In attesa del processo per il traffico sessuale di NXIVM, diamo uno sguardo a come i giurati reagiscono alla tematica delle “sette”.

 

di

Sarah Berman

Sarah Berman

 

Allison Mack in ‘Smallville’

 

 

Anche se siamo ancora mesi lontani da un processo che valuterà se il presunto capo della setta Keith Raniere e l’ex attrice di Smallville Allison Mack abbiano comesso i tratta di donne a scopo sessuale e di lavoro forzato, c’è un incerto rumors attorno al caso. Per chi è all’esterno i dettagli sembrano molto intensi – le foto di nudo conservate come “collaterali”, le iniziali di un uomo incise a fuoco sulla pelle delle donne, i testi sull’uso di “giocattoli erotici” – ma forse la parte più incomprensibile della storia è che tante donne apparentemente hanno scelto di farne parte e alcune si sentivano addirittura “potenziate” dai controlli agghiaccianti del gruppo.

Abbiamo chiesto spiegazioni alla studiosa di culti Janja Lalich, che ci ha spiegato che esistono molte ragioni per cui le vittime di presunti crimini potrebbero pensare o agire in modi strani e contraddittori. Abbiamo tutti sentito parlare di “lavaggio del cervello” – l’idea che attraverso un mix di minacce, isolamento e indottrinamento le persone possano essere costrette a fare cose che nessun umano che ragiona farebbe altrimenti. Ma mentre conosciamo il concetto e possiamo persino provarne simpatia, i casi giudiziari degli ultimi decenni mostrano che le giurie raramente sono gentili con le cosiddette vittime del lavaggio del cervello. VICE ha contattato alcuni esperti per far luce sul perché.

Stephen Kent dell’Università di Alberta ha detto a VICE che la prima ondata di panico per il “lavaggio del cervello” da parte dell’Occidente è arrivata negli anni ’50, quando i soldati americani catturati nella guerra di Corea tornarono a casa con idee comuniste. Il termine ha acquisito una certa aderenza, tanto da essere usato per le nuove sette religiose e politiche nordamericane negli anni ’70. Per un breve periodo, l’esperta di lavaggio del cervello Margaret Singer ha “vinto moltissimi casi” [in tribunale ndt], dice Lalich, che è stata allieva della Singer.

Ma presto il pubblico ha fatto suo il concetto di lavaggio del cervello, che all’epoca era basato su una teoria psicologica nuova e certamente molto più semplice. Esperti di studi religiosi hanno iniziato a dare contro le testimonianze, sostenendo che non esisteva nulla di simile, e che le affermazioni sul lavaggio del cervello minavano la libertà religiosa e il libero arbitrio. Questo ha creato un confronto sempre più aspro nei decenni a venire.

Uno dei casi di lavaggio del cervello di più alto profilo riguardava un’erede di un giornale che era stata rapita, confinata e presumibilmente abusata da una milizia radicale, che cercava di iniziare una rivoluzione. In poche settimane Patty Hearst si unì ai suoi rapitori, che si definirono l’Esercito di Liberazione Symbionese, e fu vista mentre impugnava una mitragliatrice durante una rapina in banca. La condanna della Hearst per le accuse di rapina, secondo Kent, si è rivelata “il primo e più grande fallimento del dibattito sul lavaggio del cervello per salvare qualcuno da una condanna“.

Da allora, le persone che studiano i gruppi ad alto controllo hanno cercato di presentare il fenomeno in un modo che rendesse conto più pienamente del libero arbitrio e del nostro naturale scetticismo. “È diventato un po’ un problema usare il concetto di lavaggio del cervello in tribunale“, ha detto Lalich a VICE. “Questo è uno dei motivi per cui ho sviluppato questo nuovo framework nel mio libro Bounded Choice, in cui aggiriamo il lavaggio del cervello e otteniamo comunque un punto di vista“.

Oggi la Lalich è teste esperta sul tema delle sette nei tribunali di tutto il paese, anche se ora parla di influenza coercitiva – un concetto che si avvicina maggiormente alle leggi statunitensi sull’influenza indebita. Nonostante ciò ella  ha scoperto che le giurie sono incoerenti e talvolta aspre nel modo in cui giudicano le vittime (e i perpetratori) che agiscono contro il proprio interesse personale.

I suoi casi moderni variano dagli sforzi per fermare la terapia di conversione per gli omosessali nel New Jersey alla difesa del giovane abusato, seguace di un cecchino di Washington, DC. In quest’ultimo caso, Lee Malvo aveva 17 anni quando ha aiutato ad ammazzare 10 persone – così a suo avviso avrebbe guadagnato 10 milioni di dollari  per avviare una comunità di giovani orfani neri in Canada. È stato condannato per omicidio, ma ha evitato la pena di morte in parte grazie alla testimonianza dello psicologo Paul R Martin.

La Lalich ha testimoniato sul perché la moglie di un leader carismatico di El Dorado di nome Ulysses Roberson non avesse chiamato la polizia la notte in cui egli uccise suo figlio di quattro anni. Ha anche discusso di danni in un procedimento civile contro il distributore Arkansas Walmart, che aveva richiesto ai suoi dipendenti di partecipare a bizzarri esercizi di addestramento New Age, che includevano l’attraversamento su carboni ardenti. Secondo la Lalich le vittime degli abusi dei culti tendono ad ottenere più risultati con i processi civili, infatti  gli ex scientologist sono riusciti ad ottenere decine di milioni di risarcimento.

Quali lezioni possono essere tratte da tutti questi esempi? Per primo che raramente in tribunale non c’è abbastanza tempo per spiegare pienamente le dinamiche coercitive meno evidenti. Kent chiama il processo di indottrinamento del culto una “serie di acquiescenze” che gradualmente tolgono la capacità di una persona di cambiare significativamente rotta. I membri di un culto spesso temono il rifiuto, l’umiliazione e la calamità se vanno contro la volontà del loro capo. In alcuni casi difenderanno persino i loro abusatori più cruenti.Sai esattamente cosa devi scegliere per rimanere nel gruppo“, ha detto Lalich. “Penso che questo possa essere il problema con una giuria, far capire loro questi concetti piuttosto complicati.”

Kent dice che è chiaro che in tutti questi casi, l’influenza coercitiva può ottenere una fase attenuata, ma non respinta del tutto. Qualcuno come Allison Mack, che è stata accusata di gravi crimini mentre era membro da tanto tempo di un gruppo ad alto controllo, potrebbe non affrontare un tribunale di New York molto disponibile. Per quanto riguarda le altre donne che potrebbero prendere posizione – anche chi non avrebbe segnalato presunti abusi in modo tempestivo o diretto – la Lalich dice che c’è una possibilità. “Penso che i giurati donne potrebbero comprendere più dei maschi“, ha detto a VICE. “E chiunque sia stato nell’esercito lo capisce. Quindi, sorprendentemente, avere dei veterani in giuria può aiutare“.

Come abbiamo visto con i casi di violenza sessuale, la Lalich sostiene che le vittime dei culti che hanno commesso reati sono spesso troppo imbarazzate nel perseguire le accuse. “Gli ex affiliati verranno scoraggiati dagli altri dal farlo“, ha detto a VICE. “È molto traumatico passare attraverso un processo, visto che lì ti distruggeranno. Gli ex membri penseranno spesso di sbagliare: penseranno di recidere quei legami e di andare avanti con la loro vita“. Oltre a ciò, gli avvocati sono generalmente riluttanti ad affrontare casi così disastrosi, il che significa che anche un minor numero di abusi di culto va provato.

Per la prospettiva, vale la pena notare che le autorità al di fuori delle corti degli Stati Uniti tendono ad essere più aperte al concetto di lavaggio del cervello e di influenza coercitiva, perseguendo i responsabili. “Non sono legati al concetto di religione come noi – noi non riteniamo le religioni responsabili in questo paese come facciamo con qualsiasi altra organizzazione. Solo perché sei in un gruppo religioso non significa che esso sia in grado di infrangere le leggi“, ha detto Lalich. “Penso che la maggior parte degli altri paesi abbiano una linea più dura“.

Alcuni mesi prima che Mack e Raniere siano processati, e si aspettano ulteriori accuse, è ancora troppo presto per speculare su come i pubblici ministeri statunitensi presenteranno in tribunale le presunte vittime del traffico sessuale di NXIVM. Ma come altre vittime di abusi sessuali di alto profilo prima di loro, sappiamo che non sarà facile per loro spiegare la loro storia a una giuria.

 

Fonte: https://www.vice.com/en_ca/article/kzyqwz/courts-are-rarely-kind-to-brainwashed-victims

—————————–

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte