Pozzo dell'adepto

Rompere il legame di dipendenza con un culto non è facile. Ma ci sono alcune cose che un genitore può fare:

1 . Non ridicolizzare il culto nè respingere le credenze del proprio caro adepto. Contrariamente l’adepto si legherà ancora di più al suo culto. Mostra rispetto e interesse. Discuti del culto nel dettaglio, facendo sì che l’adepto racconti tutto. Attraverso domande bisogna aiutarlo a focalizzare la realtà di ciò che sta raccondando e a valutare  alternative al culto.

2 . Mantenere il contatto anche quando le cose sembrano andare male. Si potrebbe essere l’unica ancora di salvezza per l’adepto se tenta di uscire dalla setta. Spiegagli delicatamente perché non approvi il culto, perché ti preoccupa. Il suo scopo principale è quello di tagliare il resto del mondo, per dipingerlo come il male. Chiedi al tuo caro/adepto  di spiegarti il gergo del cult come “mondo esterno” per aiutarlo a pensare a ciò che sta dietro il gergo. La famiglia è di solito dipinta come il peggior nemico. Siate pronti a lavorare con gli amici per mantenere il contatto.

3 . Non appena un utente esprime qualche dubbio sul culto, sul suo leader, sulle sue motivazioni, sulle sue promesse, insisti sull’argomento. Discuti delicatamente se questo è quello che voleva quando ha aderito. Chiedi quale comportamento mostra il leader nel gruppo. Quali attrazioni sono reali, quali promesse sono false? Vale la pena il prezzo che si paga? Si possono ottenere i benefici altrove?

4 . Aiuta l’adepto ad accettare che commettere errori fa parte dell’essere umano, che si può decidere solo sulla base di quello che si conosce. Le decisioni non sono irreversibili.

Fonte: http://www.intervention101.com/2013/11/how-to-save-cult-member.html?spref=fb

 

—————————————–

 

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte