Header image alt text

Lorita Tinelli

Prefiero morir de pie a vivir arrodillado – Il Che

 

11-30-suicidiNOCI (Bari) - Sono passati due anni esatti da quando il corpo esanime di Antonio Notarnicola è stato rinvenuto nel suo trullo di campagna in Contrada Barsenti. Da allora si è sviluppata una sequela impressionante di suicidi che ha portato nel giro di soli due anni 9 persone a togliersi la vita, mentre altri due sono stati i tentativi non giunti a compimento.

Nella piccola cittadina murgiana vi sono però validi esempi di aiuto e sostegno per chi ha maturato un pensiero simile, talvolta giunto al termine di un tormentato e complesso percorso psichico, e per i familiari su cui grava il dolore di una perdita inaspettata. Per questo Noci24.it, da sempre attento alle tematiche sociali, ha chiesto ad alcuni esperti pareri e disponibilità al fine di fornire indicazioni valide per chi vive situazioni simili e non sa a chi rivolgersi.

don-peppino-cito-01La Chiesa, ad esempio, può correre in aiuto di chi vive situazioni di disagio. «La persona che avverte questo bisogno – dice l’arciprete Don Peppino Citoviaggia in un clima di disagio sociale inteso come “isolamento dalla società”. Il servizio religioso deve riportare la persona in una comunità di fratelli. Persone che covano dentro di sé l’istinto suicida vengono a messa perché vogliono sentirsi normali facendo le stesse cose che fanno gli altri». Noci pecca di un centro d’ascolto parrocchiale. «Forse un centro d’ascolto sarebbe utile per esporre questo tipo di problematiche. Purtroppo qui a Noci non c’è ma a livello diocesano si, attivo proprio per raccogliere questo tipo di preoccupazione. Le persone però hanno paura di esternare talune situazioni perché temono il giudizio altrui. Mi auguro che avvenimenti di questo genere non si ripetano e che si vivi nella grazia del Signore».

tinelli-lorita-psicologa-1Diverso è l’approccio della dott.ssa Lorita Tinelli, psicologa, referente del centro Cesap. «Nella maggior parte dei casi avvenuti a Noci – dichiara la psicologa – la scelta è stata meditata. La cosa che fa riflettere è la giovane età di chi ha pensato di togliersi la vita». Vi è una predisposizione? «Non vi è una predisposizione naturale, ma dipende da come si reagisce alle diverse situazioni negative della vita; per questo non posso sapere se affianco a me ho un potenziale suicida. A scatenare questo tipo di reazione non è mai un singolo fattore, ma più elementi che incidono sul senso della vita. Chi arriva a meditare un pensiero simile pensa esclusivamente a come “se ne deve andare”, se invece si razionalizza una soluzione si può trovare sempre». Qualcuno ha parlato di emulazione… «Il rischio emulazione permane allorquando vi è già successo un caso simile soprattutto all’interno del nucleo famigliare o se c’è già stato un tentativo precedente. Alla luce di questa analisi ritengo che chiedere aiuto non significa essere deboli, al contrario significa avere coraggio».

conte-annamaria-assistente-socialeAnche le istituzioni sono attive in questo campo. «A livello istituzionale il Comune di Noci è sempre stato attento alle dinamiche sociali» – dichiara la dott.ssa Anna Maria Conte a capo del Settore Servizi Sociali del comune. «Qui è attivo un servizio di ascolto – continua la dottoressa – con il Centro Ascolto per le Famiglie, mentre di concerto con la Asl ed i professionisti del settore, sono attivi un servizio terapeutico presso l’ospedale di Noci aperto tutti i martedì, ed un servizio presso la scuola per l’infanzia “Mons. Luigi Gallo”, sito nella via omonima. A questi si affiancano ulteriori servizi che hanno sede presso il presidio ospedaliero di San Michele in Monte Laureto e presso l’ospedale di Putignano. È ovvio che prendiamo in custodia situazioni in cui sono le persone che di propria spontanea volontà decidono di rivolgersi da noi presso le nostre strutture, a cui offriamo la nostra professionalità. Per i minorenni possiamo anche offrire di più dietro delega del Tribunale per i Minori. A breve sarà pubblicata anche una “carta dei servizi” con tutta l’offerta che questo ufficio, in collaborazione con l’assessorato di riferimento, è in grado di proporre alla cittadinanza».

Molte quindi le persone pronte a mettere a disposizione competenza e professionalità per una problematica che per lungo tempo è rimasta tabù, ma che alla luce degli avvenimenti accaduti nell’ultimo anno non si può più sottacere e far finta che non esista.

 

Fonte: Noci24

By MELISSA DITTMANN

Monitor Staff APA

November 2003, Vol 34, No. 10 Print version: page 36

 

 

Il suicidio di massa dei seguaci del Tempio del Popolo, 25 anni fa insegna agli psicologi che cosa accade quando la psicologia sociale è posta nelle mani sbagliate.

Nel mezzo della giungla della Guyana, nel Sud America, quasi 1.000 persone hanno bevuto una porzione letale di cianuro e sono morte, seguendo gli ordini del loro capo, Jim Jones. Madri e padri hanno dato la bevanda mortale ai loro figli e poi l’hanno bevuta essi stessi. La gente urlava. I corpi tremavano. E nel giro di pochi minuti il 18 Novembre 1978 , 912 persone sono morte.

 

 

I seguaci di Jones erano originariamente venuti alla comunità della Guyana, nota come Jonestown, alla ricerca di un paradiso e di una fuga dal razzismo e dalle persecuzioni degli Stati Uniti. Invece trovarono qualcosa che assomigliava a un campo di concentramento in cui lavoravano per lunghe ore, con poco cibo e molti abusi, così come coloro che sono fuggiti da Jonestown hanno riferito.

Venticinque anni più tardi, gli psicologi sociali continuano a esaminare come  Jones abbia potuto avere tale enorme influenza sui pensieri e sulle azioni dei suoi seguaci. Jonestown, dicono, offre lezioni importanti per la psicologia, come il potere di influenze situazionali e sociali e le conseguenze di un leader che usa queste influenze per manipolare in maniera distruttiva il comportamento altrui.

 

 

Più preoccupante, forse, è che da Jones sembrano essere derivate ​​alcune delle tecniche di ricerca degli psicologi sociali, sollevando dubbi circa l’etica della ricerca e la direzione futura della ricerca sui culti -  sostiene Philip G. Zimbardo , PhD , ex- presidente dell’APA e professore di psicologia presso la Stanford University.

 

Dr. Philip Zimbardo ex presidente dell’APA

 

Proprio da una ricerca inedita , Zimbardo ha scoperto che Jones ha molto probabilmente  acquisito la sua capacità di convincere da un famoso pensatore sociale: George Orwell.

Durante 25 anni di ricerche e interviste con i sopravvissuti di Jonestown, Zimbardo ha trovato analogie tra le tecniche di controllo mentale usate da Jones a Jonestown – ovvero sofisticati tipi di acquiescienza , conformità e obbedienza – e quelle descritte nel libro di fantascienza di Orwell  “1984.

Nel libro  Orwell fornisce un modello per la resistenza,  come quando il suo protagonista, Winston Smith, si ribella  contro un sistema partitico onnipotente.

 

 

 

Film 1984

 

 

Sebbene  “1984″ sia un prodotto di fantascienza, Orwell possedeva una profonda conoscenza dei processi di influenza della psicologia sociale e le sue raffigurazioni di controllo mentale sono state utilizzate in modo sistematico ed efficace da leader di sette, secondo Zimbardo.

Altri sono d’accordo con Zimbardo sul fatto che tali risultati sollevano questioni etiche per gli psicologi sociali, dato che artisti del calibro di Jones attingono a principi di psicologia sociale e li usano per danneggiare, come sostiene Robert Cialdini , PhD , ricercatore dell’influenza e professore  di Psicologia presso l’Arizona State University.

Prof. Robert Cialdini

 

Le fonti di influenza possono essere come dinamite – possono essere utilizzati per il bene o per il male“, afferma Cialdini. “Gli scienziati sociali devono prestare più attenzione non solo all’efficacia delle strategie che studiamo e che scopriamo, ma anche alle conseguenze etiche dell’uso di questi principi e di queste pratiche

Egli  e Zimbardo sostengono anche che gli  psicologi sociali e di altri ricercatori di culti devono forgiare nuove linee di ricerca sulla falsa applicazione dei risultati della psicologia sociale, così come sui loro usi prosociali.

 

 

Il cervello

 

 

Di fatto, Jonestown dovrebbe servire come monito per la comunità psicologia sociale per  quello che può accadere quando i principi di influenza sono abusati dai leader di un’organizzazione, sostiene Zimbardo .

Da quanto è stato rinvenuto da Zimbardo, Jones, che ha agito come pastore del Tempio del Popolo, aveva studiato il sistema di Orwell del controllo mentale descritto in “1984″ e aveva  commissionato un brano che i suoi seguaci erano obbligati a cantare a Jonestown circa l’avvento del 1984.

Alcune delle tecniche di controllo mentale descritte da Orwell in “1984″ che i metodi paralleli utilizzati da Jones includono vi sono:

“Il Grande fratello ti sta guardando”.  Jones ha usato questa idea per guadagnare la fedeltà dei suoi seguaci. Ha ottenuto che i seguaci si spiassero l’un l’altro e ha fatto si che degli autoparlanti inviassero messaggi  in modo tale che la sua voce fosse sempre presente mentre i suoi seguaci lavoravano, dormivano e mangiavano, afferma Zimbardo .

Auto-incriminazione. Jones ha incaricato i seguaci di rendergli dichiarazioni scritte sulle loro paure ed errori e poi, quando gli hanno disubbidito, ha usato queste informazioni per umiliarli o sottoporli alle loro peggiori paure durante le riunioni pubbliche. In “1984″ la resistenza del personaggio principale è venuta meno quando egli è stato sottoposto alla sua peggiore paura di essere ricoperto di ratti.

Induzione al suicidio. Il protagonista di Orwell sosteneva che  “la cosa giusta era di uccidere se stessi prima che arrivasse una minaccia di guerra“. I seguaci di Jones facevano esercitazioni pratiche di suicidio fino al dell’evento vero e proprio che li coinvolse nel suicidio di massa.

Distorcendo la percezione della gente. Jones ha offuscato il rapporto tra le parole e la realtà, per esempio, imponendo ai suoi seguaci di rendergli grazie ogni giorno per il buon cibo e per il lavoro , eppure la gente era affamata e lavorava sei giorni e mezzo a settimana, afferma Zimbardo . Allo stesso modo, Orwell ha descritto tale tecnica, definendola col termine “politichese“.

Per padroneggiare queste tecniche di controllo mentale, Jones è stato in grado di ottenere obbedienza e  fedeltà dai seguaci, afferma Zimbardo. Jim Jones è probabilmente il leader del culto più carismatico dei tempi moderni, a causa del suo carisma, della sua oratoria, del suo sexy appeal, del suo dinamismo e della sua partecipazione totale nel controllo di ogni membro del suo gruppo , spiega.

 

Conformità irragionevole

Queste tecniche di controllo mentale, insieme con la creazione di un nuovo ambiente sociale  permettono a  Jones  una forte influenza sui suoi seguaci, sostiene Zimbardo .

Molto probabilmente  Jones, attraverso la sua naturale comprensione della psicologia sociale, conosceva il modo per ottenere una forte influenza sui suoi seguaci che era quello di spostarli dal loro ambiente urbano americano a una giungla sudamericana remota, generando incertezza nel loro nuovo ambiente, sostiene Cialdini. E quando le persone sono insicure, guardano ad altri decidere cosa fare, come la ricerca ha dimostrato. Zimbardo osserva che le persone sono particolarmente vulnerabili quando si trovano in un ambiente nuovo, si sentono soli o scollegati.

Quando credi che non può accadere a te, è in quel momento che truffatori o membri di cultoine approfittano, perché allora non sei  vigile ai piccoli stratagemmi situazionali che possono essere usati” spiega Zimbardo.

 

La psicologia sociale ha dimostrato il “potere della folla ” per decenni. Ad esempio, nel 1960  gli psicologi PhD Stanley Milgram ,  PhD Leonard Bickman , e PhD Lawrence Berkowitz hanno  dimostrato l’influenza sociale attraverso  un gruppo di persone su un affollato marciapiede di New York City con lo sguardo verso nulla nel cielo. Quando un uomo alzò gli occhi davanti a nulla , solo il 4 per cento dei passanti lo imitò. Quando cinque persone stavano sul marciapiede a guardare niente , il 18 per cento dei passanti si unì a loro. E quando un gruppo di 15 guardò verso l’alto, il 40 per cento dei passanti vi aderì, fermando il traffico in un minuto.

 

The wave. Esempio di influenza sociale

 

Come hanno fatto altri leader di culto, Jim Jones ha usato questo “potere della folla”  per influenzare e controllare il comportamento altrui, l’intelletto, i pensieri e le emozioni, sostiene Steven Hassan, un consulente di salute mentale,  con specializzazione di consulente per la libertà del membro e un ex membro di gruppo egli stesso. Questo include l’organizzazione di  norme e regolamenti rigidi, volti a distorcere le informazioni, l’uso di  trance ipnotica  e l’ingenerazione di sensi di colpa e di paura tra i seguaci.

 

Sensibilizzazione

Tuttavia, nonostante Jonestown , molti psicologi sociali rimangono all’oscuro dell’impatto psicologico delle tecniche di controllo mentale, spesso chiarito dalla ricerca in psicologia sociale, che i culti usano per reclutare e trattenere i membri, sostiene Zimbardo. Molti psicologi rimangono scettici sul fatto che il comportamento sia intenzionalmente controllato da queste organizzazioni, piuttosto credono che le persone si uniscano  ai culti di loro spontanea volontà, come fanno con i gruppi religiosi tradizionali.

Coloro che studiano le sette , invece, sostengono che gli psicologi hanno bisogno di studiare come le sette abusano della ricerca della psicologia sociale. Sono necessari anche gli psicologi per sviluppare trattamenti efficaci per le vittime dei culti,  per aiutarli a liberarsi dall’influenza di un culto prima che sia troppo tardi, in modo che, in casi come Jonestown, la storia non si ripeta.

 

Dr. Steven Hassan

E’ scioccante per me che così tante persone oggi non hanno nemmeno sentito parlare di Jonestown“, dice Hassan . Eppure, Hassan osserva gli effetti psicologici duraturi ogni giorno nel suo lavoro con le ex vittime di culto, ed egli sostiene che i culti sono sempre più potenti e più furbi nei loro inganni, spesso utilizzando i risultati della ricerca psicologica,  mentre il pubblico rimane in gran parte inconsapevole di tutto questo.

Se l’intenzione dei  culti è quella di abusare delle lezioni di psicologia sociale, gli psicologi devono studiare come essi lo fanno, sostiene Cialdini . È necessaria una maggiore attenzione alla ricerca e al lavoro con le vittime dei culti, aggiunge Hassan. Ad esempio, gli psicologi hanno bisogno di una formazione specifica per lavorare con gli ex membri di setta, che spesso soffrono di disturbi dissociativi o di panico, spiega.

Ci sono un sacco di persone che soffrono” – afferma Hassan -  “e hanno bisogno del nostro aiuto“.

Further Reading

  • Cialdini, R.B. (2001). Influence: Science and practice (4th ed.). Boston: Allyn & Bacon.
  • Hassan, S. (2000). Releasing the bonds: Empowering people to thrive for themselves. Somerville, Mass.: Freedom of Mind Press.
  • Singer, M.T. (2003). Cults in our midst: The continuing fight against their hidden menace. San Francisco: Jossey-Bass.
  • Zimbardo, P. (1997). What messages are behind today’s cults? APA Monitor, 28(5), 14.

ON THE WEB

Fonte: http://www.apa.org/monitor/nov03/jonestown.aspx

 

—————————————–

 

Traduzione di Lorita Tinelli (Affiliata Internazionale APA)

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

 

Pozzo dell'adepto

Rompere il legame di dipendenza con un culto non è facile. Ma ci sono alcune cose che un genitore può fare:

1 . Non ridicolizzare il culto nè respingere le credenze del proprio caro adepto. Contrariamente l’adepto si legherà ancora di più al suo culto. Mostra rispetto e interesse. Discuti del culto nel dettaglio, facendo sì che l’adepto racconti tutto. Attraverso domande bisogna aiutarlo a focalizzare la realtà di ciò che sta raccondando e a valutare  alternative al culto.

2 . Mantenere il contatto anche quando le cose sembrano andare male. Si potrebbe essere l’unica ancora di salvezza per l’adepto se tenta di uscire dalla setta. Spiegagli delicatamente perché non approvi il culto, perché ti preoccupa. Il suo scopo principale è quello di tagliare il resto del mondo, per dipingerlo come il male. Chiedi al tuo caro/adepto  di spiegarti il gergo del cult come “mondo esterno” per aiutarlo a pensare a ciò che sta dietro il gergo. La famiglia è di solito dipinta come il peggior nemico. Siate pronti a lavorare con gli amici per mantenere il contatto.

3 . Non appena un utente esprime qualche dubbio sul culto, sul suo leader, sulle sue motivazioni, sulle sue promesse, insisti sull’argomento. Discuti delicatamente se questo è quello che voleva quando ha aderito. Chiedi quale comportamento mostra il leader nel gruppo. Quali attrazioni sono reali, quali promesse sono false? Vale la pena il prezzo che si paga? Si possono ottenere i benefici altrove?

4 . Aiuta l’adepto ad accettare che commettere errori fa parte dell’essere umano, che si può decidere solo sulla base di quello che si conosce. Le decisioni non sono irreversibili.

Fonte: http://www.intervention101.com/2013/11/how-to-save-cult-member.html?spref=fb

 

—————————————–

 

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

 

dal minuto 12.34

Creative Commons License Intervista su abuso e maltrattamento su donne e minori, un incontro in sala consiliare is licensed by Lorita Tinelli under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 3.0 United States License.