Header image alt text

Lorita Tinelli

Prefiero morir de pie a vivir arrodillado – Il Che

Il Centro Studi Abusi Psicologici (CeSAP) e l’ Associazione Familiari Vittime delle Sette (FAVIS), sono costrette a denunciare il clima di criminalizzazione volutamente organizzato ai loro danni dai fautori di una teoria della cospirazione dai connotati grotteschi.

Le suddette associazioni sono, infatti, da anni al centro delle non benevole attenzioni di una rete di controversi attivisti che le attaccano in modo virulento per la loro attività di informazione su gruppi totalitari e/o criminogeni. Esponenti di CeSAP e FAVIS hanno subito e tollerato, nel corso degli anni, la diffamazione personale operata da blog e siti “anonimi” finalizzati a difendere l’operato di culti ambigui e discussi che vedevano nel lavoro delle associazioni citate un ostacolo alla loro attività. Hanno subito perfino azioni di pirateria informatica e intimidazioni che sono giunte alla pubblicazioni di fotografie ritraenti esponenti delle associazioni ripresi nel loro quotidiano spazio di vita.

Una nuova fase nella strategia di attacco a chi difende i cittadini e aiuta le vittime dei gruppi costrittivi è però pianificata e messa in atto da ben individuabili organismi dalle ambigue connessioni proprio con questi gruppi e i cui esponenti più in vista si dedicano a una difesa pregiudiziale di qualunque gruppo sia sospettato di abusi.

Costoro, dopo aver prodotto una mole di articoli denigratori nei confronti delle associazioni cosiddette “anti-sette”, con l’intento di creare un immaginario in cui tutte le vicende di cronaca che riguardano abusi fisici e psicologici nell’ambito di gruppi sarebbero false, ovvero opera della micidiale macchina di creazione di “fake news” gestita da queste associazioni, sono ora giunte alla diffusione di un teorema bizzarro e inverosimile. Infatti, recentemente si è dichiarato che le associazioni italiane affiliate alla FECRIS, (la Federazione Europea dei Centri di Informazione e Ricerca su Culti e Sette), cioè appunto CeSAP e FAVIS, mirerebbero a portare il nostro Paese all’adozione di una legislazione illiberale sul modello di quella adottata nella Federazione Russa, paese in cui gruppi come la Chiesa di Scientology e i Testimoni di Geova sono stati oggetto di vicende giudiziarie, -a cui, nel caso dell’organizzazione geovista, ha fatto seguito la messa al bando -, e dal quale giungono raccapriccianti notizie circa abusi e vessazioni nei confronti dei fedeli di quest’ultima congregazione.

L’accusa, gravissima, infamante e soprattutto priva di qualunque fondamento, non è tollerabile perché altamente lesiva della immagine delle associazioni e della realtà.

La storia personale dei membri delle associazioni, gli statuti di queste e tutta la loro attività svolta anche e soprattutto in fattiva collaborazione con le istituzioni e le forze dell’ordine, testimoniano di un impegno continuo nella difesa della libertà e della democrazia, e un’operazione mediatica che vuole diffondere l’idea di una cospirazione totalitaria, operata da pochi volontari privi di qualunque potere economico o politico, per instaurare uno stato di polizia, è vergognosa, immorale, turpe e grottesca. Si tratta di una propaganda di stampo marcatamente diffamatorio, mirante a creare un pesante alone di diffidenza e sospetto anche nei confronti delle nostre istituzioni e dei suoi organi, e che inquieta particolarmente per le connessioni che questa rete di apologeti “a prescindere” di ogni organizzazione discussa, sembra vantare con esponenti della politica.

Fonte: http://www.cesap.net/chi-siamo/attivita-cesap/20-comunicati-stampa/3514-comunicato-stampa-apologisti-basta-con-le-fake-news

Stampa

Chi sono gli Incel, uomini che odiano le donne perché non trovano l’amore? Ne parliamo oggi a Mangiafuoco.

Ascolta la puntata qui

NOCI (Bari) - Si è tenuta sabato due febbraio, presso il “Dama D’Angiò” la presentazione del libro “Nella setta” scritto dai giornalisti di fama internazionale Carmine Gazzanni e Flavia Piccinni, edito da Fandago.
La serata è stata organizzata dall’Associazione Culturale Darf, in collaborazione con i Presidi del libro di Noci, con le associazioni CeSAP (Centro Studi Abusi Psicologici) e AIVS (Associazione italiana vittime delle sette), libreria Mondadori Point e con il patrocinio del Comune di Noci. A dialogare con gli autori sono stati l’attuale presidente Darf e tecnico della riabilitazione psichiatrica Mariano Casulli e la Dott.ssa Lorita Tinelli, esperta psicologa forense e fondatrice del CeSap. Ampio spazio riservato alla diretta testimonianza di Toni Occhiello, attualmente presidente dell’AIVS e vittima per diversi anni di un’organizzazione settaria. Un argomento come quello trattato, non certo leggerissimo, necessitava di piccoli intervalli che stemperassero piacevolmente l’atmosfera: a questo hanno pensato le note jazz del duo formato da Donatello Notarnicola (al basso) e Graziano Mastromarino (alla chitarra)

2 4 nellasetta 1Le sette: quali e quante tipologie ne esistono? Dove e quanto sono diffuse? Con quali sottili meccanismi adescano i loro adepti? A queste e altre domande hanno voluto rispondere Carmine Gazzanni e Flavia Piccinni, coppia che ha voluto fingersi “in crisi” per esplorare dall’interno i meccanismi di quelle che hanno apertamente definito “organizzazioni criminali”.

Inizia tutto con quella che è la loro parola d’ordine: “Love bombing!”
“Chi non sognerebbe di essere letteralmente bombardato da amore incondizionato a profusione?” – ha esordito Flavia Piccinni- “E’ ciò che avviene all’interno delle cosiddette “sette”. Ti accolgono in queste strutture meravigliose, che sembrano alberghi a cinque stelle e ti bombardano di affetto e comprensione. Tutti ti ascoltano, tutti (guarda caso) hanno passato ciò che stai attraversando in quel momento. Rimani stupito da come degli estranei riescano a comprenderti più dei tuoi amici e della tua stessa famiglia. Per i tuoi cari magari sei un idiota, loro invece ti fanno sentire un mezzo genio”.

2 4 nellasetta 10La dottoressa Lorita Tinelli, ha continuato il discordo delle Piccinni affermando che: “Nella società odierna, dove c’è sempre meno empatia, meno capacità di ascolto e dove ciò che scarseggia a livello morale è ciò di cui ci sarebbe invece più bisogno, cadere nella rete è facilissimo. La cosa che spaventa, è la totale assenza dello Stato di fronte a questo gravoso problema sociale. Quello per cui vogliamo batterci è l’adozione di serie misure da parte degli Stati membri della Comunità Europea. Ricordo che l’ex Senatore Piero Liuzzi firmò a suo tempo due interrogazioni parlamentari a riguardo, ma bisogna continuare a lottare, bisogna avere coraggio! Pochissimi giornalisti hanno avuto il coraggio di Flavia e Carmine, che non si sono lasciati intimorire dalle repliche che puntualmente arrivano da queste organizzazioni settarie”.

Flavia Piccinni lo ha confermato: “Puntualmente, dopo ogni presentazione del nostro libro e ad ogni articolo redatto in merito, arrivano richieste di rettifiche o commenti pungenti svolti a screditarci. Dal canto nostro, siamo felici che ci sia così gente con così tanto tempo a disposizione ma ci dispiace dover ricordar loro che siamo inattaccabili. Lo siamo perché possiamo provare e documentare ogni singola riga contenuta tra queste pagine. Prova ne è che sono partite anche diverse inchieste giudiziarie che spero proseguano nella giusta direzione”.

Carmine Gazzanni ha ricordato che il loro lavoro non è stato costruito unicamente raccogliendo testimonianze, ma soprattutto sulla base di documenti pubblici e privati di cui lui e la collega Piccinni sono entrati in possesso.
“A tutti coloro che contattavamo o che ci contattavano, ponevamo la consueta domanda: “Puoi dimostrare quanto stai dichiarando?”. Ricordo una lunghissima intervista ad una ragazza vittima di un’organizzazione settaria che pretendeva di curare ogni malessere, fisico e spirituale, con delle rigidissime regole alimentari, più nello specifico improntate al macrobiotico. Il sedicente “guru”, imponeva durante la giornata esclusivamente due tipi di cereali, riso e farro, e soli cinque tipi di verdure. Assolutamente vietato il caffè e persino l’acqua, sostituita con del thè energizzante. Uno schema alimentare assolutamente dannoso per la salute. La ragazza, con una tremenda paura di esporsi, ha raccontato anche di abusi sessuali ed economici che si consumavano puntualmente all’interno dell’organizzazione. Quando le abbiamo chiesto perché non avesse denunciato, la ragazza ha risposto che lo ha fatto non tanto per paura, quanto perché si è ritrovata completamente sola. Fortunatamente oggi tutto questo è oggetto di inchiesta”.

La Dott.ssa Tinelli lo ha ribadito ancor più chiaramente: “Creare il vuoto attorno a coloro che ne fanno parte, rientra tra i principali obiettivi delle sette. Non fanno altre che indebolire socialmente i soggetti, in maniera lenta ma inarrestabile e progressiva. Come ricordava Carmine, quando sentiamo il termine “setta” il pensiero corre sempre ad un’organizzazione religiosa. Ma non sempre è così: col termine sette può designarsi qualsiasi gruppo rigidamente chiuso che impone all’individuo determinate regole molto rigide, separandolo così dal resto del mondo. Esistono anche famiglie, e partiti politici che meritano pienamente l’appellativo di settari. Una delle prerogative è il vedere tutti come nemici, come incarnazione del male. A cominciare dalla famiglia, fino a quando le tue relazioni sociali restano circoscritte all’interno della setta. Si ha quindi solo l’illusione di avere una vita relazionale normalissima, anzi piena e ricca. In realtà siamo tremendamente soli, perché è una relazionalità malata”.

2 4 nellasetta 3Particolarmente toccante è stata la testimonianza diretta di Toni Occhiello, che è stato vittima per anni di una di queste organizzazioni criminali, e che oggi è presidente dell’AIVS (Associazione italiana vittime delle sette), battendosi perché a nessuno tocchino più esperienze simili e affinché lo Stato entri finalmente (e duramente!) nel merito della questione.
“Io ero fresco di laurea, ero un poliglotta, provenivo da una famiglia agiata e avevo una fidanzata che amavo, conosciuta proprio sul set di un film di Spielberg. Lo dico senza presunzione alcuna ma certamente non ero stupido e all’interno di questa setta c’erano affermati professionisti e gente plurilaureata. Non c’entra il livello culturale e non ci si cade sempre e categoricamente in un momento di fragilità. A volte è solo la curiosità di sperimentare realtà diverse, di ampliare le tue vedute che ti porta a cadere nella trappola e a rovinarti letteralmente la vita. Ti ritrovi appunto solo: a tuo tempo hai allontanato tutti, e ora sperimenti come tutti allontanino te, guardandoti quasi con disprezzo. La mia famiglia mi diseredò e io leggevo nei loro occhi la frase: “Se l’è cercata”. Non immaginano quanto dolore si possa celare dietro le singole esperienze. Forse, leggendo quelle riportate all’interno del libro, capirebbero che loro non sono gli intelligentoni, quelli a cui non potrebbe mai accadere. Possiamo esserne vittime tutti: che sia per semplice curiosità ed idealismo incanalati in maniera sbagliata o per un momento di profondo sconforto. Iniziare a demolire pregiudizi e retro pensieri è il modo migliore per aiutare davvero le vittime, che già non denunciano perché sanno che servirà a poco”- ha confessato Occhiello, nei cui occhi è possibile scorgere ancora qualche scheggia di doloro ma anche tanta determinazione.
2 4 nellasetta 13La Dott.ssa Tinelli ha rievocato in proposito un’esperienza vissuta personalmente: “Mi è capitato di effettuare assieme ad una madre disperata un triste pellegrinaggio di caserma in caserma, per riuscire a sapere dove fosse suo figlio, andato via di casa perché caduto con molta probabilità nelle grinfie di una setta per altro molto pericolosa, poiché imponeva l’abbandono di qualsiasi cura medica si stesse effettuando.
Sapete qual era la risposta puntuale e laconica dei carabinieri? Signora suo figlio è grande, ha vent’anni ed è responsabile delle sue azioni. Pretende forse di tenerlo sempre in casa con lei? Non sussiste nessun reato!”. E i sedicenti guru, i santoni, giocano proprio su questo: sanno che molto difficilmente saranno imputabili”.

Carmine Gazzanni, ha ribadito ulteriormente l’intento del libro: “Per questo il nostro obiettivo è sollecitare gli organi parlamentari, al fine di colmare una “vacatio legis” e portare in parlamento una legge che consenta ai magistrati di punire in maniera esemplare questi criminali”.

Ragionando in termini geografici, circoscritti in ambito nazionale, Flavia Piccinni ha specificato quali sono le regioni in cui le sette proliferano maggiormente: “Al contrario di quanto si possa pensare, non sono le Regioni più povere o con uno standard culturale più basso, ma le più floride! Per il Nord si tratta di Piemonte, Liguria e Lombardia, mentre per quanto riguarda il Sud spicca tristemente la nostra Puglia”.

Lorita Tinelli, per quanto concerne la nostra Regione, ha fornito anche un dato più preciso: “In Puglia stanno andando di moda le cosiddette “psico-sette”, ovvero quelle che millantano veri e propri corsi di apprendimento veloce e di potenziamento delle proprie facoltà cognitive.
La presunta efficacie e la ristrettezza dei tempi, sono un’ottima esca soprattutto per gli studenti universitari, che hanno evidentemente bisogno di riuscire a memorizzare il maggior numero di nozioni nella maniera più efficace e nei tempi più brevi possibili. Non va tralasciato il fatto che la gente, predilige rivolgersi a questi guru piuttosto che a figure professionali come psicologi e psichiatri. Il motivo della scelta è molto semplice: loro offrono una risposta preconfezionata, una sorta di terapia a “taglia unica”, che va bene indistintamente per tutti. Lo psicologo invece, non ti offre sul piatto d’argento la risposta, ma si mette a cercarla assieme al paziente, nell’ambito di un percorso che vede entrambi attivamente partecipi. Quella risposta te la devi in qualche modo “sudare” scavando a fondo dentro te stesso”.

Gazzanni si è voluto soffermare su una comunità che è stata oggetto di inchieste e anche di condanne.
“Si tratta della “Comunità del Forteto”, nata sul finire degli anni 70’, facente capo a Rodolfo Fiesoli. L’organizzazione propugnava il mantenimento e la difesa di alcuni valori sessantottini. Fin qui niente di male, perché si trattava anche di valori giusti e più che accettabili. Peccato che presto questi valori siano stati portati all’esasperazione, fino ad essere totalmente sovvertiti da regole assurde, come l’astensione dai totali dai rapporti eterosessuali e l’obbligo a quelli omosessuali. Rapporti omosessuali che diventavano veri e propri abusi a carico di minori. Il “Forteto” può essere considerato una vera e propria “setta di Stato”.
Uno Stato che invece di intervenire duramente, l’ha sfruttata per le sue propagande, perché ritenuta sede di grandi valori. Quando è diventata una cooperativa, ha iniziato a fatturare quindici milioni di euro all’anno. La cosa paradossale, è che i bambini venivano dati in affidamento dallo stato, per mano degli assistenti sociali, proprio a chi abusava di loro”- ha dichiarato Gazzanni indignato. “Per aggirare il limite dell’affido, fissato a 24 mesi, all’interno della comunità si formavano coppie fittizie, non legate da alcun vincolo sentimentale, al solo scopo di far restare i bimbi all’interno del Forteto. Come vedete, quello delle sette è un tema che dovrebbe interessare tutti, perché purtroppo tocca tutti gli ambiti della società: personale, politico, economico e giudiziario”.

In fine, Occhiello ha voluto nuovamente intervenire per ribadire: “No: lo Stato non è assente. E’ un’affermazione vera solo in parte. E’ assente quando si tratta di tutelare i cittadini, ma più che mai presente quando può trarre un qualche vantaggio da queste sette. Il libro persegue l’intento di scuotere la barca, e noi intendiamo scuoterla ancora di più!”.

Affermazione condivisa anche dalla Dott.ssa Tinelli, che ha dichiarato: “Questa serata ha rappresentato una delle rare eccezioni in cui non mi sono sentita sola, ma fortemente supportata in quella che è una battaglia che mi sta a cuore e che conduco da anni! Un piccolo consiglio ai genitori: se sospettate che i vostri figli siano incappati in questa trista realtà, cessate di dar loro denaro, chiudete i rubinetti economici! Cercate anche di evitare il più possibile di far avvenire il distacco rimproverando aspramente e duramente, ponetevi con pacatezza e cercate di capire in maniera silenziosa, da “dietro le quinte” quanto sta accadendo. Tenete sempre a mente che se il distacco totale dalla famiglia e dagli affetti è il loro obiettivo”.

2 4 nellasetta 4Un plauso va doverosamente al duo formato dal bassista Donatello Notarnicola e dal chitarrista Graziano Mastromarino, che sono riusciti a colorare con le loro note jazz una serata all’insegna di un tema oscuro…ma necessario da trattare.

Marica D’Aprile
Fonte: https://www.noci24.it/cultura/libri/18250-nella-setta-il-libro-di-carmine-gazzanni-e-flavia-piccinni-eviscera-dall-interno-un-oscura-realta-dei-nostri-giorni?fbclid=IwAR3g4CnlHEsBrpKT0NVjgOU3_BK2pqUuU75mTfn6MEziANx5Y6z9Uphcli8#ath

Speciale Tg1 St 2018/19 Credi! – 03/02/2019

Un viaggio nel mondo dell’esoterismo e della spiritualità. E’ il tema che coinvolge anno dopo anno, sempre più italiani: c’è chi decide di vivere in piccole comunità alternative, praticando riti magici e aspettando la reincarnazione, e chi invece agisce nell’ombra, nell’anonimato più assoluto della rete, manipolando le coscienze dei più deboli e mettendo a rischio i loro risparmi se non addirittura la loro salute. Maghi, ciarlatani, presunti guaritori, sensitivi ed esperti del paranormale incassano guadagni inaspettati: fino a 1000 euro per ogni “cliente”. E se a finire nelle loro mani sono ragazzi giovani o giovanissimi, i rischi possono essere ancora maggiori. In un reportage a cura di Rosita Rosa che attraversa l’Italia, dalla Valle d’Itria, in Puglia, fino alla provincia di Varese, raccoglie le testimonianze di chi ha vissuto, o ha pensato di vivere, esperienze mistiche o spirituali, al chiuso della propria stanza o in micro-comunità. Un racconto che si chiude nel Mugello, al Forteto, il caso-scuola di una comunità religiosa che per decenni ha accolto minori di famiglie disagiate e il cui “padre spirituale” è stato condannato, dopo lunghissimi processi, a quasi 15 anni di carcere per violenze e abusi sessuali.

Guarda qui la puntata

 

Convegno sul Cyberbullismo

Posted by Lorita Tinelli on 2 febbraio 2019
Posted in Conferenze e convegni  | Tagged With: , , | No Comments yet, please leave one

 

 

 

 

 

NOTA: “Il seguente articolo è stato pubblicato sul sito EducaSectas. Ed è stato scritto dal Dr. Miguel Perlado, Psicologo, Psicoterapeuta. Uno dei massimi esperti di sette in Spagna. Egli lavora come exit counselor dal 1998 e gestisce il sito EducaSectas.  La sua MAIL: informacion@educasectas.org. Lo ringrazio per avermi dato il permesso di tradurre il suo articolo in Italiano

 

———————

Il 22 marzo 2018, un mese dopo aver pubblicato l’articolo sui corsi “Genio in 21 giorni”, [tradotto in italiano qui. ndt] ho ricevuto una email da un senior trainer di Genio 21, che mi rappresentava la sua sorpresa sostenendo che ciò che era descritto nell’articolo non corrispondeva alla sua esperienza e  aggiungendo che, tuttavia, avrebbe avviato “indagini” al riguardo, al fine di verificare le informazioni, nonché di intervenire “in caso di possibili errori“. Tra l’altro , paradossalmente, questa persona incaricata dei corsi Genio 21 affermava che, solo sei giorni prima di scrivermi quell’e-mail, aveva inviato a tutti i collaboratori, una lettera in cui informava che “[egli] avevo già avviato un processo di revisione organizzativa completa della nostra azienda, affinchè in futuro la relazione tra i nostri clienti e collaboratori sia stabilita su basi diverse“. In altre parole, se da un lato mi diceva che dubitava di ciò che avevo descritto, allo stesso tempo aveva riconosciuto di aver avviato un processo di riforma interna.

Da quel momento, Genius ha commissionato a un giornalista un rapporto sulla validità del marketing del corso,  e ha iniziato a cambiare alcune questioni relative alla retribuzione economica di alcuni collaboratori (fino ad allora inesistenti), ha istituito un “Comitato etico” e persino un “Comitato scientifico“.

Anche se più avanti entreremo più nel dettaglio, mi soffermo su un qualche punto per iniziare: il firmatario del rapporto privato su Genio 21 è un giornalista e anche se viene presentato come un dottore in psicologia, è importante chiarire che non è uno psicologo. Per quanto riguarda il comitato etico e quello scientifico del Genio 21: la verità è che non ho mai conosciuto un comitato etico o scientifico formato esclusivamente da una sola persona. Ora questo è sorprendente. Ma suona bene, sembra che stiamo parlando di un’organizzazione educativa o scientifica e che il firmatario del rapporto sia un dottore. Inoltre, se Genio 21 non ha nulla a che fare con la Psicologia o la Psicoterapia, poiché essi stessi non smettono di ripeterlo, perché quindi nominare uno psicologo con una formazione in psicoterapia per il Comitato Etico?

Infatti, sul loro sito web, e prendendo le espressioni testuali del rapporto completo del giornalista incaricato di sostenere le buone pratiche di Genius 21, riferiscono di essere “vittime di alcune campagne di [...] attacchi di disinformazione e denigrazione reale [...] notizie false [...] di persone convinte che l’apprendimento e il sistema educativo non dovrebbero cambiare“. In particolare, non si capisce a quali attacchi si faccia riferimento, ma è importante non perdere di vista il fatto che stiamo parlando di formatori che non sono né educatori né insegnanti, anche se a volte si riferiscono al fatto che pagano i loro insegnanti; poiché se fossero professori, le proposte dovrebbero modificare quegli aspetti del sistema educativo che non erano adeguati, pertinenti o sufficientemente efficaci.

La narrazione di Genio 21 è quella di continuare a sostenere “di aver subito danni da alcuni gruppi anti-setta, nella loro ossessiva ricerca dello scoop e della persecuzione nel denunciare a tutti i costi fenomeni settari spesso inesistenti, nella premessa che “tutto è setta “. Questo modo di presentare il problema è sorprendente – insisto che questo pezzo deriva letteralmente dalla relazione del suddetto giornalista – e mediante allusioni, capisco che starebbero riferendosi alla mia persona, ciò è doppiamente interessante: primo, perché in più occasioni ho sottolineato che il mio lavoro è pro-persona e non anti-sette, ma soprattutto perché è stato suggerito che io ho descritto Genio 21 come una setta. Forse sarebbe stato importante che il giornalista avesse guardato i tag dell’articolo che ho scritto, dove non solo appariva l’etichetta Genio 21, ma anche la categoria dei corsi di trasformazione in un grande gruppo. Allora parleremo di questo punto.

La  compagnia del Gruppo Trainers | Training and Marketing, che opera anche sotto il nome di Genio 21, si presenta “come un corso di memoria senza precedenti [...] un metodo di apprendimento che tutti dovrebbero conoscere è il corso che trasforma il tuo cervello da una Seat Panda a una Ferrari “. In breve, il corso di Genio 21 è più di un semplice corso di memoria: “è il corso della memoria che cambia la vita delle persone“. È un corso che cerca di trasformare la personalità. E la sua pubblicità, almeno, promette una completa trasformazione della persona che si percepisce mediocre (Seat Panda) per portarla all’eccellenza (Ferrari). Ma a quanto pare questo non ha nulla a che fare né con il campo dell’educazione né con quello della psicologia.

Il rapporto citato afferma che “in nessun caso si può affermare che il corso Genio 21 sia una specie di bacchetta magica che porta ad essere un genio“, anche se la stessa organizzazione sostiene con veemenza che “siamo tutti dei geni, dobbiamo solo allenare il cervello“. Perché da quanto sostengono, “Your Trainers Group è costituito da un team di professionisti qualificati che offrono opportunità reali per sperimentare la crescita personale. Essi si basano su 40 anni di esperienza combinata e di ricerca sul campo, per sviluppare un corso di memoria che garantisce di offrire gli strumenti necessari per essere felici e raggiungere la pace della mente“. Tuttavia, quanto riguarda l’esperienza quarantennale, è una dichiarazione alquanto scioccante, dato che Luca Lorenzoni ha lanciato il progetto Your Trainers Group nel 2008; tra l’altro  hanno anche indicato l’anno scorso che negli ultimi cinque anni si erano presi cura di circa 400.000 bambini. Ovviamente, con un campione così ampio, dovremmo già avere risultati di grande impatto sociale pubblicati dopo la loro pubblicità. E per quanto riguarda l’affermazione sul raggiungimento della pace della mente, è meglio lasciare l’approfondimento ad un’altra volta.

Dalla sua storia, e secondo lo stesso Lorenzoni in vari luoghi, sappiamo che a 19 anni (età in cui ha flirtato con gruppi di frangia politica estrema legati al calcio) ha frequentato un corso sulla memoria trovato attraverso la pubblicità per strada e da allora “la mia vita è cambiata definitivamente“, a partire dalla sua collaborazione con la compagnia che lo ha reclutato in quel percorso di memoria. La sua storia di vita viene proposta come un modello di successo da emulare e i corsi Genio 21 sono ciò che permetterà a tutti i sogni di materializzarsi. Anche se la sua storia ha anche variazioni interessanti, in alcuni posti sostiene di essere venuto a conoscenza di quei corsi a causa dei volantini pubblicitari che qualcuno gli ha dato per strada, mentre in altri luoghi riferisce di un amico che l’ha incoraggiato a frequentare un corso di memoria. Altri collaboratori vicini descrivono anche traiettorie di vita che portano alla scoperta trasformativa di Genio 21.

In ogni caso, il corso frequentato da Lorenzoni è indubbiamente il corso della memoria e del rapido apprendimento della società High Consulting, guidata da Maurizio Possenti. In questo video, Lorenzoni può essere visto aiutare una persona a cadere dal palco, mentre un po ‘più tardi parla dell’esperienza vissuta con la Life Academy e possiamo anche vedere Massimo De Donno tra il pubblico. Dopo aver attraversato la compagnia di crescita personale Life, Lorenzoni lancia il proprio modello di business attraverso Your Trainers Group, la cui operazione è identica a quella vista in Life (vedi ad esempio il seguente video e confronta con quello Life, per vedere se si trovano le differenze con quella dei tuoi allenatori).

Il gruppo di formatori | Genius 21 utilizza una metodologia che va al di là delle tecniche di memoria, anche se copiata interamente dai corsi Life, le cui pratiche attingono da Anthony Robbins e  da altri guru della nuova era della crescita personale. Ma le affermazioni di Genio 21 che non hanno nulla a che fare con la psicologia, che non usano la PNL, che non praticano psicoterapia, che non comportano alcuna pratica psicologica o psicoanalitica o addirittura che hanno con loro uno psicologo, se necessario, “per ricevere assistenza di altissimo livello“. Di nuovo, perché è necessario uno psicologo se questi corsi di memoria e apprendimento non hanno nulla a che fare con la psicologia? Francamente, il loro messaggio – lungi dall’essere chiaro e diafano, come dice il rapporto del giornalista – ha un impatto su aree che senza dubbio vanno oltre le mere risorse mnemoniche. Vedi, ad esempio, la seguente affermazione: “In One puoi lavorare con cura nelle relazioni, chiarire i tuoi obiettivi e i tuoi sogni, imparare a stabilire relazioni profonde, soddisfacenti e basate sull’amore“.

In effetti, nelle sue manifestazioni iniziali di Milano, dove si trova la sede della Scuola di Your Trainers Group, si è parlato di rinomati professionisti come gli psicologi italiani Giorgio Nardone  e Alessandro Bartoletti come “i membri del comitato scientifico per convalidare il corso di Genio 21“. Anche i loro propri istruttori, come si vede nel servizio televisivo del canale svizzero che ha affrontato la questione del Genio, hanno sostenuto che in realtà questi due professionisti di famahanno esaminato il corso e si sono vergognati di non essere in grado loro stessi di essere i certificatori, riconoscendo che le abilità che vengono insegnate in Genio sono molto alte“. Tuttavia, nel programma televisivo è diventato chiaro che tale affermazione non era vera. Nardone ha indicato, in tono tranquillo, di non aver mai partecipato a tale Comitato Scientifico o di aver mai preso parte a questo: “è semplicemente ridicolo“, ha detto. A sua difesa, lo stesso rappresentante del gruppo in Italia ha sostenuto che sono davvero riferimenti per Genio e che applicano solo i loro insegnamenti di apprendimento strategico.

Sorprendentemente, il rapporto del giornalista assunto da Genio categoricamente afferma che “i formatori del corso Genio devono passare attraverso un ciclo di formazione per almeno due anni, necessari per ottenere la certificazione presso l’università, che dichiara la sua qualità di esperto di apprendimento strategico … che è accreditato attraverso l’Università Popolare degli Studi di Milano“. Con questa spiegazione, il consumatore può essere avere l’impressione che stiamo parlando di professionisti che devono essere addestrati attentamente, ottenendo una certificazione universitaria. Niente è più lontano dalla realtà. Per meglio spiegare al lettore: le università popolari, almeno in Italia, sono solitamente associazioni private che occasionalmente possono avere qualche rapporto con le università statali per l’emissione di crediti formativi; ma solo le università statali possono assegnare titoli accademici. Le università popolari sono rivolte principalmente alla popolazione adulta, al gruppo di pensionati. Ma le università popolari, a differenza delle università statali, non possono rilasciare titoli accademici, né i loro certificati hanno alcun valore legale.

Ma c’è anche che la stessa famosa Università degli Studi di Milano è stata denunciata per aver rilasciato falsi titoli acacdemici. E non solo, la stessa Università Popolare di Milano è stata specificamente condannata per falsa pubblicità, essendo conosciuta oggi come “l’Università della pubblicità ingannevole”. Pertanto, questa formazione di due anni dei formatori di Genio 21 è più che dubbia, se viene presa come argomento che è inquadrato all’interno dell’Università Popolare di Milano.

Significativamente, quando il rapporto è stato trasmesso dalla televisione svizzera su Genius 21 lo scorso maggio 2018, proprio in quel momento è stato creato il Comitato scientifico del Genio 21, composto da una sola persona, uno psichiatra italiano. Di nuovo, se Genius 21 non ha nulla a che fare con la psicologia, perché includere uno psichiatra in un comitato scientifico (unipersonale)? Questo modo di lavorare è esattamente lo stesso che hanno applicato in Spagna, dove a seguito della mia pubblicazione su Genio è stato costituito un cosiddetto Comitato Scientifico e successivamente un Comitato Etico costituito da una sola persona (contemporaneamente anche un AMPA di Genius 21, che implica di nuovo che siamo in un campo educativo!).

L’azienda non smette mai di ripetere che il campo per cui lavorano è quello dell’apprendimento strategico. Ma è vero che le difficoltà di apprendimento hanno a che fare con un’area di intervento pedagogico e psicologico. E i contributi dell’apprendimento strategico di Nardone e Bartoletti sono direttamente inquadrati nel campo degli interventi professionali nel campo della psicologia. L’emergere di formatori non professionisti non è altro che l’interferenza in un campo in cui non sono qualificati. Per una maggiore abbondanza, il gruppo promuove che il metodo Genio può essere efficace anche per lavorare con la dislessia, che è senza dubbio un chiaro esempio di abuso professionale. Infatti, se visitiamo il sito web della promotrice, realizzeremo che il suo indirizzo di contatto è lo stesso di Genio a Barcellona.

La verità è che nel rapporto di cui sopra ci sono così tante genericità, che sarebbe infinito elencarle tutte. Ad esempio, per quanto riguarda la quinta conclusione, non esiste una base più ampia per la presunta orizzontalità dell’organizzazione, tenendo conto che stiamo parlando di una società registrata con meno di dieci lavoratori a cui senza dubbio il mantenimento di tali salari minimi non dovrebbe costituire un problema con il proprio fatturato annuale (se diamo credito a migliaia di studenti all’anno). Colpisce il fatto che l’autore del rapporto abbia affrontato la questione su diversi punti in termini che sarebbero senza dubbio degni di un’agenzia. Ma al di là di questi dati aneddotici, colpisce anche che tra il repertorio di strategie per raggiungere potenziali clienti alle presentazioni del corso, lo stesso giornalista non si riferisce in nessun momento all’accesso insistente nelle strade, più che evidente a Barcellona nella zona di Plaza Cataluña, come in altre province della Spagna. O anche, secondo la dinamica dei corsi di vendita, la tesi del giornalista che scrive il rapporto è che questa strategia “viene utilizzata in tutte le istituzioni educative“, ponendo lo stesso Genio 21 allo stesso livero di corsi post-laurea e master, seminari, simposi, congressi, ecc. Quando uno dei problemi è che Genio 21 non è un istituto di insegnamento, né è nemmeno collegato a un modello universitario come abbiamo visto.

Non conosciamo la metodologia di elaborazione del rapporto menzionato (a quanto pare, il suo autore ha ascoltato molte ore di registrazione); sorprendentemente, la sua versione completa è stata ritirata il giorno in cui è apparsa sulla stampa, lasciando solo le conclusioni nello spazio web dell’organizzazione. E sebbene io ne abbia richiesto direttamente una copia nella sua interezza, l’unica risposta ottenuta è che in ogni caso è l’organizzazione che dovrebbe fornirla. Questa è la trasparenza. In ogni caso, nelle conclusioni trovate sul loro sito web, ci sono alcuni elementi da salvare. Ad esempio, prima dell’inizio del corso, “il cliente deve completare il test Amos“, essendo questa una novità dal momento che fino ad ora non era richiesto un tale prerequisito. Ma, ancora una volta, stiamo parlando di una batteria psicologico-educativa che dovrebbe essere somministrata da professionisti nel campo dell’educazione o della psicologia, ma che è promossa da non professionisti in questi campi.

Il rapporto non cessa mai di ripetere che in nessun momento “si può presumere l’ignoranza o l’inganno di qualsiasi tipo“. Anche se fino ad ora, abbiamo visto una serie di irregolarità, come la pubblicità ingannevole, la mancanza di preparazione professionale per un compito che si propone cambiare la personalità dei partecipanti e le potenzialità, con invadenza in una zona educativo e / o psicologica.

Anche in questo caso, si sottolinea che “è altamente improbabile che un potenziale cliente del corso Genio venga portato ad acquistare ed effettuare servizi senza aver capito“, affermazione che si scontra con la natura poco chiara della stessa organizzazione e con lo scopo delle loro pratiche specifiche all’interno dei loro workshop.

Ma lo stesso rapporto – da cui non era assolutamente necessario rimuovere il mio nome incrociandolo in grassetto – si riferisce all’articolo che ho scritto in termini di “report”. Chiarisco che non ho scritto alcun rapporto. Ma in ogni caso, il mio articolo è descritto come “superficiale, prevenuto, con presunzioni e fabulazioni e in una prospettiva di settarismo globale“. Il giornalista si riferisce a me come un movimento anti-setta, per aver lavorato in passato in un’entità professionale che presumibilmente mi ha modellato in quel discorso. In ogni caso, possiamo dire che sono affermazioni personali gratuite, il risultato di un’assoluta ignoranza della mia carriera professionale. Contrariamente a quanto affermato da questo giornalista, l’articolo si basa proprio sulla mia pratica clinica professionale; cioè, si basa su informazioni tecniche basate su fatti.

Il rapporto [di nuovo, chiarisco che non ho scritto alcun rapporto] scritto dallo psicologo [...] cerca di associare un elemento specifico ai circoli confessionali“. Affermazione certamente di una lettura inesatta e parziale del mio articolo, ma più interessante è sempre lo stesso firmatario che indica che “ogni partecipante a una presentazione del corso sa di essere in una sessione di vendite“. Allora: si riconosce che non solo non si parla di un corso di memoria, nemmeno di un corso accelerato di apprendimento, o anche di un percorso di crescita personale, ma di un vero e proprio corso di vendita. Pertanto, da quella presentazione apparentemente chiara e corretta dell’organizzazione (inizialmente, i corsi di memoria per un migliore apprendimento) abbiamo già iniziato a parlare di corsi di crescita personale e corsi di vendita. Almeno, ora il consumatore avrà già più chiaro la natura della compagnia dei corsi di memoria.

Ancora più incredibile è l’affermazione rispetto alla quale “non sono una religione ma un’attività commerciale“. Ma chi ha detto che stiamo parlando di una religione? Anche se sono descritto come “incongruente” in questo senso, non riesco a trovare da nessuna parte che io abbia sostenuto che stiamo parlando di una religione. Più sorprendente ancora sono le disquisizioni circa la mia incapacità di discriminare nella storia delle popolazioni colpite, cui non è nemmeno necessario rispondere, mentre mi viene attribuita “una specifica militanza” (anti-sette, si intende). Porto l’attenzione allo status di categoria, che è “comportamento irresponsabile … uno degli abusi classici commessi dal movimento anti-settario globale“. Commenti superficiali. Apparentemente, un giornalista ha più elementi per una corretta diagnosi differenziale in ambito clinico. La mia formazione deve essere insufficiente o dev’essere stata formata da enti professionali che il giornalista descrive come anti-sette. E faccio anche parte di un movimento anti-setta mondiale!

E’ dalla conclusione 33 che il firmatario della relazione di cui sopra prende tutta la sua analisi al campo della “culti distruttivi“, concludendo che “nell’entità del marketing [...] del corso Genius in Spagna non sono rilevabili alcuno degli aspetti comportamentali tipici dei tipici processi manipolativi delle dinamiche settarie distruttive [...]  che solo dall’ignoranza o dalla malafede può essere attribuito a questa entità l’etichetta di setta“. Questo è un punto interessante, perché è quello che afferma il giornalista stesso. Come sapete anche con le famiglie con cui ho lavorato, in nessun momento ho indicato che Genio 21  sia un culto distruttivo, ma ho messo in chiaro che le loro pratiche sono più vicine al polo del settarismo che ad una pratica trasparente. In realtà, le pratiche di questa azienda si muovono in una zona intermedia, una zona caratteristica della gruppi dal potenziale umano, certamente descrittivo,  un fenomeno che interseca certamente sette ma anche altri tipi di eventi di crescita personale, workshop, new age e corsi di vendita motivazionali.

In un altro luogo ho già parlato di questi grandi seminari di trasformazione di gruppo, nonché dei rischi inerenti per alcuni potenziali clienti. In quell’occasione è stato un gruppo con sede a Siviglia a promuovere presunti seminari di coaching – un termine che appare sorprendentemente anche nella relazione del giornalista – sebbene le sue dinamiche operative siano più vicine al polo delle operazioni settarie piuttosto che a quello di una società che offre servizi di coaching professionale. In tale occasione, la società ha intentato una causa per presunte diffamazioni, un reclamo legale che ha perso e in cui, inoltre, nella sentenza finale la pressione emotiva esercitata sui partecipanti era evidente, così come la possibilità di risposte iatrogene tra alcuni dei corsisti.

Questo tipo di workshop di trasformazione personale  forma una modalità operativa che negli ultimi anni ha iniziato a diffondersi nel nostro paese e davanti alla quale è conveniente che il consumatore sia informato della natura autentica di tali corsi, così come i criteri di indicazione o controindicazione per la partecipazione. In pratica, tutti questi workshop sono offerti da persone che possono utilizzare tecniche psicologiche, senza un’adeguata preparazione professionale, con l’idea che il corso è valido per tutti allo stesso modo, senza filtri adeguati, elementi di mescolanza di crescita personale con discorsi motivazionali, in atmosfere carichi di emotività, che cercano la trasformazione personale per la vendita, con una messa in scena dove ci sono importanti elementi di marketing e dove la bontà del sistema è sempre giustificata sulla base di numerose testimonianze positive.

Fonte: https://educasectas.org/curso-genius-2/

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

 

 

 

 

Creative Commons License Un giocatore non sorride mai is licensed by Lorita Tinelli under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 3.0 United States License.