Header image alt text

Lorita Tinelli

Prefiero morir de pie a vivir arrodillado – Il Che

by Joanna Walters

Ex seguaci del FLDS condividono le loro storie sul perché l’hanno lasciato e come si stanno adeguando alla vita al di fuori

FLDS

 

SALT LAKE CITY – Un giorno Kenneth Thomas lasciò la moglie, Margaret, e i loro otto figli, sperando che potessero “svegliarsi” dall’incantesimo e che abbandonassero la Chiesa Fondamentalista di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, o FLDS, la setta religiosa segreta cui appartenevano, così la famiglia avrebbe potuto presto essere riunita all’esterno.

Tutti piangevano. Mio figlio mi ha chiesto di non andare via. Gli ho risposto, – ‘Un giorno voi ragazzi capirete. Basta che siate sicuri che io vi amo. Io farò tutto il meglio’. – Ho dato a tutti un abbraccio. Ho tenuto la mano di mia moglie, poi sono salito nella mia macchina e sono andato“, dice oggi Thomas, che si fa chiamare Ben, soffocato dai ricordi.

Sono passati quasi due anni dalla sua partenza e la famiglia di Thomas è ancora sotto l’incantesimo del FLDS. Margaret e Ben, che sono stati insieme per 17 anni, fino a quando egli ha lasciato [il gruppo], sono vicini al divorzio. In fondo, egli dice che ancora si amano, ma gli anziani della chiesa li hanno spinti a separarsi. I suoi figli, che vanno dall’età tra i 4 e i  18 anni, restano in silenzio durante le sue visite. Sono stati indottrinati, dice, all’ortodossia della setta, che sostiene che i seguaci che lasciano o sono scomunicati sono “del diavolo” e devono essere condannati.

Un gruppo scissionista della chiesa mormone che si è distaccato alla fine del 19° secolo, quando la religione ha vietato la poligamia, il FLDS è sopravvissuto come setta fuorilegge da allora. La maggior parte dei suoi circa 10.000 seguaci vive nel villaggio remoto che cavalca le città gemelle di Hildale, Utah e Colorado City, in Arizona. Nonostante i suoi tentativi di isolamento, negli ultimi dieci anni, il FLDS ha ripetutamente fatto notizia in tutto il mondo dopo che il suo leader unto, il “profeta” Warren Jeffs, è stato braccato e incarcerato per violenza sessuale aggravata nel 2011. Per il suo gregge, tuttavia, rimane la voce di Dio e trasmette i suoi editti da dietro le sbarre attraverso i suoi fratelli minori Lyle, un vescovo della Chiesa, e Nephi, che è utilizzato come l’assistente personale di Warren Jeffs.

La storia di Thomas non è insolita per le famiglie nel FLDS. Esse possono essere distrutte in un momento  su ordine del vescovo, che parla per il profeta incarcerato, e che quindi in ultima analisi, i seguaci di Jeffs credono, per Dio. Ma le sentenze religiose dure e la rivelazione di reati di Warren Jeffs stanno portanto lontano molti fedeli. I membri del FLDS stanno abbandonando la setta a centinaia, in un esodo che minaccia il futuro dei fondamentalisti.

Thomas crede che Jeffs stia perdendo la sua lucidità nella prigione di Stato in Palestina, Texas, dove sta scontando una condanna a vita, oltre a 20 anni per violenza sessuale su minorenni. (Nel suo periodo di massimo splendore come profeta, Jeffs aveva decine di mogli, qualche adulta, molte minorenni). Ora, i suoi ordini sono molto più severi rispetto al passato. Molti sentono che sta cercando di controllare ogni aspetto della vita quotidiana dei suoi seguaci.  – non solo i dettagli dei vestiti che devono indossare, ma anche quello che possono e non possono mangiare e esattamente come dovrebbero lavarsi le mani per rimanere “puri“.

E’ pazzesco, sostiene Thomas. I bambini non sono autorizzati a giocare nel parco della città, e i giocattoli sono vietati. I libri non religiosi, la televisione e quasi tutti gli accessi a Internet sono banditi.

Il FLDS non ha risposto ad una richiesta scritta di commento inviato a Lyle Jeffs.
In un caffè, alla periferia di Salt Lake City, dove egli assapora una tazza di zuppa,  Thomas ha gli occhi pieni di lacrime mentre racconta la catena di eventi che hanno portato alla sua partenza. Era stato via per lavoro ad un’asta vicino a Las Vegas e stava tornando a casa a Hildale quando Margaret l’ha chiamato per dirgli che aveva incontrato il vescovo.
Dal tono della sua voce ho capito che qualcosa stava per mettere a rischio il mio mondo“, ricorda Thomas, sorridendo ironicamente. La sua voce ha quel bordo di umorismo nero di chi è stato tradito come alternativa alla amarezza.
Dopo aver guidato gli ultimi chilometri in tutta la distesa di deserto arido che continua a occhi indiscreti dall’insediamento religioso, tornò a casa sua. Vide Margaret, sua madre e due delle sue sorelle impegnate in una tesa discussione in cortile. All’interno della casa, Margaret gli aveva detto che il vescovo aveva mandato a dire che dovevano essere separati gli uni dagli altri e dai loro figli e sospesi dal FLDS fino a che non avessero ricevuto il giudizio circa la punizione  per aver trasgredito le regole della chiesa.
Io fondamentalmente sapevo che voleva dire fino a che noi saremmo stati sbattuti fuori a calci. L’ho visto accadere. Era inevitabile“, dice Thomas.

 

FLDS

 

I leader possono  scomunicare o riammettere nella setta. Ma in quest’ultimo caso, mentre la leadership pesava la sua decisione di consentire alla famiglia di ritornare, essa era costretta a “pentirsi da lontano“, che significava che la famiglia avrebbe dovuto allontanarsi per un periodo di preghiera che poteva durare per anni. Molti di coloro che sono sospesi non sono autorizzati a tornare; Thomas sapeva che avrebbe perso i suoi cari.
Il suo peccato primario era che stava usando la contraccezione, vietata all’interno della setta. Inoltre egli sospettava che anche la sua famiglia non era considerata sufficientemente devota.

Thomas usciva per escursioni di domenica, quando c’era il sole, piuttosto che andare in chiesa. E quando essi la frequentavano, si diceva che non prestassero sufficiente attenzione alle prediche. Una, egli  ricorda, era andata avanti per sei ore. Sua moglie aveva avuto un aborto spontaneo, Thomas dice. “La Chiesa considera il controllo delle nascite e gli aborti come omicidi di bambini, e si verrà giudicati per questo“.

Margaret Thomas voleva restare fedele e accettare la punizione, dice Thomas, mentre egli era cresciuto ed era disincantato rispetto alle disposizioni sempre più rigorose emanate dagli anziani e sapeva che non poteva farlo. Così ha lasciato, sperando che i bambini potessero raggiungerlo presto, ma Margaret vive ancora in Logan, Utah, al di fuori del FLDS, in attesa di permesso di tornare. Egli ha cercato di convincerla a staccarsi, ma ella non ascolta, dice. L’ultima goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata quando Thomas ha chiesto perché i bambini avevano smesso di chiamarlo “padre” e Margaret gli ha risposto, egli dice, che spiritualmente Warren Jeffs è il loro padre. “Ho deciso che era la fine“.

Ora, Thomas si appresta a presentare documenti per il divorzio, e  sta discutendo i termini di Margaret, nel tentativo di evitare il tribunale. Thomas vuole la custodia legale congiunta dei figli, ma permetterà ai bambini di vivere con la madre a condizione che egli abbia il diritto di visita e che ella faccia loro frequentare una scuola pubblica piuttosto che la homeschooling, come è d’uso in FLDS.

Vuole parlare del dolore che gli anziani della chiesa stanno infliggendo, Thomas dice, e mostrare che lui è determinato a sopravvivere all’esterno. Anche se di tanto in tanto ha un tracollo, trema e singhiozza per quello che ha perso, sta costruendo una nuova vita, pezzo per pezzo. Recentemente ha trovato un lavoro in un call center e  ascolta musica e va al cinema. Egli crede ancora in Dio, ma ha tagliato con tutte le religioni organizzate. Non potrebbe tornare al FLDS, dice Thomas, neppure per i suoi figli: “E’ diventato troppo strano“. Si guarda intorno, guarda la gente nel negozio di caffè. “Nonostante il dolore degli ultimi anni, la vita si percepisce  più normale solo qui“.

 

FLDS

 

Thomas dice che si è adattato alla sua nuova vita che ora ha, in parte grazie ad un’esperienza catartica che ha fatto l’anno scorso quando ha incontrato un vecchio avversario dei suoi giorni nel FLDS. Nel 2007, ha testimoniato per Warren Jeffs al processo del leader di FLDS a St. George, Utah. Jeffs era stato accusato come complice di stupro per aver forzato una ragazza di 14 anni, Elissa Wall, a sposare  il suo primo cugino. (Nella FLDS, i matrimoni “celestiali” – vale a dire, non legittimi – sono un modo comune per aggirare le leggi sulla poligamia). Dopo la fuga dalla setta, all’età di 18 anni, la Wall divenne un’attivista anti-FLDS. Lei era notoriamente una delle poche testimoni contro Jeffs al processo.

Nella scorsa tarda estate, Thomas ha incontrato la Wall per la prima volta da quando erano ai lati opposti della battaglia legale tanti anni fa. La Wall lo aveva contattato per discutere di una causa legale in Idaho in cui il FLDS era accusato di mandare ragazzi adolescenti lontano dai loro genitori, a volte per anni, per “peccati” così banali come inviare sms alle ragazze. Non molto tempo dopo, l’ha chiamato e si sono incontrati  in un centro commerciale della periferia di Starbucks. “Elissa mi è stata subito simpatica ed  era molto gentile”, dice Thomas. “Mi ha detto che comprendeva che la maggior parte delle persone presenti non sanno che tipo di uomo è Warren e stanno solo facendo il loro meglio nella vita“.

Quando lui parla del loro incontro, la simpatia per quello che sta vivendo la Wall è evidente. Si calcola che ha impiegato circa tre anni per raggiungere un senso di stabilità e di fiducia dopo aver lasciato il FLDS, e ora passa il suo tempo libero ad aiutare gli altri ad uscire. Lei ospita le persone nella sua accogliente casa fino a che non riescono ad alzarsi in piedi e li aiuta a ottenere la patente di guida,  una consulenza legale, un posto di lavoro o l’iscrizione ad un corso di formazione GED.

Con l’incoraggiamento alla homeschooling del FLDS, i seguaci crescono imparando la sacra scrittura e le dichiarazioni di Warren Jeffs, ma sono gravemente carenti in geografia, matematica, storia e altre materie di base. Molti lasciano [il gruppo] con un vorace appetito  verso la conoscenza.

La Wall sta aiutando una giovane donna, che è uscita la scorsa estate, ad adattarsi alla vita al di fuori. Ora iscritta nelle classi del college, la donna non è pronta ad esporsi pubblicamente perché la madre vive ancora all’interno della setta, in Hildale, ed ella teme che potrebbe essere  punita, se la figlia parlasse. Quando gli anziani della chiesa hanno scoperto che i parenti della giovane donna all’esterno stavano cercando di tirarla fuori, ella è stata trasferita in luoghi segreti e tenuta al chiuso, così che i suoi familiari non potevano trovarla. Alla fine è riuscita a sgattaiolare e ha telefonato ad una sorella che era uscita alcuni anni prima ed era in grado di tirarla fuori.

FLDS

 

La donna, nei suoi 20 anni, è seduta sul grande divano a parete del soggiorno, sgranocchia un sandwich di tacchino. Lei sorride, ma è stanca. “Ho iniziato il Community College questa settimana. E’ sconvolgente. Ci sono così tante persone! E io non so come comportarmi“, dice, ridendo nervosamente.

Lei sta trovando esaltante la sua libertà, ma anche sconcertante, a volte. “Sto avendo un momento difficile per scelte semplici. Prima, l’unica scelta era il vestito rosa o il vestito blu o forse il vestito verde – non c’erano molti modi per esprimere se stessi“, dice.

La giovane donna vive in una casa sicura per il momento; la Wall, che vive nelle vicinanze, la sta aiutando a recuperare la sua educazione. “Quando si lascia [il gruppo], tu sei come un grande bambino con nessuna idea di come funziona il mondo esterno. Ti senti come se stessi partendo da zero“, dice la donna. Ella si sente  come se fosse in  “deprogrammazione” dalla sua vita precedente: “Mi sento ancora un po’ aliena“.

Ma ella è anche entusiasta della sua libertà, non solo per le nuove esperienze che le consente, ma anche per la possibilità di sognare. “Quando penso alla mia formazione penso che voglio studiare all’estero, forse a Londra” dice, raggiante.

Questa giovane donna è una dei fortunati. Lei si sta adeguando relativamente bene alla vita all’esterno. Shelli Mecham, un assistente sociale diplomata a Salt Lake City che fornisce consulenza alle persone che hanno lasciato i gruppi poligami fondamentalisti, vede molti che sono più in difficoltà. “Alcune persone impiegano anni dopo l’uscita da un ambiente psicologico soffocante, dove viene detto loro costantemente  quello che possono e non possono fare e cosa pensare” dice. “Altri trovano più facile costruire una nuova vita, passo dopo passo, l’abitudine a prendere le proprie decisioni, ma ci vuole un sacco di tempo e determinazione“.

Molti cadono nella droga o nell’abuso di alcol, nella promiscuità incontrollata o nella depressione paralizzante. “Ce ne sono un sacco con problemi di attaccamento, soprattutto se le persone sono state strappate alle loro famiglie. Essi devono passare attraverso un processo di lutto e sentirsi in colpa per quelli che hanno lasciato alle spalle. Molti provano vergogna perché sono stati maltrattati o rabbia perchè hanno dato così tanto nel loro servizio alla chiesa … e poi tutto è crollato“.

Il FLDS non è l’unico gruppo poligamo in Utah con cui Mecham lavora, ma si crede sia  il più grande ed è sicuramente il più noto per il suo profeta conosciuto e per il  controllo della vita dei suoi membri. Mecham dice di incoraggiare i membri ex FLDS a trovare la propria identità, e costruire la loro stima, cosa fondamentale. “Sono costantemente in discussione con se stessi perché il loro ego era tutto avvolto nella devozione all’autorità di questa religione“.

 

FLDS

 

Se alcuni cominciano a mettersi in discussione dopo aver lasciato la setta, per altri il dubbio è iniziato molto prima. Da quando riesce a ricordare, Kathwren Steed si è sentita soffocata dalla struttura del FLDS. Da bambina si sarebbe trovata nei guai se non avesse letto più e più volte il  Libro di Mormon, come viene imposto ai bambini nella setta. Ma crescendo in Hildale, tutti intorno a lei erano devoti ed obbedienti, così ella ha cercato di seguirne l’esempio. Come con il primo cugino di Warren Jeffs, che era membro di alto profilo della chiesa, e lei ha fatto del suo meglio per soffocare i suoi sentimenti.

Quando è uscita 10 anni fa, Steed si sepolta nei libri e su Internet. Lei si crogiolava nel suo accesso illimitato a Google, dice, che era stato vietato perché i seguaci non venissero danneggiati da influenze esterne.

Ora, Steed, 26 anni, vive a Salt Lake City, dove sorseggia una birra in un bar del centro appena un isolato o due di distanza dall’enorme tempio mormone che domina la capitale dello stato dello Utah. Questa è la prima volta che parla con la stampa, e con il suo stile intelligente e pulito, gonna e giacca, poteva essere una qualsiasi giovane professionista tra la folla dopo il lavoro. “Grazie a Dio per Internet“, dice Steed. “Ho imparato a mettere il mascara guardando YouTube“.

Steed aveva quasi 16 anni, dice, quando il padre voleva darla in sposa ad un uomo che era quasi cinquantenne e aveva già tre mogli. Così per prendere tempo, “Gli ho detto che stavo pregando per questo e non ero ancora pronta“.

Ma il problema non era la loro differenza di età, le mogli sorelle o se a Steed piaceva l’uomo. Il problema era che ella era lesbica. In realtà, lei aveva una fidanzata segreta all’interno della setta.

Eravamo state migliori amiche per anni, poi tutto ad un tratto era successo“, dice ora. Le due ragazze hanno rotto ogni tabù in FLDS quando si sono baciate per la prima volta. “Io ero fuori di testa dopo“, ricorda Steed. “Sono stata in ginocchio per tutta la notte, pregando e vergognandomi“. Ma la loro attrazione era molto forte. Ben presto incominciarono ad incontrarsi di notte nella macchina di Steed nei parcheggi.

Abbiamo praticamente fatto tutto nel mio piccolo Dodge Neon“, dice con un sorriso. Pensavano che il loro segreto fosse al sicuro, ma alla fine le voci sulle “migliori amiche” cominciarono a girare.

I suoi genitori la sua misero di fronte ad un ultimatum: essere dannata all’inferno o rinunciare al suo amore proibito e sposarsi. Ella rispose loro che sarebbe partita. Sua madre ruppe in un  singhiozzo. Suo padre la prese e la portò da Lyle Jeffs per una lezione severa, e vedendo che questo non funzionava, la portò in giro con la macchina.

FLDS

 

Abbiamo guidato nel deserto, verso il Grand Canyon, fino a quando alla fine ci siamo fermati in mezzo al nulla“, dice. Lei si stupì nel vedere il cugino Warren Jeffs lì. Egli era accusato del reato di abuso su minori ed era allora un latitante ricercato e sulla lista dei maggiori ricercati dell’FBI e in fuga dalla legge. Ma era comunque aiutato dalla setta a nascondersi in tutti gli Stati Uniti occidentali.

Anche le parole del profeta non ebbero presa su di  lei. I suoi genitori alla fine la lasciarono a St. George, una piccola città in cui da bambina era solita acquistare segretamente romanzi e CD musicali, quando faceva shopping nel locale Walmart con la madre. Pochi mesi più tardi, la ragazza di Steed la raggiunse. Le amanti rimasero con i parenti, tra cui anche ex FLDS, ma alcuni suoi parenti omofobi di St George trovarono l’esperienza di Steed viziosa, lei dice. Quando aveva 21 anni, Steed si trasferì a Salt Lake City con la sua ragazza, anche se la coppia si separò subito dopo.

Quattro anni fa, Steed stava lavorando in un bar per lesbiche in città quando  arrivò una donna matura. Dixie Allen le sortiva fiducia, e Steed aveva notato le sue lunghe gambe e gli occhi scuri. Allen, a sua volta, ha trovato Steed adorabile col suo cappello bianco e nero sbarazzino e continuava a chiamare Steed continuando ad ordinare per lei e i suoi amici. Più tardi quella sera, dopo che Allen era andata via, Steed si avvicinò al tavolo per riordinare e trovò un tovagliolo con su scritto il nome e il numero di Allen. Sono insieme da allora. “Ho ancora quel tovagliolo“, dice Steed.

Allen, 45enne, è una psicoterapeuta a Salt Lake City e Steed, ora sua moglie, è il suo capo ufficio. Allen è stato allevata tra i  Mormoni (anche se lei ora è atea), quindi la cultura FLDS della sua compagna non le era sconosciuta. “Crescendo, sapevamo dove le famiglie poligame vivevano in città, e non infastidivano nessuna di loro. Questa è stata la decisione: “Lasciare in pace”, dice Allen.

Le due donne hanno anche avuto visite clandestine dalla madre di Steed in Hildale, che si intrufolava di notte per incontrarle. “Era molto più amichevole di quanto mi aspettassi. E sapeva che stavamo insieme. E’ stato grande“, dice Allen.
Steed finisce il suo drink e si allontana dal bar. Guarda Allen e sorride. Ne hanno passate tante, ma sono sopravvissute, anche perché Allen non le ha mai recriminato la sua storia in FLDS. “E’ stato così bello trovare qualcuno che ha capito il mio passato e non mi ha mai giudicato“, dice Steed.
E’ una lezione che potrebbe rivelarsi utile per Ben Thomas, che sta solo ora pensando alla sua prossima occasione. Dopo il suo matrimonio combinato con Margaret, all’età di 23 anni, ora è alla ricerca di una ragazza per la prima volta nei suoi 40 anni ed è una prospettiva scoraggiante. “Trovare qualcuno che conosce un po’ della cultura [FLDS] probabilmente sarebbe utile“, dice Thomas con la sua abilità per gli eufemismi. Ma non è alla ricerca di un particolare tipo di persona. “Vorrei solo trovare una donna che mi ami“.

Fonte: http://america.aljazeera.com/multimedia/2015/3/deprogramming-from-the-flds-warren-jeffs-cult.html

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

by Joanna Walters

La Setta poligama di Warren Jeffs crolla di fronte a una causa federale e ad un esodo di massa

 

FLDS

Uno chalet utilizzato come safehouse in cui un gruppo di sostegno si riunisce per coloro che sono fuggiti dall setta di Warren Jeffs, la Chiesa Fondamentalista di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel gennaio 2015.

 

Hildale, Utah – “Finalmente ho sentito parlare di questa cosa chiamata Facebook appena un anno fa. Non avevo idea di cosa fosse“, dice il 22enne Brigham Johnson strofinandosi nervosamente la barba ordinata.

FLDS

E’ imbarazzato per averci messo così tanto ad arrivare sui social-network. Ma quando finalmente l’ha fatto, la sua vita è cambiata.

Ho iniziato a collegarmi da un computer, anche se questo era proibito, e ho trovato alcuni vecchi amici che erano fuori. Mi sentivo, come, ‘Wow, essi hanno vissuto qui in città per tutto questo tempo’. E’ allora che ho capito che potevo lasciare” dice.

Così ha preparato un sacchetto in una notte del maggio 2013 e ha detto a suo fratello che se ne stava andando. Poi è uscito dalla Chiesa Fondamentalista di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (FLDS), la religione fuorilegge  nata in una remota cittadina al confine dello Utah in Arizona.

Gruppo segreto che ha rotto con il mormonismo per praticare la poligamia, il FLDS è divenuto  famoso per gli abusi  sui minori perpetrati durante il mandato del suo leader repressivo, il “profeta” pedofilo Warren Jeffs. Ora pur essendo in prigione a vita in Palestina, Texas, per violenza sessuale aggravata su minori, Jeffs continua ad esercitare un sorprendente potere sui suoi adepti da dietro le sbarre.

Fu solo in tarda adolescenza che Johnson ha cominciato ad avere dubbi su Jeffs e sui suoi insegnamenti e ha fatto delle ricerche attraverso un illecito accesso a Internet da un cellulare. Quando ha saputo che Jeffs era stato condannato per aver violentato bambine di 12 durante segreti rituali di sesso di gruppo in un tempio FLDS, il suo intestino si è lacerato. Johnson aveva contribuito a costruire quel tempio nel deserto vicino ad un paesello di Eldorado, quando aveva 14 anni.

Scoprire la verità fa male, tanto male” dice.

Johnson conosceva altri che avevano lasciato, tra cui il fratello, ma non aveva avuto contatti con loro finché non ha scoperto Facebook.

Ora, dopo due anni di lavori occasionali in California, Kansas e Wyoming, è un operaio edile a Salt Lake City e condivide la sua storia in un incontro clandestino nel villaggio remoto in cui è cresciuto. I 10 ex membri della chiesa presenti si sono riuniti su divani logori in un piccolo centro della comunità nelle città gemelle di Hildale, Utah e Colorado City, Arizona. Esse si trovano a cavallo del confine di Stato e sono spesso indicati dalla gente del posto con il vecchio nome della città di Short Creek o “Crick”.

 

FLDS

 

Il pubblico di Johnson è costituito da un centinaio di seguaci delusi che ha abbandonato  Jeffs e la religione. Alcuni hanno trovato nuovi modi per uscire, come il collegamento con gli altri all’esterno attraverso i social network. Altri stanno cercando rifugio in una rete in espansione di case sicure, dove i volontari prendono i fuggitivi nelle loro case in una zona della storica Underground Railroad, che una volta ha aiutato gli schiavi a fuggire. Mentre le fuoruscite stanno indebolendo la religione dall’interno, essa è anche sotto pressione esterna, attraverso una causa federale che aprirà le udienze quest’anno, e che alcuni credono consegnerà un colpo letale alla setta.

Siti come Facebook e Snapchat sono diventati la nuova autostrada per chi parte in modo da poter ristabilire il contatto con gli ex membri. E’ più facile lasciare adesso [il gruppo] di quando sono scappato 10 anni fa e non avevo idea di dove stavo andando“, dice Elissa Wall, che è fuggita dopo che Jeffs l’ha costretta a sposare il suo primo cugino, quando aveva 14 anni.  Ora la Wall aiuta gli altri ad uscire. I fuorusciti come lei a volte contrabbandano smartphone nella comunità per aiutare la gente ad entrare in Internet.

Non esistono statistiche ufficiali, ma Sam Brower, un investigatore privato con sede nello Utah che ha lavorato nelle succursali locali e federali in FLDS, dice che sempre più persone stanno lasciando “rispetto a quanto abbiamo visto per molti anni“. Egli ritiene che da 500 a 1.000 membri hanno lasciato negli ultimi uno o due anni e circa 10.000 rimangono, per lo più Short Creek, con altri sparsi in piccoli gruppi altrove.

Negli ultimi due anni, il Dipartimento di Giustizia sta conducendo un’indagine per i diritti civili nel regolamento a Short Creek, accusando il FLDS di essere una teocrazia corrotta, imposta da un dipartimento di polizia disonesto.

E’ mia opinione che andrà a processo … in un tribunale federale di Prescott, in Arizona. Credo che i federali hanno un caso forte“, dice Gary Engels, un investigatore in pensione con l’ufficio del Mohave County District Attorney che è stato determinante nell’ottenimento di Warren Jeffs sulla maggior lista dei ricercati dell’FBI nel 2005.

FLDS

 

L’incarcerazione di Jeffs potrebbe aver frenato il peggio della pedofilia, ma sono profonde le preoccupazioni sulla setta. Se il governo vince la causa potrebbe portare  alla chiesa la perdita del controllo della città, dove i sindaci di entrambi Hildale e Colorado City e i loro consiglieri comunali sono FLDS. Nella causa federale, anche le aziende di servizi pubblici locali e il dipartimento di polizia, conosciuto come l’ufficio del maresciallo, sono accusati di rispondere alla chiesa e di discriminare gli ex FLDS e i non credenti. Con una vittoria del governo, le autorità provinciali locali dovrebbero assumere funzioni comunali e delle forze dell’ordine e il FLDS dovrebbe affrontare pesanti sanzioni.

Blake Hamilton è un avvocato di Salt Lake City che difende Hildale e le aziende di servizi pubblici contro la querela DOJ. “Questo caso deve verte sul fatto che le attività delle forze dell’ordine, ecc, siano equi o discriminatori”, dice. “Non c’è bisogno di indagare su Warren Jeffs o sulla chiesa FLDS e sulle loro pratiche religiose … Anche se non è una religione popolare, essa è tutelata dal Primo Emendamento e le persone sono d’accordo sul fatto di  non voler essere giudicate per la propria religione“.

Il FLDS non ha risposto ad una richiesta scritta di commento inviato a Lyle Jeffs.

Brower accoglie con favore l’azione DOJ. E’ stato a lungo frustrante che i funzionari eletti, nonostante la loro difficile comunicazione, non abbiano fatto di più per ripulire Short Creek, che egli chiama “la città più senza legge d’America“. L’abuso infantile e la poligamia hanno a lungo prosperato qui, la chiesa è accusata di incoraggiare la frode e l’evasione fiscale da parte delle autorità in Utah e Arizona, e alcuni membri di utilizzare il lavoro minorile nelle loro imprese, il tutto con la minima interferenza da parte delle autorità.

Nel 2008, il senatore Harry Reid del Nevada ha detto che i gruppi poligami, come il FLDS, operano come “una forma di criminalità organizzata, in gran parte incontaminata dalle forze dell’ordine. Egli li ha accusati di usare la religione per nascondere la bigamia, la pedofilia, lo stupro, la frode, l’evasione fiscale e la “corruzione massiccia“, così come le “maniere forti” per controllare la loro gente. Ma lo sforzo di Reid di creare una task force federale per reprimere le violazioni è fallito, e l’attuale processo DOJ non affronta direttamente questi problemi. Tuttavia, in caso di successo, potrebbe paralizzare effettivamente il controllo della chiesa della comunità.

Il FLDS è anche indagato dal Dipartimento del Lavoro, nel tentativo di sradicare l’uso presunto della diffusione del lavoro minorile.

FLDS

 

Fuori dal centro della comunità in cui Brigham Johnson e le sue coorti si incontrano, non vi è alcun segno esteriore di agitazione della tentacolare città in gran parte residenziale. Le strade presentano insolitamente grandi case, progettate per le famiglie poligame. Quando li si avvicina, i residenti si rifiutano in maniera impassibile di parlare con “estranei“.

FLDS

 

Indossano abiti FLDS – abiti prateria in colori pastello per le donne e le ragazze, i loro capelli intrecciati in tuppetti francesi, e per gli uomini e i ragazzi, jeans e camicie a maniche lunghe, abbottonati fino ai polsi.

La città è caratterizzata da colori di sfumature dalle tonalità verde smeraldo che sono spettacolari all’alba e al tramonto. Ma in tutte le altre direzioni c’è il deserto arido che si estende per chilometri senza un altro edificio a vista.

Quasi un secolo fa, i membri del FLDS cominciarono a stabilirsi qui per la sua posizione isolata. Erano stati parte della religione mormone originale, che è nata negli Stati Uniti nel 19° secolo. Ma nel 1890 il governo federale ha chiesto che i mormoni ponessero fuorilegge la poligamia in modo da concedere loro il territorio dello Utah, dove si erano insediati. I puristi che erano in disaccordo con tale divieto, si staccò dalla chiesa principale e formarono gruppuscoli, che si fanno chiamare i fondamentalisti.

La chiesa principale è la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, o LDS, e il gruppo ribelle più noto divenne noto come il FLDS. Anche se le due parti  rinnegano l’un l’altra dal momento della scissione ad oggi, entrambe venerano il fondatore del mormonismo, Joseph Smith (un poligamo dedicato) e studiano i suoi testi sacri, tra cui il Libro di Mormon.

Mentre la LDS si è estesa in tutto il mondo nel 20° secolo e si è avvicinata alle tendenze dominanti, il FLDS ha fatto il contrario, consolidandosi attorno ad un piccolo gruppo hard-core, che ha preferito l’isolamento e l’estremismo religioso.

Oggi, l’élite della chiesa in Short Creek, composto dai fratelli di Warren Jeffs, Lyle e Nephi, tra gli altri luogotenenti scelti, vivono all’interno di un campo con alte mura con cancelli di sicurezza impenetrabile agli estranei e anche per membri della chiesa di ceto basso

Un altro dei partecipanti alla riunione segreta ha vissuto nel cuore di quel campo fino a che non è fuggito un anno fa – è uno dei figli Warren Jeffs.

Il  giovane uomo magro e pallido è nel suo 20esimo anno, ma preferisce non dare la sua età esatta o il suo nome completo, temendo ritorsioni dalla chiesa contro di lui o ai suoi familiari ancora nella setta.

Egli è curvo verso il basso, berretto da baseball calato, quasi come se volesse che la grande poltrona lo inghiottisse, ed è stato in silenzio per la maggior parte dell’incontro. E quando lo fa parla, con voce rotta, rivelando uno dei suoi primi ricordi del suo tempo con il padre.

Sono stato abusato sessualmente da lui a partire dall’età di 3. Per questi fatti egli è sotto processo – egli ha iniziato nella nostra famiglia anni prima” dice.

E’ una affermazione sorprendente, anche se Warren Jeffs è stato accusato di violenza sessuale aggravata nei confronti di minori in Texas, in Arizona, e complice di  incesto e di stupro nello Utah; è stato condannato all’ergastolo nel Lone Star State per aver sposato mogli minorenni di età inferiore ai 12 anni. Durante la condanna, una nipote di Jeffs ha testimoniato che Jeffs l’aveva violentata quando aveva 5 anni, e un’altra nipote ha raccontato che Jeffs aveva abusato di lei quando aveva 7 anni. Un’altra nipote che ha raccontato di essere stata violentata da Jeffs,  si è suicidata nel 2001. E il tribunale ha documentato dettagliatamente, come Jeffs ha ammesso in carcere, che egli era stato “immorale” con una delle sue sorelle e una delle sue figlie.

Sebbene  Jeffs sia stato accusato di incesto e condotta sessuale con minori in Arizona, non è mai stato processato lì, invece è stato condannato in Utah nel 2007 per stupro come complice per aver forzato Elissa Wall a sposare suo cugino.

In maniera discutivile, la condanna nello Utah  è stata capovolta nel 2010 a causa di istruzioni della giuria carenti, ed è stato istituito un nuovo processo, ma Jeffs è stato presto estradato in Texas per affrontare l’accusa più grave di violenza sessuale aggravata su minori. E’ stato condannato lì e condannato al carcere a vita.

FLDS

 

Quando mio padre è diventato leader, aveva così tanto potere che poteva fare quello che voleva. Egli era Dio in terra. Quando entrava nella stanza ero sicuro che sapeva quello che stavo pensando“, dice il figlio di Jeffs.

Gli uomini in FLDS comunemente prendono più di una moglie, mentre quelli più in alto nella gerarchia ecclesiastica ne sposano parecchie, qualche decina. Ma Warren Jeffs ha superato tutti.

Aveva 80 mogli“, dice il giovane Jeffs. “Quando avevo 14 anni, ho avuto madri che erano due o tre anni più giovane di me – avevano solo 11 anni. Erano le sue mogli, e quindi sono state considerate come mia madri“. Si dice che Jeffs abbia più di 250 figli.

Sembra sorprendente a coloro che sono fuori, ma gli altri alla riunione annuiscono.

Le ragazze nella FLDS sono educate sin dalla nascita a sposarsi giovani e, soprattutto, a voler sposare il profeta. Il figlio di Jeff non pensava che quello fosse sbagliato. Ora, egli dice: “Fa male davvero sapere quello che mio padre ha fatto e  sapere che lui è mio padre. Mi vergogno“.

Ha lasciato la religione lo scorso anno per le stesse ragioni che stanno spingendo molti altri a lasciare. La sua fede nel profeta è caduta quando ha appreso i dettagli della depravazione del padre. La vita quotidiana è diventata intollerabile come gli  editti di Jeffs, consegnati da dietro le sbarre, che sono diventati sempre più duri e apparentemente arbitrari.

Il FLDS è stato a lungo famoso per dividere le famiglie, in particolare gli uomini venivano inviati lontano dalla comunità a “pentirsi“, a volte per anni, per aver infranto le regole o per aver messo  in discussione gli ordini dalla leadership. Nel frattempo, le mogli degli uomini e i  bambini erano affidati ad altri uomini.

Ma molti di coloro che hanno lasciato da poco dicono che dal momento della sua condanna, Jeffs è peggiorato. Dopo aver ricevuto la sua condanna nel 2011, ha emesso un editto ai suoi seguaci che vieta tutti i matrimoni e anche le relazioni sessuali tra coppie sposate. Egli sta dividendo le famiglie fino a comandi pretenziosi come quello di  mandare i bambini lontano dai loro genitori e separare i mariti e mogli, a volte senza spiegazioni.

E’ successo al figlio di Jeffs, che è stato isolato dalla sua famiglia. “Non mi era permesso di parlare con mia madre, e se vedevo i miei fratelli in città, non mi permetteva di parlare con loro“.

Nel febbraio scorso, stava lavorando ad una costruzione, come faceva  fin dall’età di 14 anni, e aveva un contratto a Des Moines, Iowa, con un gruppo di lavoro FLDS. (I lavoratori sono pagati poco o nulla per lunghi tratti – il FLDS viene aiutato a vincere gare con contratti lucrativi, ma questo ha anche attirato l’attenzione del Dipartimento del Lavoro). Approfittando di essere lontano dagli occhi vigili dei membri devoti della FLDS , egli ha preso un telefono cellulare e alcuni soldi della retribuzione che gli  erano dovuti dal suo capo, ed è scappato via per prendere un taxi per l’aeroporto.

 

FLDS

 

Ha comprato un biglietto per Salt Lake City, dove ha continuato per Holding Out Guida. Essa è una  organizzazione di beneficienza che assiste persone che lasciano situazioni poligame, l’HOH è una delle principali fermate della ferrovia metropolitana che aiuta le persone che lasciano la setta. E’ stato grazie a Tonia Tewell, fondatrice del gruppo e direttore esecutivo, che il figlio di Jeffs ha avuto cibo e riparo quando è arrivato. Ora, lui ha un lavoro concreto.

Quando le persone si rivolgono a noi per un aiuto, noi non li giudichiamo“, dice Tewell. Ella si occupa di molti membri ex FLDS che sono fragili, alcuni si vergognano di essere vittime di abusi o semplicemente di essere ingannati dalla setta per così tanto tempo.

Il figlio di Jeffs figlio, che si dice “molto depresso“, pensa che sarebbe impazzito se non avesse avuto il sostegno di Tewell e dell’HOH.

Alcuni dei partecipanti alla riunione hanno lasciato il FLDS ma sono rimasto in città. Uno di loro è Isaac Wyler, ex comunicato da Jeff 11 anni fa, che ora aiuta gli altri che lasciano.

Il FLDS si sta sgretolando“, dice ora. “Stimo che da 500 a 1.000 persone hanno lasciato nel corso dell’ultimo anno, a volte intere famiglie“.

Conosce ex membri del FLDS che offrono le loro case come rifugi in Arizona e Utah. Ma il suo più grande desiderio è che le persone rimangano in Short Creek e aiutino a far pendere la bilancia della popolazione della piccola cittadina che ha preso le distanze  dalla chiesa – cosa che sta già accadendo.

Il supermercato controllato chiesa fino a pochi anni fa è chiuso, ci sono stati a malapena pochi negozi in città, così che  la maggior parte dei residenti sono costrette ad andare a più di 40 miglia di distanza dalla città di San Giorgio per acquistare generi alimentari. Ora, però, la città sfoggia un nuovo negozio di ferramenta, un negozio di cibi e di una caffetteria, il tutto aperto da non residenti in FLDS.

FLDS

E come segno dei tempi che cambiano, la scuola pubblica della città ha riaperto lo scorso autunno per soddisfare la recente domanda di coloro che hanno abbandonato la religione, 13 anni dopo essere stata chiusa perché Jeffs aveva ordinato ai suoi seguaci di essere analfabeti.

E l’anno scorso, a Short Creek è stato introdotto per la prima volta un grande marchio aziendale, di una filiale di un negozio di panini metrapolitana aperto sulla strada principale in città. Esso è  molto frequentato.

Tornato nel centro della comunità il figliodi  Jeffs si accende improvvisamente.

Un piccolo gruppo di sorelle, con cui non gli era permesso di parlare  mentre era in FLDS, l’hanno visto. Le giovani donne hanno recentemente respinto il loro padre come  profeta e sono uscite, ma hanno deciso di rimanere in città. Anche se non sono pronte a parlare pubblicamente, trasmettono un messaggio tramite un amico che crede che la verità circa il FLDS “ha bisogno di essere raccontata“.

Le donne si mostrano agitate al loro fratello, lisciandosi i capelli arruffati, mentre lui sorride timidamente. I fratelli ridono e si abbracciano, felice di essere di nuovo insieme – e liberamente.

Fonte: http://america.aljazeera.com/multimedia/2015/3/fleeing-the-flds-sect.html

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Lunedì la Corte d’Appello dello Stato di San Francisco ha attribuito 2,8 milioni di dollari, quale risarcimento per danni compensativi, ad una donna che è stata molestata da bambina da un membro adulto della Congregazione dei Testimoni di Geova del Nord Fremont.


Ma la corte d’appello ha ribaltato la decisione precedente di un ulteriore premio risarcitorio di  8,6 milioni dollari da riscuotere dalla congregazione e dall’organizzazione dei Testimoni di Geova, della causa intentata da Cancace Conti nel 2012, presso la Corte Superiore della Contea di Alameda.
Tre Giudici della Corte d’Appello hanno sostenuto che quel premio punitivo non era giustificabile del fatto che i leader della Chiesa avrebbero dovuto mettere in guardia la congregazione o i genitori di Conti che l’aggressore, Jonathan Kendrick, aveva ammesso agli anziani della chiesa che egli aveva molestato la sua figliastra quattordicenne  nel 1993.


Il Giustice Peter Siggins ha scritto per la Corte, “Mentre è chiaramente prevedibile che qualcuno che ha molestato un bambino può farlo di nuovo,  il dovere di avvertire potrebbe creare un peso e le conseguenze sociali ed avverse, che il dovere produce, dovrebbero vincere la sua imposizione“.
Conti, ora 29enne,  ha raccontato il suo caso sulla televisione nazionale negli ultimi anni, e ha testimoniato durante il  processo del 2012 che Kendrick l’ha molestata diverse volte al mese per circa due anni, quando aveva tra i  9 e i 10 anni, tra la fine del 1994 e il 1996.
Ha riferito che l’abuso si è verificato quando lei lo accompagnava in chiesa o al “servizio di campo“, o porta a porta, di predicazione nella comunità. Ella ha detto che Kendrick l’avrebbe portata a casa sua molestandola durante il tempo che doveva essere impegnato per lo svolgimento del servizio di campo.
Kendrick, 61enne, ora vive in Oakley ed è membro della Congregazione dei Testimoni di Geova lì, secondo l’avvocato di Conti, Rick Simons. Nel 2004 egli è stato condannato a sette mesi di carcere, per aver molestato sua nipote di 8 anni .
Il quartier generale dell’organizzazione dei Testimoni di Geova ha sede presso la Watchtower Bible and Tract Society Inc. di New York. La giuria della Corte Superiore aveva originariamente assegnato a Conti 7 milioni di dollari di risarcimento danni e aveva considerato Kendrick responsabile al 60 cento, la Torre di Guardia al 27 per cento e la Congregazione del North Fremont al 13 per cento.
Ma Conti ha accettato prima del processo di non richiedere eventuali danni a Kendrick in cambio della sua non partecipazione al processo e della sua promessa di non molestarla. Così, la compensazione totale di Conti dalla congregazione e dalla Torre di Guardia è stata di 2,8 milioni dollari, ha riferito Simons.
La corte d’appello ha confermato il premio di compensazione per il fatto che la congregazione e la Torre di Guardia non sono riuscite nel loro compito di sorvegliare e proteggere Conti da Kendrick durante il loro servizio di campo.
Conti  in origine aveva anche vinto  ulteriori 8,6 milioni dollari per danni punitivi dalla Torre di Guardia e dalla congregazione, sulla base del suo ricorso che i leader della chiesa hanno aderito a una “politica di segretezza” sulla pedofilia.
Ma la Corte d’appello ha annullato quel premio, dicendo che gli anziani della congregazione “non avevano il dovere di discostarsi dalla politica di riservatezza della Torre di Guardia  e di mettere in guardia i membri della congregazione sul fatto che Kendrick aveva molestato una bambina


Siggins ha scritto che l’imposizione di un obbligo generale di mettere in guardia sarebbe un “considerevole” onere per una chiesa e potrebbe scoraggiare i trasgressori dal cercare aiuto da parte dei leader della chiesa.
Al processo, gli avvocati di Conti hanno citato una lettera del 1989 inviata dalla Torre di Guardia a tutti gli anziani della nazione, asserendo che “gli anziani devono esercitare una straordinaria attenzione quando si tratta di gestire le informazioni personali sulla vita privata degli altri” e che “la divulgazione non autorizzata delle informazioni riservate  può comportare azioni legali costose“.
Un anziano di congregazione ha testimoniato che la politica era destinata a proteggere le comunicazioni ministeriali riservate, e che la chiesa ha cercato di istruire i genitori su come proteggere i loro bambini dagli abusi.
Simons ha riferito che Conti è un tecnico veterinario che ora vive nella zona di Stockton. Egli ha sostenuto che nessuna decisione è stata presa sul fatto di appellarsi alla Corte Suprema della California per ripristinare il premio punitivo.
Questa è davvero una questione di ordine pubblico, e, naturalmente, non siamo d’accordo su ciò che è la migliore politica pubblica“, ha detto Simons.
La signora Conti è del parere che la politica pubblica dovrebbe favorire le  chiese nel fare tutto il possibile per prevenire ulteriori abusi da parte di pedofili identificati, piuttosto che  richiedere loro che paghino risarcimenti alle vittime dopo che l’abuso si è verificato“, ha detto.
Nessun avvocato per i Testimoni di Geova era disponibile per un commento.

Fonte: http://www.contracostatimes.com/breaking-news/ci_27909266/fremont-court-upholds-2-8m-award-woman-molested

——————————————

Conti – decisione Impugnazione – Watchtower negligente – confermata

Oggi, 13 aprile 2015, c’è stata la decisione della corte d’appello della California sul caso Candace Conti. Molto pochi dettagli sono attualmente disponibili.

Quello che si sa è questo:

Nel caso di Jane Doe vs. La Torre di Guardia Bible and Tract Society of New York Inc. et al.
Divisione 3
Caso numero A136641

Descrizione: Affermato / parte, giri / parte, rinviato w / direzione

Date: 04/13/2015

Fine

Si conferma la sentenza contro gli imputati per Negligenza. La sentenza contro la Torre di Guardia sulla causa del ricorso per risarcimento dei danni punitivi è invertita rispetto alle indicazioni dei danni punitivi. Le parti devono sopportare ciascuna le proprie spese di appello.

Si attendono le motivazioni che spieghino tale decisione, ma i pensieri iniziali sono che il risarcimento dei danni compensativi di 2,8 milioni dollari è stato accolto e l’importo punitivo è stata invertito. E’ possibile fare domanda per i danni punitivi ad un altro tribunale.

Il  risarcimento dei danni con interesse può ora ammontare a $ 4 milioni.

 

Barbara Anderson ha commentato:

La Torre di Guardia ha perso per negligenza e questo è quello che voleva Candace. Questa è una vittoria senza precedenti. Non importa come la Torre di Guardia se la  rigiri, il suo nome sarà per sempre legato al fatto di  non proteggere i bambini.

Candace Conti è venuta fuori da questo come un vincitore. Non c’è bisogno di lamentarsi per la perdita di denaro. E se avesse vinto il risarcimento punitivo? Di cosa avremmo parlato tutti? Probabilmente non dei soldi in ogni caso, in quanto un querelante non fa il proprio business  con qualsiasi importo monetario sia liquidato o sulla Watchtower che deve donarle più denaro. Sono sicura che staremmo parlando della Negligenza affermata dalla Conte, anche se la sentenza punitiva è stata confermata.

Ciò che tutti noi volevamo era giustizia per Candace, che è una vittoria per tutte le altre vittime dell’indifferenza per la loro sicurezza della Torre di Guardia. Ha ottenuto per quello che ha passato dopo. Si prega di festeggiare con noi. Siamo sicuri!

Naturalmente, entrambe le parti possono fare appello alla decisione del tribunale. Non importa, questo giorno è di Candace“.

La prossima azione pianificata è per il  15/06/2015.

Il documento della Corte afferma:

“La Conti ha cercato di fare in modo che gli  imputati fossero ritenuti responsabili per non aver avvertito la Congregazione o i genitori che Kendrick era un molestatore di bambini, e per non aver limitato e supervisionato la sua partecipazione alle attività della chiesa. Una giuria ha trovato gli imputati responsabili di risarcimento per i danni alla Conti, e ha ritenuto la Watchtower responsabile per danni punitivi.

Noi riteniamo che gli imputati non avevano il dovere di mettere in guardia i genitori e la Congregazione o la Conti sul fatto che  Kendrick  aveva già molestato una bambina, ma che gli imputati possono essere ritenuti responsabili per non aver limitato  e supervisionato Kendrick durante il “servizio sul campo“, un’attività sponsorizzata dalla chiesa, in cui i membri vanno di porta in  porta per la predicazione nella comunità. Kendrick ha avuto accesso senza supervisione a Conti, durante il servizio di campo, che ha usato come opportunità per molestarla. Poiché la violazione del presunto dovere di mettere in guardia è l’unica base per l’imposizione dei danni punitivi alla Torre di Guardia, invertiamo la parte della sentenza, con le indicazioni che hanno fatto  entrare in giudizio la Torre di Guardia circa la richiesta di risarcimento dei danni punitivi. Si conferma il premio compensativo del danno”.

“La Torre di Guardia, non la Congregazione, ha dettato le condizioni per le  quali il servizio di campo era ammissibile per i pedofili. La giuria avrebbe potuto trovare che la Watchtower falsamente ha dichiarato di avere una politica che impediva ai molestatori di bambini di svolgere un servizio di campo da soli  con i bambini, o, anche che, avendo quella politica,  non l’aveva imposta alla Congregazione o a Kendrick”.

Full decision (PDF) Link

The court record can be seen here Link

JWR – Report by Scott Terry on the Appeal hearing Link

Huffington Post – Candace Conti awarded $28 million in Jehovah’s Witness sex abuse case Link

Candace Speaks out at the 2013 RNA Conference Link

Barbara Anderson’s – Watchtower documents Link

Fonte: http://jehovahswitnessreport.com/court-actions/conti-appeal-decision-watchtower-negligent-affirmed

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

 

La Rete dei Superstiti Abusati da Preti (SNAP) ha espresso un parere, questa settimana, su una decisione della corte,  appellando i Testimoni di Geova come “burocrati“.

Vermont women

Lo SNAP sostiene che essi hanno usato “tecnicismi legali” per cercare di negare le vittime di abusi sessuali  in tribunale. Essi hanno “sperperato ogni autorità morale, che possono aver avuto, per glissare in tribunale, come criminali disperati determinati ad utilizzare qualsiasi strategia legale possibile, per salvare la propria reputazione e la carriera“.

Questo è in risposta alla decisione del Giudice J. Garvan Murtha del District Court degli USA, di respingere certe teorie giuridiche sollevate contro la Congregazione di Bellows Falls, nel Vermont e la Watchtower Bible and Tract Society Inc. di New York.  È stato affermato che essi hanno ignorato le denunce dei bambini che sono stati abusati sessualmente da un membro della comunità più di 20 anni fa.

I sopravvissuti agli abusi presunti coinvolti sono Annessa Lewis, 27 anni, che aveva quattro anni e Miranda Lewis, 23 anni, che aveva cinque anni quando le molestie cominciarono. L’abuso alle due bambine sarebbe stato perpetrato per più di un anno.

La denuncia originale sostiene che il presunto molestatore Norton True, un servitore di ministero, abbia abusato di almeno altri tre bambini prima dell’abuso delle sorelle Lewis. Gli anziani della congregazione di Bellows Falls “hanno scelto di non mettere in guardia … i membri della congregazione del reale pericolo che questi rappresentava per i bambini“.

Lo SNAP dice della decisione: “Ci auguriamo che alla fine essi (La Società Torre di Guardia) falliranno e che Miranda e Annessa Lewis possano essere in grado di esporre l’insensibilità e la  sregolatezza dei funzionari dei Testimoni di Geova durante il  processo“.

Gli avvocati che rappresentano le donne non hanno fatto una dichiarazione, ma Irwin Zalkin ha riferito al momento della presentazione iniziale: “I Testimoni di Geova hanno una politica che si fonda su un codice di silenzio quando si tratta della protezione dei bambini. Sono più preoccupati per lo scandalo e di evitare gli scandali piuttosto che della protezione dei bambini, che sono affidati alle loro cure“.

Si noti anche come nel difensore Norton True essi sono alla ricerca di scappatoie legali, quindi il loro cliente non dovrà affrontare almeno uno dei suoi accusatori.

True è rappresentato dagli avvocati Tom Costello, di Costello, Valente e Gentry in Brattleboro.

Costello ha detto che ora è in attesa della data di nascita di una querelante. Ha riferito che la gente ha sei anni successivi al proprio 18° compleanno per presentare denuncia contro qualcuno, per qualcosa che è successo loro quando erano bambini. Costello ha preannunciato che appena ricevuta la data di nascita, ha in programma di presentare una mozione per far chiudere il caso.

Maggiori informazioni:

SNAP – Press Statement Link

Brattleboro Reformer- Judge partially grants and partially denies JW motion to dismiss Link

Burlington Free Press – Jehovah’s Witness official molested girls Link

JWR – Vermont Two women continue child molestation motions Link

Zalkin Law Firm – Link

Image credit – WPTZ.com

Fonte: http://jehovahswitnessreport.com/court-actions/snap-calls-out-jw-leadership-over-child-abuse-case

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Creative Commons License Lo SNAP chiama in causa la leadership JW per i casi di abusi sui minori is licensed by Lorita Tinelli under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 3.0 United States License.