I sopravvissuti all’Abuso sono chiamati “bugiardi” da Stephen Lett, membro del Corpo Direttivo JW

JW-TV Stephen Lett

Il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova ha sottoscritto oggi un insulto pubblico. Questo insulto è stato fatto contro i minori, vittime di abusi,  e contro coloro che hanno subìto abusi sessuali e violenza domestica.

In una presentazione scandalosa su JW-TV Stephen Lett, membro dei Testimoni di Geova del Corpo Direttivo appella le vittime di abusi come bugiardi.

watch?v=qbXeBXRFNcI

 

A differenza del Papa Cattolico, questo ‘grande’  leader, Stephen Lett, rifiuta di scusarsi e si rifiuta di riconoscere qualsiasi dolore vissuto dai superstiti. Si aggrava l’abuso con la negazione e il rifiuto di cambiare le politiche dannose. La negazione e l’appellativo dei superstiti dall’abuso come bugiardi sono abusi secondari.

Gli adulti molto coraggiosi e i bambini, che vedono i loro aguzzini condannati in tribunale, non volevano essere vittime. Non volevano essere intervistati dalla polizia o vivere procedure giudiziarie. Non volevano parlare di quello che è successo a loro in un gruppo di anziani. Non volevano parlarne ai loro genitori o amici. In realtà, molti non possono nemmeno raccontare gli  abusi e devono ancora recarsi dalla polizia, ma non sono in grado di farlo per paura di perdere i genitori e gli amici.

Non è facile sedersi di fronte ad una persona che ha violato un impegno sacro. In alcuni casi, i dati condivisi in udienza pubblica sono troppo terribili anche per essere riferiti dai giornali.

Diventando coraggiosi con il supporto di professionisti i sopravvissuti da abusi stanno cominciando a parlare. Lo fanno per fermare i colpevoli. Lo fanno per trovare la guarigione. I bambini e gli adulti fanno passi in avanti, spesso portando il senso di colpa e la vergogna che è riversato su di loro da chi abusa e da una organizzazione della negazione.

Frequentano campi dove gli anziani li ignorano e mostrano amore e considerazione per la persona che ha tolto loro l’innocenza. Si siedono per giorni nei tribunale ignorati dai loro familiari Testimoni di Geova. Si siedono di fronte a degli anziani che li mettono in dubbio, come bambini, circa l’abuso e che poi non sono riusciti ad accompagnarli alla polizia e si sono rifiutati di rilasciare dichiarazioni.

Molti sopravvissuti ci hanno messo anni per trovare il coraggio di sussurrare un nome e di resistere ai loro aguzzini in un tribunale di diritto.

Oggi, un gruppo di sopravvissuti di abusi vuole parlare direttamente al Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova per dire: “Quando ci si chiamate bugiardi, dovete anche chiamare la polizia, i giudici e la giuria, bugiardi“. “Gli autori sono stati riconosciuti colpevoli da una Corte“.

Chiediamo scuse per questa affermazione ridicola“.

Il video dell’anziano Stephen Lett sarà condiviso ai governi, alle agenzie di abusi sui minori e di indagini abusi sui minori, ai dipartimenti delle Nazioni Unite per la protezione dei minore e agli avvocati. Questo tipo di dichiarazione rende nulla la credibilità dell’organizzazione JW. Essa fornisce prove che il Consiglio di amministrazione non ha pietà dei testimoni affiliati, e che non ha alcuna intenzione di cambiare le politiche ed è predisposto a consentire ai bambini di soffrire
Rachel Robbins che è stata abusata da bambina e la cui figlia fu abusata sessualmente da suo nonno Testimone di Geova per otto anni ha detto oggi:

A volte il vuoto e il dolore che sento mi consumano. Sorrido, ho fatto buon viso a cattivo gioco, ma a volte il pensiero di quiete e oscurità è così confortante che mi ritrovo a desiderare di  andare a dormire e di non svegliarmi. E’ difficile vivere sapendo di essere stati abusati. Essere chiamati  bugiardi è molto doloroso quando si sa di dire la verità. Obbedendo agli anziani, i miei genitori hanno spazzato tutto sotto il tappeto. Io non ho  ricevuto alcun aiuto.
A volte, ho dovuto chiedere a me stessa se era accaduto, perché nessuno ne avrebbe parlato con me. Ma so che è accaduto. Avevo solo 6 quando è iniziato, ed è andata avanti per anni. So che non ero l’unica ad essere stata abusata. Siamo stati tutti definiti bugiardi, ma so che loro sapevano.

Avanti veloce fino all’età adulta/genitorialità e per quello che è successo a me, ho sempre avuto paura che ciò accadesse ai miei figli. Ho provato così duramente a tenerli al sicuro fino al punto di paranoia, a volte.

Siamo diffamati.
Siamo definiti come bugiardi.
Abbiamo evitato.
Per cosa? Per esporre i molestatori di bambini e per ottenere una qualche forma di giustizia.
Ma ancora ci fanno sentire come inutili. Come se la nostra sofferenza non ha importanza“.

Wendy, che è stata violentata da testimone di Geova dall’anziano Mark Sewell, ha detto
Quando sento queste ridicole osservazioni di chi ci chiama apostati per portare la verità, mi sento la rabbia completa e totale all’interno. Ho la sensazione che aumenti l’ansia. Come osano dire ciò? Nel mio caso gli anziani hanno distrutto tutte le prove“.

Un’altro sopravvissuta all’abuso ha riferito: “Non riesco ancora a parlare di quello che è successo a me da bambina di 10. Sono andata alla polizia da adulta, e sono stati gentili, e mi hanno creduto. Ho scoperto attraverso di loro che il mio aggressore era morto, ma ancora ho voglia di sapere chi era e cosa ha fatto.

Hanno intervistato la mia famiglia JW. La mia famiglia ha ammesso che sapevano e non avevano detto niente come ci si aspettava, perché gli anziani sostenevano che  niente di più doveva essere fatto. E’ doloroso sapere la mia famiglia ed io abbiamo rispettato questo. Le politiche permettono che questo accada, e il Consiglio di amministrazione dovrebbe essere chiamato a rispondere.

Chiamare le persone bugiarde per aver avuto il coraggio di denunciare un molestatore di bambini è spregevole“.

Karen Morgan è stata abusata da bambina da Mark Sewell che ora sta scontando 14 anni di carcere (e che non è stato disassociato) ha detto semplicemente: “Mi piacerebbe vedere una dichiarazione della Bethel che delinea esattamente quello che sostengono di offrire alle vittime e alle loro famiglie. Continuano a dire di fare qualcosa, vediamo esattamente quello che fanno“.

L’indignazione per i sopravvissuti agli abusi è comprensibile.

Lee Marsh, presidente di AAWA (avvocati per la consapevolezza degli abusi Watchtower) afferma che “i commenti di Lett sulle vittime di abusi servono ad uno scopo: intimidire i testimoni di Geova nel cercare la verità. E’ un tentativo di incutere la paura di parlane nelle vittime. Potrebbe essere stato utile quando le vittime pensavano di essere uniche, ma ora esse stanno leggendo storie di centinaia di altre vittime di tutto il mondo, con storie simili di abusi sessuali da parte di testimoni di Geova e di come sono stati tutti messi a tacere con minacce di espulsione, per poterne parlare.

Esse si rifiutano di tacere ora.

L’AAWA supporta tutte le vittime che sono state abusate da coloro di cui potevano fidarsi di più – i loro compagni Testimoni“.

Lee Marsh ha scritto un articolo che va in qualche modo a spiegare perché è così importante che le  vittime di abusi siano credute e perché dovrebbero raccontare le loro storie. L’articolo di Lee “Perché raccontiamo le nostre storie” lo si può leggere qui.

Per maggiori informazioni

Avvocati per la consapevolezza di Watchtower abusi (AAWA).

Editor –
Stephen Lett su JW-TV racconta ai Testimoni di Geova di rifiutare “false storie che sono progettate per separarci dalla organizzazione di Geova“. Stephen Lett, ha detto, “pensate che le menzogne ​​e le disonestà degli apostati sostengono che  l’organizzazione di Geova è permissiva verso i pedofili. Voglio dire, che è ridicolo, non è vero? Se qualcuno interviene contro qualcuno a minacciare i nostri giovani, a prendere provvedimenti per proteggere i nostri giovani, è l’organizzazione di Geova. Respingiamo a titolo definitivo di tali menzogne“.

 

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Fonte: http://jehovahswitnessreport.com/blog/abuse-survivors-called-liars-by-stephen-lett-member-of-jw-governing-body#more-3543

37 pensieri su “I sopravvissuti all’Abuso sono chiamati “bugiardi” da Stephen Lett, membro del Corpo Direttivo JW

  1. IL mio consiglio di aiuto a queste persone che hanno sofferto è che possono trovare un vero aiuto nel Vangelo non in una religione perché Gesù non è una religione ma un ‘esperienza personale con Dio

    • cio’ che non mi consente di divenire testimone di geova e’ il fatto che il corpo direttivo si arroga il diritto di essere lo stesso della prima chiesa cristiana di gerusalemme…ogni volta che sento o leggo questo, Dio mi fa sentire nel cuore l’inganno del corpo direttivo…
      cosa dire delle persone che in buona fede fanno parte questa setta?
      fanno del bene predicando senza sapere o essere coscienti che la loro predicazione porta frutto di denaro al corpo direttivo…insomma loro agiscono in buona fede e la predicazionje del vangelo andrebbe fatta anche dalle altre religioni…perche’ questo e’ un comando di Gesu….
      loro mettono in pratica piu di tutti e si vestono decorosamente..
      molte religioni, tra cui gli evangelisti sono gelosi dei testimoni di geova, perche’ fannpo quello che loro non fanno….sono separati dal mondo e predicano il regno di Dio
      questo dovrebbe farlo ogni persona che si professa cristiano
      pero’ quando penso al corpo direttivo e tutte le oscenita’ che i tdg non conoscono, mi tengo lontano da questa religione
      io sono servo di Dio non di una organizzazione che non ammette una presa di posizione, per esempio quando si ha un dubbio non puoi dire: “secondo me il versetto indica un’altro ragionamento”,perche decide lo schiavo tu devi solo essere daccordo o sei fuori…questo non viene da Dio.

      • Continui ad essere servo di Dio e veda di essere cristiano riconoscendo l’identità e la divinità di Gesù il Cristo, il Redentore, Nostro Signore. Lasci perdere che Gesù il Cristo, sia l’Arcangelo Michele perchè non è vero. Studi e s’informi, lo dico per il suo vantaggio.

  2. Contrariamente ai filmati truccati che vengono ampiamente pubblicati, alle grandi menzogne e alle numerose dicerie inventate da apostati, i Testimoni di Geova sono l’unica religione al mondo che denuncia direttamente alla Polizia i gravi reati che potrebbe commettere un qualsiasi loro membro.
    Dopo aver accuratamente verificato un simile reato, anche gli Anziani stessi di tutte le Congregazioni sono i primi, senza esitare, ad esporre una denuncia presso le autorità giudiziarie e alla Polizia.
    Quindi, quando accade che un testimone di Geova, chiunque esso sia, commette un reato grave ai danni di un altro, come ad esempio: stupro, pedofilia, aggressione, omicidio o furto di una certa entità e quant’altro di grave, questo viene sempre denunciato alle autorità e alla Polizia.
    Parallelamente, prima, durante o dopo la denuncia presso le autorità giudiziarie e la Polizia, il trasgressore viene prontamente disassociato e quindi non più riconosciuto come uno dei membri appartenenti ai Testimoni di Geova.
    Secondo la Bibbia tutti devono pagare le conseguenze delle proprie azioni: (Galati 6:7). La Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova non tollera affatto e non nasconderà mai gli atti malvagi di un simile criminale, ma lo allontanerà prontamente, sicuramente e senza nessuna esitazione.
    I TESTIMONI DI GEOVA SI PRENDONO MOLTA CURA DELLE VITTIME DI ABUSI ALL’INFANZIA
    Nell’interesse delle vittime di questi casi, annunciamo che una risoluzione è stata aggiunta a quelle precedenti. Abbiamo a cuore tutti coloro che soffrono in conseguenza di abusi all’infanzia. A livello mondiale, i Testimoni di Geova sono uniti nella loro ripugnanza verso questo grave peccato e crimine: (Romani 12:9).
    Noi Testimoni di Geova non condoniamo e né proteggiamo i pedofili. I nostri Anziani di Congregazione non esitano ad espellere i peccatori impenitenti che commettono questo crimine: (1°Corinti 5:13). Attualmente, negli Stati Uniti, più di 80.000 Anziani di Congregazione servono in oltre 12.300 Congregazioni: (Atti 20:28). Durante gli ultimi 100 anni, solo undici anziani di Congregazione sono stati citati per abusi all’infanzia in 13 azioni legali archiviate negli Stati Uniti. In 7 di queste istanze contro gli Anziani, le denunce contro la stessa Società Torre di Guardia sono state respinte dalle corti. Certamente, ogni vittima è una vittima di troppo. Comunque, tra i Testimoni di Geova l’incidenza di questo crimine è molto rara.
    Gli anziani di Congregazione si conformano strettamente sia alle leggi dello Stato e sia alle leggi bibliche inerenti gli abusi all’infanzia: (Marco 12:17; Romani 13:1).
    Odiando il male, noi Testimoni di Geova non induciamo affatto le vittime al silenzio. Tutti i nostri membri hanno l’assoluto diritto di denunciare alle autorità giudiziarie simili orribili crimini, e se questi non lo denunciassero gli stessi Anziani di Congregazione lo denuncerebbero comunque. Ad esempio: il numero di ottobre 2007 della nostra rivista mensile Svegliatevi! dà risalto alla serie di copertina: “Proteggete i vostri figli”. Questi articoli mostrano chiaramente la nostra seria preoccupazione per proteggere i bambini. ● La maggioranza dei giornalisti, emittenti radio, televisioni e rotocalchi, pubblicano menzogne sui testimoni di Geova per il motivo che intervistano quasi sempre apostati che sono stati giustamente giudicati essere meritevoli di disassociazione o che da sé si sono dissociati.
    Questi ex-aderenti non solo hanno abbandonato e rinnegato pubblicamente la propria fede, ma, con l’intento di giustificare il loro grave reato e che la decisione della loro disassociazione è stata errata, spacciano ingiuriose e calunniose dicerie, voci maligne e prive di alcun fondamento e di verità.
    Nel caso che giornalisti sinceri, seri e veramente professionisti desiderino realmente far conoscere all’opinione pubblica tutta e la sola verità sui Testimoni di Geova, sulle loro attività e sul funzionamento riguardo alla prassi degli Anziani nei casi di disassociazione e quant’altro, sono invitati ad essere presenti in una qualsiasi Sala del Regno durante diverse Adunanze di Congregazione, non ad una sola Adunanza ma ad alcune decine o più, per diverse settimane o per tutto il tempo che essi stessi desiderano. In qualsiasi caso, anche se in anonimato, cioè senza presentarsi come giornalisti, potranno toccare, sentire e vedere con i loro stessi occhi tutte le tangibili verità che sono state menzionate . Nel caso di specie avete pubblicato una menzogna in quanto l’articolo in inglese non riporta mai una tale affermazione ne è stata mai fatta un affermazione dal Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova che le vittime dell’abuso sono bugiardi. Potete cortesemente affermare il contrario? Dove è riportata tale frase nell’articolo?
    Pertanto vi sollecito una pronta smentita di quanto pubblicato,essendo il fatto pregiudizievole e diffamatorio per gli oltre 500.000 testimoni di Geova e simpatizzanti in Italia. Concludo sottolineando:
    Né un obiettivo ricercatore di sociologia né un tribunale potrebbero senza difficoltà considerare l’apostata come una fonte di prove credibili o affidabili. Deve sempre essere visto come uno la cui storia personale lo predispone a pregiudizi per quanto riguarda il suo precedente impegno e la sua precedente affiliazione religiosa, edeve venire il sospetto che il suo comportamento dipenda da una personale motivazione di vendicarsi e di ritrovare la propria autostima, descrivendo se stesso prima come una vittima, e poi come un ‘crociato’ redento. Come vari casi hanno indicato, è verosimile che sia suggestionabile e pronto ad ingigantire o colorire i torti, per soddisfare quella specie di giornalisti che coltiva maggior interesse in una versione sensazionale che in un racconto oggettivo della verità . Volevo solo avvertire, sulla base della esperienza:qualunque realtà discussa contestata dobbiate giudicare, non fatelo prendendo sul serio sempre e solo le testimonianze, magari impressionanti, di chi se ne è andato.Non fate, cioè, come certi giornalisti televisivi in cerca dell’effettaccio…
    Non resta che augurarci che la raccomandazione sia presa a cuore da tutti, inclusi quelli che si appassionano a raccogliere, deformare ad arte, pubblicare e propagandare di queste storie. Ci crediamo poco, ma fa nulla: dove non può o non vuole arrivare l’uomo, arriverà presto Dio a fare una chiara distinzione fra ‘il giusto e il malvagio’. – Malachia 3:18

    • Gentilissimo Salvatore,
      la ringrazio per il suo importante intervento. E’ sempre un piacere per me ospitare l’altra campana Solo così il dialogo diventa costruttivo e l’informazione completa.
      Lei sostiene che, contrariamente a quanto affermato nell’articolo da me tradotto, l’Organizzazione abbia un’occhio di riguardo nei confronti delle vittime degli abusi dell’infanzia e che denunciano tale reato. Sostiene che non esista alcuna direttiva che ostacoli la denuncia. Giorni fa mi è capitato di tradurre un altro articolo sull’argomento, che potrà, se vorrà, leggere qui: http://www.loritatinelli.it/2015/02/16/ce-stato-un-occultamento-donna-sessualmente-abusata-da-un-leader-membro-della-comunita-dei-testimoni-di-geova-si-racconta/
      Nel testo vi sono tanti link che riportano a documenti ufficiali della Torre di Guardia che sostengono il contrario di quanto da lei affermato e che confermano la posizione dell’articolo qui sopra, da lei contestato. Può tranquillamente verificare meglio di me se si tratta di documenti reali o meno. Ed io sarei felice di apprendere da lei cosa scopre e cosa ne pensa a riguardo, sempre nell’ottica di uno scambio costruttivo e di una informazione corretta.
      Qui, d’altro canto parliamo di casi che sono stati discussi in tribunale, dove le prove sono state vagliate e dove ci sono state delle sentenze.
      Tra l’altro lei sostiene che nei tribunali, quelli che lei chiama ‘apostati’ non sono ritenuti affidabili e credibili. In Tribunale, contrariamente alla sua affermazione così generica, non si procede con tali pregiudizi. Tutti gli studiosi della Testimonia sono concordi nel sostenere che essa possiede una parte di verità oggettiva ed un’altra parte di costruzione soggettiva che va verificata di caso in caso, in relazione al tipo di persona che testimonia e al suo coinvolgimento. Per questo motivo ogni testimonianza deve essere letta in un quadro più ampio, come fonte per la ricostruzione storica dei fatti, ma non come elemento sul quale basare le indagini o l’esito del processo. Occorre cioè, attraverso verifiche incrociate, che la testimonianza possa essere confermata da altre risultanze o che sia essa a confermare altre prove e non costituire di per sé l’elemento fondante il giudizio. Ogni processo permette proprio questa verifica dialettica. E’ pur vero che la fine di un processo offre solo una verità giuridica e non reale, ma comunque tutte le prove vengono poste al vaglio. Quindi, in sostanza, la credibilità o meno del teste viene valutata man mano e non a prescindere da un pregiudizio secondo cui tutti sono falsi e non credibili per chissà quali ragioni preconcette.
      Devo anche aggiungere che, a parte opinioni personali di alcuni sociologi, ad oggi non mi risulta ci siano studi scientifici (intendo quelli dimostrati con strumenti statistici e diagnostici) che possano confermare la tesi secondo cui i fuorusciti da un culto siano inaffidabili.
      Cordialità

      Lorita

    • Non dire cavolate io ho subito abusi sessuali dentro e mi è stato imposto il silenzio assoluto e minacce se denunciavo….perciò prima di parlare di ciò che nn sai lavati la bocca…. e svegliati per vedere che segui i peggiori lupi vestiti da pecore….!!!

      • purtroppo , sono le famose frasi fatte io ne so qualcosa con mio figlio che ha 7 anni ed è stato molestato sessualmente dal figlio di cari fratelli….
        e il coordinatore degli anziani ha detto: “lasciate che se la grattino fra di loro” in parole povere se ne sono lavati le mani …..
        e in più mi hanno pure detto di non dirlo a nessuno
        e cosi dopo dodici anni ho scoperto tutta la schifezza ora capisco perchè dicono di fare ricerche solo nel loro sito per non scoprire le verità su questi massoni capitalisti e ipocriti… un grande saluto a tutti e non mollate
        Mauro

        • Mauro e Melissa, mi spiace tantissimo che siate incappati in una esperienza così devastante come quella dell’abuso, sia che si tratti di una esperienza diretta che indiretta.
          Ho una domanda da farvi. Dinnanzi alla presa di posizione della Organizzazione cosa avete fatto? Come vi siete tutelati?

          Lorita

    • Ciao Salvatore volevo dirti che apprezzo il tuo modo di difendere l’organizzazione con pubblicazioni alla mano si vede che sei un buon fratello,ma io se fossi in te proteggerei più il buon nome del nostro creatore Geova.Ti ricordo inoltre che non vanno date perle ai porci in che senso quando i farisei facevano domande a Gesù non perché volevano conoscere il pensiero che suo padre Geova aveva da dirgli ma perché volevano prendere informazioni per farlo arrestare e metterlo a morte ecco perché Gesù usò questa espressione tu non dare perle ai porci intanto non li convincerài a fargli capire che questa è la verità che conduce alla vita eterna.Unaltra cosa siamo imperfetti….ti ricordi la storia di Sodoma e Gomorra?ebbene li la perversione era talmente andata oltre che volevano avere rapporti con i due messaggeri che Geova aveva mandato gli Angeli vuoi che li la pedofilia non c’era certo che c’era e li servivano Geova eppure Geova distrusse quelle città senza pensarci e coloro che sono morti non verranno più ricordati nella memoria di Geova nel suo grandioso giorno che attendiamo con gioia.Adesso arriviamo ai nostri giorni….io la pedofilia la condannò su tutti i fronti ad esempio se io personalmente vengo a conoscenza di un fatto di pedofilia primo lo denuncio alle autorità poi gli do il tempo per fargli fare passi di Matteo Cap. 18:15-17 e se lui non va dagli anziani ci vado io per prendere decisioni giudiziari ma prima lo denuncio non voglio fare come quelli della chiesa omertosi solo perché non vogliono creare scandali e li cambiano di diocesi che non eliminano il problema ma lo spostano.Prova a riflettere io disassocio un pedofilo non dico nulla alle autorità questo è libero di danneggiare altre famiglie io come anziano vengo a sapere che questo a commesso altri reati io in coscienza come mi sentirei?
      Be voglio vedere se si tratta di un tuo parente io prenderei l’anziano e non ti dico cosa gli farei perché è poco cristiano.Io ti direi di stare tranquillo i di non dire cose che non sai e come sono certe procedure che non conosci lasciamo che Geova provveda a questi mostri perché lui per prima farà pulizia nella sua casa e loro subiranno le conseguenze un abbraccio fraterno Giuseppe

      • questo e’ cio’nche significa l’esaltazione dei testimoni di Geova….
        i vero cristiano parla con amore , solo gesu’ poteva permettersi di uasare certi termini…tu sei solo una pecora, non ti puoi permenttere di giudicare, togli prima la trave davanti ai tuoi occhi e poi vedrai meglio
        ricordatevi che il vostro corpo direttivo non viene da Dio,
        so che voi agite in buona fede…ma que sei o sette membri che costituiscono il corpo direttivo sono dal diavolo…..neanche li avete mai visti e quasi mai si incontrano… la bibbia la conosciamo tutti, magari grazie allo spirito santo di Dio…io sono servo di Dio, conosco Dio e so che anche Lui mi conosce…non c’e’ bisogno di essere testimoni di Geova per essere un servo di Dio…pregha in ginocchio e Dio forse ti illuminera’….

    • capisco la tua buona fede…ma devi ammettere che non hai liberta’ di parola nelle congregazioni
      qualche volta hai anche tu il dubbio che un versetto bibblico abbia una visione tua diversa da loro e da Dio, ma non puoi parlare perche’ se lo fai vieni mal veduto
      Dio ci ha fatto liberi mediante Cristo, e chiunque ha il diritto di potersi esprimemere..
      se mi dici che questo non e’ vero allora vai incontro al peccato della bugia
      so per certo che non si puo dire da voi….”secondo me la bibbia vuole dirci questo”, no non lo puoi dire perche’ e’ lo schiavo che decide per te
      La bibbia dice chiaramente che lo schiavo e’ chiunque viene troato a fare lealmente cio’ che il suo padrone aveva ordinato di fare, non un’istituzione…
      prega Dio e avrai lo Spirityo per intendere

  3. Caro Salvatore vedo che sei uno che si ingegna con la fantasia , e si vede che hai poca conoscenza delle direttive agli anziani sul modo di rapportarsi con le autorità . Te lo dico in quanto sono stato 35 hanni dentro quella setta perché di questo si tratta , con incarichi particolari , ti cito e puoi chiedere agli anziani una delle ultime circolari quella del mese di novembre 2014 dove dice di non dare informazioni alle autorità , e non lasciare documenti nella sala del regno ,in particolare quelli riguardanti reati . Citati un solo punto dove viene detto agli anziani di denunciare i reati? Il libro degli anziani dice se una vittima di PEDOFILIA vuole denunciare e una questione sua personale e che se lo facesse non devono come in passato disassociato , per quanto riguarda la pedofilia e le condanne vai e leggi sulla stampa in America , Inghilterra , Australia , Germania, Spagna etc. Di cosa stiamo parlando? Invece di sparare chiacchiere , e tanti ,bla ,bla, come fanno i testimoni di Geova , prova e documenta quello che dici , ha una cosa Salvatore il prosciutto negli occhi non serve e più utile se lo metti in mezzo a un panino e lo mangi.

  4. ma se i geova hanno queste regolette così omertose nei confronti della pedofilia per non far fare brutta figura pubblica alla loro organizzazione, così come le storie sull’ostracismo dei fuoriusciti ecc. ecc….mi chiedo: ma perchè quelli che li criticano (o li combattono)non coinvolgono su queste questioni il sindaco della loro città? Il sindaco oltre che capo dell’amministrazione comunale è anche il primo responsabile per la pubblica sicurezza dei cittadini (in qualità di sottoposto del prefetto) e quindi: come fa un sindaco a tollerare che nella sua giurisdizione sia attiva un’organizzazione che promuove simili condotte? Nessun critico dei geova ha mai pensato di coinvolgere con interpellanza il sindaco – anche attraverso i gruppi consiliari e/o lettere sui quotidiani locali indirizzate al primo cittadino – e far diventare la questione argomento di dibattimento politico e pubblico nella propria città? Per cortesia non mi si risponda che i “pubblici amministratori hanno altre cose da fare e blah blah” perchè sennò è come dire che questa questione della copertura degli atti di pedofilia in applicazione a circolari interne provenienti dagli Usa è una barzelletta inventata!

    Grazie per l’attenzione

  5. Buonasera Dottoressa Tinelli,

    dopo aver letto le ” considerazioni ” di Salvatore mi sono sentito in dovere di fare alcune precisazioni, in quanto non si scherza sulla pelle delle povere vottime di abusi, che siano all’interno della religione cattolica opure all’interno dell’organizzazione geovista.

    Trey Bundy, un reporter che gode di una ottimo reputazione ( e non qualche apostata ) che tra l’altro ha scritto anche sul New York Times ha investigato per nove mesi i Testimoni Di Geova per scoprire come vengono gestiti i casi di pedofilia e ne esce un quadro allarmante, addirittura peggiore di quello capitato al Vaticano una decina di anni fa.

    Lo studio legale Irwin Zalkin si sta occpupando di tanti casi di pedofilia negli USA e dopo aver vinto ( primo grado ) il caso Candace Conti ha ottenuto un ‘altra condanna di 13,5 mil di $ per il caso Lopez abusato quando era minorenne da un anziano dei TdG, Gonzalo Campos.

    L’Avvocato ( Zalkin ) era riuscito ad ottenere una confessione da parte di Richard Ashe, un tdG della Bethel di Brooklyn, che risultano schedati tanti casi di pedofilia con relativi documenti e nomi dei molestatori.

    Visto che si trovavano tra milioni di documenti su un databese Sharepoint della Micorsoft, ha detto Richard Ashe che ci sarebbero voluti anni e anni per tirar fuori questi documenti.

    l’Avvocato Zalkin, interpellando un azienda di Software, ha detto che il tempo per ottenere questi documenti sarebbe stato massimo due mesi, se non molto meno.

    Durante il caso Lopez, sempre Richard Ashe ha detto sotto giuramento che gli anziani sono tenuto a trattate i casi di pedofilia in modo confidenziale.

    Il giudice Joan Lewis aveva invitato Gerrit Loesch ( membro più anziano del,corpo direttivo ) di apparire davanti alla corte per spiegare le procedure della società Torre di Guardia in questi casi.

    Gerrit loesch si è rifiutato si apparire dicendo di non avere nulla ache fare con la società Torre Di Guardia.

    Il giudice ha condannato ( in contumacia ) la Società Torre di Guardia al pagamento
    di,13,5 mil, definendo le azioni della Wts ” ripeovevoli “.

    La sede centrale dei TDG in Gran Bretagna è sotto inchiesta da parte della Charity Commission per i ripetuti casi di pedofilia cercando di nascondere i documenti e non collaborando con le autorità .

    I casi Stewart,Sewell,Rose e Furlong sono casi ( tranne Stewart ) concluso l’anno scorso cone delle sentenze definitive e condanne di galera.

    Come vede non ho menzionato nessun apostata.

    Bill Bowen e Barbara Anderson sono due ex testimoni di Geova. Invano e per anni hanno chiesto alla Wts di cambiare le regole e gli atteggiamenti nei confornti dei pedofili.

    Bill Bowen era venuto a conoscenza che c’erano ca 24.000 casi ” ufficiali ” solo tra Nord America ed Europa.

    Barbara Anderson fu dissasociata in quanto stava per essere intervistata da una TV americana e in questo modo sarebbe diventata ” non credibile ” oppure ” apostata ” per i tdG.

    Per Salvatore, Bill Bowen e Barbara Anderson saranno degli apostotati ma visto che per la BBC e tanti altri network televisivi, giornali e riviste sono credibili, mi dispiace per lui ma anche per me diventano credibili.

    La verità e che l’organizzazione geovista è diventata ed è stata negli ultimi decenni
    UN PARADISO PER I PEDOFILI e questo non secondo qualche apostata ma secondo tanti giudici, giornalisti e persone serie.

    Roberto A.

  6. Ma non vi vergognate? Proprio voi che non credete alle istituzioni. Fatevi un esame di coscienza e non vanificate il nome di Dio imparate a perdonare e non ha giudicare. Prego per voi perché possiate avere la luce della misericordia negli occhi e nel cuore.

  7. Dott.ssa Tinelli, credo che questa traduzione non le renda onore: “Il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova ha sottoscritto oggi un insulto pubblico. Questo insulto è stato fatto contro i minori, vittime di abusi, e contro coloro che hanno subìto abusi sessuali e violenza domestica.
    In una presentazione scandalosa su JW-TV Stephen Lett, membro dei Testimoni di Geova del Corpo Direttivo appella le vittime di abusi come bugiardi”.

    Dalla traduzione fatta con cognizione di causa e senza pregiudizi, si evince che “Un membro del Corpo Direttivo della Società Torre di Guardia ha dichiarato recentemente che i testimoni di Geova non dovrebbero credere alle bugie o alle false storie da parte di coloro che sostengono che l’organizzazione “protegge i pedofili”. Le “false storie”, continua Lett, sono quelle degli apostati o di altri che accusano i testimoni di Geova, non le testimonianze delle vittime. Ad esempio, pensate alle menzogne e alla disonestà degli apostati quando sostengono che “l’organizzazione dei testimoni di Geova è permissiva verso pedofili…”
    “Se c’è qualcuno che interviene contro coloro che minacciano i nostri giovani e si adoperi per tutelarli quella è proprio l’organizzazione dei testimoni di Geova”.
    Colga l’aspetto predominante del discorso di Lett, dott.ssa Tinelli, “l’organizzazione dei testimoni di Geova fa di tutto per proteggere i suoi figli”.
    Non replico al commento del sig. Avon perché trattasi di un semplice copia/incolla da siti ostili ai testimoni di Geova e conosce poco l’organizzazione dei testimoni di Geova. La pedofilia è una piaga che colpisce tutti. I testimoni di Geova, come molti, dalle istituzioni alle associazioni, si sono accorti con ritardo di questa piaga. Una volta capito che il problema era grave, i testimoni di Geova hanno fanno e continuano a fare quello che è più giusto dal punto di vista morale, etico e legale. L’Ente religioso non è giustizialista. Come la magistratura e le altre istituzioni, alle accuse richiede fatti oggettivi. L’Associazione religiosa non è un corpo di polizia e non può operare in tal senso. Chi pratica il peccato all’interno di questa Confessione, viene espulso. Tutto il resto è semplice ipocrisia. Non mi fido molto dei falsi moralisti.
    Cordialmente.
    Ivo Repetto

    • Gentilissimo Ivo,
      tra quegli “apostati” che lei definisce “bugiardi e disonesti” vi sono le vittime vere, che hanno promosso e vinto cause giudiziarie. Tra l’altro anche dichiarazioni e rapporti delle Forze dell’ordine hanno confermato quanto sostenuto dagli “apostati disonesti e bugiardi”, dimostrando di non aver ricevuto alcuna collaborazione dagli anziani di congregazione in cui sono stati poi denunciati i casi di pedofilia.

      • A tutti i fratelli sinceri,

        per quanto sia spiacevole ammetterlo, internamente esiste un notevole livello di omertà perchè si ha il sincero timore di infangare il nome di Geova. E questo è comprensibile. Ma la Bibbia insegna chiaramente che Geova non aveva alcun timore di denunciare errori al suo interno e prima di purificare quelli di fuori iniziava a purificare quelli di dentro. Non distrusse Fineas con 12.000 ebrei dopo aver superato il mar rosso ? Che biasimo per il suo popolo !

        Il re Davide non rivelò i suoi peccati ? Pietro non rinnegò Gesù ? Purtroppo è vero che alcuni inciampano e recano disonore al popolo perchè c’è gente che non vede l’ora che anche uno solo di noi cada per marchiare tutti noi come un popolo immorale, ma non è così.

        Certo, fanno presto: uno cade per pedofilia, tutto i Testimoni sono pedofili ! Ma non è vero ! Noi ci sforziamo sinceramente di applicare la parola di Dio nella nostra vita. E allora quando qualcuno commette simili peccati deve essere consegnato senza se e senza ma.

        L’unica colpa che abbiamo è che non dovremmo temere il giudizio del mondo, se qualcuno sbaglia è giusto che sia consegnato alle autorità secolari. Non cadiamo nel laccio dell’uomo, perchè non è l’uomo che ci giudicherà.

        Su 8 milioni di servitori, anche solo uno storto che reca biasimo con atti di adulterio, pedofilia, furto… purtroppo c’è, è inutile negarlo. Quello che non si comprende è perchè non deve essere consegnato alle autorità.

        Non dobbiamo rendere a Cesare le cose di Cesare e a Dio le cose di Dio ? Non sono stati i governanti di questo sistema costituiti sopra di noi perchè potessimo avere la libertà necessaria ad adempiere MT 24:14 ?

        Rimuoviamo l’uomo malvagio di fra noi ! E non mentiamo a noi stessi !

        • carissimo anch’io ho avuto modo di scoprire tutte le restrizioni soprattutto psicologiche e l’ostracismo perpetrato in quindici anni che sono stato ingannato dalla societa’ per azioni torre di guardia. sono degli ingannatori intorno alla parola di Dio ma stai pur tranquillo che il falso testimone non rimarra’ impunito,chi spaccia menzogne non avra’ scampo.conosco tutte le loro bugie,sopra tutte la loro bestemmia contro lo spirito santo,sara’ anche per loro il pianto di fuori e lo stridor di denti.i casi di pedofilia sono innumerevoli e loro ti rispondono sempre “lasciamoli x Dio”ebbene io ti dico che chi nasconde e’colpevole quanto chi commette questo abominio dinanzi alla presenza del signore.ormai in tutto il mondo stanno aprendo gli occhi e sempre meno gente cade sotto il giogo del plagio.”per chi vede questo messaggio:guarda l’interlineare greco-inglese-italiano anche quella dei tdg e vedrai come e’ stato modificato tutto il testo;ecco perche’ non l’hanno potuta chiamare “bibbia”

  8. Gent.ma Dott.ssa Tinelli, il virgolettato non è mio ma fa riferimento alla traduzione dell’intervento di Lett. Lei non risponde alla questione relativa alla sua traduzione poco credibile che lei pubblica sul blog che stravolge il contenuto delle parole di Lett.
    Lett non parla delle vittime della pedofilia ma di quelli che accusano questa organizzazione di tollerare la pedofilia senza alcuna prova, che poi in rari casi le vittime coincidano con questi accusatori o siano patrocinati da associazioni di accusatori è marginale e pretestuoso.
    Chi veramente manca di rispetto alle vittime di abusi sono questi che li sfruttano opportunisticamente per i loro fini. Siamo vicinissimi a chi ha subito violenza e condividiamo il loro dolore, ma noto con stupore che le vittime, vere o presunte, siano più alla ricerca di risarcimenti plurimilionari che di giustizia.
    Che gli anziani di congregazione, in casi di presunta pedofilia, non abbiano collaborato con le forze dell’ordine è una forzatura che non sta in piedi. Non mi appello al segreto della “confessione” a cui sono tenuti i ministri di culto, ma alla logica: nell’organizzazione dei testimoni di Geova per questioni del genere si viene espulsi.
    I testimoni di Geova sono sempre stati contro l’adulterio, la pornografia, il ladrocinio, le bugie e … la pedofilia!
    Chi sostiene di essere stato molestato ha tutto il diritto di rivolgersi alle Autorità competenti. Oltre a ciò è privo di senso dare delle responsabilità ad una organizzazione per colpe (quando si dimostrano) da addebitare a qualche suo aderente.
    Lei afferma che sono state promosse e vinte cause giudiziarie contro la Watchtower mentre a me risultano in corso cause per casi (accertati o presunti) di pedofilia senza condanne definitive o con condanne definitive non attribuite alla Watchtower. In California è stata impugnata la decisione di una giuria e il caso Candace non ci risulta abbia sortito risultati diversi. Non mi risultano condanne definitive con risarcimenti a carico della Watchtower. Potrei anche sbagliarmi, però, se lei lo scrive vuol dire che ha dei documenti che comprovano le condanne definitive.

    Cordialmente
    Ivo Repetto

    • Gentilissimo signor Ivo,
      io ho tradotto un articolo riportando il contenuto di quell’articolo in lingua italiana. Ovviamente non sono una traduttrice professionista, pur conoscendo abbastanza la lingua inglese, e mi assumo le responsabilità per gli errori di traduzione che posso aver commesso. In questo caso credo che lei mi stia proponendo la traduzione di un testo diverso da quello da me pubblicato.
      In ogni caso, anche questo sposta di poco la questione. Oggi, a seguito delle vicende giudiziarie che hanno coinvolto la Watchtower in diversi Paesi, sono emersi anche dei documenti, che prima non si conoscevano e che pongono grandi domande sulla gestione di alcuni casi all’interno delle Congregazioni. Io so che umanamente tutti ci accostiamo a certi reati con lo stesso spirito di rifiuto e con la massima convinzione di voler tutelare le vittime, ma poi in vari strati delle organizzazioni politiche, giuridiche o religiose, cui si appartiene o con cui ci si accosta, vengono prese decisioni in base a conoscenze e valori differenti.
      Io per esempio, dai fatti che stanno emergendo inerenti la Watchtower, sono rimasta perplessa leggendo questi documenti:

      https://www.documentcloud.org/documents/1659654-jehovahs-memo-2.html

      https://www.documentcloud.org/documents/1667064-watchtowernov62014.html

      Lei che ne pensa? Li conosceva già? Che uso ne viene fatto e che significati hanno?

      La ringrazio sin da subito se vorrà aiutarmi a capire.

      Lorita

    • Gentile sig. Ivo, lei si appella alla logica, io mi permetto di invitarla invece a consultare le cronache giudiziarie con maggiore attenzione. Lei ad es., scrive:
      <>.
      Dunque, solo per citare uno dei casi più recenti, non starebbero in piedi neanche le considerazioni espresse nel suo verdetto da un giudice della Corte Suprema di San Diego che nell’ottobre scorso ha condannato la Watchtower Bible and Tract Society di New York al pagamento di di 13,5 milioni dollari (caso Lopez). Nella sentenza il giudice Joan Lewis al riguardo di coperture e mancata collaborazione con le autorità, non ha mancato di rilevare che “Le azioni o le omissioni della Torre di Guardia sono ‘riprovevoli’. Credo che ‘vergognoso’ possa essere sinonimo di ‘riprovevole,’ ma credo che ‘vergognoso’ non dica abbastanza“. Nell’articolo che segue potrà leggere questo e molto altro http://www.revealnews.org/article/jehovahs-witnesses-use-1st-amendment-to-hide-child-sex-abuse-claims/
      Non è una sentenza definitiva, ma non è l’unica che vede coinvolta per i medesimi motivi la Watchtower, senza considerare i non pochi casi di abusatori, che hanno potuto agire indisturbati per anni. Altro che espulsione! Che so, le dice nulla il caso Mark Sewell?
      http://www.walesonline.co.uk/news/wales-news/mark-sewell-two-victims-perverted-7921757

      http://www.dailymail.co.uk/news/article-2678038/Jehovahs-Witness-elder-jailed-14-years-sexually-abusing-young-female-members-congregation-raped-one-woman-leaving-pregnant.html

      Se non lo ha già letto le suggerisco di dare un’occhiata anche a questo articolo…è sempre un giudice che si esprime non un’apostata “disonesto e bugiardo” http://www.civilsociety.co.uk/governance/news/content/19237/charitys_elongated_delay_to_commis

      Il problema è che i media italiani, curiosamente, non riportano queste notizie e perdoni se sono un po’ malizioso, ma temo che molti connazionali fedeli geovisti, a loro volta, ignorino queste vicende. In definitiva, senza prolungarmi ulteriormente, direi che a differenza di quanto sostiene il sig.Lett, certe questioni non sono frutto della disonestà e delle menzogne di coloro che nell’organizzazione geovista vengono appellati come apostati…ma emergono da fatti quanto mai drammatici e reali. Quello che a mio parere risulta poi del tutto pretestuosa o cmq inquietante è la sua opinione per cui le vittime piuttosto che cercare giustizia cerchino risarcimenti plurimilionari. Mi chiedo se dietro a simili ragionamenti non si celi, più o meno consapevolmente, un aspetto di quello che è noto come negazionismo degli abusi sui bambini.

      • E’ saltata, a causa del virgolettato una frase del sig, Ivo che avevo quotato. Riporto di seguito l’estratto.
        Lei ad es., scrive:Che gli anziani di congregazione, in casi di presunta pedofilia, non abbiano collaborato con le forze dell’ordine è una forzatura che non sta in piedi

        • E’ saltata, a causa del virgolettato una frase del sig, Ivo che avevo quotato. Riporto di seguito l’estratto.
          Lei ad es., scrive:Che gli anziani di congregazione, in casi di presunta pedofilia, non abbiano collaborato con le forze dell’ordine è una forzatura che non sta in piedi.
          ….

          Mi permetto di aggiungere che il sig. Avon, a cui il sig. Ivo non ritiene opportuno replicare, non ha affatto riportato informazioni tratte da siti ostili ai Testimoni di Geova, (posto peraltro che andrebbe definito cosa intenda per siti ostili il sig. Ivo), ma da autorevoli fonti di stampa estera e da estratti di sentenze. Il copia incolla non inficia certo quanto acclarato dalle cronache giudiziarie

      • Egr. Sig. Ethan, non mi piacciono le persone che vanno a pescare in siti che del sensazionalismo ne fanno il proprio pane quotidiano. Come ben dice, “i media italiani non riportano queste notizie” da “Novella 3000” per evitare figuracce.
        Pretestuose e inquietanti sono le sue affermazioni che dimostrano quanto è vacuo il mondo della fantasia.
        Il popolo italiano è formato da navigatori, poeti, artisti, evasori, ecc. Naturalmente, fra tutti questi c’è sempre qualche vaneggiatore.
        Cordialmente
        Ivo

        • Vede sig. Ivo, nemmeno al sottoscritto piacciono coloro che pescano da siti che fanno sensazionalismo. Ad es., il Daily Mail, a cui ho rimandato, è uno dei maggiori quotidiani inglesi, il primo per molto tempo e oggi, secondo dopo il The Sun. Ha visto alcune delle firme più quotate del giornalismo britannico. Non a caso il British Press Award lo ha premiato come Giornale Nazionale dell’Anno nel ’95, ’96, ’98, 2001, 2003 e 2012 e insigniti del British Press Award sono stati anche diversi articolisti del Daily Mail. Può procedere a verifica laddove non ne fosse a conoscenza. I media italiani, se avrà la compiacenza di farci caso, non riportano sovente le notizie a cui si faceva riferimento e nemmeno altre importanti notizie che concernono, nella fattispecie, casi di abusi in danno di minori consumati in contesti ad alta richiesta, in gruppi coercitivi e totalizzanti o in ambiti religiosi. E anche per quanto riguarda fatti di pedofilia nella Chiesa cattolica le assicuro che quanto leggiamo è una parte infinitesimale di quanto accade nel mondo. Ma la nostra stampa sembra indifferente non solo a certe notizie provenienti dall’estero. Il caso Forteto, solo per fare un esempio di cui immagino avrà sentito parlare, per lungo tempo è stato totalmente ignorato dai media e non certamente perché si trattava di “notiziole” o, per contro, di mero sensazionalismo da Novella 3000. Il popolo italiano, per riprendere la sua asserzione conclusiva, è formato anche da chi vuol far passare per farneticanti persone che hanno invece a cuore la realtà dei fatti e dunque la stessa correttezza dell’informazione. Ma c’è di peggio, come ad es, coloro che vorrebbero il silenzio delle vittime o, fosse possibile, far passare per vittime i carnefici e viceversa. Pensa io stia vaneggiando?

          • Sono allergico allo sciacallaggio, “istituto infame” di una società forcaiola. Se chiedere di essere “onesti” traducendo senza pregiudizi, si rischia il linciaggio mediatico e si è tacciati di negazionismo, allora diciamocelo chiaro che questa società non ha futuro, arriverà ad auto distruggersi.
            Il punto è: l’ organizzazione dei testimoni di Geova aiuta e nasconde i pedofili? La voce dei detrattori propende per il sì. Ecco quello che è scandaloso. Non bastava l’accostamento all’Isis e al nazismo (c”è gente che lo fa assiduamente nei forum di certi fuoriusciti), ora bisogna ingoiare anche questo. Certo la legge non ci obbliga ad essere intellettualmente onesti, ma il senso civico e morale sì! I testimoni di Geova non hanno mai negato che all’interno della loro organizzazione non possano esserci dei casi di pedofilia o di altre porcherie del genere. Anche i fuoriusciti si accorgono, in un maniacale quadro di percentuali, che diversi membri a qualsiasi livello, sono stati espulsi per cause riconducibili anche alla pedofilia. I testimoni di Geova accusano gli sciacalli e certi apostati, più che bugiardi e disonesti (le prove sono evidenti e dimostrabilissime), perché dimostrano di non avere interesse a proteggere chi è stato abusato ma solo a colpire l’organizzazione dei testimoni medesimi. Questo è un dato di fatto, non mi risulta che questi fuoriusciti facciano campagne contro la pedofilia atte a difendere le vittime. Le stesse organizzazioni (non a caso si definiscono anti sette e spesso sono state condannate per il loro lavoro “biasimevole”), in alcuni casi danno l’impressione di servirsi delle vittime per scopi non tanto velati. Come ho scritto prima, la pedofilia è stata presa alla leggera da tutti, istituzioni politiche, religiose e culturali. Ora si sta correndo ai ripari e i vertici dell’organizzazione lo fanno con delle direttive serie e responsabili. Se poi queste direttive non sono condivise è tutto un altro discorso.

  9. Mi sembra evidente che lei si stia infervorando a mio parere senza alcun valido motivo sig. Ivo. Nel suo commento ha tacciato di sciaccallaggio chi ha semplicemente tradotto un articolo così come lo ha scritto l’articolista, titolo compreso, e non mi sembra le sia stata negata l’opportunità di esprimere il suo pensiero al riguardo. Semmai la dott.ssa Tinelli con estrema correttezza l’ha invitata a un dialogo per comprendere meglio certe questioni. Ma con tutta franchezza, quest’ultima sparata, fa sorgere il lecito dubbio che del confronto a lei interessi ben poco, infatti chiama detrattori coloro che hanno un pensiero differente dal suo, definisce in toto gli apostati più che bugiardi e disonesti, addirittura pensa che le associazioni di aiuto alle vittime di gruppi settari coercitivi si servano, in alcuni casi, delle vittime per scopi non tanto velati, ha definito chi le sta rispondendo un vaneggiatore che si avvale di siti sensazionalistici e via via. Chi dimostra chiusure preconcette? Chi sta linciando chi? Lei scrive” Il punto è: l’ organizzazione dei testimoni di Geova aiuta e nasconde i pedofili? La voce dei detrattori propende per il sì. Ecco quello che è scandaloso.” Provi a metterla in questo modo “La chiesa cattolica aiuta e nasconde i pedofili?” Ritiene dei detrattori coloro che hanno denunciato per lunghi anni abusi e coperture in seno al cattolicesimo? Era scandaloso far emergere lo scandalo o scandaloso era l’indifferenza e ogni tentativo di smentire, screditare e cercare di zittire chiunque aprisse bocca sugli orrori commessi nei confronti di persone vulnerabili? Vittime, associazioni, media, studiosi, magistrati… Concordo con lei sul fatto che la pedofilia sia stata presa alla leggera da tutti e che ora si stia cercando di correre ai ripari ma dissento profondamente dalla sua convinzione che i vertici dell’organizzazione geovista lo stiano facendo con direttive serie e responsabili. La lettera agli anziani concernente la gestione degli abusi a mio parere è addirittura inquietante come lo è l’esistenza i Comitati giudiziari interni. Non a caso in Finlandia alcuni ministri non hanno esitato ad esprimere grande sconcerto, rilevando che non possono sussistere in un paese due sistemi legali. E oltre a questo non si può non prendere atto, che le piaccia o meno, di quanto a oggi emerso da vicende processuali e cioè che la Torre di Guardia e anziani di congregazione abbiano non di rado tacitato le vittime, non collaborato con le autorità e protetto abusatori. E ripeto, questo emerge da atti processuali, non solo dalla voce di “apostati” come Barbara Anderson che da anni denuncia fatti di pedofilia e insabbiamenti nell’organizzazione o di vittime o presunte vittime, etc. D’altro canto, lo scrive lei stesso che si sta correndo ai ripari, ma tempo, sig. Ivo, lei corra troppo anche nel ritenere che la questione, posto che ritiene la direttiva seria e responsabile, sia sotto controllo. Molto casi giudiziari emersi successivamente alle modifiche apportate alle direttive emanate dai vertici geovisti hanno infatti dimostrato che la questione continua a essere tutt’altro che risolta. Interrogarsi sulle politiche di gestione degli abusi dei TdG, così come di altre organizzazioni toccate dal fenomeno, mi sembra tutt’altro che uno scandalo, ma un atto dovuto alle vittime e alla società. Come forse saprà la Commissione Reale australiana ha svolto un lavoro poderoso finalizzato a evitare che si continuino a perpetrare abusi in danno di minori anche all’interno di istituzioni e confessioni religiose. Se non lo ha già fatto la invito a consultare gli atti disponibili anche online http://www.childabuseroyalcommission.gov.au/

  10. Buonasera Dott.ssa Tinelli,

    se permette volevo brevemente tornare al primo commento del Sig. Ivo Repetto, che dice;

    ” Non replico al commento del sig. Avon perché trattasi di un semplice copia/incolla da siti ostili ai testimoni di Geova e conosce poco l’organizzazione dei testimoni di Geova ” per rispondere ;

    – i siti di Revealnews, Irwin Zalkin, Abcnews San Diego, Bbc, Daily, per citarne alcuni sono siti ostili ai testimoni di Geova??????????????

    – non conosco bene l’organizzazione dei tdG? Forse la conosco troppo bene visto che ho studiato per un anno e mezzo, ahimè non come volete voi ( ripetere a pappagallo ), ho mia moglie cho lo è ( per fortuna praticamente inattiva ) e tutta la sua famiglia ( ex servitori, ex anziani, pioniere etc, ). Anzi, posso confermare di conoscere troppo bene questo mondo.

    – per me una ragazza di 13 anni È ANCORA UNA BAMBINA e quindi non esiste che mi si venga a dire che aveva rapporti sessuali consensuali con un anziano ( capitato quando frequentavo i tdG ).

    L’ Anziano depravato va denunciato è basta.

    Il Sig. Ivo Repetto è il classico tdG, che non ascolta e non legge neanche quello che uno scrive per poi rispondere con le solite formulette dei tdG.
    Un pò come i bambini, che si tappano le orecchi e gridano; ” blablablabla “, per non sentire.

    È giusto, che la gente sappia!

    RA

  11. Intervengo nuovamente per segnalare un articolo pubblicato quest’oggi, da una fonte, è bene precisarlo, assolutamente accredita, e che riporta lo sconcerto di una vera vittima. Quindi la notizia non è stata diramata da presunti detrattori o da apostati inattendibili, bugiardi e disonesti, come vengono definiti dai TdG coloro che hanno lasciato l’organizzazione.Sconcerto, dicevo, dovuto al fatto che l’uomo che ha abusato di lei, l’anziano di congregazione Mark Sewell, condannato a 14 anni di reclusione, non risulta essere ancora stato disassociato dall’organizzazione. La condanna risale allo scorso anno. Sewell è stato giudicato colpevole di 8 crimini sessuali, compreso l’abuso di una minorenne. Ma vi lascio leggere il resto direttamente su Wales online. Aggiungo solo che la vittima, non ha ricevuto alcuna scusa dagli anziani di congregazione che non le avevano creduto. E anzi era stata definita un’apostata. http://www.walesonline.co.uk/news/wales-news/jehovah-cult-kicked-out—8891636

  12. Buongiorno

    il problema reale non sta negli articoli di stampa o nelle opinioni di chi scrive. Il vero problema sono le migliaia di vittime e le loro famiglie, le quali sono state ridotte al silenzio, se del reato non vi fossero almeno 2 testimoni. Ora mi pare ragionevole ipotizzare che chi si macchia di reato, se non è demente, lo fa prestando attenzione che non vi siano nei paraggi altre persone. Il fatto che per anni sia valsa la regola che in mancanza di 2 testimoni, accusare qualcuno fosse calunnia, ha portato a tutto questo. Le 4 ore di audizione del fratello Jackson e le sue risposte alla Royal Commission Australiana, aprono il coperchio della scatola degli orrori.
    Cordiali saluti

    John C

  13. ricordo a tutti che anche nell’antica israele(popolo di Dio) esistevano cose perverse e queste purtroppo esistono anche oggi…
    l’unica cosa che ci distingue dal mondo peccatore e’ l’amore per il prossimo, perche’ chi mostra amore per il prossimo, anche verso il proprio nemico, questi adempie la legge e i profeti..
    mi pare che oggi si sia fatto della bibbia una SPELONCA DI LADRONI!!!!
    Invece dovrebbe essere usata come specchio personale e per edificare il prossimo…
    oggi evangelisti e tdg usano la bibbia come il multilevel usa prodotti commerciali…questo e’ VERGOGNOSO AGLI OCCHI DI DIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *