Header image alt text

Lorita Tinelli

Prefiero morir de pie a vivir arrodillado – Il Che


Quanto peggio va il mondo, più si permea il messaggio“. José Miguel Cuevas, Professore di Psicologia Sociale presso l’Università di Malaga, uno psicologo presso la città di Marbella  e uno dei nomi più autorevoli a livello nazionale e internazionale per parlare dei gruppi di dipendenza, riconosce che la crisi e i disordini o gli attacchi terroristici in alcune parti del mondo, sono un terreno fertile per la crescita di gruppi settari.

Se a questo si aggiunge un ambiente caratterizzato dalla mescolanza di culture, credenze, nazionalità e guarnito con un clima invidiabile, il  risultato atteso è che la Costa del Sol è “zona calda” per queste organizzazioni. Lo racconta a Mónica Pérez, redattore della rivista Sur di Marbella

 

Le Sette in Costa del Sol

Per anni abbiamo parlato di essere prudenti e che meno di  cinquanta sette si erano stabilite nella provincia di Malaga. Oggi possiamo identificarne più di 100, la maggior parte dei quali con sede in Costa“.

Il Professore usa il plurale quando parla del suo lavoro facendo chiaro riferimento alla ricerca che da anni ha intrapreso presso l’Università di Malaga e con il gruppo PSY21 ‘La psicologia sociale e le sfide del XXI secolo‘. Egli dirige anche la rivista sulla manipolazione psicologica di gruppo “Traspasos” , ed è vice presidente della American Association of Psychological Abuse Research (AIIAP), specializzata in relazioni settarie, culti distruttivi e altre dinamiche di abuso psicologico.

Il suo più diretto contatto con le vittime della dipendenza di gruppo l’ha avuto attraverso il suo lavoro come psicologo in materia di previdenza sociale del Comune di Marbella, l’unico governo locale in Andalusia, che ha un servizio pubblico gratuito e specifico per parenti e vittime delle sette.

Solo lo scorso anno 2014 questo reparto coordinato da Cuevas ha servito circa 80 persone. “Perché questi gruppi hanno scelto la Costa? Le ipotesi su cui  lavoriamo ci mostrano che qui raccogliamo tutto il bene, ma anche tutto il male. Abbiamo una cultura ricca, ma anche una pseudo-cultura. E un altro aspetto da considerare è che siamo in una zona con un clima incredibile. I leader e le organizzazioni puntano qui per organizzare i loro eventi esterni“, dice.

 

I gruppi che preoccupano maggiormente

Nella loro espansione sul territorio, i gruppi settari si sono evoluti nel contenuto del messaggio. “Se 5 o 6 anni fa c’erano più gruppi di taglio classico, o le comunità più chiuse, attualmente abbiamo più casi di organizzazioni che non vivono in comuni, ma si organizzano in luoghi con attività a livello ambulatoriale, per così dire” riferisce Cuevas , il quale sottolinea come uno dei gruppi di punta che stanno arrivando, sono quelli dedicati al  ‘coaching’ coercitivo.

Essi sono a cavallo tra il settarismo e i programmi motivazionali, e con questo non intendo che tutto il ‘coach’ è un  ‘coach’ coercitivo, ma è in questo campo che sono stati rilevati tali casi“.

Una ripresa significativa ha riguardato anche gruppi piramidali di tipo commerciale, che riguardano un investimento. “Con l’avanzare della disoccupazione molte persone ha ottenuto da questi gruppi promesse di lavoro e un sacco di soldi in cambio di un investimento. Ma al di là di questo investimento economico, il problema in questi casi è generato da un investimento nel tempo, della famiglia, delle relazioni personali. Le persone cambiano atteggiamento, si verificano problemi di umore, e quando vedono che il sogno non è soddisfatto cominciano ad arrivare i sensi di colpa, credono di essere inetti e tutto peggiora“.

Un’altra innovazione rilevata dalla ricerca sviluppata dallo psicologo è il volto apparentemente professionale delle nuove organizzazioni, che catturano personale professionale “come medici o avvocati che svolgono essi stessi un’opera di astrazione o di lavaggio dell’immagine dell’organizzazione. E questo le rende molto pericolose, perché se un medico o uno psicologo approvano un programma, esso non viene messo in discussione“.
Le vittime e le reti sociali

Ciò che non sembra esser variato nel tempo e nelle mode è il profilo della vittima del gruppo di dipendenza. Semplicemente perché, come sostenuto da José Miguel Cuevas, non vi è alcun profilo tipico. “Tutti, ad un certo punto, possono essere catturati, in particolare per la professionalità con la quale oggi sono mascherati [i gruppi, ndt]. Così come non vi è un profilo di donne vittime di  abusi, non c’è quello di chi entra in rapporto di dipendenza da un gruppo“, dice.

Per quanto riguarda la loro presenza su Internet, spiega, “c’è molta  prevenzione e controllo, è vero, ma nonostante il vantaggio che i social network e Internet offrono di trovare e individuare alcuni gruppi, di fatto si vince la battaglia con la diffusione di contenuti settari”.

Il messaggio del professor José Miguel Cuevas non vuole essere disfattista, vuole richiamare l’attenzione sulla “enorme potere delle sette a controllo mentale, soprattutto le start-up, che si trovano nei nuovi media e con cui comunica la stragrande maggioranza dei mortali“.

Questo assicura che queste organizzazioni professionali hanno scoperto nei social media un modo per catturare basato sul lavaggio dell’immagine. “Per esempio, su Facebook si può essere aggiunti a certi gruppi che non appartengono a loro, ma ad un certo punto abbiamo accettato senza nemmeno sapere bene quello che essi fanno. Essi servono come scudo per essere seguiti da un gran numero di persone, e così hanno l’approvazione del loro lavoro come qualcosa di affidabile“, sostiene.

Hanno un modo di muoversi e interagire molto efficiente e l’utilizzo dei social network è essenziale per loro oggi“, spiega lo psicologo specializzato in queste dipendenze di gruppo. “Gruppi come Facebook  o WhatsApp” dice, “danno loro il controllo remoto. Non hanno nemmeno avuto bisogno di partecipare alle riunioni o incontri. Con un semplice messaggio, con un ordine diretto è assicurato il controllo“.

La conclusione di questo Professore è semplice: “Loro utilizzano tali strumenti, ma essi hanno un doppio legame e pericoli. Occhio a quando accettiamo i messaggi che riceviamo“.

Fonte: http://infocatolica.com/blog/infories.php/1501260847-psicologo-espanol-alerta-del

 

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Articolo pubblicato il: 24/01/2015

Niente più religioni universali e movimenti spirituali che promettono la salvezza dello spirito: oggi la fortuna di guru, santoni e guaritori spirituali passa per la vendita di prodotti per la cura del corpo, corsi e seminari per il potenziamento della memoria e delle capacità della mente. Una logica ‘mordi e fuggi’, applicata ad un settore che negli ultimi anni ha fatto registrare una crescita preoccupante. A cercare conforto e aiuto negli oltre 800 gruppi attivi al momento nel Paese, secondo i numeri del Telefono Antiplagio, sono sempre più italiani in crisi, al punto che, “tra vittime e familiari coinvolti, il fenomeno riguarderebbe circa 5-6 milioni di persone, il 25% in più rispetto a 10 anni fa. Dal 1998 i numeri si sono addirittura decuplicati”, spiega all’Adnkronos il fondatore Giovanni Panunzio.

“Con una età media di 48 anni, il 59% delle vittime è costituito da donne, il 37% da uomini, mentre il 4% sono bambini e adolescenti; ma solo due persone su cento sporgono denuncia”, aggiunge.

Il fenomeno delle ‘psicosette’, spesso legato a difficoltà economiche, chiarisce Mariacarla Bocchino, del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato che da anni segue l’evoluzione di queste realtà, “rispetto al passato è cambiato: ora riguarda soprattutto centri terapici di cure alternative, corsi di yoga, o associazioni che propongono un ‘incremento del potenziale umano’, promettendo successo e raggiungimento del benessere”.

Una realtà, quella degli abusi legati alle cosiddette psicosette, che divide l’Italia anche a livello geografico. “Sicuramente il Sud è molto meno sensibile – chiarisce l’investigatrice dello Sco – ci sono pressioni criminali di altro tipo e, sicuramente, anche la dimensione culturale e religiosa diversa influisce sulla penetrazione di questi fenomeni. Le aree più colpite sono invece quelle adriatiche, Marche, Abruzzo ed Emilia Romagna in testa”.

“Purtroppo – prosegue – l’attività di contrasto risente del fatto che raramente le vittime denunciano e i reati quasi mai sono procedibili d’ufficio. Sarebbe necessario lavorare sotto copertura, come per le operazioni antidroga, ma solo quando si sono configurati reati come la riduzione in schiavitù è stato possibile procedere in questo modo”.

Il panorama è in continua evoluzione, anche secondo Lorita Tinelli, psicologa e fondatrice del Cesap, Centro studi abusi psicologici: “Rispetto a vent’anni fa, non abbiamo più davanti gruppi residenziali, riconoscibili e identificabili: non c’è continuità. Prima erano soprattutto grandi gruppi o movimenti spirituali a fare proseliti, oggi si propone di fare carriera in maniera veloce, si prospetta il successo, una proposta che fa spesso presa su studenti universitari, magari fuori corso”.

“Solo negli ultimi due mesi – prosegue Tinelli – abbiamo raccolto quaranta segnalazioni di vittime della stessa società che offriva corsi di potenziamento della memoria. Dopo la prima lezione gratuita, ci si trovava a firmare un contratto che obbligava a pagare l’intero corso per circa 1000 euro o in alternativa a svolgere attività di volantinaggio per la società. Un accordo indotto, secondo le vittime, forzando la volontà dei ragazzi”.

Un’altra tendenza degli ultimi anni, rilevata dal Cesap, è quella dei corsi di formazione rivolti alle aziende: “Riguarda soprattutto le realtà produttive del nord Italia, in particolare le piccole-medie imprese del Veneto, dove vengono proposti corsi di formazione. In due anni abbiamo raccolto un centinaio di richieste di aiuto per realtà di questo tipo”.

Una volta ‘agganciate’ le vittime, racconta Tinelli, “si passa a incontri mirati, durante i quali la formazione prosegue con tecniche bizzarre: riuniti in sale affittate per l’occasione, si chiede di depositare telefoni ed effetti personali all’ingresso e poi, con rituali particolari, si cerca di portare i soggetti in stati di alterazione della coscienza. L’obiettivo è sempre lo stesso: vendere ulteriori corsi, seminari, prestazioni terapeutiche o prodotti di diverso tipo”. Le tecniche di approccio usate sono sempre più varie: “Molto si svolge sul web, con l’utilizzo di mailing list e forum, sui quali si propongono magari cure per smettere di fumare o per dimagrire rapidamente”.

Dalle denunce raccolte dal Telefono Antiplagio, racconta Panunzio, “è chiaro che ci sono alcune figure emergenti. Tra queste, quella dello pseudo-guaritore della psiche che, senza alcuna competenza né qualifica, propone prestazioni di ‘conforto’ che vanno dai 200 ai 500 euro. Ci sono poi i sedicenti ‘satanisti’, che promettono il trasferimento dei propri poteri alle vittime, generalmente donne, alle quali è spesso richiesto di concedere il proprio corpo. E ancora, visionari che, di ritorno da un luogo sacro, manifestano rapporti privilegiati e diretti con l’aldilà, per poi organizzare viaggi ‘spirituali’ a prezzi esorbitanti, e maestri di pratiche orientali che insegnano ai seguaci l’arte della guarigione a distanza, anche per telefono, a patto che frequentino periodicamente corsi a pagamento, da 1500 a 2500 euro, che in futuro permetteranno loro di formare altri taumaturghi”.

Secondo Lorita Tinelli del Cesap, sarebbero almeno 500 i gruppi che esercitano attività che sconfinano nell’abuso psicologico, attivi al momento in Italia, con una media di circa 100 individui per ogni gruppo. A questi, ogni anno, si aggiungerebbero una cinquantina di gruppi, tra quelli nuovi e quelli che si riciclano sotto una nuova identità.

“Ovviamente – sottolinea l’esperta – sono cifre molto relative, visto che alcuni gruppi contano diverse migliaia di persone”. Numeri difficili da quantificare, anche secondo Mariacarla Bocchino dello Sco Polizia: “Non è possibile una stima certa, visto che spesso sono realtà che nascono e muoiono in una settimana. A muovere tutto sono sempre e comunque soldi e sesso, spacciato come mezzo per avvicinarsi al trascendente attraverso il guru”. A finire nella trappola di maestri e santoni, “sono persone con cultura medio-alta, e un reddito abbastanza alto da permettere i continui esborsi richiesti”.

Fonte: http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2015/01/24/sette-soldi-cure-alternative-guru-furbo-plagio-diventa-mordi-fuggi_cBqy1O60M0gHAgFu9tXOBP.html

Creative Commons License Sette, soldi e cure ‘alternative’: il guru si fa furbo e il plagio diventa ‘mordi e fuggi’ is licensed by Lorita Tinelli under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 3.0 United States License.