Header image alt text

Lorita Tinelli

Prefiero morir de pie a vivir arrodillado – Il Che

Typically reclusive actor Joaquin Phoenix opened up about the Children of God cult to which his family belonged in the early 1970s.  L’attore confida a Playboy di essere nato in un culto controverso: ‘Penso che il momento in cui i miei genitori hanno realizzato che esso era qualcosa di più, uscirono‘.

Joaquin Phoenix ha rivelato quello che significava vivere in un culto religioso.

Joaquin Phoenix talks in the December 2014 issue of Playboy.

Nel numero di dicembre della rivista Playboy, la star ha raccontato di esser nato tra i  Bambini di Dio,  un gruppo religioso col quale i suoi genitori, John e Arlyn Bottom, e i suoi fratelli - Rain, Liberty, Summer e per ultimo River – hanno viaggiato attraverso l’America Centrale e del Sud  nei primi anni ’70.

Il gruppo, spesso descritto come una setta, come riferito, include “l’abuso sessuale di bambini e un ambiente altamente sessualizzato in cui è previsto che mariti e mogli condividano i loro partner con altri“, dice la rivista.

Non credo che essi siano arrivati a quel punto,” riferisce Phoenix Perché, francamente, come si avvicinarono, penso che i miei genitori pensarono, ‘Aspetta un attimo. Questo è più di una comunità religiosa. C’è un’altra cosa sta succedendo qui, e questo non mi sembra giusto’. E così hanno lasciato molto presto“.

La star parla apertamente di ciò che conosceva circa le esperienze dei suoi genitori nel gruppo.

Penso che i miei genitori volessero una esperienza religiosa e sentivano fortemente questo proponimento” ha detto. “Volevano condividere con altre persone che volevano parlare della loro esperienza con la religione“.

 

NYC Papers Out<br /> Social media use restricted to low res file. mas 184 x 128 pixels and 72 dpi

L’attore quarantenne era solo un bambino in quel periodo, ma ha riferito che i suoi genitori hanno trovato un senso di comunità, nella prima fase di introduzione in quello che ha descritto essere un “culto”.

Penso che i miei genitori pensassero di aver trovato una comunità che condivideva le loro idee“, ha detto. “I Culti raramente si pubblicizzano come tali. Di solito qualcuno dice, ‘Noi siamo persone che credono in questo. Questa è una comunità,’ ma credo che il momento in cui i miei genitori si resero conto che c’era qualcosa di più in esso, uscirono“.

Mentre l’educazione non ortodossa di Phoenix ha causato alcune speculazioni su quello che è stato davvero, egli ha difeso le decisioni dei suoi genitori e della loro non conoscenza degli aspetti controversi del culto.

Quando la gente tira in ballo i Bambini di Dio, c’è sempre qualcosa di vagamente accusatorio al riguardo. E’ colpa dell’associazione“, ha detto. “Penso che sia stato davvero innocente da parte dei miei genitori. Hanno davvero creduto, ma non credo che la maggior parte delle persone lo vedono in questo modo. Ho sempre pensato che fosse strano e ingiusto“.

I Bottoms diventati Phoenixes poco dopo aver lasciato il culto hanno iniziato una nuova vita nel sud della California, dove Joaquin è stato introdotto in un nuovo gruppo – l’industria dell’intrattenimento.

Quando sei un bambino la recitazione è un’estensione del gioco“, ha ricordato la star de “Il Gladiatore”. “L’ho sempre amato“.

Dopo tre decenni di recitazione, la star, in genere solitario, ha confessato che si sente ancora nervoso quando si inizia un nuovo ruolo.
Joaquin Phoenix ha confessato che, anche dopo 30 anni di recitazione, si sente ancora nervoso. ‘Questo è da pazzi, non è vero?

Io lo trovo ancora terribile“, ha detto alla rivista. “E fottutamente ridicolo che l’ho fatto letteralmente per 30 anni e sento ancora come se fosse la fottuta prima volta che sto facendo un film ogni volta che inizio”.

“Probabilmente è positivo, anche se“, ha aggiunto. “Solo perché significa che ne ho ancora la cura e che conta molto per me. Ma penso che la motivazione sia ansia e paura, al contrario di una debolezza”.

La star, che è in genere solitario, ha equiparato quello che una bella donna che deve affrontare con i pretendenti ai fan che con cautela lo avvicinano.

E’ come quando si nota qualcuno camminare oltre voi, per poi fermarsi e girare intorno“, ha detto nel numero di dicembre della rivista Playboy in edicola Venerdì. “Ho iniziato a capire che è la stessa cosa di quello che succede a volte a donne attraenti“.

Quando qualcuno mi  gira intorno, mi mette a disagio“, ha continuato. “Non sono assolutamente interessato Ma se qualcuno viene e va, ‘Hey, come stai? il mio nome è così e così?’ -.. Io ti avvolgerò“.

Fonte: http://www.nydailynews.com/entertainment/gossip/joaquin-phoenix-talks-children-god-cult-born-article-1.2008725

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

La scrittrice Taylor Stevens è cresciuta in una setta in cui percosse, fame e abusi sessuali erano eventi di tutti i giorni. Quaranta anni dopo, lei è riuscita a lasciare i ‘Bambini di Dio’ alle sue spalle?

By Julia Llewellyn Smith

 

La maggior parte dei bambini sarebbero lodati se scrivessero storie. Non Taylor Stevens. La quarantunenne Stevens, nata e cresciuta in un culto, allora conosciuto come i Bambini di Dio, i cui membri (il termine  non piace a Stevens perché implica che essi abbiano fatto una scelta)  vivono in comunità, di solito in squallida povertà, sopravvivendo di elemosina. I bambini erano spesso picchiati, affamati, separati dai loro genitori, a loro era negata l’istruzione ed erano abusati sessualmente.

La sporadica frequentazione della scuola da parte di Stevens si è conclusa per sempre quando aveva 12 anni, ma ella ha sempre avuto una predisposizione a raccontare storie. “Tutti gli intrattenimenti – musica, televisione, libri – erano vietati. Eravamo così annoiati, così ho iniziato ad inventare storie da raccontare agli altri ragazzi, quando eravamo seduti per ore nel retro di un furgone  guidato per andare ad elemosinare in  qualche parte “, ricorda. “L’immaginazione è stata il mio meccanismo di sopravvivenza“.

 

Quando aveva 15 anni, ha messo le mani su alcuni notebook e ha cominciato a scrivere racconti. “Sapevo che la mia scorta era limitata, così ho scritto molto piccolo, per inserire le parole in ogni linea il più possibile“. In poco tempo, però, sono stati scoperti ed i libri sono stati confiscati e bruciati.

 

I leader mi hanno detto che ero una strega, piena di diavoli e di eseguire un esorcismo su di me. Mi hanno messo in una stanza per tre giorni senza cibo. Volevano che confessassi i miei peccati. Non sapevo cosa dire, così cominciavano a venir fuori tutti i dubbi circa il gruppo che io avessi mai avuto. Ho fatto strani rumori, perché ho pensato che era quello che volevano, ma mi stavo preoccupando: ‘Che cosa succede se sono i rumori sbagliati?’

In seguito, Stevens è stata isolata dai suoi coetanei per mesi. “Pensavano che li avrei contaminati con il mio spirito maligno. Mi hanno fatto leggere la propaganda per tante ore e poi scrivere saggi su come mi stavano trasformando in una persona migliore. Ho fatto di tutto per renderli felici“. Lei ride. “Per ironia loro non volevano che io scrivessi racconti, ma quasi tutto quello che stavo dicendo di loro era finzione. E che mi hanno fornito le basi per quello che faccio oggi“.

Venticinque anni dopo, Stevens è una scrittrice di successo. Il suo primo romanzo, The informationist è stato nella top 10 nel  New York Times, tradotto in 20 lingue ed è stato scelto da James (Titanic) Cameron. Altri due thriller, molto letti, sono stati pubblicati e altri due sono in cantiere.

E’ un voltafaccia straordinario per una donna che è scappata da sola dal culto all’età di 29 anni. Oggi, parlando con me dalla sua casa di Dallas, in Texas, lei sembra una normale mamma di periferia, interrotta durante la nostra conversazione da telefonate ad  una delle sue due figlie adolescenti che torna inaspettatamente dall’uscita col cane che abbaia frenetico, e dalla scuola che chiede una inaspettata raccolta di qualcosa. Eppure Stevens è lontana da quello stereotipo: “Non mi riferisco ad essere una mamma PTA,  cui tutta la tua vita è, ‘Oh, Susy ha fatto questo, e poi abbiamo fatto le tortine!‘” E aggiunge: “Non importa quanto essi mi amano, non importa quanto meravigliosi siano, la gente non può mai capire da dove vengo“.

Fondata da David Berg (noto anche come “King”, “David” o “Mosè”) in California nel 1968, il culto, oggi conosciuto come The Family o Family International, ha predicato l’apocalisse imminente e la rinuncia di tutti i beni personali.

L’amore libero è stato incoraggiato all’interno delle comuni (anche se la contraccezione era vietata) e Berg incoraggiava la “pesca amorosa”, cioè l’invio di membri di sesso femminile per reclutare nuovi membri e guadagnare denaro attraverso la prostituzione. Con il tempo Berg è morto, egli era ricercato dall’Interpol per incitamento ad abusi sessuali nei confronti dei bambini. Nel 2005, il figliastro ed erede apparente di Berg uccise la sua ex bambinaia e poi si uccise, lasciando un video in cui affermava che gli stesso era stato abusato da bambino e aggiungendo che la persona che voleva uccidere era sua madre – Karen Zerby, ancora  leader della setta.

Grazie alla sua retorica anti-americana, il culto ha attirato molti hippies e manifestanti contro la guerra, come pure, Stevens dice, molti in fuga dalla legge. Nel corso della sua storia di 46 anni, si è vantato di aver avuto 35.000 membri, tra cui 13.000 bambini – oggi si sostiene che esso abbia circa 10.000 adepti. L’attrice Rose McGowan è nata nel culto, la sua famiglia ha deciso di lasciarlo quando i leader hanno iniziato a promuovere il  sesso con i bambini, mentre la famiglia Phoenix, tra cui i fratelli dell’attore River e di Joaquin, ne sono stati membri per un periodo negli anni Settanta.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il padre di Stevens si unì al culto nel 1969 all’età di 23 anni, sua madre nel 1970 quando aveva 18 anni. Il Leaders “li fece sposare”, perché, si sospettava, che entrambi fossero ebrei. “Dovreste chiedere loro perché hanno aderito. I miei genitori erano molto giovani, forse senza direzione e probabilmente furono avvicinati da una persona simpatica che disse loro: ‘Perché non venite a passare la notte‘, ella sostiene.  Nel suo secondo romanzo, The Innocent, ambientato in un culto, un personaggio spiega il richiamo: “Portare se stessi dall’indipendenza a seguire il Profeta è stato un atto privo di responsabilità personale“.

Come parte del suo rifiuto della proprietà, il culto ha promosso una vita itinerante, in modo che da quando aveva sette anni, Stevens e i suoi quattro giovani fratelli hanno vissuto in roulotte, insieme ad altri membri, in cinque diversi stati degli USA e di tre paesi europei. Per un breve periodo, quando Berg rese le regole meno rigide, Stevens frequentò varie scuole tradizionali acquisendo una formazione di base e leggendo avidamente i libri  di Nancy Drew  della biblioteca, anche se lei non ha mai fatto amicizia con “estranei“. “Abbiamo condotto una doppia vita, dovevamo semplicemente non parlare di quello che accadeva. Sapevamo che eravamo gli eletti, superiori a loro, che essi era stati avvolti nei loro modi mondani“.

Quando aveva 12 anni, la famiglia si trasferì in Giappone e la sua educazione “e la mia innocenza” cessarono. In linea con la posizione anti-nucleare della famiglia del culto – ella fu allontanata  dalla sua famiglia e inviata in  varie Comuni in cui lei e gli altri adolescenti cucinavano, pulivano e si occupavano della custodia di centinaia di bambini. A un certo punto lei divideva una stanza delle dimensioni di un armadio  con sei persone e un bagno con 20. “Hanno portato via i nostri migliori anni, è stato un lavoro minorile a tempo pieno“.

Inoltre era inviata regolarmente a chiedere l’elemosina, una volta trovandosi per le strade innevate di Osaka con soli sandali aperti. “L’accattonaggio mi metteva a disagio, odiavo la disonestà, chiedendo alla gente dei soldi per progetti umanitari, quando non avevamo  tempo per nulla, tranne solo cercare di sopravvivere“.

Sognava di fuggire, ma – con spie ovunque – mai confidava la sua infelicità. In ogni caso, non aveva le competenze per navigare il mondo esterno. “Ero terrorizzata che Dio mi avrebbe uccisa“. Il culto leggeva ad alta voce regolarmente “Traumatic Testimonies” in cui i membri raccontavano storie dell’orrore sulla vita al di fuori. “Dicevano: ‘Si vede bene là fuori, ma credetemi sarei morto se non avessi trovato The Family‘” Quelli di fuori – per quanto hanno cercato di sfatare gli insegnamenti di Berg – venivano trattati con sospetto. “Non si poteva nemmeno iniziare a sentire quello che stavano cercando di dirci“.

 

 

 

 

 

 

 

 

Stevens andò in Messico, dove il culto stava organizzando la propria roccaforte più complessa ad oggi. “La leadership era veramente sadica. Erano lì per insegnare ai ribelli nord-americani come essere buoni membri della setta ed erano così abusanti. I bambini hanno subito l’orribile disciplina fisica per diverse infrazioni, non si trattava di una punizione, si trattava di martellare pioli quadrati nei fori rotondi. Tutta la mia vita è stata formata da livelli di terribilità, quindi tutto quello che potevo fare era tenere la testa bassa come al solito e solo ottenere attraverso di essa“.

Dopo la morte di Berg nel 1994, Stevens ha usato il suo sconvolgimento per cogliere la sua occasione per passare a una comune in Kenya, “così lontano ho potuto dimostrare ai leader di controllo che ero stata abbastanza spirituale“. Ha sposato un altro membro di culto e, nella speranza di aiutare realmente gli altri, piuttosto che mendicare, la coppia ha istituito una missione in Guinea Equatoriale, che ha una delle peggiori considerazioni dei diritti umani e dei livelli di povertà nel mondo.

E’ stata la terra che il tempo ha dimenticato, come camminare attraverso le porte dell’inferno”, esclama Stevens. “E’ stato il luogo più inospitale in cui si potrebbe vivere: il clima, la cultura della paranoia. Abbiamo dovuto corrompere il governo per aiutare la gente. Nonostante questo, abbiamo costruito 3.000 banchi di scuola e portato  30 mila dollari di forniture mediche ed educative“.

Rafforzata da quel successo contro ogni probabilità, la coppia, ora con un bambino e un altro in arrivo, si trasferì in Germania. Suo marito ha trovato un posto di lavoro e sono stati in grado finalmente di lasciare il culto. “Non dimenticherò mai come mi sentivo euforica la prima mattina che mi sono svegliata nel nostro piccolo appartamento, finalmente libera dagli occhi che erano stati a guardare e a giudicare me tutta la vita“, dice. “Andare per negozi, prenotare la visita di un medico – tutte le cose ordinarie che la maggior parte degli adulti danno per scontato – erano così nuovi per me. Camminando per la strada da sola era straordinario, l’abbiamo sempre fatto in coppia, è stato come essere nudi. Avevo paura che Dio mi avrebbe colpito, ho sviluppato tutti i tipi di fobie. Ci è voluto molto tempo per adattarsi“.

 

La coppia (ora amichevolmente divorziata – “Nel contesto di culto, si pensa di conoscere qualcuno, perché si vive con lui a tempo pieno, ma si sa solo che il culto si aspetta come debba essere“) è arrivata negli Stati Uniti, dove ha continuato a vivere in condizioni di estrema povertà. Per fare denaro extra, Stevens ha cominciato ad acquistare i libri in vendite private per rivenderli su eBay. Avendo già letto “forse 15 romanzi” in Africa, è diventata un fan accanita dei romanzi di Robert Ludlum.

Rendendosi conto che lei aveva vissuto in luoghi altrettanto esotici come quelle raffigurate da Ludlum, decise, a 35 anni, di scrivere il proprio thriller ambientato nella bizzarra e terrificante Guinea Equatoriale. “La mia ortografia e la punteggiatura non erano molto precise, ma ho potuto mettere insieme delle parole” dice. A riprova di questo, subito dopo la valutazione esso è stato pubblicato, con enormi consensi, da una sconosciuta, come lei sostiene, che non solo aveva solo una istruzione primaria  ma anche veniva accusata di aver inventato la storia passata per aumentare le vendite.

In realtà, anche se il suo background è il sogno di un pubblicista, Stevens era riluttante a soffermarsi su di esso troppo e inizialmente voleva ometterlo dalla sua  biografia. “Avrei potuto inventare un passato per me“, dice. “Ma crescendo, abbiamo mentito al mondo esterno su di noi tutto il tempo e ho giurato che mai avrei avuto intenzione di farlo di nuovo“.

Si rifiuta di discutere i dettagli dell’abuso fisico o gli elementi sessuali del culto, in primo luogo per proteggere le proprie figlie, ma anche, come un personaggio spiega in The Innocent, perché mette in ombra le decine di altre umiliazioni che migliaia di bambini hanno sopportato. “C’è stato abuso sessuale … Ma questo è solo uno dei tanti piatti serviti al buffet della mia infanzia … Nessuno racconta l’estrema disciplina, o l’essere separati dalle nostre famiglie, o la privazione di istruzione, o la mancanza di cure mediche … Questo non è divertente abbastanza“.

E’ stato il suo desiderio di concentrarsi su questi altri orrori che l’ha portata a scrivere The Innocent? “Altre persone hanno strumentalizzato il fatto che ero vissuta in un culto per i propri ordini del giorno – vendere libri, mostrare che  i culti sono dannosi – io però volevo solo far vedere cosa è stato davvero“, dice Stevens. “Ho voluto descrivere spassionatamente, senza rabbia, il sadismo che ho dovuto vivere dentro così come non c’è giustizia

 

Oggi, i suoi genitori sono divorziati, e lei non ha alcun rapporto con il padre, anche perché continua a identificarsi con il culto, ma, dopo un po’ di rielaborazione, ha una “solida, capacità di amare” sua madre.

Le proprie figlie hanno portato completamente a casa da lei gli orrori della sua giovinezza. “Attraverso il confronto con la crescita e lo sviluppo dei miei figli … con quello che avevo sperimentato relativamente a quei tempi, ho afferrato i veri orrori di quello che avevo vissuto“, dice. “Non riesco a capire come così tanti genitori nel culto hanno potuto mettere da parte un potente istinto del genere“.

Fonte: http://www.telegraph.co.uk/culture/books/11184489/taylor-stevens-joaquin-phoenix-david-berg-children-of-god.html

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

JW-TV Stephen Lett

Il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova ha sottoscritto oggi un insulto pubblico. Questo insulto è stato fatto contro i minori, vittime di abusi,  e contro coloro che hanno subìto abusi sessuali e violenza domestica.

In una presentazione scandalosa su JW-TV Stephen Lett, membro dei Testimoni di Geova del Corpo Direttivo appella le vittime di abusi come bugiardi.

watch?v=qbXeBXRFNcI

 

A differenza del Papa Cattolico, questo ‘grande’  leader, Stephen Lett, rifiuta di scusarsi e si rifiuta di riconoscere qualsiasi dolore vissuto dai superstiti. Si aggrava l’abuso con la negazione e il rifiuto di cambiare le politiche dannose. La negazione e l’appellativo dei superstiti dall’abuso come bugiardi sono abusi secondari.

Gli adulti molto coraggiosi e i bambini, che vedono i loro aguzzini condannati in tribunale, non volevano essere vittime. Non volevano essere intervistati dalla polizia o vivere procedure giudiziarie. Non volevano parlare di quello che è successo a loro in un gruppo di anziani. Non volevano parlarne ai loro genitori o amici. In realtà, molti non possono nemmeno raccontare gli  abusi e devono ancora recarsi dalla polizia, ma non sono in grado di farlo per paura di perdere i genitori e gli amici.

Non è facile sedersi di fronte ad una persona che ha violato un impegno sacro. In alcuni casi, i dati condivisi in udienza pubblica sono troppo terribili anche per essere riferiti dai giornali.

Diventando coraggiosi con il supporto di professionisti i sopravvissuti da abusi stanno cominciando a parlare. Lo fanno per fermare i colpevoli. Lo fanno per trovare la guarigione. I bambini e gli adulti fanno passi in avanti, spesso portando il senso di colpa e la vergogna che è riversato su di loro da chi abusa e da una organizzazione della negazione.

Frequentano campi dove gli anziani li ignorano e mostrano amore e considerazione per la persona che ha tolto loro l’innocenza. Si siedono per giorni nei tribunale ignorati dai loro familiari Testimoni di Geova. Si siedono di fronte a degli anziani che li mettono in dubbio, come bambini, circa l’abuso e che poi non sono riusciti ad accompagnarli alla polizia e si sono rifiutati di rilasciare dichiarazioni.

Molti sopravvissuti ci hanno messo anni per trovare il coraggio di sussurrare un nome e di resistere ai loro aguzzini in un tribunale di diritto.

Oggi, un gruppo di sopravvissuti di abusi vuole parlare direttamente al Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova per dire: “Quando ci si chiamate bugiardi, dovete anche chiamare la polizia, i giudici e la giuria, bugiardi“. “Gli autori sono stati riconosciuti colpevoli da una Corte“.

Chiediamo scuse per questa affermazione ridicola“.

Il video dell’anziano Stephen Lett sarà condiviso ai governi, alle agenzie di abusi sui minori e di indagini abusi sui minori, ai dipartimenti delle Nazioni Unite per la protezione dei minore e agli avvocati. Questo tipo di dichiarazione rende nulla la credibilità dell’organizzazione JW. Essa fornisce prove che il Consiglio di amministrazione non ha pietà dei testimoni affiliati, e che non ha alcuna intenzione di cambiare le politiche ed è predisposto a consentire ai bambini di soffrire
Rachel Robbins che è stata abusata da bambina e la cui figlia fu abusata sessualmente da suo nonno Testimone di Geova per otto anni ha detto oggi:

A volte il vuoto e il dolore che sento mi consumano. Sorrido, ho fatto buon viso a cattivo gioco, ma a volte il pensiero di quiete e oscurità è così confortante che mi ritrovo a desiderare di  andare a dormire e di non svegliarmi. E’ difficile vivere sapendo di essere stati abusati. Essere chiamati  bugiardi è molto doloroso quando si sa di dire la verità. Obbedendo agli anziani, i miei genitori hanno spazzato tutto sotto il tappeto. Io non ho  ricevuto alcun aiuto.
A volte, ho dovuto chiedere a me stessa se era accaduto, perché nessuno ne avrebbe parlato con me. Ma so che è accaduto. Avevo solo 6 quando è iniziato, ed è andata avanti per anni. So che non ero l’unica ad essere stata abusata. Siamo stati tutti definiti bugiardi, ma so che loro sapevano.

Avanti veloce fino all’età adulta/genitorialità e per quello che è successo a me, ho sempre avuto paura che ciò accadesse ai miei figli. Ho provato così duramente a tenerli al sicuro fino al punto di paranoia, a volte.

Siamo diffamati.
Siamo definiti come bugiardi.
Abbiamo evitato.
Per cosa? Per esporre i molestatori di bambini e per ottenere una qualche forma di giustizia.
Ma ancora ci fanno sentire come inutili. Come se la nostra sofferenza non ha importanza“.

Wendy, che è stata violentata da testimone di Geova dall’anziano Mark Sewell, ha detto
Quando sento queste ridicole osservazioni di chi ci chiama apostati per portare la verità, mi sento la rabbia completa e totale all’interno. Ho la sensazione che aumenti l’ansia. Come osano dire ciò? Nel mio caso gli anziani hanno distrutto tutte le prove“.

Un’altro sopravvissuta all’abuso ha riferito: “Non riesco ancora a parlare di quello che è successo a me da bambina di 10. Sono andata alla polizia da adulta, e sono stati gentili, e mi hanno creduto. Ho scoperto attraverso di loro che il mio aggressore era morto, ma ancora ho voglia di sapere chi era e cosa ha fatto.

Hanno intervistato la mia famiglia JW. La mia famiglia ha ammesso che sapevano e non avevano detto niente come ci si aspettava, perché gli anziani sostenevano che  niente di più doveva essere fatto. E’ doloroso sapere la mia famiglia ed io abbiamo rispettato questo. Le politiche permettono che questo accada, e il Consiglio di amministrazione dovrebbe essere chiamato a rispondere.

Chiamare le persone bugiarde per aver avuto il coraggio di denunciare un molestatore di bambini è spregevole“.

Karen Morgan è stata abusata da bambina da Mark Sewell che ora sta scontando 14 anni di carcere (e che non è stato disassociato) ha detto semplicemente: “Mi piacerebbe vedere una dichiarazione della Bethel che delinea esattamente quello che sostengono di offrire alle vittime e alle loro famiglie. Continuano a dire di fare qualcosa, vediamo esattamente quello che fanno“.

L’indignazione per i sopravvissuti agli abusi è comprensibile.

Lee Marsh, presidente di AAWA (avvocati per la consapevolezza degli abusi Watchtower) afferma che “i commenti di Lett sulle vittime di abusi servono ad uno scopo: intimidire i testimoni di Geova nel cercare la verità. E’ un tentativo di incutere la paura di parlane nelle vittime. Potrebbe essere stato utile quando le vittime pensavano di essere uniche, ma ora esse stanno leggendo storie di centinaia di altre vittime di tutto il mondo, con storie simili di abusi sessuali da parte di testimoni di Geova e di come sono stati tutti messi a tacere con minacce di espulsione, per poterne parlare.

Esse si rifiutano di tacere ora.

L’AAWA supporta tutte le vittime che sono state abusate da coloro di cui potevano fidarsi di più – i loro compagni Testimoni“.

Lee Marsh ha scritto un articolo che va in qualche modo a spiegare perché è così importante che le  vittime di abusi siano credute e perché dovrebbero raccontare le loro storie. L’articolo di Lee “Perché raccontiamo le nostre storie” lo si può leggere qui.

Per maggiori informazioni

Avvocati per la consapevolezza di Watchtower abusi (AAWA).

Editor -
Stephen Lett su JW-TV racconta ai Testimoni di Geova di rifiutare “false storie che sono progettate per separarci dalla organizzazione di Geova“. Stephen Lett, ha detto, “pensate che le menzogne ​​e le disonestà degli apostati sostengono che  l’organizzazione di Geova è permissiva verso i pedofili. Voglio dire, che è ridicolo, non è vero? Se qualcuno interviene contro qualcuno a minacciare i nostri giovani, a prendere provvedimenti per proteggere i nostri giovani, è l’organizzazione di Geova. Respingiamo a titolo definitivo di tali menzogne“.

 

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Fonte: http://jehovahswitnessreport.com/blog/abuse-survivors-called-liars-by-stephen-lett-member-of-jw-governing-body#more-3543

Jefferson Hawkins ha pubblicato un altro libro su Scientology – e questo è basato sul lavoro che ha fatto qui all’Underground Bunker dalla sua serie sul sistema bizzarro di ‘etica’ di Scientology.

Egli ha aggiornato e aggiunto alla serie e ha raccolto tutto in un ebook che è disponibile su Amazon. Anche lui ci ha mandato la prefazione del libro, che proponiamo qui.

Jeff è una delle persone più sagge che abbiamo mai incontrato dal mondo di Scientology, e siamo fortunati ad avere il suo aiuto qui al Bunker. Speriamo che si prenderà il tempo di prendere in considerazione il download del suo libro

Closing-Minds-Cover

CLOSING MINDS

By Jefferson Hawkins

Prefazione

 

COME SCIENTOLOGY controlla i suoi membri? Come li convince ad evitare qualsiasi informazione negativa su Scientology? Come li convince a non esaminare le informazioni critiche su Internet, in TV o sulla stampa? Come li convince a evitare o disconnettersi del tutto dalle persone che sono critiche di Scientology – anche tra i loro amici, i loro familiari, o i loro genitori o figli? Tutto mentre insistentemente parlano di “migliorare la comunicazione” e “ricerca della verità“?

Come possono costringere  persone intelligenti a vivere in una bolla di informazioni dove si crede solo a ciò che Scientology dice loro e che si rifiutano di guardare qualsiasi informazione critica?

Come fanno a convincere la gente comune a donare enormi quantità di denaro alla Chiesa, molto più di quello che possono permettersi? Come inducono il  personale a lavorare lunghe e dure ore, sopportare privazioni e abusi, per poco o senza stipendio?

Sebbene questo libro sia stato scritto principalmente per gli Scientologist, ex scientologist e  per le loro famiglie, esso può essere di interesse per chiunque sia curioso sull’argomento.

Si tratta di un’esplorazione di un corpo di informazioni che Scientology definisce “tecnologia di etica“. Tuttavia, ha poco a che fare con il tema dell’etica, come la maggior parte delle persone comprendono. Invece, esso si forma su un sistema molto sofisticato di controllo mentale.

Questo libro è il mio tentativo di decostruire tale sistema.

Sono stato uno Scientologist per più di 35 anni. Durante quel periodo, mi ho fatto parte del  nucleo interno di Scientology, la Sea Organization paramilitare, ho percorso la mia strada attraverso i ranghi, e trascorso i miei ultimi quindici anni come scientologist presso la sede internazionale della Chiesa di San Jacinto, in California.

Ero un credente. Credevo a quello che la Chiesa mi diceva. Ho creduto alle bugie della Chiesa e alle invenzioni circa la propria dimensione e l’influenza, per il “bene superiore“. Ho seguito gli ordini. Ho continuato ad avere i miei dubbi e disaccordi tra me e me, non raccondandoli a  nessuno, nemmeno a mia moglie. Ho sopportato anni di difficoltà, fisica e di abusi mentali alla base internazionale, tutto perché credevo che contribuivano ad un “scopo più alto“.

Ero stato indottrinato a credere che facendo ciò che mi è stato detto, seguendo gli ordini, rifiutandomi di ascoltare le critiche di Scientology e sopprimendo i miei dubbi, divenivo “etico“.

In definitiva, quando la dissonanza cognitiva è diventato troppa da poter essere sopportata, mi sono disilluso da Scientology e infine sono uscito nel 2005. Nel 2010 ho pubblicato un libro di memorie della mia esperienza in Scientology, sogni contraffatti, racconando l’abuso, le bugie e le frodi cui ho assistito.

Il mio recupero da Scientology è stato un lungo processo. Alcuni lo hanno paragonato allo sbucciare una cipolla. Dopo aver sbucciato fuori uno strato di indottrinamento, ti ritrovi altri livelli sottostanti. Ho raccontato il processo in un blog online chiamato Lasciando Scientology.

Eppure, anche dopo tutto questo, c’era ancora uno strato residuo, una domanda senza risposta. Come, nonostantei  fallimenti di Scientology, nonostante i suoi maltrattamenti ai membri, nonostante le sue continue bugie, essa è riuscita a mantenere la fedeltà di persone comunque intelligenti. È vero, molti lasciano o hanno lasciato, ma ancora in qualche modo essa possiede la fedeltà di altre migliaia di persone.

Entro il 2010 ho cestinato, senza tante cerimonie,  la maggior parte dei miei libri di Scientology. Tuttavia, ne avevo tenuto uno per ulteriori analisi: Introduzione all’Etica di Scientology.

Avevo provato da tempo che questo libro ha formato il nucleo di tecniche di manipolazione mentale di Scientology. Nella Sea Org chiunque passi fuori linea è costretto a ristudiare questo libro più e più volte, fino a che non lo si conosce praticamente a memoria. E’ il libro usato usato dall’organizzazione per valutare un membro che comincia a dubitare o fa domande su Scientology. E chiunque passi dalla linea in qualsiasi organizzazione Scientology è inviato all’”Etica”, che usa i principi di questo libro per rimetterlo di nuovo in linea. Pertanto, ho ipotizzato che  Introduzione all’Etica di Scientology deve contenere i principi fondamentali del controllo mentale della “tecnologia” di Scientology.

E infatti è così.

Ho pubblicato la mia analisi del “Libro di Etica” di Scientology in una serie di articoli ospitato nel blog di Tony Ortega, The Underground Bunker. Sentivo che decostruire, raccogliere e analizzare l’Introduzione all’Etica di Scientology, capitolo per capitolo, avrebbe potuto essere non solo rivelatore di Scientologist ed degli ex-scientologist, ma avrebbe potuto anche dimostrare ai non scientologist com’è scattata esattamente come la trappola.

Dopo che gli articoli sono stati completati, ho deciso che questo argomento sarebbe stato di valore sufficiente per la  pubblicazione di un libro, ampliando i saggi e consolidando la mia analisi in un’unica posizione.

Ho cercato di mantenere la terminologia e il gergo di Scientology  al minimo, e definire questi termini in un contesto dove possibile.

Spero che questo libro sia utile agli ex-scientologist nel sollevamento dell’ultima “strato di cipolle“. E per coloro che non sono mai stati in Scientology, spero che fornisca una sbirciatina informativa dietro la tenda e una certa comprensione di come si comanda la fedeltà incondizionata della loro appartenenza.

——————–

Fonte: http://tonyortega.org/2015/02/20/friday/

 

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

 

watch?v=J-w3smjZUgM

A San Francisco una donna ha citato in giudizio i Testimoni di Geova per non averla protetta da un pedofilo conosciuto quando era una bambina. Il Center for Investigative Report ha fatto luce sulle accuse secondo cui i leader religiosi hanno occultato gli abusi sessuali su minori. L’inviato speciale, Trey Bundy del CIR’s Reveal racconta di come l’Organizzazione stia utilizzando il primo emendamento per difendersi da queste accuse.

SEGUE TRASCRIZIONE DEI CONTENUTI DEL FILMATO:

Gwen Ifill: Il prossimo [servizio]: un’indagine sugli abusi sessuali tra i Testimoni di Geova e sulle accuse che i leader religiosi li avrebbero occultati all’interno di alcune delle 14.000 congregazioni degli Stati Uniti.

I nostri colleghi del Center for Investigative Report hanno ottenuto un  memo confidenziale che fa nuova luce sulle rivelazioni.

L’inviato speciale Trey Bundy ha una storia dal Reveal, un nuovo sito Web, radiofonico, e un podcast gestito dalla centrale.

TREY BUNDY: Ad un convegno dei Testimoni di Geova in California, i nuovi membri si stanno battezzando.

UOMO: Al tuo battesimo, dici di sì.

TREY BUNDY: Vi aderiscono più di otto milioni di membri in tutto il mondo.

Ai credenti viene insegnato a rinunciare alla società laica, perché essa è controllata da Satana, e di non  socializzare troppo con gli esterni. Ma l’accusa di abusi sessuali ha portato questa comunità insulare sotto una maggiore attenzione. Ed ora, in questo tribunale di San Francisco, il primo caso di abusi sui minori contro i Testimoni di Geova è a processo.

Candace Conti ha citato in giudizio l’organizzazione per non aver proteggerla da un pedofilo conosciuto quando aveva 9 anni.

CANDACE CONTI, querelante: Se dovessi riassumere i nostri obiettivi in questo caso, erano di attaccare le politiche e le procedure che mantengono all’interno un molestatore seriale, il quale continua a molestare i bambini.

TREY BUNDY: l’avvocato di Conti afferma che le istruzioni dei leader dei Testimoni di Geova hanno favorito i molestatori di bambini.

UOMO: Le istruzioni erano di mantenere questi pedofili nel segreto.

TREY BUNDY: Il caso si impernia sulle lettere da parte dei leader dei Testimoni di Geova ai capi delle congregazioni locali. Per quasi 20 anni, essi hanno ordinato loro di inviare i rapporti come questo per ogni pedofilo noto, per nascondere questi casi alle loro congregazioni, e per non collaborare con le forze dell’ordine o con i giudici.

Essi hanno rifiutato gli ordini dei giudici di consegnare queste segnalazioni di abuso, quindi non si sa quanti casi come quello di Conti ci sono là dentro.

JAMES McCabe, avvocato dei Testimoni di Geova: I Testimoni di Geova aborriscono la pedofilia in qualsiasi forma.

TREY BUNDY: I Testimoni di Geova insistono di rispettare le leggi. E i loro avvocati sostengono che il primo emendamento dà loro il diritto di impostare una policy sugli abusi sui minori come meglio credono.

JAMES MCCABE: le convinzioni religiose e gli standard dei Testimoni di Geova sono in gioco in questo caso, dall’inizio alla fine.

TREY BUNDY: Le credenze religiose provengono dalla Watchtower Bible and Tract Society di Brooklyn, che ha spesso usato il Primo Emendamento per difendere le sue politiche di separazione.

Nel 1943 hanno anche vinto una causa della Corte Suprema sostenendo che gli aderenti non dovrebbero essere costretti a giurare fedeltà alla bandiera.

TREY BUNDY: gli avvocati della Torre di Guardia, che si sono rifiutati di parlare con noi, stanno ancora sostenendo il Primo Emendamento come difesa per mantenere segreti nelle congregazioni gli abusi sui minori.

JAMES MCCABE: Agli anziani  in quella lettera viene consigliato di prestare speciale attenzione  al consiglio di non rivelare il discorso confidenziale di un altro, citando dalla Bibbia il libro dei Proverbi, capitolo 25, versetto 9.

TREY BUNDY: Candace Conti faceva parte della congregazione dei Testimoni di Geova di Fremont, in California. Ella spesso si è recata in gruppi di adulti per andare a bussare alle porte,  tra loro c’era anche quest’uomo, Jonathan Kendrick.

CANDACE CONTI: Era molto dominante, molto prepotente, molto – ha imposto la sua presenza.

TREY BUNDY: Lei dice che Kendrick avrebbe approfittato dell’attività di  predicazione per trovare il modo di rimanere solo con lei.

CANDACE CONTI: Jonathan Kendrick mi ha molestato da bambina. Ho ingoiato tutto e ho cercato di non pensarci su, più che potevo.

TREY BUNDY: Quello che nessuno nella famiglia di Conti sapeva era che Jonathan Kendrick aveva ammesso di aver molestato una bambina un anno prima.

A Michael Clarke, un anziano della congregazione, è stato chiesto qualcosa a questo proposito in questa deposizione.

UOMO: Si ricorda di essere venuto a conoscenza di un abuso sessuale su un minore da parte di Jonathan Kendrick?

MICHAEL CLARKE, Anziano della Congregazione del North Fremont: Sì.

UOMO: Quando è venuto a conoscenza di tale relazione?

MICHAEL CLARKE: Egli ci aveva chiamato a casa sua per discutere qualcosa – o per confessare di un incidente con la sua figliastra.

TREY BUNDY: Clarke non ha chiamato la polizia. Ha seguito il protocollo della Torre di Guardia. Ha scritto al quartier generale di New York, chiedendo come trattare  la confessione di Kendrick. Gli hanno risposto di non approfondire la questione.

Invece hanno detto, “forniscigli  forti consigli scritturali per evitare il ripetersi di tale grave reato”.

MICHAEL CLARKE: noi non rendiamo questo pubblico alla congregazione. E’ cosa riservata.

TREY BUNDY: Gli anziani non avvertono gli altri membri che uno di loro è un pedofilo.

UOMO: Queste sono la politica e la prassi dei Testimoni di Geova che si apprendono come  anziano, giusto?

MICHAEL CLARKE: Sì.

TREY BUNDY: Clarke dice che gli anziani hanno suggerito di non lasciare Kendrick solo con i bambini. Ma a lui era ancora permesso di partecipare alle attività della congregazione dove c’erano anche i minori. Un anno dopo, uno di quei minori era Candace Conti.

CANDACE CONTI: E io non credo che abbia mai smesso. So che con me non ha smesso. Sai, è sempre lì. Ed era solo probabilmente uno di quei giorni che io avevo sentito.

TREY BUNDY: Conti ha taciuto sugli abusi, solo anni dopo, quando ha scoperto su un registro di  reato sessuali che egli aveva molestato un’altra giovane ragazza. Ella ha così deciso di citare in giudizio la Torre di Guardia.

CANDACE CONTI: Penso che, dopo averlo scoperto, ho avuto questo senso di colpa. E se ho fatto qualcosa io? E se io non fossi stata una codarda? E se io avessi fatto qualcosa per proteggere forse quest’altra bambina? Sapevo di cosa era capace, ma non ho fatto niente. E poi ora guarda cosa è successo.

TREY BUNDY: ho guidato fino a Oakley, California, dove Kendrick si era trasferito quando ha lasciato la congregazione di Conti. Ho incontrato la ragazza che Conti ha trovato. Ella ha accettato di parlare con noi, a patto che non mostriamo il suo viso.

DONNA: Quando ero una bambina, probabilmente a circa 6 o 7, Jonathan Kendrick ha abusato di me.

TREY BUNDY: Ella incolpa la Torre di Guardia che ha consentito, col suo segreto, di aver fatto entrare nella sua famiglia Kendrick  e di essere diventata il suo bersaglio. La famiglia ha citato in giudizio i Testimoni di Geova.

DONNA: Si sapeva che aveva un passato, e non l’hanno detto a  noi.

TREY BUNDY: Quando Kendrick si trasferì alla congregazione di Oakley, a nessuno è stato detto che era un molestatore di bambini, nemmeno a Roger Bentley, che ha servito come  anziano lì per 30 anni. Ha rivisto la lettera di presentazione dalla vecchia congregazione di Kendrick.

ROGER BENTLEY, ex anziano, della Congregazone di Oakley: Non c’è alcuna indicazione per tutti sul fatto che lui è colpevole di abusi sui minori.

TREY BUNDY: Quindi non si parla di abusi sui minori, ma nessuna menzione di bambini?

ROGER BENTLEY: Beh, se la si legge, si dice che è un individuo molto interessante, che ha preso il comando con alcuni giovani della congregazione e li ha riabilitati da strade sbagliate.

Questo non è un pedofilo. Questa è una raccomandazione. Questa è una raccomandazione molto specifica: Oh, calma. Lui è bravo con i bambini.

TREY BUNDY: ho passato mesi cercando di intervistare i leader della Torre di Guardia, ma non parlano con me. Invece, hanno inviato una dichiarazione, dicendo che rispettano le regole sulle segnalazioni, che non proteggono coloro che abusano in applicazione alla legge, e che si impegnano a prevenire gli abusi sui minori.

E in una delle decine di cause legali che si sono aperte, al supervisore della Watchtower, Richard Ashe, è stato chiesto se l’organizzazione ha delle responsabilità nel proteggere i bambini dagli abusi.

RICHARD ASHE, Supervisore della Watchtower: Beh, nella congregazione la nostra è una protezione spirituale. Quando si parla di protezione fisica, essa è compito delle autorità secolari.

TREY BUNDY: Gli è stato chiesto se esistono direttive bibliche della Torre di Guardia per mantenere i casi di abusi sui minori riservati.

UOMO: Si afferma, al paragrafo tre, che c’è un tempo per tacere, quando le tue parole possono dimostrare di essere insufficienti.

Vedete questo?

RICHARD ASHE: Sì.

UOMO: Ho intenzione di oppormi a questo. Si tratta di una violazione del Primo Emendamento, la libertà di religione, la libertà di associazione.

TREY BUNDY: I tribunali continuano a confrontarsi con la domanda: In caso di libertà di religione prevalere la responsabilità di proteggere i bambini?

Nel caso di Candace Conti, la giuria escludeva il Primo Emendamento e ha deciso che la Torre di Guardia e la congregazione del North Fremont erano state negligenti e non l’hanno adeguatamente protetta dagli abusi.

Kendrick sostiene di non averla mai molestata. Lei, in attesa di appello, ha ricevuto più di 15 milioni di dollari di risarcimento per danni. E’ la prima volta che una giuria ha ordinato alla Torre di Guardia di pagare per le sue politiche sugli abusi sui minori.

Ma per un’altra vittima di Kendrick, la sua causa contro la Torre di Guardia è stata archiviata. Anche se Kendrick ha confessato l’abuso in questa deposizione ed è stato condannato a  circa otto mesi di carcere, il giudice ha affermato che le politiche della Torre di Guardia erano vincolate dal Primo Emendamento. Non era responsabile perché l’abuso si  verificato a casa e non nel corso delle attività religiose. La Torre di Guardia non aveva alcun obbligo di avvertire la famiglia sul passato di Kendrick.

Kendrick è ora libero ed è ancora un membro attivo della congregazione di Oakley.

CANDACE CONTI: Il fatto che Jonathan Kendrick sia ancora un membro in buona condizione è assolutamente ridicolo. E’ spaventoso. Il fatto che egli abbia ancora l’accesso ai bambini – e, in realtà, i miei genitori non avevano il potere di sapere che Jonathan Kendrick era un pedofilo.

Diamo ai genitori il potere di essere in grado di proteggere i loro figli. Ed è quello che queste organizzazioni impediscono.

TREY BUNDY: Nonostante l’enorme verdetto contro la Torre di Guardia, l’organizzazione si attiene alle sue politiche. In realtà, è appena uscito un memo confidenziale che ricorda agli anziani di tacere sugli abusi sui minori.

Così Trey Bundy dal Riveal per la NewsHour.

Fonte: http://www.pbs.org/newshour/bb/leaders-jehovahs-witnesses-cover-child-sex-abuse/

 

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

by Will Frampton

Una donna abusata sessualmente da bambina da suo cognato  ha accusato la sua vecchia congregazione di aver coperto il crimine.

Helen Doe fu abusata da Barry Furlong, un ex servitore di ministero nella comunità dei Testimoni di Geova e marito di sua sorella Kim, durante una riunione di famiglia quando lei aveva 10 anni.

Furlong, quando aveva 30 anni, l’aggredì e poi le le intimò che se avesse raccontato qualcosa non sarebbe entrata nel ‘Nuovo Ordine’ – un termine che indica la presunta seconda ‘venuta’ di Gesù.

Furlong, a 69 anni, è stato incarcerato per cinque anni e tre mesi, dopo essere stato giudicato colpevole di aver aggredito sessualmente quattro diverse vittime negli anni 1970, ’80 e ’90.

La signora Doe, che ha rinunciato al suo diritto di anonimato, ha raccontato di aver raccontato ai suoi genitori dell’abuso tre anni più tardi, ma piuttosto che la polizia essi hanno contatto gli anziani della congregazione che colpevolizzarono lei per quello che era accaduto.

In effetti mi hanno detto che stavo mentendo, che ero una ragazza cattiva, che ero sporca mi consigliarono di andare avanti con la mia vita“, ha raccontato.

Dopo che ho fatto tutto ciò probabilmente ho fatto del male a mia mamma. Perché lei non mi credeva, essi non mi hanno mai creduto“.

Mi sentivo orribile per questo, ma lei non mi ha creduto e diceva che  volevo farla soffrire“.

Ora a 44 anni, la signora Doe ha raccontato di essere cresciuta come parte di una fitta comunità di Testimoni di Geova, ed era stata in grado di sfuggire alla compagnia Furlong.

Ogni volta che venivano mi sentivo male“, ha riferito.

In parte a dispetto dei suoi genitori lei rimase incinta a 15 anni e abbandonò la scuola.

E’ semplicemente sbagliato, questo reato avrebbe dovuto essere denunciato alla polizia“, ha detto.

Mamma e papà non mi hanno creduto a causa della loro religione, ma il benessere dei bambini dovrebbe venire prima delle credenze“.

Ora mi sento in colpa perché forse se avessi segnalato questo al momento  altre persone non avrebbero sofferto“.

La signora Doe, che ora vive nel Bournemouth, ha detto che le vittime di abusi non devono aver paura di farsi avanti.

Io sono stata troppo spaventata per tutta la mia vita a riferire questo alla polizia“, ha detto.

Ma ora, forse, in un paio di anni, potrò essere in grado di avere una vita normale“.

 

?ref=vidshare

LA RISPOSTA DELLA CHIESA

Il  Daily Echo ha contattato il quartier generale dei Testimoni di Geova a Londra per una risposta alle osservazioni della signora Doe.

Hanno ribadito che la fede ha “un’aberrazione assoluta e inequivocabile per gli  abusi sui minori“.

Un portavoce ha risposto che la congregazione supporta le  vittime di abusi, ma che non vengono automaticamente denunciati  i reati sospetti alla polizia perchè si ritiene che sulla questione debbano decidere  le vittime e le loro famiglie.

In un comunicato la congregazione ha riferito che “i trasgressori impenitenti” sono stati espulsi dalla organizzazione e sono evitati dagli altri aderenti.

La congregazione pubblica informazioni per aiutare le famiglie e i bambini ad essere protetti dagli abusi sessuali sul suo sito web www.jw.org e in Svegliatevi! e sulla rivista Torre di Guardia.

Fonte: http://www.bournemouthecho.co.uk/news/11795205.___It_was_a_cover_up_____Woman_sexually_abused_by_leading_member_of_Jehovah___s_Witness_community_speaks_out/?ref=mac

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

 


15 Feb 2015 at 12:18 ET

Screen capture (JW.org)

Un video animato realizzato dai Testimoni di Geova informa i bambini che se non  prestano attenzione in Sala, lo fanno a loro rischio e pericolo.

Nel video vi sono due bambini che partecipano ad una riunione in Sala con i loro genitori. Un predicatore ronza incomprensibile sullo sfondo, una ragazza viene rimproverata perchè sta quasi per addormentarsi, mentre un ragazzo è punito per aver tentato di giocare con la sua macchinina.

Quando la famiglia arriva a casa, tutti  si siedono a tavola. La madre chiede che cosa i due figlia hanno imparato in Sala oggi, e la ragazza risponde: “non dormire durante la riunione” mentre il ragazzo risponde, “non giocare nel corso della riunione“.

Il padre poi chiede ai bambini di immaginare “cosa sarebbe successo se nessuno avesse ascoltato Geova quando ha spiegato a Noè come costruire l’Arca“.

Il narratore mostra poi Noè e i suoi bambini che giocano su dispositivi di gioco portatili, a caccia di farfalle, che parlano, e durante il sonno, presumibilmente, Dio sta spiegando loro come costruire l’Arca. Il cielo si oscura, tutti corrono in un edificio rettangolare progettato che cade in parte quando la prima goccia di pioggia lo colpisce.

Lo schermo poi si riempie di acqua, e il dispositivo palmare con cui Noè stava giocando in precedenza galleggia vicino con la parola “GAME OVER” su di esso.

Non è quello che è successo, papà», dice il figlio.

È veroNoè ha prestato attenzione e ha salvato la sua vita. Prestando attenzione alle riunioni può contribuire a salvare anche  la tua vita“.

Il video poi taglia di nuovo sulla famiglia nel corso della riunione della Sala, ed entrambi i bambini sono diligentemente a prendere appunti mentre il predicatore – la cui voce è ora cristallina – spiega come Dio ha insegnato a Noè come costruire l’Arca.

Guarda il video intero via JW.org su YouTube qui sotto.

watch?v=eYOxGGgiZbo

 

Fonte: http://www.rawstory.com/rs/2015/02/watch-jehovahs-witnesses-threaten-kids-who-dont-pay-attention-in-church-with-death/#.VOImfqGxZYk.facebook

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

 

By / February 14, 2015

 

La leadership dei Testimoni di Geova – una delle religioni più insulari di tutto il mondo – per 25 anni ha incaricato i suoi anziani di mantenere segreti i casi di abusi sessuali sui minori alle forze dell’ordine e ai membri delle loro congregazioni, secondo un esame di migliaia di pagine di documenti dei casi recenti.

L’Organizzazione madre della religione, la Watchtower Bible and Tract Society di New York, ha pubblicato le direttive in almeno 10 memo risalenti al 1989. Anche se le note sono state scritte in forma anonima, i funzionari della Watchtower hanno testimoniato che il Corpo Direttivo dell’organizzazione li approva tutti.

La lettera più recente, datata 6 novembre 2014, ha incaricato gli anziani – i leader spirituali delle congregazioni locali – di formare comitati riservati per gestire internamente questioni penali potenziali.

In alcuni casi, gli anziani formeranno un Comitato Giudiziario per gestire i presunti illeciti che potrebbero anche costituire una violazione del diritto penale (ad esempio, l’omicidio, lo stupro, gli abusi sui minori, la frode, il furto, l’aggressione),” – prevede la direttiva. – “In generale, gli anziani non devono ritardare il processo del Comitato Giudiziario, ma devono mantenere la massima riservatezza al fine di evitare inutili complicazioni con le autorità secolari che possono condurre un’inchiesta penale della questione“.

All’interno dell’organizzazione la Torre di Guardia ha l’ultima parola su chi è considerato un pedofilo seriale. Secondo il memo 2012 della Torre di Guardia: “Non è che ogni persona che ha abusato sessualmente un bambino in passato è considerato un ‘Predatore’. La (Torre di Guardia), non il corpo locale di anziani, determina se un individuo che ha abusato sessualmente dei bambini nel passato sarà considerato un ‘predatore‘ ”

Le direttive sono parte di un modello dell’Organizzazione, che ha più di 8 milioni di membri in tutto il mondo e predica che Armageddon rilascerà presto il mondo dalla morsa di Satana. Negli Stati Uniti, i Testimoni di Geova operano in oltre 14.000 congregazioni con circa 1 milione di membri.

I documenti interni ottenuti dal Revealnews dimostrano che i Testimoni hanno sistematicamente istruito anziani e altri leader a tenere riservati gli abusi sessuali, mentre raccoglievano informazioni dettagliate sugli associati che approfittano dei bambini.

Avendo  con successo sfruttato il primo emendamento come una difesa del loro diritto di non prestare servizio militare o salutare la bandiera americana, i Testimoni di Geova ora usano una strategia legale simile per difendere le politiche che proteggono i predatori seriali dalle forze dell’ordine.

” ‘Tu vieni a noi in primo luogo. Non dirlo a nessuno. … Tu non avvertire i genitori nella congregazione. Noi decideremo cosa succede qui’ Ecco la loro politica“-. Irwin Zalkin, avvocato di Jose Lopez, così descrive il sistema delle credenze che hanno creato i Testimoni.

In molti modi, la risposta dei Testimoni sui recenti casi di abuso sessuale sui minori ha rispecchiato le azioni di un altro gruppo religioso: gli ebrei ultra-ortodossi di New York. Lì, la comunità ha dovuto affrontare una ripercussione per impedire agli ebrei osservanti di consultare un rabbino invece di andare immediatamente alla polizia dinnanzi all’evidenza di abusi. Con i Testimoni, però, non sembra esserci molta più documentazione e un protocollo burocratico per affrontare la questione delle accuse di abusi tra i suoi membri.

Per Jose Lopez ci sono voluti quasi tre decenni per arrivare ad una parvenza di giustizia dopo che era stato molestato – quando aveva 7 anni – da un predatore che aveva operato all’interno di una congregazione dei testimoni di Geova di San Diego.

Quando il suo caso contro i Testimoni, conclusosi nel mese di ottobre, un giudice ha assegnato a Lopez un risarcimento di 13,5 milioni dollari, una somma molto consistente in un’epoca di vincite frequenti per casi di abuso. La decisione poggiava in parte sul rifiuto dei Testimoni di consegnare i documenti del caso, spingendo il giudice frustrato a vietare all’organizzazione di esercitare una difesa.

Il caso Lopez era importante per un altro motivo. Esso ha costretto i Testimoni in una rara ammissione: da qualche parte all’interno dell’organizzazione, c’è un tesoro di documenti con i nomi e luoghi degli abusatori sessuali dei bambini conosciuti nelle sue congregazioni degli Stati Uniti.

Durante il processo, un alto funzionario della sede centrale dei Testimoni  di Geova, Richard Ashe, secondo l’avvocato di Lopez, Irwin Zalkin, ha riferito che l’organizzazione aveva raccolto e scansionato elettronicamente documenti interni per decenni di casi di abuso noti. Ashe ha detto che i Testimoni mantengono  le segnalazioni di abuso sessuale dei loro figli in un database di Microsoft SharePoint, ma che ci sarebbero voluti anni per estrarre le informazioni perché sono stati mescolati con milioni di altri documenti.

Onestamente, signor Zalkin, gli sforzi che abbiamo fatto fino a questo punto sono stati solo di  cercare di capire come diavolo avremmo potuto mai fare col nostro sistema di archiviazione“, ha riferito Ashe. “Si sta parlando di 14.000 congregazioni e oltre 3 milioni di documenti che sono stati digitalizzati e che avrebbe dovuto essere cercati. … Ci vorrebbero anni per farlo“.

Richard Ashe deposition

Zalkin ha chiamato un esperto di software che ha testimoniato che, utilizzando semplici termini di ricerca, i Testimoni potrebbero produrre le informazioni in meno di due mesi, o forse due giorni. A quel punto, la Torre di Guardia semplicemente si è rifiutata di fornire il database.

Durante la causa, Lopez ha riferito che sua madre ha raccontato del suo abuso agli anziani nel 1986, ma essi non hanno chiamato la polizia nè avvertito la congregazione. Lopez e sua madre hanno lasciato la religione poco dopo.

Proprio mentre l’aggressore, Gonzalo Campos, continuava ad abusare sessualmente i bambini, gli anziani lo promossero all’interno della congregazione, prima come servitore del  ministero nel 1988, poi ad anziano nel 1993, secondo una lettera degli anziani alla Torre di Guardia del 1995.

Nel 1994, John e Manuela Dorman appresero che Campos aveva abusato del loro figlio dieci anni prima, come i documenti del tribunale mostrano. Essi chiamarono Campos, che confessò e riferì loro che gli anziani già erano a conoscenza della situazione. Quando Manuela Dorman si recò dagli anziani, essi le dissero di non parlare di abuso. Le dissero che era trascorso troppo tempo, e che nulla poteva essere fatto.

Dopo che una lettera dei Dorman raggiunse la Torre di Guardia in quello stesso anno, gli anziani si confrontarono con Campos. Nel 1995, egli confessò e fu disassociato, una versione di scomunica dei Testimoni. Da allora, vi sono almeno sette sue vittime conosciute, secondo le lettere degli anziani.

Ma Campos è stato reintegrato dalla congregazione nel 2000, otto mesi dopo gli anziani inviarono una lettera alla Watchtower, spiegando che erano riusciti a mantenere nascosto il passato di Campos, come dimostrano i documenti del tribunale. “La comunità non sa di tutto questo e non c’era la pubblicità su questo” secondo la lettera letta. “Tutto si è svolto nella congregazione e per questo non è stato perseguito“. Campos, secondo le ultime notizie, è fuggito in Messico.

Durante il processo di Lopez, Ashe ha testimoniato che la Torre di Guardia insegna agli anziani che gli abusi sui minori devono essere mantenuti segreti.

E’ una direttiva che dovrebbero essere tenute riservate alle autorità giudiziarie?” Chiese Zalkin.

«», rispose Ashe.

Alla domanda se la politica della Torre di Guardia del silenzio ostacolasse la capacità dei genitori di proteggere i loro bambini da abusi, Ashe ha risposto a Zalkin, “No, dal mio punto di vista non è così“.

Ashe non ha risposto a una richiesta di commento. In una dichiarazione scritta al Reveal, i rappresentanti della Torre di Guardia hanno detto: “Continuiamo ad educare i genitori e a fornire loro gli strumenti utili per aiutarli a educare e proteggere i loro figli“.

Ma Zalkin, che ha depositato azioni legali  in modo aggressivo  contro i Testimoni in tutto il paese, ha detto che il motivo è chiaro.

Tenere la bocca chiusa. Non andare alle forze dell’ordine“, ha affermato, descrivendo il sistema di credenze che i Testimoni hanno creato. “‘Tu vieni da noi in primo luogo. Non dirlo a nessuno. … Tu non avvertire i genitori nella congregazione. Noi decideremo cosa succede qui’. – Questo è la loro politica“.

 

Aumentare le rivendicazioni di occultamento
Negli ultimi anni i Testimoni di Geova sono stati colpiti da una raffica crescente di cause legali, che accusano l’Organizzazione di aver coperto abusi sessuali su minori.

Una coppia di sorelle nel Vermont ha intentato una causa nel mese di settembre, sostenendo che un membro della loro congregazione le avesse molestate quando avevano 4 anni. Quando hanno segnalato l’abuso agli anziani della congregazione, hanno detto di essere state definite bugiarde. Il mese successivo a Dallas, cinque donne e un uomo hanno intentato una causa comune relativa al fatto che un anziano nella loro congregazione avesse abusato di loro sessualmente quando erano tutti più giovani di 13 anni.

In Oregon a dicembre, due ex Testimoni hanno citato in giudizio la Torre di Guardia e una congregazione locale, sostenendo che gli imputati tacquero dopo aver appreso che un anziano aveva sessualmente abusato di loro quando erano alla scuola elementare. Dal 2012 gli avvocati hanno presentato più di una dozzina di azioni simili contro la Torre di Guardia nel Connecticut, Florida, New Mexico, Ohio, Oklahoma e altri stati.

Frequente la difesa della Watchtower – che in tali casi si affida alle protezioni sotto la clausola di libero esercizio del Primo Emendamento – ha portato all’archiviazne di diverse cause legali. Gli avvocati della Watchtower sostengono che in una discussione giudiziaria delle credenze spirituali e delle pratiche dei Testimoni di Geova avrebbero calpestato le libertà religiose dell’organizzazione.

In una recente udienza in California, l’avvocato dei Testimoni di Geova, James McCabe, ha sostenuto che “le credenze religiose dei Testimoni di Geova erano in gioco in questo caso, dall’inizio alla fine“.

Al centro di questa edizione sono i memo sulla politica degli abusi sui bambini della Torre di Guardia.

Ogni nota è stata indirizzata a “tutti i membri degli anziani”, e reca l’intestazione della Watchtower Bible and Tract Society o Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova. Queste sono le aziende principali utilizzate dall’Organizzazione per amministrare la guida spirituale, creare e diffondere la politica, supervisionare la scrittura e la pubblicazione di letteratura e gestire gli enormi patrimoni immobiliare dell’Organizzazione.

Spesso la pace, l’unità, e il benessere spirituale della congregazione sono in gioco“, si legge da un memo della Torre di Guardia del 1989. “L’uso improprio della lingua da parte di un anziano può causare seri problemi legali per l’individuo, la congregazione, e anche la società“.

La lettera continua ad avvertire che le violazioni della riservatezza possono portare ad azioni legali costose e azioni penali.

Le persone del mondo sono pronte a ricorrere ad azioni legali se si sentono violate nei loro diritti“, spiega il documento. “Il risarcimento dei danni sostanziali potrebbero essere valutati contro gli anziani o le comunità. In alcuni casi in cui sono coinvolte le autorità, alcune complicazioni potrebbero portare ad una multa o alla reclusione“.

Memo successivi hanno rafforzato le politiche della Torre di Guardia, che culmina in una lettera del 1997 che ha inviato direttive agli anziani a segnalare tutti gli abusatori sessuali noti o sospetti – passati, presenti e futuri – alla sede centrale di New York dell’Organizzazione. Questo memo sembra essere il fondamento del database di riferimento nel caso di Jose Lopez.

La nota elenca 11 domande a cui deve rispondere in ogni caso, compreso il nome del colpevole, età della vittima e quando l’abuso si è verificato. Altre questioni sembrano essere progettate per valutare il rischio di esposizione del perpetratore: “Come è considerato nella comunità e dalle autorità? Ha vissuto qualsiasi notorietà nella comunità? I membri della congregazione sono a conoscenza di ciò che è accaduto?

Nel caso Lopez, la Torre di Guardia ha rifiutato di fornire il suo elenco di autori, in violazione di un ordine confermato dalla Corte Suprema della California. Ha inoltre rifiutato di fornirlo il  componente più longevo del Corpo Direttivo, Gerrit Lösch, che è stato citato in giudizio.

Come risultato, il giudice  della Corte Superiore di San Diego,  Joan Lewis, ha squalificato la difesa della Torre di Guardia.

Le azioni o le omissioni della Torre di Guardia sono ‘riprovevoli’. Credo che ‘vergognoso’ possa essere sinonimo di ‘riprovevole,’ ma credo che ‘vergognoso’ non dica abbastanza“,  ha scritto Lewis nella sua decisione.

Il risarcimento di danni punitivi contro di loro, si spera possa inviare un messaggio alla Torre di Guardia e ai suoi agenti di gestione, l’organo di governo dei Testimoni di Geova, che la loro gestione dei casi di abuso sessuale all’interno della loro congregazione era assolutamente imprudente“.

Il suo verdetto di 13,5 milioni dollari  era basato esclusivamente su prove e testimonianze di Lopez.

Combattono ogni richiesta di documenti, ogni citazione in giudizio“, ha riferito l’avvocato Irwin Zalkin. “Prenderanno un colpo nel non produrre ciò che sanno“.

 

Non ogni persona che ha abusato sessualmente di un bambino in passato è considerato un ‘predatore.’ La (Torre di Guardia), non il corpo locale di anziani, determina se un individuo che ha abusato sessualmente dei bambini in passato sarà considerato un ‘predatore‘”.

- memo 2012 della Watchtower

 

Politiche sugli abusi sui minori sulla base della Scrittura
The Jehovah’s Witnesses have addressed child abuse in their literature, including this edition of Awake! magazine published in 1985.I Testimoni di Geova hanno affrontato la pedofilia nella loro letteratura, tra cui questa edizione della rivista Svegliatevi! pubblicata nel 1985.

La Torre di Guardia basa le sue politiche sugli abusi sui minori sulla Scrittura, e il messaggio per gli anziani è chiaro: disobbedisci la politica e tu disobbedisci a Dio. Per enfatizzare gli autori intervallano molte delle loro direttive politiche con versetti della Bibbia.

Ad esempio, se un bambino riferisce ad un anziano che qualcuno nella congregazione l’ha molestato, il bambino deve produrre un altro testimone del delitto davanti agli anziani che indagheranno l’accusa. La cosiddetta regola dei due testimoni, secondo un promemoria viene da Deuteronomio 19:15: “Nessun singolo testimone deve sollevarsi contro un uomo rispettando qualsiasi errore o il peccato. … Alla bocca di due testimoni o alla foce di tre testimoni della materia dovrebbe stare bene“.

Sebbene la maggior parte dei casi di abusi sui minori non si sia verificato in presenza di testimoni, l’alto funzionario Richard Ashe ha detto, nella sua deposizione, che gli anziani sono vincolati dalla regola dei due testimoni. “Voi conoscerete che la verità è l’anello di verità ad essa collegata, ma deve ancora essere stabilita scritturalmente per bocca di due testimoni per la congregazione, affinchè si possa essere autorizzati ad intraprendere qualsiasi azione“, ha detto.

L’unica autorizzazione consentita agli altri anziani è di portare l’autore a confessare. Ma gli abusatori che esprimono pentimento spesso sono autorizzati a rimanere nella congregazione.

In ogni caso, gli anziani non sono istruiti a chiamare la polizia se non richiesto dalla legge statale. Ma le leggi statali sono complicate. Secondo un’agenzia federale, il clero ha il compito di segnalare gli abusi sui minori in 42 stati, ma le leggi in 32 di questi Stati, tra cui California, contengono una scappatoia chiamata il privilegio clero-penitente. Tale eccezione permette ai leader religiosi di trattenere le informazioni alle autorità, quando le ricevono attraverso una comunicazione spirituale, come una confessione nella Chiesa Cattolica.

I funzionari della Watchtower sostengono di istruire i propri membri ad obbedire alle leggi statali. Le loro note politiche inviano direttive agli  anziani che vengono a conoscenza dei presunti abusi sui minori a “contattare immediatamente l’Ufficio Legale della Società” per sapere se le leggi nei loro stati  richiedono loro di notificarli alla polizia.

 

Il silenzio sugli abusi confessati

Elders are expected to collect detailed information on child abuse within congregations on a form that is later sent to the Watchtower.

Gli anziani sono tenuti a raccogliere informazioni dettagliate su abusi sui minori all’interno di congregazioni in una forma che viene poi inviata alla Watchtower. Credit: Adithya Sambamurthy / Reveal

 

Un altro caso della California ha evidenziato  il modo in cui i Testimoni di Geova hanno nascosto gli abusi alle autorità, consentendogli di proteggere i predatori di più vittime.

Nel 1993 in Fremont, un testimone di Geova di nome Jonathan Kendrick ha confessato a due anziani di aver abusato sessualmente della sua figliastra tredicenne  mentre dormiva. La moglie di Kendrick e sua figlia, la vittima, erano presenti alla confessione.

Gli anziani, Michael Clarke e Gary Abrahamson, scrissero alla Torre di Guardia per sapere che fare.

Due settimane più tardi, una lettera della Torre di Guardia ha informato gli anziani che la condotta di Kendrick costituiva una “impurità minore” e che poteva rimanere un membro della congregazione. “Tuttavia“, la lettera continuava, “sarebbe opportuno che due anziani si incontrassero con lui per fornirgli solidi consigli scritturali“.

La Torre di Guardia ha stabilito che il crimine di Kendrick non garantiva il coinvolgimento della polizia, la disassociazione o un avvertimento alla congregazione. Poiché l’incidente era conosciuto al di fuori della famiglia, come riferito da Kendrick, egli avrebbe dovuto perdere il suo titolo di servitore di ministero, il che significava che non avrebbe potuto più portare la letteratura della Torre di Guardia alla Sala del Regno – l’equivalente di una chiesa dei Testimoni di Geova – o accendere il microfono all’inizio delle riunioni.

Gli anziani hanno testimoniato di aver supportato da vicino la situazione, di aver consigliato a Kendrick di non rimanere solo con i bambini, ma a lui fu permesso di continuare a predicare la Bibbia di porta in porta.

Anche se gli anziani della congregazione del North Fremont non hanno mai riferito di Kendrick alle autorità, egli è stato processato nel 1994, dopo che la sua figliastra, nel corso di una visita in ospedale, raccontò alla polizia dell’abuso, secondo un rapporto della polizia. Kendrick fu dichiarato colpevole del reato di molestia sessuale. Fu multato di 200 dollari e rimesso in libertà vigilata.

Gli anziani hanno detto alla congregazione che Kendrick aveva perso il suo titolo, ma, in conformità con la politica Watchtower, non hanno detto il perché.

Jonathan Kendrick deposition

Kendrick e sua moglie si separarono nel 1997. Egli si trasferì a circa 60 miglia a nord della città di Oakley, dove si unì alla congregazione locale e dove ha iniziato a corteggiare una testimone da poco vedova di nome Linda Hood.

Il corteggiamento ha catturato l’attenzione degli anziani di Oakley. Uno di loro, Roger Bentley, fu accusato di conoscere Kendrick per conto della congregazione.

Mi ha raccontato di un incidente con la sua figliastra, ma ha raccontato che la storia era stata accidentale“, ha riferito Bentley. “La versione che ricordo è, che stava tornando a casa, era buio, lei era sul divano, egli inciampò su di lei e accidentalmente le toccò il seno“.

Più tardi, in una deposizione tribunale, Kendrick ha ammesso di aver mentito a Bentley.

Ogni volta che ho parlato con qualcuno, incluso Roger, su questo episodio, ho usare il termine ‘molestia‘”, ha detto nella deposizione. “Io – ho usato la parola molestia ‘sessuale’. Non volevo che la gente pensasse che avevo fatto sesso con una bambina, così ho usato il termine ‘molestia’, sia con Roger che con chiunque altro“.

Circa un anno dopo che Kendrick era arrivato a Oakley, si è proposto a Hood. Essi hanno chiesto a Bentley di celebrare la cerimonia di nozze.

Una lettera da North Fremont agli anziani di Oakley, introducendo Kendrick quell’anno – firmata da Elder Larry Lamerdin – non accennava nulla riguardo l’abuso di Kendrick alla sua figliastra. Anche se gli anziani avevano sottoposto a misure restrittive Kendrick per la “perdita di controllo“, Lamerdin scriveva, che essi erano sollevati dalla questione.

Troverete che è una bella persona, gentile, amorevole e che apprezza la pace e il ristoro della Confraternita Cristiana,” dalla lettera letta. “E’ una persona molto interessante, che ha preso il comando di alcuni giovani della congregazione e li ha aiutati dalla devianza (sic), fuori rotta“.

Mesi dopo, l’anziano Clarke del North Fremont inviò una seconda relazione ad Oakley. Da nessuna parte si era fatta menzionato dell’abuso sessuale o della convinzione di Kendrick.

Non posso esagerare su quanto potere queste due lettere rappresentassero per gli anziani di Oakley,” ha riferito in una intervista l’ex anziano Bentley. “Dove si dice che è un pedofilo? La mia conclusione è stata che Jonathan stava dicendo la verità e che tutti i documenti che abbiamo visto hanno confermato che stava dicendo la verità e che potevamo andare avanti con quel matrimonio“.

Tuttavia, si  temeva che Kendrick recentemente avesse abbandonato un matrimonio difficile, così Bentley ha esortato Hood a chiamare gli anziani del Nord Fremont per chiedere loro direttamente se credevano che Kendrick sarebbe stato un buon marito.

Hood ha chiamato Clarke.

Il Sig. Clarke mi ha detto che il signor Kendrick era una brava persona. Visto che non ci è stata fornita alcuna informazione negativa su Jonathan e perché ne ero innamorata, sono andata avanti e l’ho sposato“, Hood ha scritto in una dichiarazione alla Corte Superiore della contea di Alameda.

La coppia si è sposata nel cortile di Hood nel Capodanno del 1999.

Clarke non ha voluto commentare a Reveal questa storia. Lamerdin non ha riferito i messaggi telefonici.

A Josh Hood, il figlio maggiore di Linda, non piaceva Kendrick dall’inizio. Egli temeva che sua madre – ancora in lutto per la morte del primo marito un anno prima – avrebbe sposato un uomo che non conosceva bene.

Una notte nel 2003, Kendrick ha rotto un vetro sopra la testa del fratello minore di Josh in un impeto ubriaco, secondo un rapporto della polizia. I fratelli adulti ne avevano avuto abbastanza ed erano andati a casa della madre una notte quando nessuno era a casa per cercare informazioni su Kendrick. Quando hanno caricato un programma software di recupero sul computer di Kendrick, Josh Hood ha detto in una testimonianza giurata che trovarono della pornografia infantile.

Giuro su Dio, il mio cuore è uscito dal petto“, ha detto più tardi in un’intervista, “perché era stata preso in giro mia figlia per anni“.

Josh Hood ha poi chiesto a sua figlia di 8 anni se Kendrick avesse mai abusato di lei, ed ella aveva confermato. Ha chiamato sua madre, che allora si chiamava Kendrick al lavoro.

Kendrick ha detto che ricordava che Linda Hood gli aveva chiedesto se era vero. “Non credo di averle detto molto“, ha ricordato più tardi sotto giuramento. “Mi stavo tagliando i polsi al momento.”

Poco dopo, Josh Hood rintracciò l’ex moglie di Kendrick, che gli disse che Kendrick aveva abusato di sua figlia quasi un decennio prima. Quando Josh Hood seppe che gli anziani del Nord Fremont avevano rifiutato tale informazione alla sua famiglia, era livido.

Hanno fatto sì che Jonathan non avesse il  permesso di andare in giro con i bambini perché aveva avuto un incidente con la sua figliastra dal suo precedente matrimonio, dove lui l’aveva toccata impropriamente,” ha dichiarato Josh Hood. “Non lo volevano intorno ai loro figli, così avrebbe dovuto camminare da solo“.

Dopo che Kendrick si tagliò i polsi, trascorse tre giorni ricoverato in un ospedale. Manuel Iglesias e Jim Dominguez, gli anziani di Oakley, incaricati di indagare le accuse della figlia di Josh Hood, lo visitarono lì. Nel frattempo, Josh Hood segnalò l’abuso alla polizia e riferì di aver consegnato loro un dischetto attestante la pornografia infantile, che egli sostenne essere stato copiato dal computer di Kendrick. Kendrick non è mai stato indagato per la presunta pornografia.

Anche se Kendrick ha confessato agli anziani dell’abuso, secondo i documenti del tribunale, essi non hanno collaborato all’inchiesta delle forze dell’ordine. Il Sergente Jeffrey Baldwin dell’ufficio dello sceriffo della contea di Contra Costa, ha detto in una deposizione che Iglesias non ha risposto alle sue chiamate. Quando Baldwin raggiunse Dominguez, l’anziano gli ha riferito che la sua visita con Iglesias e Kendrick era una “visita penitenziale” e quindi esente dalla segnalazione per le leggi obbligatorie.

Essi non volevano parlare con me di questo argomento; e  mi hanno fatto riferimento essenzialmente al loro avvocato” ricorda Baldwin.

Raggiunto in persona nella sua casa, Dominguez ha detto al Reveal: “E’ stato un periodo buio. Stavo cercando di proteggere la comunità. Penso che sia meglio per me se io non parlo ora“.

Aderendo alla politica della Torre di Guardia, gli anziani di Oakley, inoltre, non hanno detto alla loro congregazione quello che Kendrick aveva fatto.

Nel 2003, Kendrick è stato dichiarato colpevole di aver commesso un atto osceno su una minore di 14 anni. Ha trascorso circa otto mesi di carcere e cinque anni di libertà vigilata, durante i quali è stato sottoposto al trattamento sex offender.

 

Una vittima si fa avanti

Candace Conti was awarded a record settlement in her child sexual abuse lawsuit against the Watchtower Bible and Tract Society of New York, the parent organization of the Jehovah’s Witnesses.

Candace Conti ha ricevuto un risarcimento record per una causa sugli abusi sessuali da bambina contro la Watchtower Bible and Tract Society di New York, l’organizzazione madre dei Testimoni di Geova. Credit: Adithya Sambamurthy / Reveal

 

Ma non è finita. Anni dopo, una donna sostenendo di essere stata un’altra vittima di Jonathan Kendrick si sarebbe fatta avanti, mettendo in discussione la testimonianza degli anziani del Nord Fremont e aggiungendo altre prove ai casi di abusi su minori degli Stati Uniti  contro la Torre di Guardia.

Candace Conti era andata via dai Testimoni di Geova nel 2009, quando aveva deciso di cercare Kendrick su Internet.

Anni prima, ha riferito, Kendrick l’aveva abusata, ma lei non aveva mai denunciato l’accaduto. Si sentì peggio quando lo trovò su un registro di crimini sessuali.

So che non mi sarei perdonata, sapendo che avrebbe fatto male a qualcun altro“, ha detto. “Sapendo che è andato ad una diversa Sala del Regno e ha ferito qualcuno, sapendo che quella persona aveva la stessa mia età“.

Conti è nata tra i Testimoni di Geova e ha frequentato la congregazione del North Fremont fin da quando lei riesce a ricordare. Entrambi i suoi genitori e nonni per parte di madre erano testimoni. Ha iniziato a predicare porta a porta quando aveva 5 anni, distribuendo opuscoli della Torre di Guardia, con illustrazioni colorate del paradiso sulla terra.

Mi ricordo la mia tiritera di apertura era, – ‘Non ti piacerebbe vivere in un posto bello come questo?’- “, ha detto. “Tu li stai portando all’Organizzazione di Geova, stai salvando la vita di queste persone“.

Mentre era alla scuola elementare, Conti trascorreva 70 ore al mese di predicazione. Kendrick era diventato amico del padre di Conti. Anche se  non era adeguato che lei stesse intorno a Kendrick, Conti ha raccontato di essere finita, sola con lui, a bussare alle porte nei lunghi pomeriggi.

Secondo Conti, quando aveva 9 e 10 anni, Kendrick ha utilizzato il tempo di quando erano soli, portandola a casa sua e abusando sessualmente di lei. Ella ha sostenuto di aver mantenuto l’abuso nascosto per anni.

Mentre non vi era alcuna controversia su Kendrick che aveva molestato almeno due ragazze, egli ha negato con forza di rivelare di aver abusato o anche di essere stato solo con Conti.

Kendrick avrebbe detto solo durante una breve intervista telefonica: “Non ho molestato Candace Conti. Non sono mai stato interrogato dalle forze dell’ordine coinvolgendo Candace Conti. Non sono mai stato accusato di un reato che comporta Candace Conti“. Egli non ha voluto commentare su tutti gli altri casi.

La scoperta di Conti di Kendrick nel Registro di crimini sessuali l’ha portata di nuovo ai Testimoni. Ella si recò dagli anziani Michael Clarke e Larry Lamerdin, che l’avevano vista crescere, e raccontò loro la sua storia per la prima volta. Poiché ella non aveva avuto testimoni del suo abuso, ha detto, le hanno risposto che non c’era niente da fare.

Hanno ascoltato la mia storia da me ed entrambi piangevano, – ha detto -  Ma non potevano proteggermi. Erano con le mani legate. Essi erano vincolati da tali norme e regolamenti che arrivavano dall’Organizzazione“.

Clarke e Lamerdin scrissero alla congregazione di Oakley nel dicembre 2009 per informare gli anziani che Kendrick aveva abusato di Conti. La lettera è arrivata dopo sette anni che Josh Hood aveva appreso che Kendrick aveva abusato di sua figlia.

Lei sostiene che (sic) il rapporto era inadeguato e i suoi genitori e gli anziani di congregazione avrebbero dovuto porre fine ad essa“, hanno scritto. “Siamo totalmente d’accordo“.

Ci ha chiesto due volte se avremmo segnalato questo alle autorità“, hanno continuato. “Le abbiamo detto che se voleva fare una relazione era un suo diritto assoluto farlo“.

Quando Conti ha detto loro che non si fidava della congregazione per la protezione dei bambini, gli anziani hanno scritto, “Abbiamo condiviso una serie di scritture con lei per quanto riguarda l’amore e la preoccupazione per lei di Geova“.

Frustrata dalla risposta da parte dei Testimoni, Conti ha citato in giudizio la Torre di Guardia nel 2011.

E’ stato per attaccare le politiche e le procedure che erano in vigore, che consentono ad un molestatore seriale di continuare a molestare i bambini“, ha detto Conti. “Ho avuto questo senso di colpa. … E se io avessi potuto fare qualcosa per proteggere forse qualche altro bambino?

Durante il processo, l’avvocato di Conti, Rick Simons, si è concentrato sugli  appunti della politica degli abusi sui bambini della Torre di Guardia.

Nella sua deposizione durante il processo di Conti, Clarke ha dimostrato che gli anziani sono tenuti a rispettare rigorosamente le politiche della Watchtower.

Le congregazioni sono libere di deviare dalle pratiche attraverso le quali ricevono istruzioni attraverso lettere del ‘Corpo Direttivo‘?» Chiesero i suoi avvocati.

No“, ha risposto Clarke.

Michael Clarke deposition

Nel tentativo di scoprire chi ha scritto i memo, Simons ha anche fatto deporre Allen Shuster, un supervisore al servizio di assistenza della Watchtower, dove sono stati redatti i memo.

Shuster ha testimoniato che egli avrebbe potuto aver contribuito a scrivere alcune delle note, ma che non riusciva a ricordarlo con certezza.

Ci sarebbe stato un gruppo di anziani all’interno del reparto di servizio che ha redatto  un commento su questa lettera,” ha detto. “Essa sarebbe stato approvata da un comitato del Consiglio di amministrazione“.

Simons poi ha chiesto la regola dei due testimoni.

Queste sono le norme che vengono dal Corpo Direttivo?» ha chiesto Simons.

Questa è una dichiarazione precisa, sì“, ha risposto Shuster.

Prima del caso Conti, tutte le cause di abusi su minori degli Stati Uniti contro la Torre di Guardia venivano archiviati o si raggiungeva un accordo stragiudiziale. Il suo è stato il primo ad andare a processo. La giuria ha ritenuto nel 2012 che la congregazione del North Fremont e la Torre di Guardia erano state negligenti, non riuscendo a proteggere  Conti da un pedofilo conosciuto. Ella ha ricevuto più di $ 15 milioni in risarcimento.

Sulla scia del verdetto Conti, Josh Hood e sua figlia hanno presentato la propria denuncia contro la Torre di Guardia nel 2012.

Howard Magee, l’avvocato di Hood, ha fatto deporre Thomas Jefferson, un altro supervisore della Torre di Guardia nel reparto di servizio di New York. Egli ha confermato la testimonianza di Clarke nel caso Conti, secondo cui gli anziani sono istruiti a segnalare gli abusi sui minori al dipartimento legale della Torre di Guardia e sono tenuti a seguire tutti i consigli che ricevono.

Jefferson ha detto che la Torre di Guardia ha i file sulla storia di abuso di Kendrick. Lui non era a conoscenza di qualsiasi politica della Watchtower che vietava a Kendrick la predicazione porta a porta.

Le molestie sui minori sono una questione riservata,” ha detto.

Kendrick, ora 61enne, è ancora un membro attivo della congregazione di Oakley. Lui e Linda Hood sono rimasti insieme. Il caso della nipote di Linda Hood è stato respinto dopo che il giudice ha accettato la protezione del Primo Emendamento della Torre di Guardia.

Questo mese, un giudice della California si è pronunciato su un altro caso  contro la Torre di Guardia che si è rifiutata di fornire il suo database di abusatori.

In una dichiarazione piena di citazioni della Bibbia, la Torre di Guardia ha affermato che gli anziani di congregazione sono conformi alle leggi di segnalazione di abusi su minori.

La vittima e i suoi genitori hanno il diritto assoluto di denunciare il fatto alle autorità governative. (Galati 6: 5) “, si legge nella dichiarazione. “Gli Anziani di Congregazione non proteggono gli abusatori da parte delle autorità o dalle conseguenze delle loro azioni. (Galati 6: 7) “.

Crediamo che i genitori amorevoli e protettivi siano il miglior deterrente per gli abusi sui minori“.

 

This story was edited by Fernando Diaz and Robert Salladay and copy edited by Sheela Kamath and Nikki Frick.

Trey Bundy can be reached at tbundy@cironline.org. Follow him on Twitter: @TreyBundy.

 

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

 

 

Fonte: http://www.revealnews.org/article/jehovahs-witnesses-use-1st-amendment-to-hide-child-sex-abuse-claims/

da Rivista STOP n. 6 – 13 febbraio 2015, pag. 40

by Janja Lalich, Ph.D.

La gente che mi conosce – e non quella che mi conosce personalmente – di me sa due cose: che ho un nome che a prima vista sembra difficile da pronunciare e che negli ultimi 20 anni ho studiato i culti. Spiego entrambe le cose.

Photo: Janja Lalich Dr.ssa Janja Lalich
Come figlia di immigrati serbi – questa è la prima spiegazione – non dovevo andare al college. Mio padre “di stampo antico” credeva che le ragazze fossero messe su questa terra per sposarsi e avere bambini serbi sani, preferibilmente maschietti. Ma io ho avuto un destino diverso e ho avuto la fortuna di crescere in un momento in cui il college era abbordabile e le borse di studio erano abbondanti. Ho frequentato la scuola e ho completato i miei studi con una laurea con lode presso l’Università del Wisconsin, seguita da una borsa di studio Fulbright presso l’Université d’Aix-en-Provence, nel sud della Francia. In seguito ho deciso di non proseguire gli studi universitari e sono andata a vivere e lavorare a New York, poi ho trascorso quattro anni circa  su un’isola spagnola, e alla fine mi sono stabilita a San Francisco. Era la fine degli anni ’60 e i primi anni ’70,  ed io ero uno spirito libero, con le aspirazioni per tutta la vita di essere una scrittrice.

Perché dico tutto questo? Perché in quel momento sono entrata in un culto!

Nel 1974 nessuno avrebbe mai detto che un essere intelligente, indipendente, saggio e testa dura come me un giorno avrebbe avuto piacere a stare sotto il controllo di qualcuno, io  sicuramente avrei sorriso e avrei detto: “No, non me!“.  Ma sì, a me – e io porto questo background in parte per distruggere il mito duraturo che solo le persone fragili e stupide possono entrare in una setta.

Per 10 e più anni ho vissuto in un ambiente estremamente controllato e restrittivo, da vero credente con l’idea di aver trovato il mio destino e di lavorare per scopi positivi. Io, con i miei compagni, ma solo grazie al nostro leader, stavamo per cambiare il mondo – quando in realtà l’unica cosa che avevo ottenuto era il mio cambiamento. E non solo, mi era stato lavato il  cervello – una parola che uso volutamente e su cui tornerò più tardi – ma io ero una dei più lavati di cervello nel mio gruppo!

Quando mi viene chiesto se mi pento della mia esperienza di culto e se potrei farla di nuovo, io rispondo che sì, mi pento e no, io non lo farei di nuovo. Certo, ho incontrato alcune persone simpatiche e ho imparato alcune cose; posso anche dire che ho imparato molto – con l’avvertenza che avrei preferito imparare quelle cose in un altro modo.

Ma il gioco è fatto. Sono entrata in un culto. Ho passato più di 10 anni vincolata, confinata e spesso in conflitto. Questo fa parte del mio background – e quindi l’unica cosa sensata da fare, per quanto ho potuto dire, era quella di “trasformare una cosa cattiva in una buona cosa“.

Una volta fuori dal culto, dopo tanto tumulto interiore, insicurezza, ansia e timore, mi sono iscritta ad una scuola di specializzazione e ho ottenuto un dottorato di ricerca. Oggi faccio tutto quello che posso per contribuire a portare le persone della nostra società ad una migliore comprensione di quei gruppi controversi, che, alcuni di noi qualche volta identificano come culti. Spero anche di poter aiutare gli ex membri dei culti a capire meglio le proprie esperienze e come potrebbero venire a qualche soluzione personale con tutto questo.

Mi piacerebbe rivedere alcuni degli eventi rilevanti nei 30 anni dalle morti in Guyana, per ricordare e onorare alcune delle persone importanti nel nostro settore [1] e di suggerire come potremmo guardare al futuro. Incastrerò qui le varie tematiche che attraversano le mie idee.

Come meglio iniziare nel rispetto della mia cara vecchia amica e collega, la compianta Margaret Singer, che avrebbe detto: “Sì, Virginia, c’è qualcosa come un culto”.

E quando uso la parola culto, non sto parlando di religione o di sistema di credenze che “non mi piacciono“. Ad alcuni dei nostri detrattori piace parlare della storia ingiusta della persecuzione religiosa o i ministri tradizionali parlano di religioni minoritarie. Piuttosto, io sto parlando di rapporti di potere squilibrati e di sistemi sociali ultra-autoritari e di controllo.

Vorrei aggiungere che faremmo bene non solo a studiare i culti, ma anche a parlare delle conseguenze dell’appartenenza a tali gruppi e dei comportamenti controversi e talvolta dannosi del gruppo nel suo complesso.

Non nego che le esperienze positive possono verificarsi in un contesto di culto, ma ciò che è di interesse per me è la dinamica interazionale trovata nei culti che porta gli esseri umani a impegnarsi in comportamenti a volte insidiosi o umilianti moralmente, o a volte incomprensibili. Nel corso degli anni abbiamo assistito ad innumerevoli eruzioni violente – verso l’interno o verso l’esterno – relativi ad un culto o ad un altro.

Il 18 novembre del 1978 più di 900 seguaci del reverendo Jim Jones morirono al suo comando e per mano dei loro compagni, nella giungla remota della Guyana britannica, una piccola nazione sulla costa settentrionale del Sud America.

Questi veri credenti a Jonestown – tutti cittadini statunitensi – vivevano e lavorano in quella comunità isolata che avevano costruito da zero – mal nutriti, oberati di lavoro, credendo che stavano creando una società utopica, forgiata di profezie e fantasie di Jones.

Con quanta coercizione furono coinvolti? Con quanta doppiezza, manipolazione, intimidazione, minaccia?

Sappiamo che una volta lì, non potevano uscire senza la benedizione della leadership, in quanto ogni passaporto di ogni persona era trattenuto da lui.

Sappiamo che Jones impegnava la gente in esercitazioni di suicidio, chiamate White Nights – queste erano prove di fedeltà.

Jones non è stato il primo leader della setta a chiedere “Vuoi morire per me?“. Ma lui è stato certamente uno dei pochi ad aver portato a compimento quello su scala così massiccia.

Sappiamo che le famiglie e le coppie sono state separate le une dalle altre, fatte  vivere in quartieri separati, e che i bambini non venivano allevati dai loro genitori.

Sappiamo che i dissidenti venivano spesso sedati (pesantemente drogati contro la loro volontà) e limitati a una “ampia unità di cura“.

Sappiamo che i bambini, così come gli adulti maschi e le femmine, furono fisicamente o sessualmente abusati.

Sappiamo che Jones aveva un corpo di leadership altamente funzionante e un entourage medico che gli teneva il gioco e che sono stati strumentali nella gestione del veleno in quell’ultimo giorno, quelli che hanno effettuato l’ultima chiamata di Jones per quello che aveva etichettato come “suicidio rivoluzionario“.

Non c’era uscita per chi dubitava o sfidava le direttive. I residenti del comune di Jonestown erano condannati. Guardavano per prima i bambini cui era forzatamente iniettata  la miscela letale di cianuro e di succo di frutta, successivamente gli adulti stessi potevano “scegliere” di avvelenarsi. Qualora uno anche avesse avuto i mezzi per resistere, lui o lei sarebbe stato minacciato a mano armata da una squadra di sicurezza composta da parrocchiani. Questo incidente di ampia portata è un esempio orribile di quello cui mi riferisco come “scelta limitata“. [2]

Immagini orribili invasero le onde radio. Ricordo di averli visti in tv mentre io stessa ero in un culto. Una vera credente passionaria – me – vedeva la decomposizione dei centinaia di cadaveri  di altri veri credenti accatastati uno sopra l’altro. Fu scioccante.

La maggior parte di queste persone provenivano da San Francisco, dove vivevo all’epoca. L’edificio della chiesa del Tempio del Popolo era uno dei più importanti distretti in cui avevo camminato centinaia di volte per l’organizzazione e il reclutamento, vendendo il giornale del mio culto, facendo firmare petizioni e anche facendo raccolte fondi tra la povera gente che viveva in quel quartiere. Alcune di quelle stesse donne afro-americane cge avevano creato e donato  bei pezzi di lavoro con quilling  per i nostri cosiddetti sforzi politici avrebbero può benissimo essere andate a morire nella giungla della Guyana.

Mentre le immagini dei morti erano infinitamente visibili su TV, giornali e riviste, il giornale del mio culto gestiva un editoriale lungo in cui il nostro leader esaltava Jones, i suoi seguaci e la loro missione e la visione socialista. Abbiamo capito perché avevano fatto quello che hanno fatto, scriveva il mio capo. Anche noi vivevamo nel ventre della bestia e conoscevamo il desiderio di fuggire in una terra migliore. Naturalmente, quell’editoriale era superficiale, ed una istintiva analisi simpatizzante – un capo di culto che difende un’altro. E non per la prima volta. Nel corso degli anni abbiamo visto alcuni strani compagni di letto: vari gruppi lontani con opposte ideologie ed obiettivi che hanno unito le forze in campagne di pubbliche relazioni, battaglie legali, e così via.

Allora, cosa abbiamo imparato?

Alcuni culti inducono i loro membri a “suicidarsi“?

Sì, ma non sempre. Tuttavia, per quanto ne sappiamo  non tutti i culti fanno la fine di Jonestown, sappiamo anche che uno o due ne ha avuto volontà; infatti, ce ne sono stati nel frattempo uno o due o più.

Dovremmo considerare questi atti di suicidio indotti da un omicidio?

Sì, penso di sì.

In caso di dubbi circa i meccanismi di controllo in gioco, leggete questo brano di una lettera scritta a Jones da una delle sue infermiere del cerchio interno. Lei chiede come la fine avrà luogo:

Papà … Le stesse persone che resistono al Suicidio Rivoluzionario perché vogliono salvare i loro asini sarebbero eccellenti prigionieri per il nemico … Anche se il più forte si potrebbe uccidere prima di essere portati, i più deboli – non importa quello che potrebbero dire in incontri pubblici – non potrebbero uccidere se stessi e sarebbero i primi a parlare.

     Prepariamo la gente leggendo il sistema p.a.  con parole forti, assertive rivoluzionarie del passato che hanno determinato questa scelta … Ci si riunirà nel padiglione circondati con la sicurezza altamente affidabile armata di  pistole. I nomi saranno chiamati fuori a caso. Le persone saranno accompagnati nel luogo di morte da una forte personalità … che sarà amorevole, supportante [supporto] ma non simpatica. Essi saranno accompagnati da due forti uomini della sicurezza con le pistole. (Non mi fido di far organizzare la propria morte alle persone … ma [che] essa può essere organizzata da pressioni esterne e senza alternative lasciate aperte). Al posto di morte essi saranno colpiti alla testa e se Larry non crede che siano definitivamente morti, la loro gola verrà tagliato con un bisturi. Sarei disposta ad aiutare qui se è necessario. I corpi potrebbero essere gettati in un fosso. Potrebbe essere consigliabile bendare le persone prima che si rechino al posto di morte perchè il sangue e il corpo rimagono per terra potendo aumentare l’agitazione. [3]

Così, può il  narcisismo sfrenato di un leader di una setta portare ad atti di violenza – verso l’interno visto da fuori?

Sì. Ricordate, non solo Jones ed i suoi seguaci sono morti – tra cui 303 bambini innocenti che non hanno fatto questa scelta – ma anche un membro del Congresso degli Stati Uniti e quattro membri della stampa furono uccisi e altri feriti seriamente mentre cercavano di andarsene [4].

Ciascuno dei collettivi suicidi/omicidi di massa che sto per citare è incredibilmente complesso e garantisce un’ampia discussione. Li cito brevemente qui come alcuni degli altri incidenti da cui  possiamo imparare.

1993: In Texas 80 membri dei Davidiani, seguaci di David Koresh, tra cui 22 bambini, muoiono in un inferno ardente presso la zona Waco. Potremmo chiederci: Koresh avrebbe lasciato andar via la sua gente? [5]

1994 – 1997: Un totale di 74 persone, membri dell’Ordine del Tempio Solare in Canada, in Svizzera e in Francia morirono. Anche in questo caso vi erano neonati e bambini, morti in rituali brutali. Quanto è stata l’accondiscendenza? Quanti furono costretti? [6]

1997 “Suicidio collettivo”: a Rancho Santa Fe, California, 39 membri del culto Porta del Paradiso.  Altri due seguaci di Marshall Applewhite seguirono l’esempio nei sei mesi successivi – e forse  non abbiamo mai imparato a capirlo preventivamente. [7]

2000: In Uganda, più di 400 membri del Movimento per la Restaurazione dei 10 Comandamenti furono brutalmente assassinati e sepolti in fosse comuni segrete; altri 300 bruciati a morte nella chiesa chiusa. [8]

Questi sono fatti tragici, sì, non c’è che dire. Ma nella mia mente, ciò che è più importante a proposito del Tempio del Popolo e di  Jonestown, e ciò che è così importante circa altri culti, è quello che ci dicono circa i sistemi di influenza e di controllo che sono istituiti per trattenere i membri e garantire la loro lealtà in parole e fatti.

Quando sentiamo il termine “estremismo ideologico“, possiamo più immediatamente pensare a atti di violenza verso gli estranei, come stiamo vedendo in molte parti del mondo oggi. Tuttavia, ciò che non dobbiamo perdere di vista è che l’estremismo ideologico e la violenza che può derivarne non è solo quella di orchestrare suicidi collettivi o martiri, contaminare aerei o autobus affollati. Piuttosto, al suo interno, è la struttura sociale che viene impostata intorno a quella ideologia, la promessa di “salvezza” e la ricetta del leader di trasformazione che vi porterà lì, circa l’istituzione di sistemi di influenza e di controllo all’interno che la struttura sociale auto-sigillante ha per garantire obbedienza e di conformità  e circa i rapporti di potere e lo squilibrio di potere tra il leader carismatico e i seguaci.

In definitiva, se si crede che i membri del culto abbiano subìto il lavaggio del cervello, si tratta di considerare almeno una parte dei membri con stato sociale-psicologico ed emotivo di  “scelta limitata” [9]. Questa è la condizione normale, le persone intelligenti,  istruite che rinunciano per anni della loro vita – e talvolta alla loro stessa vita o prendendo la vita degli altri – a causa della profonda interiorizzazione dell’ideologia del gruppo e dei suoi obiettivi presunti. Di volta in volta, vediamo l’adulazione acritica di una figura autoritaria, combinata con sacrificio personale e perdita di potere da parte del seguace. Io sostengo che questo richiede quel complesso mix di elementi che  portano ad atti di violenza. Questi atti non sarebbero possibili, non sarebbero giunti a buon fine senza la manipolazione sociale-psicologica che va avanti, non vista e non riconosciuta dalla maggior parte delle persone all’esterno.

Ma ancora più importante, credo, è la comprensione e il riconoscimento che l’estremismo ideologico si manifesta più frequentemente, non in missioni suicide, ma piuttosto nella manipolazione quotidiana, nell’oppressione, nella sottomissione, nello sfruttamento e nella violenza verso i membri del culto e verso le loro famiglie all’interno della setta, compresi i bambini che sono nati e cresciuti in quell’ambiente. Se prendiamo una visione più ampia di estremismo ideologico e delle sue conseguenze, vediamo altre forme di esiti violenti, tra cui quella fisica, sessuale e gli abusi emotivi; sfruttamento; omicidio e caos. E non solo tra i gruppi religiosi o quasi-religiosi, ma tra i gruppi con una vasta gamma di sistemi di credenze.

Permettetemi di portare esempi:

 The Family di Manson nel 1969: nel sud della California, almeno otto persone furono uccise, quattro in carcere, oltre allo stesso Charles Manson. Nel frattempo Mansonite Leslie Van Houten, 58 anni, ha sprecato quasi il doppio degli anni di carcere, della sua vita al momento della sua condanna. Lei ha completamente rinunciato a Manson, fu una detenuta modello, ha completato un master, e così via – ma lei non sarà mai perdonata e mai rilasciata sulla parola [10].

  Esercito di Liberazione Simbionese nel 1974: il rapimento dell’ereditiera Patty Hearst da questo culto  politico, le cui attività includevano sparatorie della polizia, rapine in banca, attentati falliti, omicidio e la perdita della vita di un civile innocente, così come di diversi membri stessi SLA. [11]

Ecco un altro tipo di risultato.

L’Associazione Internazionale per la Coscienza di Krishna (ISKCON) è uno dei gruppi più noti e visibili venuto negli Stati Uniti nel 1965, meglio conosciuto come gli Hare Krishna. Nel 2000 una class-action fu depositata per presunti abusi sessuali di bambini cresciuti nei collegi ISKCON. Di interesse è il fatto che gli Hare Krishna è uno dei pochi gruppi controversi che producono giustificazioni e offrono indennizzi, si badi bene, con vincoli, che alcuni sentono inadeguati. [12]

I Figli di Dio dal 1968 al 1970: il gruppo di David Moses Berg fu costituito nel periodo di massimo splendore di attività del culto in America, poi si spostò in tutto il mondo. Nel 1974 questo gruppo (ora conosciuto come The Family) fu tristemente noto per le sue pratiche sessuali controverse, che per prime erano “condivise” tra i membri del gruppo, poi con gli estranei (la pratica nota come “pesca amorosa”), poi ampliato per includere i bambini, tra cui i propri figli! [13]

Nel 1984 il culto guidato dal guru indiano Bhagwan Shree Rajneesh mise i batteri della salmonella nelle insalate del  bar di una vicina città, sperando di influenzare le elezioni locali in favore della setta. La speranza del culto era che i cittadini non si recassero alle urne quel giorno [14]. Più di 700 persone stettero male. Questo fu il primo atto di una ”guerra” biologica  – probabilmente meglio descritta come un crimine biologico – negli Stati Uniti

Nel 1992 il Consiglio Minnesota Patriots, un gruppo di miliziani anti-governativi, riuscì a produrre ricina, un veleno mortale derivato dai semi di ricino, ma non hanno mai capito che cosa fare con esso. [15]

Nel 1995 Aum Shinrikyo rilasciò sarin, un tipo di gas nervino, nella metropolitana di Tokyo, uccidendo 12 persone e causando più di 5.000 feriti. Si è trattato di  una “guerra” chimica  – e forse più giustamente definita guerra, perché il culto Aum era destinato a provocare la distruzione dell’umanità nella loro ricerca di Armageddon. [16]

È interessante il recente libro Bracing for Armageddon? del professore di immunologia della UCLA (University of California, Los Angeles) William Clark [17] che cita questi ultimi tre esempi, quelli orchestrati da gruppi settari, come tentativi di attacchi di bioterrorismo su larga scala.

Ma dovremmo essere preoccupati? Il dr. Clark non la pensa così. Secondo lui, l’esperienza combinata necessaria – in microbiologia, bioingegneria, meteorologia e in altre aree scientifiche – per avere successo nella creazione di un arma biologica è altamente improbabile che si verifichi, non tra i gruppi terroristici, non tra le nazioni. E così possiamo supporre, non tra i culti. [18]

Aum, per esempio, con tutti i suoi membri di alto livello addestrati scientificamente, ha speso milioni di dollari e quasi un decennio cercando di sviluppare armi biologiche e non ha avuto successo. Il dr. Clark crede che abbiamo molto di più di cui preoccuparcii dall’influenza aviaria o da qualche altro focolaio naturale.

Tuttavia, oggi siamo tutti preoccupati per il terrorismo e la sicurezza nazionale. Leggiamo ogni giorno di attività terroristiche, di  morti, lesioni, distruzione. Vediamo tante cose di seguito in TV o su Internet.

Nel corso degli anni, abbiamo letto articoli sulla stampa di tutto il mondo, sulle famiglie che hanno evidenziato come il proprio caro sia stato sedotto da un imam radicale, un compagno, qualcuno nella moschea, un collega, o un vicino di casa per diventare un martire rivoluzionario. Parole come “coercizione“, “lavaggio del cervello“, “reclutamento mirato” e “persuasione” tendono ad emergere in questi rapporti.

Purtroppo, un recente articolo della CNN riferito alla prevalenza delle donne che vengono utilizzate per missioni di bombardamento suicide riferisce: “L’Intelligence raccolta da detenuti indica che al Qaeda in Iraq è alla ricerca di donne con tre caratteristiche principali: coloro che sono analfabete, che sono profondamente religiose o che hanno problemi finanziari perché molto probabilmente hanno perso la presenza di un capofamiglia … Se lo stato psicologico della donna è ridotto male, essi cercano di attirarla con le illusioni che andrà in paradiso. Tutti loro provengono da famiglie di terroristi che vengono reclutati e messi sotto pressione” [19].

Non ho alcun dubbio che un certo numero di noi abbia molto da contribuire per una comprensione più completa del reclutamento e dell’indottrinamento di giovani uomini e donne in organizzazioni terroristiche. Sappiamo che non sono diventati tutti kamikaze. Per coloro che sono selezionati per queste missioni di martirio, l’indottrinamento non deve essere lungo, in quanto ci sono molti altri fattori geopolitici, storici, teologici e personali coinvolti che possono rendere un processo relativamente veloce. Ma il punto è: essi sono nel processo di indottrinamento – e questo è qualcosa che quelli di noi che studiano i culti conoscono. La stragrande maggioranza delle persone non sono nate per uccidere, tanto meno in questo modo. I kamikaze non sono psicopatici; sono vittime.

E’ ormai chiaro per me nella mia recensione della letteratura sul terrorismo che tanti – mi piacerebbe anche dire, la maggior parte – degli autori principali hanno una comprensione minima, nella migliore delle ipotesi [20], e di  grave malinteso, nel peggiore dei casi, dei processi di influenza di cui siamo così consapevoli e in sintonia e che sono certamente in gioco qui. Uno degli esperti di terrorismo più altamente considerato recentemente ha ripetuto quello che ha scritto in un libro precedente [21],  sostenendo che i  giovani musulmani non sono suscettibili di lavaggio del cervello [22] e, pertanto, che non c’è una spiegazione del perché essi vengono coinvolti in organizzazioni e attività terroristiche. Se Marc Sageman capisse cosa è il lavaggio del cervello, non potrebbe fare una tale affermazione di chiusura mentale.

Ironia della sorte, Sageman continua a descrivere il processo in quattro fasi secondo le quali i giovani si radicalizzano – un processo che, per lui, va un po’ magicamente dall’esperienza personale all’ideologia di una rete sociale in cui si chiacchiera di cose fino all’azione. Non una sola parola circa il processo di cambiamento di un individuo che deve passare attraverso un procedere dalle parole ai fatti, soprattutto quando si tratta di violenza, di azioni estremiste. Nessuna menzione degli elementi chiave dell’influenza (forse anche, oserei dire, di coercizione?)

Critica a tale processo.

Mentre il terrorismo è una questione importante, dobbiamo anche tenere a mente che una cultura della paura è stata generata – almeno negli Stati Uniti – tanto da considerare l’attività terroristica come una minaccia più grande di quella che è. Uno studio recentemente pubblicato dai ricercatori della Simon Fraser University indica che, se mettiamo da parte la guerra in Iraq, gli atti di terrorismo e le conseguenti perdite sono calati negli ultimi cinque anni – di oltre il 40% dal 2001 [23]. Inoltre c’è stato un calo del 54% tra il 1985 e il 2004 del numero dei gruppi in Medio Oriente e Nord Africa che agiscono con violenza. Una causa di questo, secondo lo studio, è l’enorme calo di sostegno alle organizzazioni terroristiche islamiste nel mondo musulmano. Prove storiche rivelano che una volta che perdono il sostegno pubblico le campagne terroristiche tendono ad essere abbandonate o sconfitte.

Abbiamo visto il fenomeno stesso qui negli Stati Uniti nel 1970, quando il Weather Underground, un gruppo di radicali estremisti di sinistra, si staccò dal gruppo pacifista più moderato, Studenti per una società democratica. I Weathermen, che fecero esplodere alcuni edifici – e se stessi – sono stati molto rapidamente isolati e divenuti ininfluenti. Così è stato per il gruppo radicale Earth First!, quando fissavano chiodi negli alberi e altri atti potenzialmente violenti per fermare il trasporto del legame. Molti persero interesse e sostennero i gruppi ambientalisti più moderati. Lo stesso effetto di contenimento ha avuto luogo quando estremisti spronati dall’Esercito di Dio e da diversi altri gruppi di odio incitavano l’omicidio dei medici abortisti. Almeno tre medici e quattro membri del personale della clinica furono uccisi. Le Cliniche furono bombardate e si verificarono atti vandalici; il personale e i volontari furono inseguiti e perseguitati. In definitiva, il risultato è stato di emarginare chi promuove l’estremismo ideologico e di isolarne i suoi autori.

Così, mentre noi certamente vogliamo mantenere la nostra attenzione sui gruppi terroristici che utilizzano le tecniche dei culti per reclutare e convertire i fedeli seguaci in agenti schierabili, non dobbiamo dimenticare quello che io ritengo essere la nostra prima priorità – tutti quei culti presenti in mezzo a noi.

* * *

Ho citato i gruppi politici e le organizzazioni terroristiche nella stessa frase in cui ho usato la parola “cult”. Voglio essere chiara su che cosa intendo quando uso la parola “cult”. Inoltre, vorrei affrontare la controversia in corso che la circonda, un dibattito che, purtroppo, ci affligge ancora e qualche volta ci distrae e ci distoglie dai nostri maggiori obiettivi.

In un recente pezzo del New York Times, gli autori sostengono che i terroristi amano essere chiamati jihadisti perché li associa ad un termine che ha connotazioni positive [24] così come alcuni culti sicuramente vorrebbe essere chiamati  “nuovi movimenti religiosi” (NRM), perché li mette in una luce positiva. (Tranne ovviamente un culto come quello in cui ero io, che era politico: “religioso” non è certo un identificatore appropriato per un tale gruppo, che è esattamente parte del problema con il termine NRM). Nel caso dei terroristi, una volta che si chiamano jihadisti, si inseriscono nel bel mezzo di un quadro religioso, trasformando la discussione verso la teologia e lontana dal terrorizzare e dall’intimidire il pubblico e dall’assassinio di innocenti. La Jihad ha grande onore; si devia dalla violenza illegale e dal disordine. Gli autori della pagina interna del giornale affermano: “L’etichetta può sembrare antica, ma il terrorismo è una parola riconosciuta a livello internazionale per un crimine riconosciuto a livello internazionale. Se vogliamo vincere la guerra delle parole, faremmo bene a scegliere quelle che usiamo con maggiore attenzione” [25].

Per quanto riguarda i NMR io sono a volte colpita dalla mancanza del pensiero complesso tra alcuni studiosi. Per primo, sembrano pensare che se si identifica un gruppo con un culto, allora si può anche dire che non è una religione, o una “nuova” religione, come se uno esclude necessariamente l’altra. Si danno una pacca sulla spalla e sostengono che  “le guerre ai culti” sono finite. Non così in fretta, mi dico.

Visto quello che sta accadendo in tutto il mondo di oggi, la loro posizione idiota e il loro incantesimo incessante che il lavaggio del cervello non esiste, mette loro stessi dalla parte sbagliata della storia.

E ora un dibattito tra di loro sembra essere incentrato su ciò che significa “nuovo”. Dopo quanti anni qualcosa non è più “nuova“? Penso che non sia questo il punto. Quali siano le caratteristiche di  interesse che spieghino cosa sia un culto, che ci fa capire questo termine – che si tratti di un NRM o vecchio RM, un club, un gruppo politico, una scuola di karate, un comune, una famiglia, un gruppo di psicoterapia , un gruppo UFO, e così via. A questo proposito, dobbiamo guardare i modelli di struttura, le relazioni sociali, le relazioni di potere e i  comportamenti che permettono di caratterizzare qualcosa come un culto.

Altrettanto importante, come accennato in precedenza, non avendo un indentificatore concordato comune e neutro – o interdisciplinare – ci ritroviamo con nessun linguaggio con cui parlare di quei gruppi che non sono basati su ideologie teologiche, come il mio vecchio gruppo e come molti altri. Così come il termine terrorismo è riconosciuto a livello internazionale, mi riferiscono che il termine “setta” ha una solida base: nelle scienze sociali, che sono la sociologia, l’antropologia, la criminologia, le scienze politiche, la psicologia sociale e la psicologia; nelle scienze umane, negli studi religiosi, nella storia e negli studi americani; così come nella teoria della struttura e dell’organizzazione. Non importa che alcuni accademici simpaticizzanti e portavoci delle sette vorrebbero farci credere – o ancora più importante, avrebbero il supporto, la professione legale e del pubblico in generale,  -  che non esiste una cosa come un culto e una cosa come il lavaggio del cervello.

In una sorta di fuorviante correttezza politica, gran parte dei media può aver fatto marcia indietro, scegliendo “setta” la maggior parte del tempo. E alcuni tribunali potrebbero essere stati ingannati dalle tattiche ingannevoli aggressive di alcuni cosiddetti esperti, anche se alcuni tribunali hanno compreso questo e hanno permesso testimonianze, per quanto riguarda l’influenza indebita del controllo cultuale. E posso dire che il pubblico non è così stupido. La gente capisce questi termini.

Ora io non intendo dire che sia così semplice, o che non ci sono alcune incomprensioni o istanze precipitose o mal classificate che possono andare avanti. Realisticamente, questo è il caso con qualsiasi cosa controversa.

Sì, culto è un concetto controverso [26]. Tuttavia questo non significa che dobbiamo gettare tale termine. Ha una buona base; è stato riconosciuto più volte; ed ha uno scopo.

Abbiamo bisogno di fare un lavoro migliore per spiegarlo? A volte, sì.

Abbiamo bisogno di parlare quando è utilizzato in modo improprio o troppo in fretta? Sì, naturalmente.

Il termine culto ha assunto una connotazione negativa? Sì, credo che questo sia valido per alcune persone in alcuni casi.

Alcuni culti, se non tutti, hanno la responsabilità di questo? Sì, credo che sia così.

I culti diventano disperati e talvolta agiscono sotto la minaccia di pressioni esterne o della percezione di sentirsi “perseguitati“? Sì, alcuni di loro lo fanno. Ma questo non significa che dobbiamo stare zitti e andare via, che dobbiamo interrompere il nostro studio su di loro o cessare di ritenerli responsabili rispetto ad un comportamento umano decente e alle leggi del paese. In realtà, si è visto che la pressione esterna ha portato talvolta un culto a cambiare o “ammorbidire” le sue pratiche, come il culto  poligamo FLDS che sta effettuanto sanzioni per i  matrimoni con minorenni. Il controllo pubblico a volte paga, e lo dico con la precisazione che non sto sostenendo l’intervento del governo ingiustificato o il passaggio di leggi che possano limitare le nostre libertà. Ma la libertà viene inoltre fornita con l’obbligo di agire in modo responsabile.

Abbiamo bisogno di migliorare e approfondire la nostra comprensione del fenomeno in tutte le sue manifestazioni? Sì, naturalmente. Questo è il motivo per cui la nostra ricerca in corso è così vitale. Perché dobbiamo sforzarci di pubblicare attraverso le discipline. Dobbiamo portare il nostro punto di vista là fuori  in seri, sostanziali, articoli e libri.

Dobbiamo continuare a lottare – strategicamente ed elegantemente – contro la lista nera accademica che Ben Zablocki ha scritto più di 10 anni fa [27]. E non solo la lista nera su ogni discussione di lavaggio del cervello, mentre scriveva in quel particolare articolo, ma anche noi dobbiamo lottare contro ed esporre la difficoltà di ottenere che tutto ciò che ha pubblicato presenta una prospettiva critica dei culti in generale o di un gruppo specifico – non importa quanto ben studiato e motivato può essere il lavoro.

E – estremamente importante – dobbiamo ancora lavorare per convincere la gente a capire meglio la complessità del coinvolgimento nel culto e di impegno, in modo che  la colpa non cada sulla vittima.

Come per ogni area di studio, dobbiamo definire il nostro argomento di interesse  o non saremo in grado di studiare, nè di parlarne. Francamente, credo che creiamo più confusione e problemi per noi stessi e deviamo dai nostri obiettivi didattici e di ricerca, quando usiamo un miscuglio di termini – totalitario, alto-demand, chiuso, autoritario, e così via. Questi sono cosa buona e giusta. Non ho niente contro di loro, davvero. In realtà, mi sono resa colpevole di questo esercizio di evitamento. Ma in realtà, non è vero che  stiamo solo esitando dal dire le cose come realmente stanno?

Ero molto rincuorata il mese scorso quando il Prosecution Service Corona britannico ha stabilito che la parola culto non era “abusiva o offensiva“.  Questo è stato scritto in una relazione della polizia di Londra rilasciata su un giovane uomo che faceva picchettaggio in una delle manifestazioni anonime di fronte a Scientology. La polizia ha insistito affinchè  il ragazzo togliesse dal suo cartello  la parola “culto“. Quando l’atto di citazione ha ottenuto il risultato, la madre ha detto che la decisione è stata “una vittoria per la libertà di espressione” [28] – e in effetti  lo è stata.

Che cosa ci riserva il futuro?

Come ho scritto nel mio libro  Bounded Choice, “La combinazione della leadership carismatica, un sistema di credenze trascendente, impegno personale e la pressione sociale e psicologica è la dinamica chiave” [29]. E’ la chiave per la trasformazione dell’individuo dal credente dedicato all’agente schierato e rappresenta il nucleo di ciò che dobbiamo cercare di trasmettere agli altri. Sottomettersi al dominio di un leader carismatico è un processo intimo e complesso; è unico per ogni capo e ogni devoto. Tuttavia, esaminando le somiglianze di influenza carismatica e di controllo nelle sue varie forme, ci troviamo ad acquisire una più profonda comprensione di questo fenomeno enigmatico. Diventiamo anche meglio attrezzati per condividere la nostra conoscenza con altri professionisti interessati e con il pubblico in generale.

Tanto sta accadendo nel mondo di oggi, dove possiamo contribuire. Una serie infinita di eventi ci chiama:

• La recente situazione con la Chiesa Fondamentalista di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (FLDS), comunità nel Texas.

• Il profeta/leader della FLDS, Warren Jeffs, condannato lo scorso anno di essere complice di stupro perchè responsabile di un matrimonio tra un giovane uomo e una ragazza di 14 anni, e di fronte, oltre ai diversi incarichi in Arizona. [30]

• Le proteste selvaggiamente creative degli Anonymous in tutto il mondo.

• Il flusso incessante di persone vulnerabili in organizzazioni terroristiche

E ci sono un sacco di altri incidenti:

• Tre grandi “dream homes” cui è stato appiccato il fuoco da eco-terroristi, il Fronte di Liberazione della Terra, un gruppo che. insieme con il Fronte di Liberazione Animale, ha commesso e rivendicato centinaia di attacchi criminali negli ultimi dieci anni. Questo ha fatto sette milioni di dollari di danni. [31]

• Un gruppo di seguaci (tra cui almeno quattro bambini) di un leader di una setta russa si sono barricati in una grotta a circa 400 km a sud est di Mosca, per più di sette mesi in attesa del giorno del giudizio. [32]

• Una intervista ad un leader di culto egocentrico che dichiara di essere il Messia, che ha ammesso nel video di aver “giaciuto nudo” con tre ragazze minorenni (uno di appena 12 anni), è stato arrestato e accusato di contatto sessuale criminale con un minore circa una settimana dopo che il programma fosse in onda sul canale National Geographic. [33]

Tutto questo e molto altro ci dice che l’estremismo ideologico è vivo e vegeto. I culti prosperano sull’estremismo ideologico. Attraverso meccanismi noti di influenza e di controllo – i modelli che abbiamo visto più volte in questi gruppi – le vite individuali diventano sempre più costrette, a volte gradualmente, a volte piuttosto rapidamente. Le menti sono modellate per rispondere nel modo approvato culto. Nel caso di coloro che sono nati o cresciuti in un culto, queste influenze di controllo sono ovunque intorno a voi, dalla nascita, fin dall’infanzia. Per chi è cresciuto in un ambiente del genere il gruppo può lasciare un’impronta ben oltre quello che molti di noi possono iniziare a comprendere.

Sono attualmente impegnata in un progetto di ricerca, intervistando persone che sono nate o cresciuti in un culto. Ciò che rende unica la popolazione che sto intervistando è che tutte queste persone hanno lasciato il culto per conto proprio, sia in adolescenza o nella prima età adulta. Sono così umiliata e intimorita dalle storie di vita che queste persone coraggiose stanno condividendo con me. E la buona notizia è che essi sopravvivono. Costruiscono vite, hanno relazioni, vanno a scuola, costruiscono le proprie carriere, e per capire le loro emozioni e ciò in cui credono, hanno coraggiosamente lottato con problemi di identità e di questioni di vita pratica, spesso senza una mano.

E’ stato chiaro da tempo che questa è la nuova popolazione che richiede la nostra attenzione. Le loro esperienze, le loro intuizioni sono l’aggiunta di una nuova dimensione alla nostra base di conoscenze. Grazie a loro, vorrei sostenere che la comprensione scientifica della “resilienza” sarà notevolmente ampliata. Anche loro sono i nostri eroi.

Ho letto qualcosa su Internet, l’altro giorno: un professore con dottorato di ricerca ha scritto, “I kamikaze sono determinati geneticamente a diventare assassini,” nel senso che sono nati in questo modo. Personalmente e professionalmente, non lo credo che per un minuto.

In realtà, la nuova ricerca sul cervello ci sta mostrando che gli anni dei “tradizionalisti cablati” sono finiti. Questa nuova area di studio, denominato neuroplasticità, valuta se o no il cervello è fisso o flessibile nella sua struttura e nelle capacità [34]. E da questa ricerca stiamo imparando che il cervello adulto può cambiare, che “il cervello umano è quasi infinitamente malleabile … qualcuno è abituato a pensare che il nostro reticolo mentale è stato in gran parte determinato dal tempo fin che abbiamo raggiunto l’età adulta. Ma i ricercatori del cervello hanno scoperto che questo non è così” [35]. Anche la mente degli adulti è molto plastica, ci dicono. E tali adattamenti si verificano anche a livello biologico. Se il cervello è in grado di riprogrammare se stesso “al volo”, come uno neuroscienziato ha riferito, [36] allora sicuramente il nostro cervello può anche essere manomesso da altri che hanno influenza su di noi. Questa nuova scienza ci serve in due modi:

In primo luogo, ci aiuterà a comprovare la nostra posizione che il lavaggio del cervello esiste. Che le persone possono cambiare grazie agli sforzi concertati dei sistemi cultuali di influenza e di controllo.

Quando ho scritto in una poesia, poco dopo aver lasciato il mio culto, “Hanno preso il mio cervello e mi hanno reso qualcosa di diverso da quella che volevo essere” [37] non avevo le parole scientifiche allora, ma sapevo che mi era stato fatto il lavaggio del cervello – e sapevo io l’avevo fatto ad altri.

In secondo luogo, la ricerca sulla neuroplasticità ci dà nuovi modi per capire e studiare il processo di recupero quando qualcuno lascia un culto.

Concludo con una sfida e una speranza. I culti sono disponibili in tutte le dimensioni e forme, con una varietà di credenze e pratiche. Ma in realtà non sono misteriosi come i media a volte ci riportano, lasciandoci con slogan sconcertanti piuttosto che esplorazioni sostanziali che fanno luce e portare chiarezza [sul fenomeno ndt]. Abbiamo alcune definizioni di lunga data e un insieme di caratteristiche che possono essere associate con questi gruppi. Andiamo al loro fianco. Usiamoli. Cerchiamo di essere noi a far luce. Se un ragazzo di 16 anni a Londra non è stato intimidito da tattiche intimidatorie, tu non sei uguale.

Non possiamo rifuggire dai nuovi sviluppi, come ad esempio nel campo delle neuroscienze, ma non dobbiamo dimenticare le opere fondamentali di Robert Jay Lifton, Edgar Schein, e Margaret Thaler Singer. Il lavoro di Bruce Perry [38] è degno della nostra attenzione. E, naturalmente, non dobbiamo ignorare le spiegazioni socio-psicologiche di base provenienti da Asch, Milgram, Janis, Goffman, Cialdini, Zablocki, me e  altri.

I culti in realtà non fanno nulla di nuovo o di diverso da ciò che è stato fatto per l’eternità. Sono solo molto bravi a confezionate l’influenza e il controllo in un modo molto deliberato. Credo che sia nostra responsabilità come movimento e di vitale importanza per la formazione,  formare una nuova generazione di studiosi e professionisti per affrontare questa sfida.

Notes

[1] This section of the presentation honoring people in the field of cultic studies has been deleted from this version of the Keynote Address.

[2] Lalich, Janja. Bounded Choice: True Believers and Charismatic Cults. Berkeley: University of California Press, 2004.

[3] Isaacson, Barry. “The secret letters of the Jonestown death cult.” The Spectator (UK), May 14, 2008.

[4] Singer, Margaret Thaler, with Janja Lalich. Cults in Our Midst. San Francisco, CA: Jossey-Bass, 1995.

[5] Lalich. Bounded Choice, p. 10.

[6] Mayer, Jean-Francois. “‘Our Terrestrial Journey Is Coming to an End’: The Last Voyage of the Solar Temple,” Nova Religio, 1999, 2(2), pp. 172-196.

[7] Lalich, Bounded Choice.

[8] Lalich, Bounded Choice, p. 12.

[9] Lalich, Bounded Choice

[10] Associated Press. “Manson follower Van Houten denied parole for 18th time.” Enterprise-Record (Chico, CA), August 30, 2007.

[11] Taylor, Michael. “SLA’s Legacy a Violent Void.” San Francisco Chronicle, November 11, 2002, pp. A1, A12.

[12] See http://www.surrealist.org for the perspective of former gurukulis.

[13] Williams, Miriam. Heaven’s Harlots: My Fifteen Years as a Sacred Prostitute in the Children of God Cult. New York: Eagle Brook/ Morrow, 1998. See also: Lattin, Don. Jesus Freaks: A True Story of Murder and Madness on the Evangelical Edges. San Francisco: HarperOne, 2007; and Jones, Kritina, Celeste Jones, & Juliana Buhring. Not Without My Sister: The True Story of Three Girls Violated and Betrayed. London: Harper Element, 2007.

[14] Lalich, Bounded Choice, p.10.

[15] Palmquist, Matt. “Bioterror in Context: How and Why the Threat of Bioterrorism Has Been So Greatly Exaggerated.” Miller-McCune, June-July 2008, pp. 72, 73-76.

[16] Lifton, Robert Jay. Destroying the World to Save It: Aum Shinrikyo, Apocalyptic Violence, and the New Global Terrorism. New York: Metropolitan Books, 1999.

[17] Clark, William R. Bracing for Armageddon?: The Science and Politics of Bioterrorism in America. New York: Oxford University Press, 2008.

[18] Palmquist, “Bioterror in Context.”

[19] Damon, Arwa. “Iraqi woman describes daughter’s descent into suicide bombing.” CNN.com, June 6, 2008.

[20] For an intelligent understanding of indoctrination of terrorists, see The Faces of Terrorism: Social and Psychological Dimensions by Neil J. Smelser (Princeton, NJ: Princeton University Press, 2007).

[21] Sageman, Marc. Understanding Terror Networks. Philadelphia: University of Pennsylvania Press, 2004.

[22] Sageman, Marc. “Explaining Terror Networks in the 21st Century.” Footnotes (American Sociological Association), May/June 2008, p. 7.

[23] Zakaria, Fareed. “What’s really scary about terror statistics.” San Francisco Chronicle, May 27, 2008.

[24] Singer P.W., and Elina Noor. “What Do You Call a Terror(Jihad)ist?” New York Times, June 2, 2008.

[25] Singer and Noor. “What Do You Call a Terror(Jihad)ist?”

[26] Smelser. Faces of Terrorism, p. 239.

[27] Zablocki, Benjamin D. “The Blacklisting of a Concept: The Strange History of the Brainwashing Conjecture in the Sociology of Religion.” Nova Religio 1997, 1(1), pp. 96-121.

[28] Dawar, Anil. “Schoolboy avoids prosecution for branding Scientology a cult.” The Guardian (UK), May 23, 2008.

[29] Lalich. Bounded Choice, p. xvi.

[30] Dobner, Jennifer. “Jury reaches verdict at polygamist trial.” Associated Press, September 25, 2007.

[31] Gillespie, Elizabeth M. “Dream homes set afire, apparently by eco-radicals.” San Francisco Chronicle, March 4, 2008, p. A3.

[32] “Hope for end to Russia cave siege.” BBC News, March 29, 2008.

[33] “Inside a Cult,” first broadcast on the National Geographic Channel, April 23, 2008. See also: Baker, Deborah, “New Mexico sect leader accused anew of sex abuse.” Associated Press, May 20, 2008.

[34] Doidge, Norman. The Brain That Changes Itself. New York: Penguin, 2007. See also: Schwartz, Jeffrey M., and Sharon Begley. The Mind & The Brain: Neuroplasticity and the Power of Mental Force. New York: Harper Perennial, 2003.

[35] Carr, Nicholas. “Is Google Making Us Stupid?” The Atlantic, July/August 2008, pp. 56-63.

[36] Carr. “Is Google Making Us Stupid?”, p. 60.

[37] First published in Lalich, Janja. “The Cadre Ideal: Origins and Development of a Political Cult.” Cultic Studies Journal, 1992, 9(1), 1, pp. 66-67

[38] Perry, Bruce, & Maia Szalavitz. The Boy Who Was Raised as a Dog and Other Stories from a Child Psychiatrist’s Notebook: What Traumatized Children Can Teach Us About Loss, Love, and Healing. New York: Basic Books, 2006.

Fonte: http://jonestown.sdsu.edu/?page_id=31409
Un ringraziamento va a Janja Lalich che mi ha concesso di tradurre  in Italiano questo suo lavoro

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

 

Creative Commons License I risultati dell’estremismo ideologico violento: cosa abbiamo imparato da Jonestown? is licensed by Lorita Tinelli under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 3.0 United States License.