Mi hanno cambiato la vita

Diari di Girona (Spagna) 6.08.2017

Cinque minori di Girona devono ricorrere al supporto psicologico dopo aver frequentato un corso intensivo di “tecniche di apprendimento”.
Per rispetto delle persone colpite, i nomi dei protagonisti sono stati cambiati; per rispetto delle famiglie, viene spiegata la loro versione; Per rispetto verso chi punta il dito, la vicenda include anche le argomentazioni difensive.

Non siamo a Fargo, né nella location di un film dei fratelli Cohen, né nella serie di Noah Hawley. Siamo a Girona; è il 5, 6 o 7 aprile; Tre adolescenti che terminano gli studi secondari visitano l’aula Expojove, in Fiera, con i compagni di scuola superiore. Lì vengono “avvicinati” da alcune ragazze “simpatiche e molto diverse” che danno loro una dimostrazione “brutale” di tecniche di memoria, racconta la madre di una di loro con faccia seria a Diari da Girona.

La storia comincia; primo capitolo.

  • Dì venti numeri a caso – suggeriscono le “simpatiche” dimostranti.
    I tre studenti seguono la corda e sono “sbalorditi” quando li sentono ripetere le serie numeriche a memoria avanti e indietro, senza alcun trucco o trappola apparente.
  • Se vuoi imparare bene la tecnica, facciamo un corso a Girona.

Poi prendono i dati degli studenti che, quando tornano a casa, lo raccontano ai genitori. Vogliono seguire il corso; vogliono poter fare ciò che hanno visto; Vogliono essere studenti. E dopo una settimana, accompagnati dai parenti, si ritrovano in una stanza dell’hotel Double Tree by Hilton di Girona.

In platea ci sono una cinquantina di persone; sul palco, diversi membri del Genius Course, che si promuove su Internet come “il corso di lettura veloce e memoria più copiato al mondo“.

Fanno più dimostrazioni; quasi tutti rimangono a bocca aperta. La mostra si conclude e un gruppo di “collaboratori” esce per vendere il prodotto: tre giorni intensi di sessioni di apprendimento teorico sulla memoria e tecniche di studio ad un prezzo di circa 2.300 euro; se il contratto viene firmato proprio lì, la riduzione è sostanziale e l’iscrizione resta a 1.400.

Alla fine la famiglia di María (il nome è fittizio), residente in un paese indeterminato della provincia, accetta di sottoscrivere il controatto con Genio. Il 26, 27 e 28 maggio la ragazza frequenta le lezioni all’Hilton. La giovane trascorre tre giorni e due notti lì. L’allarme suona quando i genitori vanno a prenderla (era andata lì con due compagni di liceo); abbraccia la madre e inizia a piangere: “Mi hanno cambiato la vita! Questo è terribile!“. Già in macchina, la giovane continua: «Siamo unici; siamo capaci di fare tutto; Mi sono iscritta come collaboratrice; dobbiamo tornare a Girona per comprare vestiti eleganti». L’allarme suona.

– Cosa intendi per “vestiti eleganti”? E per quanto riguarda le tecniche di studio? chiede la madre.
– Questo è un corso per la vita.


Ramón (nome fittizio), amico liceale di María e compagno di corso del Genius Course, fornisce alcuni indizi in più: «Abbiamo fatto molte visualizzazioni, molte meditazioni e rilassamenti. Abbiamo ascoltato molta musica diversa. C’erano luci che cambiavano. Siamo stati a lungo con gli occhi chiusi. Abbiamo fatto un sacco di cose strane“.

Dichiarazioni che mettono in crisi i genitori di Maria, che decidono di chiedere aiuto a un esperto.

Miguel Perlado è uno psicologo con una lunga carriera professionale, specializzato in sette e gruppi di manipolazione psicologica (è membro dell’International Cultic Studies Association (ICSA), un’entità transfrontaliera che studia “settarismo e influenza eccessiva“). È a conoscenza dell’esistenza di Genius, un “gruppo operativo“, dice, con sede a Barcellona (ha un ufficio) sotto l’egida del Your Trainers Group. Fondata in Italia, l’organizzazione ha diffuso tentacoli anche in Svizzera e negli Stati Uniti, tra gli altri paesi; infatti il ​​leader (master trainer), Luca Lorenzoni, con studi in Economia e una predilezione per la boxe, trascorre lunghi periodi in una villa in Florida, da dove solitamente registra video con messaggi per i suoi migliaia di followers che posta su Facebook («a volte non ci sono molte opzioni, a volte bisogna avere fede», dice in uno dei post).

In Catalogna l’emissario di Lorenzoni è Giacomo Navone (senior trainer): «fai quello che vuoi; onora quello che fai», consiglia sul sito aziendale.

In questi mesi Perlado ha aiutato cinque famiglie di Girona a superare il trauma causato dal Genius Course; sono casi simili e che hanno come protagonisti i preadolescenti. A Barcellona è intervenuto in quindici casi legati a questo gruppo e a Madrid, dove la struttura ha operato in tempi relativamente recenti, su sette.

Finora il secondo capitolo.

Ma questo esperto spiega che il gruppo di formatori, tramite il corso Genius, è stato istituito anche a Palma di Maiorca. La trama, poi, come in una serie, continua. “Non si può parlare di setta distruttiva“, spiega Miguel Perlado, ma di “organizzazione di comportamento e funzionamento settario“.

Con María, questo psicologo ha trascorso tre ore e mezza durante la prima visita. E il caso confermerebbe la tesi, spiega Perlado: “i ragazzi cambiano molto dopo lunghi e intensi incontri” (il corso). Parlano anche con «parole in codice».

Ciò che seduce il giovane è “l’idea di pensare che ci sarà una trasformazione” negli studi, approfondisce questo esperto; ma “il tempo passa” e lui già vuole “entrare a far parte dell’organizzazione e, se necessario, uscire di casa“. In due dei casi che Miguel Perlado ha assistito “non è stato nemmeno possibile intervenire per aiutare i giovani”, perché “sono intensamente coinvolti”. “Non possiamo accedere alla persona; il livello di coinvolgimento è totale e vivono in appartamenti con altri membri“, aggiunge.

Lo psicologo sottolinea che “i modi di attrarre i ragazzi, di incapsulare l’esperienza e di isolare i giovani sono tipici di gruppi che presentano determinati comportamenti settari che comportano un certo rischio, soprattutto nei preadolescenti“.

Le tecniche della memoria funzionano (“erano già utilizzate da Greci e Romani“); tuttavia, ragiona: «se questo diventa l’aggancio per raggiungere la fedeltà assoluta all’organizzazione e che il giovane finisce per indossare la maglietta del gruppo e attirare più clienti per strada come vedete accadere qui in Plaza Cataluña (Barcellona) e il il prossimo passo è ‘viviamo insieme’, di cosa stiamo parlando? Tecniche di memoria? Crescita personale? Vivere insieme? Confondere i confini è problematico.

Esistono diversi gruppi che evitano l’esoterismo e non hanno motivo di essere associati alle credenze religiose. Sono i cosiddetti gruppi di manipolazione psicologica, gruppi per cui l’accusa giudiziaria è complicata (l’articolo 515.2 del codice penale riconosce il controllo della personalità, ma nel caso degli adulti è difficile provare qualcosa) Nessuna delle famiglie che Perlado ha frequentato ha sporto denuncia.

Il caso di María e delle sue due compagne, invece, è giunto all’attenzione corpo di polizia regionale della comunità autonoma spagnola della Catalogna (ne è a conoscenza anche l’istituto dove studiano). Agenti di polizia specializzati in gruppi di manipolazione psicologica hanno incontrato i giovani e le loro famiglie. A metà dell’incontro (1 giugno), arriva un sms sul telefonino della ragazza. Il suo mentore le scrive: “Ho appena scoperto che tua madre non vuole che tu collabori, che pensa che siamo una setta. Chiunque può entrare e uscire. Se mi conoscesse non mi giudicherebbe da quello che legge su internet“.

Schiena coperta. Ultimo capitolo?

L’organizzazione si difende: “Sono grandissime bugie
Se vuoi iscriverti al corso, clicca qui. Detto e fatto. Genius può essere contrattato sul sito Web aziendale dell’organizzazione. Basta lasciare un indirizzo e-mail e un numero di telefono di contatto. Una volta effettuata la registrazione, i messaggi iniziano ad entrare nella casella di posta personale: «la concentrazione è il miglior antidoto contro il fallimento»; “Voglio farti un altro regalo (un libro elettronico con 50 + 1 consigli per ricordare più facilmente cosa hai studiato)”. Altro: “accetta un consiglio: in qualsiasi attività tu voglia o vuoi fare, TROVA un mentore, TROVA qualcuno che possa insegnarti come svolgere questo compito facilmente e bene“.

A firmare i messaggi Giacomo Navone, responsabile del Corso Genius in Spagna. “La situazione [le accuse di funzionamento settario nei confronti dell’organizzazione] mi sembra incredibile”, dice, aggiungendo: “Ho migliaia di studenti in Spagna e ho avuto problemi con un paio di famiglie di Girona e due o tre di Barcellona ; parliamo di una percentuale piccolissima“.
In tal senso, precisa che “non possiamo accontentare tutti” e ricorda che chi si iscrive al corso ha “una garanzia: puoi venire per due giorni e, se non sei convinto, ti restituisco i soldi“. Riguardo ai casi di Girona, Navone sottolinea che “le famiglie che si sono lamentate sono clienti di un altro istruttore a Barcellona [Genius lavora in franchising]; il corso è finito ed è stato tutto perfetto, ma poi è venuto il padre a una presentazione e ci hanno detto che siamo una setta. Incredibile. Non capisco che si parli di noi in questi termini. Sono bugie molto grandi“. Continua: “Ho la testimonianza di migliaia di persone che hanno seguito il corso con me; Insegno tecniche di apprendimento. Con questo posso creare una setta. Per favore, non diciamo sciocchezze!“. Il corso, precisa, dura 72 ore e di queste “solo sette” sono dedicate alla motivazione degli studenti; “Non aver voglia“, dice Navone, è una delle principali cause di fallimento negli studi. Pertanto, “se non motivo questa persona, le tecniche sono inutili“. E “se non ti piace [il corso] ti restituisco i soldi“, ribadisce.

Circa 30 persone lavorano per Genius in Spagna; «Sono insegnanti e li pago per fare dei corsi; sono autonomi; fanno un lavoro normale», assicura Navone. Ora, avverte, «le bugie possono creare problemi alle persone che lavorano per me, che non hanno uno stipendio fisso; se dici che siamo una setta crei un enorme pregiudizio che non pago, che lavoro a Londra e negli Stati Uniti». E conclude: «mi sembra pazzesco che qualcuno possa dire questo; parliamo di due famiglie contro migliaia; Posso farti chiamare da migliaia di persone e parlare bene del corso; stanno imparando; Da 300 a 400 studenti al mese in Spagna e 2.000 nel mondo lo fanno».

Il precedente: il caso fu dibattuto nel Parlamento italiano nel 2011
Un deputato ha interrogato il governo a seguito dell’allerta di 4 famiglie che hanno visto nei loro figli un “cambiamento radicale.


Il 28 giugno 2011, il Gruppo Your Trainers in Italia è stato oggetto di discussione nel Parlamento di quel paese. La domanda è stata posta da Domenico Scilipoti, del gruppo Popolo e Territorio, ai Ministeri della Giustizia e dell’Istruzione, ed esprime preoccupazione per l’attività dell’organizzazione nel Paese. Avvertiva che quattro famiglie si erano lamentate del “cambiamento radicale” che i loro figli avevano vissuto dopo aver seguito uno dei corsi Your Trainers Group, da dove è nato il Corso Genius, e sottolineava che “nessuno dei membri di questa società” aveva lauree in «psicologia, pedagogia, scienze dell’educazione o psichiatria», quindi avrebbero commesso «abusi della professione». I cambiamenti rilevati dalle famiglie sarebbero avvenuti, ragiona Scilipoti nella domanda, da una «sottile persuasione, che modifica il carattere e le abitudini dell’individuo, come dormire poco, avere meno tempo per la vita privata, abbandonare gli amici, isolarsi».

Nella risposta l’allora ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, si limitò ad affermare che i comportamenti «di quei soggetti non autorizzati [da una laurea] che svolgono attività riservate a psicologi e psichiatri» possono essere perseguiti a norma di legge. E che se “i soggetti in questione (…) inducono all’errore le presunte vittime per procurare un illegittimo beneficio”, ad essi si applicherebbe l’art. 643 cp, nel caso in cui le vittime fossero minorenni o portatori di handicap. La Gelmini ha poi ricordato che le persone che si ritengono “vittime di abusi” possono chiedere il risarcimento del danno.

La cosa non è accaduta. «Il Parlamento ha risposto che la cosa è finita lì», dice a proposito di quell’episodio Giacomo Navone, responsabile di Course Genius. E, in questo senso, sostiene che ora e oggi anche la Polizia Spagnola non ha nulla contro Course Genius. «Sono andato dalla Polizia in un paese vicino a Girona, accompagnato da un altro istruttore [del Corso Genius], ho dato loro passaporto, carta d’identità e documenti aziendali (…) e mi hanno detto che non c’è niente, che non ‘non mi conoscono e loro non mi conoscono. Non sanno chi sono. Sono stato lì per un’intera mattinata. ‘Non c’è niente contro di te’, mi hanno detto“, racconta.


– E i lavoratori del Genius Course in Catalogna vivono insieme?

  • Per favore! Vivono con le loro famiglie! Se i collaboratori sono andalusi e hanno studiato a Barcellona, ​​​​​​ad esempio affittano un appartamento con altri colleghi e vivono insieme, niente di più.

Articolo originale: http://aaltaris.blogspot.com/2019/05/me-han-cambiado-la-vida.html

——————————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *