Abstract della ricerca

Le memorie fungono da “database” di sé e la gente spesso produce ricordi distorti che supportano le proprie auto-concezioni. Una, sorprendentemente non collaudata, possibilità è che la dissonanza cognitiva possa essere un meccanismo attraverso il quale le persone possono ricordar male il  loro passato. Abbiamo testato questa ipotesi utilizzando il  paradigma induzione/aderenza: i partecipanti hanno scelto o sono stati costretti a scrivere un saggio a difesa di posizioni contrarie ai propri atteggiamenti, sostenendo un aumento di tasse e sono stati messi in grado di ridurre la dissonanza  spostando l’atteggiamento o con la negazione di responsabilità. Essi hanno poi riferito i loro ricordi per le istruzioni sperimentali e i loro atteggiamenti iniziali (sono stati valutati due giorni prima della sessione di laboratorio). I partecipanti che hanno scelto di scrivere il saggio hanno esposto l’effetto cambiamento/attidutine e sono stati più propensi a ricordare male i propri atteggiamenti iniziali e l’istruzione sperimentale rispetto a quelli che sono stati costretti a scrivere il saggio. Nel complesso, i nostri risultati dimostrano che la dissonanza cognitiva può produrre distorsioni della memoria, riempiendo un vuoto significativo negli studi sulle motivazioni cognitive e sulla memoria.

Fonte: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25625288

 

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte