Header image alt text

Lorita Tinelli

Prefiero morir de pie a vivir arrodillado – Il Che

Il Centro Studi Abusi Psicologici (CeSAP) e l’ Associazione Familiari Vittime delle Sette (FAVIS), sono costrette a denunciare il clima di criminalizzazione volutamente organizzato ai loro danni dai fautori di una teoria della cospirazione dai connotati grotteschi.

Le suddette associazioni sono, infatti, da anni al centro delle non benevole attenzioni di una rete di controversi attivisti che le attaccano in modo virulento per la loro attività di informazione su gruppi totalitari e/o criminogeni. Esponenti di CeSAP e FAVIS hanno subito e tollerato, nel corso degli anni, la diffamazione personale operata da blog e siti “anonimi” finalizzati a difendere l’operato di culti ambigui e discussi che vedevano nel lavoro delle associazioni citate un ostacolo alla loro attività. Hanno subito perfino azioni di pirateria informatica e intimidazioni che sono giunte alla pubblicazioni di fotografie ritraenti esponenti delle associazioni ripresi nel loro quotidiano spazio di vita.

Una nuova fase nella strategia di attacco a chi difende i cittadini e aiuta le vittime dei gruppi costrittivi è però pianificata e messa in atto da ben individuabili organismi dalle ambigue connessioni proprio con questi gruppi e i cui esponenti più in vista si dedicano a una difesa pregiudiziale di qualunque gruppo sia sospettato di abusi.

Costoro, dopo aver prodotto una mole di articoli denigratori nei confronti delle associazioni cosiddette “anti-sette”, con l’intento di creare un immaginario in cui tutte le vicende di cronaca che riguardano abusi fisici e psicologici nell’ambito di gruppi sarebbero false, ovvero opera della micidiale macchina di creazione di “fake news” gestita da queste associazioni, sono ora giunte alla diffusione di un teorema bizzarro e inverosimile. Infatti, recentemente si è dichiarato che le associazioni italiane affiliate alla FECRIS, (la Federazione Europea dei Centri di Informazione e Ricerca su Culti e Sette), cioè appunto CeSAP e FAVIS, mirerebbero a portare il nostro Paese all’adozione di una legislazione illiberale sul modello di quella adottata nella Federazione Russa, paese in cui gruppi come la Chiesa di Scientology e i Testimoni di Geova sono stati oggetto di vicende giudiziarie, -a cui, nel caso dell’organizzazione geovista, ha fatto seguito la messa al bando -, e dal quale giungono raccapriccianti notizie circa abusi e vessazioni nei confronti dei fedeli di quest’ultima congregazione.

L’accusa, gravissima, infamante e soprattutto priva di qualunque fondamento, non è tollerabile perché altamente lesiva della immagine delle associazioni e della realtà.

La storia personale dei membri delle associazioni, gli statuti di queste e tutta la loro attività svolta anche e soprattutto in fattiva collaborazione con le istituzioni e le forze dell’ordine, testimoniano di un impegno continuo nella difesa della libertà e della democrazia, e un’operazione mediatica che vuole diffondere l’idea di una cospirazione totalitaria, operata da pochi volontari privi di qualunque potere economico o politico, per instaurare uno stato di polizia, è vergognosa, immorale, turpe e grottesca. Si tratta di una propaganda di stampo marcatamente diffamatorio, mirante a creare un pesante alone di diffidenza e sospetto anche nei confronti delle nostre istituzioni e dei suoi organi, e che inquieta particolarmente per le connessioni che questa rete di apologeti “a prescindere” di ogni organizzazione discussa, sembra vantare con esponenti della politica.

Fonte: http://www.cesap.net/chi-siamo/attivita-cesap/20-comunicati-stampa/3514-comunicato-stampa-apologisti-basta-con-le-fake-news

Stampa

Creative Commons License Comunicato stampa: Apologisti, BASTA con le fake news! is licensed by Lorita Tinelli under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 3.0 United States License.