Header image alt text

Lorita Tinelli

Prefiero morir de pie a vivir arrodillado – Il Che

Atto a cui si riferisce:
S.4/08243 LIUZZI – Ai Ministri dell’interno, della giustizia e dell’istruzione, dell’università e della ricerca – Premesso che: la promozione e la difesa del diritto alla libertà di religione e…
Atto SenatoInterrogazione a risposta scritta 4-08243 presentata da PIETRO LIUZZI
giovedì 12 ottobre 2017, seduta n.898LIUZZI – Ai Ministri dell’interno, della giustizia e dell’istruzione, dell’università e della ricerca – Premesso che:la promozione e la difesa del diritto alla libertà di religione e credo, nonché il riconoscimento e la tutela delle minoranze religiose e spirituali contro ogni forma di intolleranza e discriminazione non devono costituire un’impasse rispetto alla protezione delle vittime di organizzazioni cultuali abusanti e/o totalitarie, né ostacolo all’attuazione di mirate politiche informativo-preventive nell’interesse dei connazionali e nella fattispecie delle fasce vulnerabili;

al riguardo, anche nel 2017 nell’ambito dell’annuale conferenza Osce “Human dimension implementation meeting 2017″ è stata nuovamente ribadita, con l’intervento del dottor Luigi Corvaglia, rappresentante e membro del comitato scientifico della prestigiosa Federazione europea dei centri di ricerca e di informazione sulle sette e i culti (FECRIS), la raccomandazione rivolta all’Europa a “vigilare” sul fenomeno settario e, in particolare, quella indirizzata al Governo italiano a rispettare le normative europee con recepimento, nella fattispecie, della raccomandazione del Consiglio d’Europa n. 1412/1999;

a parere dell’interrogante, ancora una volta occorre rammentare ed evidenziare come il Consiglio d’Europa, in virtù dell’inquietante diffusione a livello europeo del fenomeno delle cosiddette «sette», di violazioni dei diritti umani e di drammatici avvenimenti determinati dalle condotte delittuose di gruppi o movimenti a carattere settario, abbia approvato nel corso di circa un ventennio, molteplici risoluzioni e raccomandazioni finalizzate, alla promozione di mirate politiche educative e preventive, in particolare a tutela dei soggetti maggiormente vulnerabili e dei minori, nella fattispecie, degli stessi «figli di membri di gruppi religiosi, esoterici o spirituali, in caso di maltrattamenti, stupri, negligenza, indottrinamento attraverso lavaggio del cervello e mancata iscrizione scolastica»;

il fenomeno risulta in costante crescita esponenziale e si caratterizza attualmente, sia per la preoccupante infiltrazione di derive settarie nei settori della salute e del benessere, per una più rapida diffusione a seguito dell’accresciuto utilizzo della rete web e di nuove tecnologie, con il conseguente reclutamento e indottrinamento dei soggetti adolescenti e minori, sia per la trasformazione e atomizzazione dei gruppi, che ne rende particolarmente problematico il riconoscimento e la relativa attività di vigilanza;

in relazione alla citata infiltrazione nel settore della salute, proprio le associazioni italiane federate Fecris lanciavano già dallo scorso anno, un importante Manifesto, che ha visto l’adesione di esperti del settore, ricercatori e autorevoli personalità del mondo della cultura e della scienza, in cui, tra l’altro, si legge: “Nell’ultima decade si è registrato un incremento di strutture e gruppi organizzati che dietro l’obiettivo del raggiungimento del benessere psicofisico celano progetti di soggezione degli adepti manifestandosi quali veri e proprie “culti abusanti”, cioè associazioni a delinquere in grado di annientare psicologicamente ed economicamente i seguaci. Le vittime vengono attirate attraverso volantini, pubblicità di corsi di yoga, di discipline di meditazione orientali o tecniche “energetiche”in cui si fa leva soprattutto sullo “sviluppo del potenziale umano” più che sulla salute fisica in sé. Sono le cosiddette “psicosette”. Desta quindi apprensione l’attenzione che queste pratiche ottengono sui rotocalchi di ampia diffusione, dove le terapie alternative trovano posto addirittura nelle rubriche che trattano di salute; per non parlare della rete web, dove si vanno coagulando gruppi refrattari alla cultura scientifica che alimentano in modo autoreferenziale idee complottiste che includono anche la medicina ufficiale quale agente di una cospirazione per nascondere le vere cure per le malattie. È da questo ambito culturale che parte anche la pericolosa campagna di rifiuto delle vaccinazioni di cui, ancora una volta, sono vittime i minori. Si rileva, inoltre, la mancanza di reazione delle agenzie di regolamentazione e degli albi professionali per combattere questo flagello che mette seriamente in pericolo la salute e la vita di migliaia di pazienti nel nostro Paese. Ancor di più si è preoccupati per l’intrusione e perfino la promozione di questo tipo di pseudo-terapie da parte di enti pubblici come università, istituti ed Enti Locali che spesso danno voce e amplificano i messaggi pseudoscientifici, organizzando conferenze e corsi su queste pratiche”;

merita attenzione, a parere dell’interrogante, come esempio emblematico della situazione descritta, in particolare dell’azione criminale posta in essere dalle cosiddette psico-sette o movimenti del potenziale umano, spirituali o di altra tipologia, che si pongono in pericolosa alternativa alla medicina e alla scienza ufficiale, la recente sentenza della Corte di cassazione n. 39339 del 2017, di condanna di Vito Carlo Moccia, fondatore e guru del controverso “percorso di sviluppo e conoscenza personale” denominato “Arkeon”, per associazione a delinquere ed esercizio abusivo della professione di psicologo;

nella fattispecie, come si legge nella sintesi riportata da “Il Sole-24 ore” del 23 agosto 2017, «I giudici di appello avevano verificato, che i frequentatori si rivolgevano all’”associazione” con la speranza di risolvere i loro problemi psicologici attraverso la psicoterapia. Un “sostegno” che i “maestri” non negavano «andando a scandagliare nella sfera più intima e nascosta degli adepti insinuando atroci sospetti sul loro passato». Da una relazione tecnica della Procura del Tribunale di Bari, era emerso che, secondo i “maestri” erano in genere i genitori a trasmettere valori perversi ai figli, quasi sempre la madre che, in quanto donna, era dedita a relazioni prevalentemente perverse. L’unica funzione nobile riconosciuta al gentil sesso era quella di essere una terra fertile destinata a dare vita al figlio del Guerriero. Il risultato di una “introspezione” tanto “illuminata” non era la ricercata serenità, ma uno sconvolgimento e gravi rischi per la stabilità psichica dei frequentatori dei seminari. Tutto era finalizzato a raccogliere più partecipanti possibile per massimizzare i profitti. Gli adepti dopo aver «investito un rilevante capitale» nei seminari, restavano legati al gruppo anche nella speranza di far fruttare anche loro, una volta diventati finalmente maestri, il titolo rilasciato dal guru»;

infine, preme evidenziare come questo caso, prima e nonostante l’esito finale, sia diventato cavallo di battaglia della medesima come di altre controverse organizzazioni e dei loro sostenitori, per diffondere on line una gravissima campagna di tipo diffamatorio che si protrae da anni, in particolare in danno della dottoressa Lorita Tinelli (ex presidente del Centro studi sugli abusi psicologici – CeSAP onlus), la quale, per aver raccolto nel corso del tempo, documenti, dati e storie, risultati utili alle stesse indagini condotte dalla Digos, e per aver contestualmente segnalato gli abusi dell’associazione citata, ha dovuto subire anche un imponente accanimento giudiziario, con 180 denunce a suo carico, successivamente archiviate, richiesta di chiusura urgente del sito del CeSAP, respinta con un attestazione di merito dal giudice Salvatore, nonché una richiesta di oltre 4 milioni di euro per risarcimento danni, causa positivamente chiusa. In danno della medesima venivano attivati letteralmente decine di blog tra anonimi e firmati di frequentatori e maestri di Arkeon. L’interrogante rileva, che invero, l’ex presidente dell’ordine degli psicologi, dottor Giuseppe Luigi Palma, attestava la preziosa attività svolta dalla dottoressa Tinelli, invitando, tra l’altro, le stesse istituzioni a una necessaria riflessione, proprio a seguito delle modalità con cui la vicenda Arkeon si è dipanata;

analogo trattamento denigratorio è stato riservato alle associazioni italiane di informazione e tutela delle vittime delle sette e alla stessa specialità di Polizia SAS (squadra antisette) del Ministero dell’interno,

si chiede di conoscere:

quali misure i Ministri in indirizzo intendano adottare onde contrastare più efficacemente il fenomeno del settarismo abusante;

se non ritengano urgente provvedere a mirate politiche informative a tutela delle fasce vulnerabili, con particolare riguardo ai settori della salute e della pubblica istruzione;

quali interventi intendano porre in essere a sostegno delle realtà associative che sul territorio svolgono una encomiabile azione di informazione e tutela delle vittime e delle famiglie, sovente sostituendosi a inaccettabili carenze e lacune del sistema pubblico.

(4-08243)

https://parlamento17.openpolis.it/atto/documento/id/475371

di

 

Se si sospetta la presenza di un abuso all’interno di una esperienza religiosa, è bene fate alcune domande ai propri clienti del tipo: ricevete richieste di perfezionismo spirituale? Avete il terrore di non essere accettati? Vi sono aspettative spirituali narcisistiche e follemente ridicole sulla vostra vita?

Risultati immagini per abuso religioso

 

C’è stato un tempo in cui le convinzioni religiose ti hanno portato compagnia e pace, mentre ora lotti per la tua privacy, l’insicurezza e il confronto. Hai cercato sicurezza nella fede, ma ora vi sono soltanto regole, cerimonie e rituali. Come ci sei arrivato a tutto questo?

Un narcisista usa il proprio credo religioso per manipolare, controllare e dominare. Egli strumentalizza sistematicamente la tua vita al di fuori del culto e si inserisce al suo centro.

 

Risultati immagini per narcisista religioso

Non è la religione il problema. Le principali organizzazioni come quelle dei cristiani, musulmani, buddisti, indù e culti ebraici o anche quelle minori come i mormoni, il taoismo, il confucianesimo, New Age o Rastafari possono utilizzare questo modo di fare. Anche coloro che non professano la fede in Dio, come gli atei, gli agnostici o i satanisti sono inclusi in questa possibilità.

Non è il tipo di credenza ma piuttosto come la fede viene usata, che favorisce l’abuso.

1) Si comincia con il pensiero dicotomico, la gente viene spaccata in due parti. C’è chi è d’accordo con le convinzioni del narcisista e chi non lo è. E’ interessante notare che solo il narcisista è il giudice e decide chi appartiene ad una fazione o all’altra. La tua opinione è irrilevante.

 

Risultati immagini per mental manipulation

 
2) Inoltre il narcisista prende in giro, sminuisce e mostra pregiudizi verso altre credenze. Questa tattica è utile a ricordare che se uno cambia le proprie opinioni, sarà trattato nello stesso modo.

 

Risultati immagini per leader controllo masse
3) Improvvisamente il narcisista diventa elitario e si rifiuta di associarsi con persone o gruppi che ritiene impuri o profani. Preferisce l’isolamento e chiede di fare lo stesso, condannando chiunque non lo faccia.

 

Risultati immagini per mental manipulation

 
4) Successivamente, il narcisista richiede che si adotti completamente il suo punto di vista. Non c’è spazio per le diverse opinioni o per mettere in discussione la sua autorità. Qualsiasi possibilità di opinioni contrarie viene affrontata con minacce di abbandono o di separazione. Non vi è concessa alcuna volontà gratuita.

 

Risultati immagini per mental manipulation
5) Richieste di totale sottomissione, senza domanda successiva. Tu non sei libero di mettere in discussione la sua autorità e ogni tentativo in tal senso si scontra con la disciplina spirituale, fisica e/o verbale. La chiamata, la castità e il trattamento silenzioso sono manovre comuni in conformità.

 

Risultati immagini per controllo mentale delle masse

 
6) Il narcisista non è più soddisfatto del dominio privato, ma ha bisogno di mostrare il suo potere in pubblico. Egli si aspetta il rispetto rigoroso per qualunque immagine che ha creato a prescindere dalla correttezza di tale immagine. Anche il minimo accenno di mettere in discussione la sua facciata viene gestito con rimproveri immediati e crudeli.
7) Per intimidire ulteriormente, il narcisista etichetta le persone che non rispettano le sue credenze come disobbedienti, ribelli, senza fede, demoni, o nemici della fede. Questo viene fatto di fronte agli altri per rafforzare le loro opinioni e instillare la paura dentro e fuori la comuità.

 

Immagine correlata

 
8) C’è grande enfasi sulle prestazioni pubbliche. vengono richieste perfezione e felicità in ogni momento. Le attività religiose, come andare in chiesa, diventano esigenze prioritarie, le aspettative eccessive e rigide. Non vengono concesse indennità nemmeno per il lutto per la perdita di un amico o di un suo parente.
9) L’adesione rigorosa ai ruoli e alle regole vengono dominati con dichiarazioni assolute su questioni insignificanti, quali il colore o lo stile dei capelli. L’inosservanza è affrontata con severa disciplina e perfino con la scomunica.
10) Per separare ulteriormente, il narcisista utilizza segretezza o trattiene le informazioni per pochi eletti tra individui meritevoli. A volte ha bisogno di una prova di spiritualità avanzata o di qualche livello più profondo di impegno prima di condividere.
11) Mettere in discussione il narcisista è peggio che mettere in discussione la religione. L’obbedienza cieca al narcisista è attesa come il suo parere ed è più importante della religione. In sostanza, ha sostituito la vostra religione con se stesso e si aspetta l’adorazione.

 

Risultati immagini per controllo mentale delle masse

 
12) Il narcisista utilizza spesso la propria posizione religiosa di autorità per il proprio beneficio personale, che è spesso finanziario. Egli giustifica questo comportamento dicendo di meritarlo,  perché è migliore di altri. Tu, però, non vieni considerato anche perché la tua parte migliore non è abbastanza buona.

13) Per il narcisista, il fine giustifica i mezzi. Egli può impegnarsi in una cattiva condotta criminale o coprire le trasgressioni altrui in nome della religione. Questo include coprire gli abusi sessuali, abusi fisici, reati finanziari e altri misfatti. Egli crede di essere al di sopra della legge e quindi in potere di sovvertirla.
14) Per completare l’isolamento allontana  i  membri dalla famiglia allargata e dagli amici al di fuori della religione. Questo include l’evitamento, l’alienazione, la persecuzione. Tu sei completamente solo ora con lui come unica voce della tua vita.

 

 

Risultati immagini per controllo mentale delle masse

 
15) Alla fine di tutto questo, ti accorgerai che le tue convinzioni hanno perso la loro vitalità e che la tua crescita religiosa si è bloccata a causa dell’abuso narcisista costante. Non è insolito a questo punto mettere in discussione la propria fede e anche abbandonarla a causa del comportamento sadico.

Non c’è bisogno di essere oggetto di abusi religiosi. Rileggi questi punti e rifiuta di essere parte di un’organizzazione che incoraggia questo comportamento. La tua fede è troppo preziosa per essere distrutta da un narcisista. Non lasciare che la tua felicità sia compromessa.

By

Fonte: http://pro.psychcentral.com/exhausted-woman/2015/05/15-narcissistic-religious-abuse-tactics/

——————————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

By on

NOCI – Dopo gli avvenimenti degli ultimi giorni che hanno visto Noci protagonista di scritte sessiste contro le donne, riportate in un italiano, a stento comprensibile, su alcuni manifesti inerenti questa tematica, l’Amministrazione Comunale ha voluto approfondire il tema della violenza di genere con un incontro di confronto e riflessione svoltosi lo scorso 23 ottobre presso il Chiostro delle Clarisse, dal titolo “#MeToo: SOS Diversità di Genere”, ispirato ad un hashtag lanciato sui social da un’attrice dopo il recente scandalo che ha interessato il mondo dello spettacolo.

A prendere parte alla tavola rotonda, moderata dall’eccellente giornalista Annamaria Minunno, sono stati numerosi esponenti nocesi e non, sia donne che uomini, da sempre vicini a quest’importante tematica e per questo desiderosi di esprimere il proprio pensiero al riguardo.

In rappresentanza dell’Amministrazione Comunale sono intervenuti il sindaco Domenico Nisi e l’assessore Lorita Tinelli. Quest’ultima, da esperta psicologa e criminologa, ha sostenuto: «ultimamente la violenza serpeggia nel nostro linguaggio ed è importante fermarsi un attimo a riflettere sul peso che le parole hanno su chi le legge. Probabilmente modificando il nostro approccio, partendo magari dalle scuole, potremmo superare quei pregiudizi insiti nella società odierna».

A tal proposito, la senatrice Angela D’Onghia ha affermato: «La scuola ha il compito di educare al rispetto dell’altro. A Noci non manca la cultura, forse quello che inizia a mancare è l’educazione. Quello della violenza è un problema sociale».

Leggermente differente è stata la visione di Stefano Verdiani, referente dell’associazione nocese Presidi del Libro organizzatrice degli incontri pubblicizzati dai manifesti pasticciati, il quale, ancora disgustato dall’accaduto e incredulo che nessuno abbia visto l’artefice delle scritte, ha sostenuto che l’educazione dovrebbe cominciare innanzitutto dalle famiglie, esordendo con una significativa frase: «Se vuoi essere rispettato impara a rispettare».

Presente all’incontro anche Daniela Ciriello, co-autrice con Antonella Caprio di “Un granello di colpa”, il libro protagonista del manifesto vittima delle scritte sessiste, accompagnata dall’editore Leonardo Palmisano che ha evidenziato la barbaria di quest’epoca. Nel libro le due autrici raccontano e testimoniano moltissime storie a lieto fine di donne vittime di violenza, affinché possano essere d’aiuto a molte donne, risvegliando le loro coscienze attraverso un percorso educativo. Dall’esigenza di dar voce a queste donne è nato il progetto “Donna O”, in cui O sta per oggetto.

A conclusione della serata è intervenuta anche la presidente dell’associazione nocese Darf Mariarosaria Lippolis, che raccontando la storia dell’associazione, nata inizialmente come prettamente femminile al fine di offrire la possibilità a giovani donne professioniste di affermare il proprio ruolo sociale, e successivamente aperta anche agli uomini per coltivare insieme, attraverso la cultura, una realtà sociale, ha affermato: «La violenza di genere, ossia la prevalenza di un sesso sull’altro, si è evoluta nel tempo assumendo varie forme. Quella sulle donne è stata riconosciuta tardivamente e non c’è nessuna differenza tra la violenza che avviene tra le mura domestiche e quella effettuata da un estraneo o in un contesto lavorativo».

Fonte: http://www.legginoci.it/2017/10/25/metoo-sos-diversita-di-genere-rispettare-per-rispettarsi/

Torna in Puglia “Mafia: singolare, femminile”, lo spettacolo scritto a quattro mani dal procuratore aggiunto di Palermo Marzia Sabella e dalla scrittrice Cetta Brancato. Lo spettacolo, patrocinato dalla ANM di Trapani, andrà in scena domenica 17 settembre 2017, alle 20.30, in Piazza Plebiscito.

“La mafia, in quanto fenomeno umano, ha un inizio ed una fine” sosteneva Giovanni Falcone. Ma è sicuramente un fenomeno umano che si insinua in diverse situazioni, anche le più impensabili. E’ anche un approccio mentale alla vita. “La nostra amministrazione – ha affermato l’assessore alla Cultura del Comune di Noci, Lorita Tinelli – ha deciso di cogliere l’opportunità di ospitare a Noci l’opera teatrale “Mafia; singolare femminile” per l’importante riflessione cui ci obbliga. Anche le donne possono contribuire a sostenere un sistema mafioso, quelle stesse che hanno le potenzialità di sciogliere quelle catene criminali, costruendo un percorso di legalità”.

Storie di donne, di famiglie, di compromessi, negazioni e dolori, donne fragili e fortissime, tutte legate all’universo mafioso. Lo spettacolo è liberamente tratto dal libro “Nostro Onore” scritto dalla stessa Marzia Sabella e dalla giornalista Serena Uccello. La piece, interpretata da Stefania Blandeburgo, Maria Teresa Coraci e Giusy Frallonardo, con la voce fuori campo della presidente del Tribunale di Marsala Alessandra Camassa, andrà in scena in una serata patrocinata dall’Amministrazione comunale. Le musiche originali sono di Giana Guaiana. La regia è affidata a Luigi Taccone, coadiuvato dall’aiuto regista Enrico Romita.

In scena solo pochi elementi per non distrarre lo sguardo dalle vicende personali delle donne che rappresentano il cielo e la terra della mafia. Sul palco le storie della madre di un collaboratore di giustizia, la figlia di un complice esterno all’organizzazione, e altre figure ancora, tutte tratte da storie vere e tutte vittime della violenza, non solo fisica, della mafia. Il filo rosso che unisce i monologhi è costituito dalla voce della magistrata che le ha realmente incontrate nei verbali, nelle aule di udienza, nelle sale colloquio dei penitenziari e nelle intercettazioni.

L’accesso allo spettacolo è libero e gratuito.

Fonte: http://www.nocigazzettino.it/3442/Mafia:%C2%A0singolare,%C2%A0femminile.html

Da La Gazzetta del Mezzogiorno del 30 Agosto 2017

 

 

Da La Gazzetta del Mezzogiorno del 31 agosto 2017

 

 

Para el delito de ejercicio abusivo de la profesión de psicólogo no se necesita un método, sino que es suficiente un fin y un presupuesto: el diagnóstico y el tratamiento de los trastornos psíquicos. Así comienza la noticia del medio italiano Il Sole 24 Ore en la que Patrizia Maciocchi informa de que el Tribunal de Casación, basado en este principio, ha confirmado la condena del gurú fundador de la “psico-secta” Arkeon por los delitos de asociación para delinquir y abuso de la profesión de psicólogo.

El condenado se llama Vito Carlo Moccia, un dato fundamental que no ofrece el medio italiano. Sin embargo, puede consultarse en el documento de la sentencia, que ha publicado en su página web la psicóloga italiana Lorita Tinelli, experta en sectas. Presentamos la información gracias a la traducción realizada por la Red Iberoamericana de Estudio de las Sectas (RIES).

Los psicólogos, legitimados para denunciar

El Tribunal Supremo, en su sentencia 39339 hecha pública el pasado 22 de agosto, afirma en primer lugar el derecho del Orden de Psicólogos a constituirse en parte civil en el proceso, rechazando la objeción que sobre este punto había hecho el demandante.

Esta constitución es posible cuando no se basa únicamente en el daño a los intereses morales de la categoría profesional, sino también en el daño patrimonial que, aunque indirectamente, derive de la competencia desleal por parte de personas no capacitadas. Y para los jueces fue ciertamente competencia desleal y ejercicio abusivo de la profesión “el camino de desarrollo y de conocimiento personal” propagado en los seminarios de Arkeon. Caminos que, según la defensa, no eran más que una evolución del reiki, la práctica espiritual utilizada como terapia alternativa para dolencias corporales y mentales.

Los jueces de apelación habían verificado que los asistentes se dirigían a la “asociación” con la esperanza de resolver sus problemas psicológicos a través de la psicoterapia. Un “apoyo” que los “maestros” no negaban “yendo a sondear las esferas más íntimas y ocultas de los adeptos, insinuando sospechas atroces sobre su pasado.

El daño a los adeptos

De un informe técnico de la Fiscalía del Tribunal de Bari se desprende que, según los “maestros” de la secta, los padres solían transmitir valores perversos a sus hijos; casi siempre la madre que, como mujer, se dedicaba principalmente a relaciones perversas. La única función noble reconocida al sexo femenino era ser una tierra fértil destinada a dar a luz al hijo del Guerrero.

El resultado de una “introspección” tan “iluminada” no era la serenidad deseada, sino un sobresalto y graves riesgos para la estabilidad psíquica de los asistentes a los seminarios. No es de extrañar la constitución de una parte civil por parte de los psicólogos. El Tribunal de Casación señala que el artículo 348 del Código Penal, relativo al abuso de profesión, es una norma general que debe combinarse con las demás que regulan las profesiones para las que está prevista la habilitación.

Se aclaró que para ejercer de psicólogo sirve un título específico o un título en medicina y cirugía, más los cursos de especialización requeridos; los jueces niegan que sea necesario, para impugnar el delito, el uso de métodos particulares, científicamente probados o no. Es suficiente que la conducta tenga como presupuesto hacer el diagnóstico y cómo curarlo. De hecho, la norma pretende impedir que la salud mental del paciente sea puesta en riesgo por aquellos que pueden “manipularla” dañándola.

El daño al Orden de Psicólogos resultaba evidente tras examinar la estructura de Arkeon y su modus operandi. El boca a boca, folletos, publicidad a través de Internet, presentaciones gratuitas de los cursos… todo estaba dirigido a reunir a tantos participantes como fuera posible para maximizar los beneficios.

Los adeptos, después de haber “invertido un capital significativo” en los seminarios, permanecían vinculados al grupo incluso con la esperanza de hacer producir, una vez que llegaran a ser maestros, el título dado por el gurú. Todo esto prueba “el engaño del delito” y que se trababa, ciertamente, de una “asociación para delinquir”.

Un grupo “abusivo y peligroso”

Según explica en su página web la psicóloga Lorita Tinelli, “después de tantos años hemos llegado a la etapa final de un camino largo, judicial y no sólo, que ha sido increíble” y que aún hoy trae consigo “un proyecto de ocultación de la realidad, de denigración y de intimidación a las víctimas y a los que han denunciado”.

La experta recuerda que uno de los maestros de Arkeon, Francesco Antonio Morello, ya había sido condenado definitivamente en 2012 por abuso sexual, “comportamiento hecho posible también gracias a su papel de maestro en el grupo”.

Por eso muestra su satisfacción porque en la sentencia de casación queda claro que el método Arkeon de Moccia era “abusivo y peligroso”, de manera que no sólo se cierra definitivamente la cuestión en la esfera judicial, sino que también “confirma mi hipótesis inicial y me da la razón sobre los motivos por los que denuncié públicamente el asunto.

En los medios de comunicación se habló en su día de 10.000 personas en torno a la secta Arkeon, con sede en Bari. Un extenso informe presentado ante el Senado italiano por el psicólogo Luigi Corvaglia da los detalles sobre el funcionamiento del grupo y su carácter destructivo.

Fonte: http://infocatolica.com/blog/infories.php/1708240118-italia-confirman-la-condena-a

Dopo tanti anni siamo giunti alla fase conclusiva di un lungo percorso, giudiziario e non solo, che ha avuto dell’incredibile e che ancora oggi porta con se’ rimasuglie di un progetto di dissumulazione della realtà, di denigrazione e di intimidazione delle vittime e di coloro che hanno denunciato. Strategia ormai pallida e ridicola da tempo, ma che ha trovato giocoforza in un gruppuscolo di persone con evidenti problemi esistenziali e probabilmente di altra natura, che hanno investito anni ed anni in questo ‘gioco perverso’, risultato, con ogni evidenza, perdente.

Chi volesse ripercorrere quanto accaduto negli ultimi anni, può anche solo rileggere alcuni articoli scritti sull’argomento che lo riassumono bene (qui e qui). E chi fosse interessato a capire meglio cosa fosse Arkeon può guardare le uniche trasmissioni sopravvissute on line al grande tentativo di censura e di occultamento della realtà messo in atto (qui e qui).

Uno dei maestri di Arkeon, tale Francesco Antonio Morello, era già stato condannato definitivamente nel 2012 per abusi sessuali, comportamento ‘reso possibile’ anche grazie al suo ruolo di maestro nel gruppo (qui la sentenza di cassazione, ma è anche importante leggere la sentenza di primo grado e quella di appello, per meglio comprendere i fatti).

Sono sempre stata abituata ad accettare e rispettare tutte le sentenze, anche quella, dal mio punto di vista, ‘bizzarra’ di primo grado di Arkeon, che sembrerebbe il risultato di un tentativo di ammorbidire certe posizioni a sfavore di altre, pur evidenziando dei fatti precisi (fatti confermati, così come l’attendibilità dei testimoni nella sentenza di appello, che ritorna addirittura a parlare di ‘setta‘). Ma una sentenza di Cassazione che evidenzia che il cosidetto “metodo Arkeon”, diffuso anche da tutte le società create da Moccia, fosse un metodo abusivo e pericoloso tanto che “i frequentatori si rivolgevano all’associazione perché speravano di risolvere problemi di natura psicologica e di ricevere un aiuto psicoterapeutico (…) da tali deposizioni emerge che i maestri di Archeon si azzardavano a scandagliare la sfera più intima e nascosta degli adepti e insinuavano atroci sospetti sul loro passato, determinando sconvolgimenti e gravi rischi per la stabilità psichica degli stessi in quanto privi degli strumenti di competenza per agire in questo delicatissimo settore“, non solo chiude definitivamente la questione, ma conferma anche le mie ipotesi iniziali e quindi mi da ragione sui motivi per cui ho denunciato pubblicamente la questione.

Prima di concludere sento di abbracciare chi mi è stato vicino in questi lunghi 11 anni e chi ha permesso insieme a me di raggiungere questo risultato.

Di seguito le motivazioni della Sentenza di Cassazione. Buona lettura:

 

 

 

 

 

 

 

Dopo 11 anni di tentativi di dissimulazione della realtà, mediante blog anonimi creati ad arte e affermazioni di presunti studiosi di parte o di paladini improvvisati o partigiani di mestiere, che addirittura sostenevano la ‘inattendibilità’ dei testimoni del processo e della sottoscritta, ritengo fondamentale pubblicare la sentenza di appello, affinchè la verità possa essere ripristinata. Essa viene pubblicata integralmente, così come riportata su altri siti.

E’ fondamentale notare che il Giudice Relatore non solo torni a definire Arkeon una setta, ma nell’esposizione rimarca il danno che il metodo Arkeon ha fatto a diverse persone e l’abuso professionale esercitato dal gruppo medesimo, confermato anche dai testimoni a favore dello stesso. Singolare è che anche chi si è intrufolato nel processo per fare un danno a me, abbia dato un grosso contributo alla condanna e alla sua conferma in appello.

Acta est fabula!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Abusi sessuali, plagi, manipolazioni, indimidazioni. Dal caso Arkeon in poi quello delle sette segrete è un mondo sommerso da cui gli adepti scappano con difficoltà. E che la legge può sanzionare solo in parte

«Il maestro ordinò un lavoro di gruppo a sfondo sessuale. Eravamo bendati mentre i maestri ci mettevano di fronte un uomo o una donna che dovevamo toccare e da cui farci toccare anche nelle parti intime. Impossibile scappare, perché ci tenevano fermi». È soltanto una delle testimonianze dei tanti fuoriusciti da Arkeon, un gruppo controverso operante dapprima a Bari e provincia e poi in tutta Italia. Tutti vogliono l’anonimato perché, nonostante l’organizzazione non sia più operante dal 2008 (o perlomeno non col nome Arkeon), le minacce e le intimidazioni sono continuate nel corso degli anni. E forse è anche per questo che la sentenza della Corte di Cassazione arrivata in questi giorni, pur avendo chiuso un processo durato oltre cinque anni, lascia l’amaro in bocca: già, perché al termine della trafila giudiziaria si conta solo un condannato, il guru Vito Carlo Moccia: 2 anni e 5 mesi per associazione a delinquere. Tutti gli altri sei imputati, ritenuti «maestri», si sono salvati perché intanto il reato è caduto in prescrizione.

ABUSI ALL’INTERNO DELL’ORGANIZZAZIONE

Fa niente per i disagi e le sofferenze che tanti hanno dovuto subire e raccontate nel corso del processo stesso. Il gruppo, nato formalmente nel 1999 sotto la guida di Moccia, teneva seminari (che potevano arrivare a costare anche oltre 10mila euro) nel corso dei quali si cercava di attuare una rivalutazione e reinterpretazione delle vite di persone: «Quando sei dentro – ci spiega una fuoriuscita – credi a tutto, è un vero e proprio delirio di onnipotenza: diventi immune da tutto ciò che di negativo può capitare, non ti ammali o guarisci anche da malattie gravi. Puoi fare il trattamento con le mani al cibo per purificarlo o all’antibiotico per evitare che ti faccia male allo stomaco. Tramite alcune pratiche con la mente, credi di poter trovare parcheggio o di riuscire a ricaricare il telefonino».

si organizzavano seminari di ogni tipo: sul denaro durante il quale si arrivava ad andare anche a chiedere l’elemosina vestiti da barbone, o sulla morte, durante il quale si costruiva la propria tomba e alcuni ci dormivano dentro

Ma il «delirio» aveva un fine molto preciso: gran parte delle insoddisfazioni o dei malesseri sarebbero da imputare a violenze sessuali subite da piccoli ma rimosse. «Ritenevano – racconta ancora Angela (nome di fantasia) – che gli abusi fossero stati commessi da un membro della famiglia della madre, perché i maestri pensavano che da lì provenissero le perversioni». A raccontare cosa accadeva è stato Carlo Fornesi, ex adepto morto suicida dopo che si era convinto di una sua presunta omosessualità, nonostante avesse moglie e figli: negli incontri «l’emissione di saliva e muco viene incoraggiata e descritta come “vomitare lo sperma dell’abuso”. Ho conosciuto persone che hanno creduto realmente si trattasse di sperma, e lo sostenevano vigorosamente contro ogni evidenza e razionalità».

Né, stando al racconto dei fuoriusciti, si avevano atteggiamenti diversi in presenza di bambini: «Un giorno c’era una mamma con una bambina – racconta ancora Angela – e si diceva che la mamma era stata abusata dal nonno; il maestro dichiarò che solo se la mamma si fosse impegnata a fare il lavoro (frequentare il gruppo, ndr), la piccola non sarebbe stata abusata». Situazioni borderline, insomma, che spesso cadevano in vere e proprie violenze: un altro dei maestri, operante questi a Milano, in un altro processo è stato condannato in via definitiva per abusi sessuali.

MINACCE CONTINUE

Ma non c’erano solo violenze: «si organizzavano seminari di ogni tipo: sul denaro durante il quale si arrivava ad andare anche a chiedere l’elemosina vestiti da barbone, o sulla morte, durante il quale si costruiva la propria tomba e alcuni ci dormivano dentro». Insomma, una vera e propria «manipolazione mentale che annulla l’adepto allontanandolo da genitori, figli, parenti, compagni e amici», ci dice la dottoressa Lorita Tinelli, che per aver denunciato tra i primi quanto accadeva in Arkeon ancora deve far fronte a minacce e intimidazioni. Anche la sua vicenda ha dell’incredibile: dopo un’intervista rilasciata nel 2006 a a Maurizio Costanzo, la psicologa colleziona qualcosa come 180 denunce da parte di adepti di Arkeon, tutte archiviate, ed un atto di citazione in sede civile con richiesta di risarcimento di 4 milioni di euro e richiesta di chiusura del sito internet del Cesap (Centro Studi Abusi Psicologici, da lei fondato) da lei gestito, negata dal magistrato con dichiarazione di merito. «Contro di me – racconta ancora a Linkiesta – hanno creato blog a nome di membri di Arkeon con l’obiettivo di denigrare la mia attività, sostenendo che mi fossi inventata tutto e che avessi manipolato sia la stampa che i magistrati. Ho ricevuto anche minacce di morte con lettere in cui qualcuno si diceva pronto a difendere il Maestro, impugnando la katana, una spada».
E poi uno degli elementi più inquietanti: un libro, rintracciabile su Amazon, dal titolo «Il Curioso Caso Lorita Tinelli: Fenomenologia Di Una Psicologa Paragiornalista». L’autore, ovviamente, non esiste. Inventato. Tale Pierluigi Belisario: sarà un caso ma Pierluigi è il nome di un ex arkeoniano molto vicino al guru e che ha avuto un ruolo-chiave nel processo e, ci dice ancora la Tinelli, «Belisario è il nome di mio marito». Un nome non comune: che sia stato utilizzato per “ribattezzare” l’autore di questo libro, lascia pensare. Ma minacce e intimidazioni hanno toccato anche altri protagonisti della vicenda, dai testimoni-chiave del processo (alcuni dei quali sono stati querelati più di 100 volte, ma sempre assolti) fino all’allora presidente dell’Ordine degli Psicologi di Bari, Giuseppe Luigi Palma: «Per noi – ci racconta – la vicenda è iniziata a fine anni ’90 quando ci fu segnalato che Moccia (il guru di Arkeon, ndr) si presentava come psicologo, ma non era iscritto all’ordine.

Dopo il caso Braibanti (nel 1967 un intellettuale di sinistra aveva avuto rapporti omosessuali con due giovani. Uno dei due, però, spinto dai genitori, denunciò il tentativo di Braibanti di «introdursi nella sua mente»), la Consulta ha dichiarato il reato incostituzionale perché «reato d’opinione»

Da qui si sono aggiunte poi varie segnalazioni e denunce sugli abusi psicologici, anche grazie all’operato della dottoressa Tinelli, che per questo è stata poi bersagliata». Non a caso anche l’Ordine nel processo si è costituito parte civile, ricevendo un risarcimento danni; e proprio da lì sono cominciate le pressioni: «So che specie su internet e blog creati ad hoc, sono stato attaccato e insultato dai seguaci di Arkeon. Ma al di là del caso concreto, questa è una vicenda che dovrebbe invitare le istituzioni a riflettere».

IL REATO CHE MANCA

Già, perché forse sarebbe andata diversamente se l’Italia avesse reintrodotto nel suo codice penale il reato di manipolazione mentale. Già, reintrodurre. Perché in Italia c’era. L’articolo 603 del codice penale, infatti, prevedeva che chi sottoponeva «una persona al proprio potere in modo da ridurla in totale stato di soggezione» poteva essere condannato fino a 15 anni di reclusione. Tuttavia dopo il caso Braibanti (nel 1967 un intellettuale di sinistra aveva avuto rapporti omosessuali con due giovani. Uno dei due, però, spinto dai genitori, denunciò il tentativo di Braibanti di «introdursi nella sua mente»), la Consulta ha dichiarato il reato incostituzionale perché «reato d’opinione». Da allora tutti i tentativi fatti per reintrodurlo sono miseramente falliti. «È chiaro – puntualizzano dall’Aivs (Associazione Italiana Vittime Sette) – che non è nostro scopo resuscitare il vecchio reato di plagio, ma riteniamo opportuno che lo Stato italiano possa adottare idonee misure legislative che prevengano e contrastino il condizionamento psicologico degli individui».
Non a caso, la Fecris, la Federazione Europea dei Centri di Ricerca e di Informazione sulle Sette e i Culti, ha inviato una lettera al Governo e ai presidenti di Camera e Senato, esprimendo «forte preoccupazione e sconcerto per il mancato recepimento delle indicazioni contenute» in una Raccomandazione del Consiglio d’Europa (la numero 1412 del 1999) con la quale gli Stati membri sono stati sollecitati a «un’efficace azione di vigilanza e di informazione preventiva sui gruppi a carattere religioso, esoterico o spirituale». Niente da fare: in Italia si continua a perder tempo. Anche in questa legislatura qualcuno ci ha riprovato: l’onorevole Pino Pisicchio il 15 marzo 2013 ha presentato una nuova proposta di legge che, tuttavia, non è mai stata calendarizzata. Intanto le associazioni hanno organizzato soltanto poche settimane fa un incontro in Senato per denunciare l’abbandono delle vittime, non tutelate dallo Stato: diversi i politici presenti, che hanno assicurato la volontà di organizzare tavoli tecnici. Molti di questi, da Piero Liuzzi ad Angela D’Onghia, hanno presentato interrogazioni ad hoc. Che, tuttavia, non hanno mai avuto risposta dal Governo

Fonte: http://www.linkiesta.it/it/article/2017/08/10/sette-segrete-il-mondo-torbido-che-la-legge-non-riesce-a-perseguire/35177/

Creative Commons License Sette segrete, il mondo torbido che la legge non riesce a perseguire is licensed by Lorita Tinelli under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 3.0 United States License.