È ormai prossima l’inaugurazione del “Centro per la Legalità” che sorgerà nella struttura dell’ex Mattatoio comunale di via Gabrieli. Un’altra struttura è stata recuperata e sarà presto restituita alla comunità, per ospitare un centro polifunzionale aggregativo giovanile dedicato ad attività di promozione della legalità.

L’intervento di recupero è stato reso possibile grazie al PON Sicurezza rivolto “forme di recupero e riuso spazi pubblici, al fine di recuperare spazi alla criminalità e di restituirli alla cittadinanza, nonché ad altre iniziative mirate alla diffusione della legalità”.

In vista della prossima apertura, i cui dettagli saranno comunicati a breve, si rende necessario stabilire a chi intitolare il Centro. A tal scopo, con l’intento di coinvolgere la cittadinanza nel processo decisionale, l’Amministrazione comunale, ed in particolar modo l’Assessore al Patrimonio Lucia Parchitelli e l’Assessore alla Cittadinanza Attiva e Trasparenza e alle Politiche Giovanili Lorita Tinelli, ha pensato di avviare, a partire da lunedì 9 maggio 2016, un sondaggio intorno ad alcune proposte.

***

Le figure individuate, e intorno alle quali si chiede ai cittadini di esprimere una preferenza, sono le seguenti:

ALDO MORO, nato a Maglie (Le) il 23 settembre 1916, è stato insigne politico, accademico e giurista italiano, due volte Presidente del Consiglio dei Ministri, Segretario politico e Presidente del Consiglio nazionale della Democrazia Cristiana, di cui è stato uno dei fondatori. Fu rapito il 16 marzo 1978 e ucciso il 9 maggio successivo dalle Brigate Rosse. Simbolo della lotta al terrorismo e della democrazia ed esempio di grande integrità morale, oltre che per i suoi contemporanei, anche per le generazioni a venire.

PEPPINO IMPASTATO, nato a Cinisi (Pa) il 5 gennaio 1948, è stato giornalista, attivista e poeta italiano. Figlio di mafiosi, il giovane Peppino si ribellò alla famiglia e ingaggiò un’intensa attività politico-culturale contro la mafia. Fondatore tra le altre cose, della famosa “Radio Aut”, attraverso la quale denunciava i delitti e gli affari dei mafiosi di Cinisi e Terrasini, le sue denunce contro le attività di Cosa Nostra gli costarono la vita. Fu, infatti, vittima di un attentato il 9 maggio 1978.

PIERSANTI MATTARELLA, nato a Castellammare del Golfo(Tp) il 24 maggio 1935, noto esponente politico della Democrazia Cristiana, è stato strenuamente impegnato nella lotta alla mafia, schierandosi apertamente a favore della necessità di promuovere la correttezza e la legalità nella gestione dei contributi agricoli regionali in Sicilia. Per questo motivo fu assassinato a Palermo da Cosa Nostra, durante il mandato di Presidente della Regione Sicilia, il 6 gennaio 1980.

ANTONIO CAPONNETTO, nato a Caltanissetta il 5 settembre 1920, è stato un magistrato italiano, noto soprattutto per aver guidato il Pool antimafia, ideato da Rocco Chinnici nel 1980, dal 1984 al 1990. Ebbe come compagni di strada Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, Giuseppe Di Lello e Leonardo Guarnotta e, grazie alla loro attività furono arrestati di più di 400 criminali legati a Cosa Nostra. È considerato uno degli eroi della lotta alla mafia. È morto a Firenze il 6 dicembre 2002.

RENATA FONTE, nata a Nardò (Le) il 10 marzo 1951, è stata Assessore alla cultura ed alla pubblica istruzione del comune di Nardò, eletta nel 1982 nelle file del PRI-Partito Repubblicano Italiano. Ha combattuto con forza la speculazione edilizia nel territorio di Porto Selvaggio e probabilmente per questo, il 31 marzo 1984, è stata assassinata con tre colpi di pistola mentre ritornava nella sua abitazione. È diventata simbolo della legalità e della non violenza sul territorio.

DON TONINO BELLO, nato a Alessano (Le) il 18 marzo 1935, è stato vescovo. Grande è sempre stato il suo impegno verso gli ultimi, gli indigenti, i giovani, cui ha dedicato diverse iniziative, rinunciando per sé a ad ogni sfarzo. Grande sostenitore della pace, si oppose al potenziamento dei poli militari di Crotone e Gioia del Colle e all’intervento bellico nella Guerra del Golfo. È morto a Molfetta il 20 aprile 1993. La Congregazione per le Cause dei Santi ne ha avviato il processo di beatificazione.

Il sondaggio sarà effettuato attraverso la Pagina Facebook “Comune di Noci”. A partire da lunedì 9 maggio 2016, saranno caricate le foto delle personalità sopra citate, con relativa motivazione. I cittadini potranno esprimere al loro preferenza apponendo il Like sulla foto della figura preferita. Ognuno potrà esprimere una sola preferenza; se qualcuno dovesse esprimere più di una preferenza, queste saranno tutte annullate. Sarà possibile votare fino alle ore 12:00 di giovedì 19 maggio 2016. Alla personalità la cui foto avrà ricevuto più Like, sarà intitolato il “Centro per la Legalità”. Il risultato del sondaggio sarà ratificato mediante Delibera di Giunta.