The Journey Out: Women Who Escaped a Polygamist Mormon Cult Share Their Story

 

Anche se il suo leader Warren Jeffs è chiuso in carcere per aver violentato le sue spose bambine, la Chiesa Fondamentalista di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (FLDS) permane nella sua dura linea di controllo. Coloro che si sottraggono ad essa vengono ostracizzati dai loro familiari e amici, ma quest’anno, degli ex membri della Chiesa hanno festeggiato il primo Natale della comunità.

Le città gemelle Colorado City, Arizona, e Hildale e una comunità di confine precedentemente nota come Shirt Creek, nello Utah, che ospitano la Chiesa Fondamentalista di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (FLDS), sono un luogo di immensa bellezza e di  indicibile dolore.

Fondata nel 1913 da mormoni fondamentalisti che si staccarono dalla tradizionale Chiesa dei Santi degli Ultimi Giorni per poter praticare il principio del matrimonio plurimo, questa comunità, geograficamente isolate dalle scogliere del Vermillion del Colorado Plateau, è un passo indietro nel tempo per tutti coloro che ci vivono. Qui le donne si vestono con lunghe vesti fino alle caviglie, le braccia coperte e non usano trucco. Poiché si ritiene che in cielo dovranno lavare i piedi dei loro mariti con i loro capelli, esse li hanno lunghi sino alla schiena e intrecciati. Gli uomini aumentano la loro possibilità di andare in paradiso se sposano diverse mogli; più donne sposano, meglio è. In questa comunità, oggi la poligamia è viva, ma le cose non vanno bene.

Anche se la chiesa mormone ha ufficialmente rinnegato i fondamentalisti, il FLDS fa risalire il proprio lignaggio al profeta Joseph Smith. John Y. Barlow (il cui cognome è rivendicato ancora oggi da molti dei suoi discendenti) è stato il primo leader del FLDS, fino alla sua morte nel 1949. Gli sono successi una serie di uomini; il più recente è stato “Zio Rulon” Jeffs, che morì nel 2002 e al quale succedette come profeta il figlio Warren.

Dopo aver lasciato il paese per sfuggire alla polizia, Warren Jeffs, uno dei 10 personaggi più ricercati dall’FBI, è stato catturato a Las Vegas nel 2006. Aveva 78 mogli, al momento del suo arresto, un terzo delle quali di età inferiore ai 17 anni. Nel 2011 Jeffs è stato condannato per due casi di violenza sessuale su un bambino e per gli stupri di solo due delle sue spose bambine di età di 12 e di 15 anni. Eppure, nonostante il fatto che egli stia attualmente scontando una condanna per più di 20 anni nella prigione di stato in Palestina, Texas, Jeffs continua a controllare il culto da dietro le sbarre, attraverso il fratello fedele Lyle Jeffs.
Negli anni dal suo arresto “Zio Warren” ha emanato nuove regole dal carcere. La più inquietante è che il contatto fisico tra un uomo e le sue mogli è assolutamente vietato, anche l’intimità fisica – il sesso  – è espressamente vietato. In questo periodo tra i  FLDS una donna può rimanere incinta solo per mezzo di uno dei 15 “portatori di seme” nominati da Warren per tramandare il dna più degno. Secondo i documenti del tribunale presentati dalla ex moglie di Jeffs,  Lyle, per dibattere il caso di divorzio, “è responsabilità del marito tenere le mani delle loro mogli, mentre il portatore di seme sparge il proprio seme. In parole povere, il marito è tenuto a sedersi nella stanza mentre il portatore di seme prescelto, o un paio di loro, violenta la moglie o le mogli“.

Si tratta di una comunità in cui la maggior parte dei bambini non hanno mai nemmeno sentito parlare di Natale o di Babbo Natale, e neppure hanno mai celebrato la festa (questi fondamentalisti non celebrano nessuna festività “mondana”). Inoltre Jeffs ha imposto un divieto totale per il possesso di giocattoli nel 2011 da parte dei membri della setta. “Ho avuto un vicino che abitava proprio di fronte al mio giardino. Ho visto che l’uomo era al fianco del suo bidone della spazzatura e aveva fatto portare fuori dai suoi figli piccoli i loro giocattoli, che man mano distruggeva e gettava violentemente nella cassonetto“, ha scritto l’ex membro FLDS Brenda Nicholson a Voci per la Dignità, un’organizzazione fondata da una sopravvissuta al traffico di esseri umani, Christine Marie Kata, per parlare contro l’abuso e lo sfruttamento, l’oppressione e l’umiliazione degli esseri umani nelle sette poligame patriarcali e di altre istanze correlate all’abuso ecclesiastico. Questo divieto, in parte, è ciò che ha ispirato Christine Marie a pianificare una festa di Natale, soprannominata il “Primo Natale”, a Short Creek. “La gente che dice c’è una nuvola sopra la città” mi racconta “ho programmato il primo Natale per portare felicità e contribuire alla dispersione di quella nube grigia con l’amore“.

Voci per la Dignità, l’organizzazione di Christine Marie, è stato raggiunta da altre associazioni quali:  Sound Choices Coalition, Church for the Nations in Phoenix, Movies Making Difference, Safety Net, e Shield and Refuge, così il 16 dicembre è stato celebrato un  Natale diverso da qualsiasi altra cosa la gente di Short Creek avesse mai visto prima. L’evento è stato aperto a tutti gli ex-FLDS (così come a tutti i membri attuali FLDS curiosi della vita al di fuori), ed è inoltre è stato accolto con favore dalle donne  da poco sfuggite dal clan di Kingston, una setta poligama a Salt Lake City.

” La gente dice che c’è una nuvola sopra la città. Ho programmato il primo Natale per portare felicità e contribuire alla dispersione di quella nube grigia con l’amore.”

 

All’interno della Holm Sunday School Building in Hildale, nello Utah, vi sono file di tavoli pieghevoli  carichi di biscotti galssati di ogni colore e forma. Su altri tavoli vi è una serie di oggetti offerti: carta e colla, glitter, scovolini, e ogni sorta di materiali artistici dedicati ai bambini per la costruzione di ornamenti. C’è anche uno stand istituito e gestito da volontari del Premier Pediatrics, un operatore sanitario con sede nello Utah meridionale per mamme e bambini. Anche se non così eccitante come una densa nuvola di cannella, la loro presenza è stata una benedizione per queste giovani famiglie, la cui sanità e bisogni medici sono palesemente ignorati all’interno del FLDS, come riferito da Carolyn Jessop nel suo libro di memorie “Fuga”.
Sul palco, vestito da Babbo Natale, un ex FLDS volontario, Clinton Holm (la cui famiglia possiede l’edificio) in posa per le foto e che ha poi distribuito calze piene di giocattoli fatti a mano e piccole caramelle alle centinaia di bambini che erano stati portati dalle loro madri per la prima volta alla celebrazione del Natale. Per i bambini tutta quella incantevole gentilezza era letteralmente incredibile. “Questa è la mia prima bambola!” ha detto una bambina, scioccata dalla gratuità del giocattolo. Tutte queste donne e bambini avevano lasciato il FLDS negli ultimi quattro o cinque anni, alcuni non più tardi di pochi mesi fa. Per molti, è stato il primo grande raduno, puramente sociale cui avessero mai partecipato.

Lasciare il FLDS non è un processo semplice. La maggior parte delle donne fugge senza molto più dei vestiti che hanno indosso e con qualunque effetto personale che sono in grado di lanciare rapidamente in un sacchetto di immondizia di plastica. Una volta che sei fuori, sei considerato un apostata. Lo stesso vale per tutti i bambini che vengono portati via. Coloro che lasciano il culto vengono evitati da tutti i parenti e dagli amici che rimangono nel FLDS.

Dopo il giorno della festa di Natale, una cinquantina di donne ex FLDS  sono state invitate a pranzo al 240 Est Utah Avenue. Originariamente commissionato da Warren Jeffs da dietro le sbarre, questo moderno palazzo è stato destinato a servire come una casa per lui e le sue molte mogli. (Sebbene Jeff non uscirà presto dalla prigione, dice ai suoi seguaci che le sbarre della sua cella si scioglieranno e che tornerà da loro, e tutti coloro che rimangono fedeli credono che questo sia vero). Le pareti della multi-costruzione di bilocali sono rivestiti con la stessa brutta ma costosa  moquette blu che copre i pavimenti, e le porte sono spesse ben 12 pollici; queste camere sono state progettate per silenziare l’acustica.

Ora conosciuto come il B & B più ricercato d’America, l’edificio è di proprietà di una ex guardia del corpo di Jeffs, Willie Jessop, che ha acquistato l’intero complesso ad un’asta. Egli ha espresso la speranza che, nelle sue mani, la struttura aiuterà a riunire le famiglie che sono fuggite dal controllo di Jeff. Willie è irrintracciabile, però, e per molte delle donne con cui ho parlato qui, la sua assenza è stata un sollievo. Willie è “una pessima persona che finge di essere buona“. Mi era stato detto da un produttore cinematografico di Los Angeles che ha lavorato nella comunità.
Qui le donne hanno condiviso un pasto a base di tacchino, purè di patate, ripieno, mais e vino rosso per chi lo beve. Dopo cena sono state invitate al piano di sopra in una serie di camere, che sono state allestite con i regali per i bambini e i ragazzi. C’erano animali di peluche, biciclette, camion giocattolo, cofanetti di Play-Doh, giochi da tavolo, libri, bambole, vestiti, set di trucco, e altri oggetti. Ad ogni donna è stato permesso di scegliere un regalo per ciascuno dei suoi figli, e alcune ne hanno presi ben quindici.

 

 

Adiacente alle camere dei regali c’era una stanza piena di carta da imballaggio, sacchetti regalo, nastro, forbici e fiocchi. Qui, nella sala “Grazie”, come Christine Marie l’ha soprannominata, le donne sedevano e chiacchieravano tra di loro, impacchettando i  regali per il primo Natale dei loro figli. “Questa è la prima volta che incarto un regalo di Natale, e io ho 37 anni!” ha urlato di gioia una donna al gruppo.

E’ stata una giornata di travolgente emozione per tutti. Abbastanza rapidamente, una vivace conversazione si è sviluppata tra le diverse signore presenti circa le circostanze in cui hanno fatto la scelta di lasciare la chiesa. Per molte la sentenza è stata l’ultima goccia: nel tentativo di stringere le redini sui fedeli e di cacciare chiunque potesse rappresentare una minaccia per il suo potere assoluto, Lyle Jeffs, in qualità di leader al posto di Warren, ha sottoposto nel 2011 ad un  un interrogatorio tutta la comunità, che tutti hanno vissuto come “il Giudizio”. Ciò ha richiesto che ogni singolo membro del FLDS rispondesse a una serie di domande invadenti.

A seconda delle loro risposte, gli individui avrebbero dovuto  essere introdotti all’Ordine Unito (UO), il gruppo di élite FLDS, oppure ritenuti al di fuori e messi in libertà vigilata. Molte famiglie sono state divise dopo il Giudizio, con i bambini separati dai genitori in quasi ogni casa. Per alcuni, però, esso ha offerto alle donne e ai bambini l’uscita perfetta da una situazione di vita terribile. Una donna ha ricordato che le è stato chiesto se si fosse mai toccata sessualmente. Ad altre è stato chiesto che tipo di intimità avessero con il marito. Molte ricordano che le è stato chiesto se provassero rabbia; una donna ha raccontato: “E hanno chiesto anche ” Hai mai avuto anche un pensiero cattivo  nella tua mente?’‘.”

Entrando, “il mio cuore non batteva forte. Ero tranquilla, per quanto ne sapevo di pace in quel momento” ha raccontato la quarantenne Misty Taylor*, che ha gli occhi marroni caldi, un rapido sorriso e una personalità insolitamente frizzante, visti gli ultimi avvenimenti della sua vita. Misty finalmente ha lasciato il FLDS nel maggio 2015. Ha equiparato la sua scelta al salto da un dirupo: “Si arriva a un certo punto della vita in cui si è pronti a saltare da una scogliera o andare avanti, e basta andare avanti fino a quando non si è pronti a saltare“. Ma, ha sottolineato che si deve essere pronti, anche se il fondo può essere difficile da identificare quando la propria vita è sempre stata infelice. “Ecco perché un sacco di mie sorelle sono ancora lì. Si sentono come se fossero quasi arrivate ​​- perché questo è quello che è stato detto e che l’elevazione è prossima;. Il profeta è quasi uscito di prigione“. Pazze, sono tutte ormai d’accordo. Naturalmente Jeffs non sta uscendo. Ma, una donna ha detto, “la mia mamma è uscita dalla religione da febbraio e lei crede ancora che [Jeff] sta per uscire [dalla prigione], lei non vuole ascoltare“.

“Si arriva a un certo punto della vita in cui si è pronti a uno saltare da una scogliera o andare avanti.”

 

Quando hai pensato tutta la tua vita che è Lui, – il Profeta – e che egli è l’Unico“, ha spiegato Misty, “e se ti è stato detto che è puro e pulito … Questo è esattamente quello che pensiamo: è puro e pulito, ed Egli parla con Dio, e sta con Dio, così eccoci qua,  pensando che chi rimane saldo nella fede sarà innalzato al cielo alla fine del mondo,  anche quando il padre è andato via e tua madre non c’è più“.

Nel corso di un anno e mezzo, Misty, la moglie sorella  e tutti i loro bambini erano stati espulsi. Essere considerato un non più membro non equivale ad essere cacciato dal FLDS, significa semplicemente che non sei sufficientemente “buono”  a far parte degli Stati membri dell’Ordine dei supremi del FLDS; i non soci vivono ancora nella comunità e devono seguire tutte le regole, ma in case minori costituite da bambini e genitori di molte famiglie diverse. Quando il patriarca della famiglia è assente, come è avvenuto per Misty e per la sua moglie sorella, dato che il loro marito era stato cacciato dalla chiesa completamente e mandato via in “missione di pentimento” -la famiglia viene assegnata ad un guardiano. “Perché se non c’è un padre lì,” ha spiegato Misty, “è necessario un uomo che custodisca la famiglia“, che significa, in sostanza, che le donne senza mariti hanno bisogno di babysitter maschili autoritari.

Non avrebbe dovuto, ma il 1° gennaio 2015 Misty ha inviato una lettera al suo ex marito. “volevo chiacchierare, al di là dei ricordi e dei sentimenti“. Le mancava e voleva sentire cosa stesse facendo. “Stavo iniziando a raggiungere il punto“, spiega. Il marito era a conoscenza dei crimini di Warren Jeffs. “Ha iniziato ad inviarmi alcune informazioni” su ciò che Jeffs aveva fatto, Misty ha detto, “e io semplicemente non era pronta per questo“.

Con chiunque abbia parlato tra coloro che hanno lasciato il gruppo o che sia fuggito con successo, ho riscontrato un atteggiamento di dissonanza cognitiva. Nel maggio 2015, lei e i suoi otto figli hanno lasciato il FLDS definitivamente. Misty e suo marito ora vivono con i loro figli in Short Creek, una famiglia apparentemente felice – meno la moglie sorella e i suoi figli, che sono rimasti nel FLDS.

La mattina seguente ho invitato Misty ad unirvi a me alle allegre comari al Cafè, dove avevo preso accordi la sera prima per fare colazione con la trentenne Lynette Warner, che era stata sposata con Warren Jeffs, all’età di 18 che era scappata dal FLDS a 26 anni.

Mentre Warren Jeffs era in fuga, Lynette dice che i suoi scagnozzi l’hanno nascosto in tutto il paese: a Las Vegas, South Dakota, Wyoming, Texas, Colorado, Utah e Arizona. Alla fine, dopo che Jeffs è stato arrestato e incarcerato, Lynette è stata messa in isolamento, in una roulotte a Colorado City, Arizona, dove il fratello maggiore le ha fatto da secondino, inchiodando le finestre e invertendo la maniglia. Lynette ha strisciato a piedi nudi fuori dalla finestra, che aveva svitato ed è scappata in una fuga disperata che è stata documentata da agenzie di stampa che si riferivano a lei semplicemente come la moglie a piedi nudi di Jeff. Lynette ha detto che in linea di massima corse in pieno giorno verso Uzona Avenue a Hildale, Utah, sede di un uomo di fiducia che aveva da poco lasciato la chiesa. Lì, hanno discusso su cosa fare, in ultima analisi, decidesero di chiamare una donna di nome Kristyn Decker, che aveva lasciato il FLDS a 50 anni e ora assisteva altre giovani donne che fuggivano dalla poligamia attraverso il Sound Choices Coalition.
Il giorno dopo che sono scappata, la polizia è andata di porta a porta attraverso la città con dei volantini,” che riportavano la foto di Lynette. Ma a quel punto, Lynette era a cinquanta miglia di distanza a New Harmony, Utah, a casa di Kristyn. In pochi mesi, Kristyn ha adottato Lynette, che ora vive sotto il nome di Brielle Decker e chiama Kristyn “mamma”.
Ci siamo sedute e abbiamo parlato per ore al bar, che è diventato una sorta di attrazione turistica per turisti della strada che viaggiano per quei confini. Lynette e Misty non si erano mai incontrate prima, ma per Misty, Lynette è stata una sorta di celebrità: tutte nel FLDS conoscono la sua storia.

Una conseguenza dei capelli e dell’abbigliamento rigoroso uniforme, prescritto per tutte le donne FLDS è che perdono la loro individualità, simile a migliaia di versioni dello stesso ideale. Potrebbe essere facile per un outsider immaginare queste donne come droni senza cervello, che doverosamente adempiono i loro ruoli di moglie. Ma se ci si siede nel caffè, l’ascolto di queste due sconosciute che condividono le proprie storie di fuga, evidenzia che non importa quanto si sopporti il dogma e il lavaggio del cervello, la nostra vera personalità rimane nella nostra anima. Come per tutte le donne che ho incontrato in questo fine settimana, queste due signore sono veri individui, con differenti attitudini e risate e prospettive.

Anche se entrambe le donne sono in terapia per affrontare il proprio passato, Lynette è pronta a fare riferimento al FLDS come ad una setta, mentre Misty – che porta ancora i capelli lunghi castani lungo la schiena, la cuffietta e abiti lunghi, lotta nel vedersi in questo modo. Lynette ha iniziato a farsi strada come difensore per le donne in fuga dalla poligamia, e sta studiando psicologia con la speranza di lavorare professionalmente un giorno con i sopravvissuti come lei. Misty, la cui partenza dalla chiesa è più recente, è ancora riluttante a venire fuori come una fuggiasca, preferendo utilizzare uno pseudonimo per proteggere la sua immagine nella mente della famiglia che è rimasta nel FLDS.

Dopo la prima colazione, Misty ci lascia per andare a  prendere i figli da scuola; era l’ultimo giorno prima della pausa invernale. Ma Lynette aveva un giorno libero, così mi ha guidato intorno a Hilldale e al Colorado City, ancora coperte di neve caduta nei giorni precedenti. Il paesaggio del sud-ovest suggestivo sembrava come la Corea del Nord su Marte: polverose strade sterrate e scogliere rosse incandescenti; grandi case in vari stadi di quasi-completamento (i proprietari delle abitazione non terminano le costruzioni per evitare di pagare l’imposta fondiaria); uno zoo nel centro della città, ma vacante. Nel parco giochi non c’era un bambino.  Piuttosto i bambini che sono stati aiutati vivono tra lavori di perforazione, SUV e alte barriere intorno alle loro case, senza che possano fare nulla. Questo perchè nel gruppo si impara ad odiare gli stranieri e gli apostati allo stesso modo, sostenendo che provengono da Satana.
Due settimane dopo il mio rientro a casa da Short Creek, ho ricevuto un aggiornamento da uno dei volontari di Natale: altre donne avevano lasciato il culto e ora stanno lavorando con gli avvocati per far uscire i propri figli. E proprio alla festa della vigilia di Natale tenutosi a Short Creek il 24, le quattro giovani donne FLDS erano presentati senza preavviso,  incoraggiate dalle storie di vita che avevano sentito durante i festeggiamenti del 16 dicembre. Che, di per sé, è un progresso. Ed è stato anche il punto: ospitando tale movimento prima di Natale in città dove erano migliaia le persone  ancora sotto il controllo del profeta, Christine Marie e i suoi  co-organizzatori hanno mostrato a tutti che potevano sperimentare la gioia e ricevere la gentilezza dal mondo esterno. Essi stavano dimostrando che quando si salta giù dalla scogliera, si sta effettivamente facendo un passo superiore.
Una delle persone scappate dal FLDS ha sostenuto alla manifestazione che: il lavaggio del cervello all’interno della comunità è troppo forte per molte persone da poter essere superato; invece, dobbiamo cercare di aprirci un varco verso la vita al di fuori di esso, in quanto essa è buona lì, e su questo pian piano si sta prestando attenzione.
* Il nome è stato cambiato

Fonte: https://broadly.vice.com/en_us/article/flds-celebrating-christmas-after-escaping-a-polygamist-mormon-cult

 

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte