Header image alt text

Lorita Tinelli

Prefiero morir de pie a vivir arrodillado – Il Che

Tornano Le Iene, la psicologa Tinelli va in tv

NOCI – È stato uno dei servizi più seguiti della prima puntata de Le Iene andata in onda ieri sera su italia 1, quello di Luigi Pelazza che è tornato ad intervistare la psicologa nocese Lorita Tinelli sulla tematica riguardante lo stile di vita dei Testimoni di Geova.

Secondo il servizio andato in onda ieri sera sulla rete generalista, all’interno della congregazione dei Testimoni di Geova, descritta come una setta con regole proprie e dotata di giurisprudenza interna, si sarebbe consumato un abuso sessuale su minore ma gli aderenti alla congregazione pseudo-religiosa non avrebbero denunciato il fatto all’autorità giudiziaria. Questo perché, secondo la ricostruzione di Pelazza, gli aderenti alla congregazione decidono di risolvere al loro interno i problemi riguardanti le dinamiche di vita dei consociati affidandosi a dei “giudici interni”.

La psicologa nocese Lorita Tinelli, presidente del centro Cesap contro abusi e violenze di tipo psicologico, asseriva che la congregazione ha una dinamica interna che la fa apparire al pari di una setta dove chi non si attiene alle regole viene espulso e confinato generando scontri e umiliazioni nonché disturbi di carattere psicologico a chi subisce l’espulsione.

Alla fine dei circa 10 minuti di servizio, dopo il niet di uno dei pastori della congregazione, Pelazza si interroga se quel bambino che ha subito l’abuso non vada difeso ed aiutato ed il suo stupratore denunciato alle autorità.

Fonte: http://www.legginoci.it/2016/01/27/tornano-le-iene-la-psicologa-tinelli-va-in-tv/

01 28loritatinelliieneNOCI (Bari) – E’ tornata ancora una volta a rispondere alle Iene, in qualità di psicologa del Cesap, la dott. Lorita Tinelli. Lo scorso martedì 26 gennaio, su Canale 5 della rete Mediaset, è andato in onda il servizio di Luigi Pelazza, noto giornalista del programma televisivo di inchiesta, intitolato “Quando una religione ti toglie la libertà”. La psicologa del Centro Studi Abusi psicologici, studiosa ed informata su regole, comportamenti e plagi che subirebbero alcuni membri della setta, è stata chiamata in causa per dare spiegazioni professionali sul modo di agire dei Testimoni di Geova.

Dopo aver inquadrato la religione ed aver precisato che nel mondo esistono circa 500 milioni di testimoni di Geova, che a dire della psicologa “seguono ciecamente le direttive che provengono dall’alto”, il giornalista, prendendo in esame esempi di plagio documentati ha posto al pubblico l’interrogativo del caso: può una religione togliere la libertà? Possono dei ragazzi maggiorenni consenzienti essere allontanati dalla congregazione perché reduci di un rapporto sessuale? Possono questi ultimi non avere più rapporti con gli altri testimoni e quindi neanche con i propri famigliari? Ed ancora: si possono non denunciare abusi sessuali su minori? Si può sollecitare un uomo o una donna a non frequentare l’università? A tutto questo la dott. Tinelli ha risposto dicendo di conoscere a pieno la situazione e di essere stata nel tempo anche messa di fronte a casi di suicidio, oltre che di traumi psicologici. Il servizio è disponibile sul sito delle iene (clicca qui).

LE IENE, LORITA TINELLI E I TESTIMONI DI GEOVA – Già nel marzo 2014 la dottoressa Tinelli era stata intervistata da Luigi Pelazza per l’omonimo programma televisivo. Per l’occasione però la psicologa, oggi assessore del Comune di Noci alla Socialità, Inclusione e Solidarietà, Cittadinanza Attiva e Trasparenza, Politiche Giovanili, Sport, Cultura e Offerta Formativa, era stata invitata a rispondere sul tema ostracismo e difficoltà fra fuoriusciti e congregazione (leggi qui).

Daniela Della Corte
Fonte: http://www.noci24.it/cronaca/notizie-da-noci/12724-le-iene-pelazza-intervista-lorita-tinelli-nell-inchiesta-contro-le-manipolazioni-dei-testimoni-di-geova
Creative Commons License Le Iene, Pelazza intervista Lorita Tinelli nell’inchiesta contro le manipolazioni dei Testimoni di Geova is licensed by Lorita Tinelli under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 3.0 United States License.