilancia della popolazione della piccola cittadina che ha preso le distanze  dalla chiesa – cosa che sta già accadendo.

Il supermercato controllato chiesa fino a pochi anni fa è chiuso, ci sono stati a malapena pochi negozi in città, così che  la maggior parte dei residenti sono costrette ad andare a più di 40 miglia di distanza dalla città di San Giorgio per acquistare generi alimentari. Ora, però, la città sfoggia un nuovo negozio di ferramenta, un negozio di cibi e di una caffetteria, il tutto aperto da non residenti in FLDS.

FLDS

E come segno dei tempi che cambiano, la scuola pubblica della città ha riaperto lo scorso autunno per soddisfare la recente domanda di coloro che hanno abbandonato la religione, 13 anni dopo essere stata chiusa perché Jeffs aveva ordinato ai suoi seguaci di essere analfabeti.

E l’anno scorso, a Short Creek è stato introdotto per la prima volta un grande marchio aziendale, di una filiale di un negozio di panini metrapolitana aperto sulla strada principale in città. Esso è  molto frequentato.

Tornato nel centro della comunità il figliodi  Jeffs si accende improvvisamente.

Un piccolo gruppo di sorelle, con cui non gli era permesso di parlare  mentre era in FLDS, l’hanno visto. Le giovani donne hanno recentemente respinto il loro padre come  profeta e sono uscite, ma hanno deciso di rimanere in città. Anche se non sono pronte a parlare pubblicamente, trasmettono un messaggio tramite un amico che crede che la verità circa il FLDS “ha bisogno di essere raccontata“.

Le donne si mostrano agitate al loro fratello, lisciandosi i capelli arruffati, mentre lui sorride timidamente. I fratelli ridono e si abbracciano, felice di essere di nuovo insieme – e liberamente.

Fonte: http://america.aljazeera.com/multimedia/2015/3/fleeing-the-flds-sect.html

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Creative Commons License ATTENZIONE: messaggio falso di richiesta di aiuto inviato con mio account gmail a seguito di attacco informatico is licensed by Lorita Tinelli under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 3.0 United States License.